Interviste/ Il dossier scuola di ILS

Un progetto portato avanti da volontari per la promozione dell'informatica nelle scuole. Con un occhio di riguardo al software libero: perché imparare significa anche imparare a conoscere i propri strumenti

Roma - Il software libero è lo strumento vincente per il miglioramento dell'educazione dei giovani nonché un mezzo potente nelle mani dei docenti. Nell'ambito dei cambiamenti che sono in atto nella scuola, il dott. Luca Ferroni, coordinatore del Dossier Scuola, ci parla del progetto che sta portando avanti, promosso da Italian Linux Society, e che coinvolge ampia parte della comunità degli appassionati di software libero italiani.

Punto Informatico: Descriverebbe per noi il dossier scuola per quello che rappresenta o dovrebbe rappresentare?
Luca Ferroni: Il dossier scuola è una raccolta di buone pratiche per l'utilizzo di software libero nella scuola italiana che raccoglie progetti già avviati nelle scuole, motivazioni sul perché la scuola dovrebbe usare software libero e suggerisce il cambiamento. Il nodo centrale è che molti l'hanno fatto e ne hanno tratto vantaggi e benefici. È rivolto a dirigenti, docenti e studenti per promuovere software libero nelle scuole perché il software libero ha a cuore l'educazione e la libertà dei giovani.

PI: Quale è stata la molla che è scattata e ha dato vita a questo progetto?
LF: La molla è stata all'assemblea di Italian Linux Society dove Luca Menini (di ILS) ha proposto di realizzare un documento che raccogliesse le buone pratiche di utilizzo di software nella scuola e io mi sono preso carico di attivare questo progetto per coordinarne la realizzazione. Per dare visibilità ed efficacia al progetto, il Linux day è stato incentrato sulla scuola: a tale scopo lo slogan è stato "investiamo in oro grigio".
PI: Come si è formato il gruppo che si occupa di questo progetto?
LF: Dopo il lancio dell'idea io mi sono proposto come coordinatore del progetto, con lo scopo di coinvolgere i gruppi che si interessavano già di queste iniziative a partire dal PDP (Free Software User Group di Fabriano), per avere ciò che io definisco uno "scoglio": cioè una comunità ristretta da prendere come punto di riferimento.

PI: Quale è stato il passo successivo?
LF: Prendere contatti con chi già da anni si occupava di didattica aperta e di software libero nella scuola. Successivamente ci siamo iscritti alla lista della scuola ospitata da ILS, con l'impegno di aggiornarla costantemente sugli sviluppi del progetto e con la speranza che ci fossero interessati a darci una mano sui contenuti. A fine gennaio col PDP siamo andati ad una conferenza di Richard Stallman organizzata dall'Università di Bologna, da cui abbiamo praticamente trascritto l'intero paragrafo "Perché la scuola dovrebbe utilizzare Software Libero" della sezione 1. Poi abbiamo partecipato al convegno Didattica Aperta dello scorso anno a Verona, dove siamo entrati in contatto con progetti giovani e innovativi come Netlive e Wiild e parallelamente abbiamo preso contatto con progetti storici come FUSS del Sudtirolo e SoDiLinux dell'Istituto Tecnologie per la Didattica.

PI: Ci sono altri interlocutori che hanno contribuito?
LF: I contatti sono stati numerosi anche con altri gruppi giovani e meno giovani come ad esempio l'Associazione per il Software Libero (AsSoLi), ed alcuni esponenti della Free Software Foundation. Non possiamo tacere che i contenuti di questo documento, soprattutto nella parte delle motivazioni sono derivate da quanto ha fatto il progetto GNU negli ultimi 28 anni. In seguito abbiamo preparato le schede per inserire le esperienze di coloro che avevano sperimentato questi progetti per dare una linea guida a chi avesse voluto iniziare ad inserirli nel dossier. L'obiettivo infatti era valorizzare l'esistente in vista del futuro.

PI: Ci sono docenti nel gruppo che ha dato vita a questo progetto?
LF: Al momento, fra noi quattro autori c'è solo un docente di informatica, io ho qualche esperienza di insegnamento sia pur non nella scuola pubblica. Tuttavia abbiamo avuto circa 50 contributori che per la maggior parte sono docenti.
Notizie collegate
  • AttualitàLineamica.gov, tutta la PA di BrunettaAltro passo per l'e-government secondo il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione. Al via il sito che tramite chat, Skype, FAQ e servizi da motore di ricerca vuole spiegare e rendere trasparente la PA al cittadino
  • AttualitàGioventù ribelle, precisazioni dallo IEDLa scuola degli studenti coinvolti nel progetto subissato di polemiche minimizza anche il ruolo dei tesisti. Ma chi l'ha programmato insomma 'sto gioco?
  • AttualitàiTunes U, la didattica secondo AppleDebutto italiano, un po' in sordina, per il servizio dedicato all'istruzione inserito nel recinto iTunes. Apple invita università e docenti, scuole e dirigenti a farsi sotto: la Mela farà da aggregatore di contenuti e pubblico
5 Commenti alla Notizia Interviste/ Il dossier scuola di ILS
Ordina
  • "il raggiungimento degli obiettivi etici ed educativi sono garantiti solamente dall'approccio al software libero"
    caspita se non usiamo sw libero non raggiungiamo gli obbiettivi etici ed educativi!!! meno male che nella riga dopo dicono che è importante la libera scelta (intesa come libertà di dargli esclusivamente ragione) mi mancava una nuova religione totalitaria!!!

    Ho visto decine di scuole impiccate per colpa di server Linux installati dal maniaco di turno o dall'azienda che se ne vuole approfittare che obbligano la scuola ad affidarsi ciecamente ad avidi Geek per la gestione e manutenzione del "server linux".
    A tutte quelle scuole ho sempre consigliato di buttare via tutto e di comperarsi un NAS bello e pronto per l'uso. Così si liberano del server ingestibile e del tecnico in un colpo solo Occhiolino

    Non è un problema il software libero ma sono i matti che lo propongono in giro a limitarne la diffusione...anche nelle scuole!
    non+autenticato
  • Troll dilettante, riprova
    non+autenticato
  • Nella pratica purtroppo hai ragione, in teoria no. Il problema io credo, sta nella mancanza di formazione professionale dei docenti di sw libero. Se la formazione non è indirizzata anche la didattica seguirà lo stesso percorso sformativo. Liberta è definizione condivisa di regole non la loro assenza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lillo pollo
    > Nella pratica purtroppo hai ragione, in teoria
    > no.

    anche in teoria ha ragione, il software è uno strumento non una religione. In certi campi il software libero può essere la soluzione migliore, ad esempio informatica o basi di office automation, in altri, ad esempio ragioneria o geometri, è meglio formarsi sui software più diffusi nel settore cui ci si sta preparando per il lavoro.

    > Il problema io credo, sta nella mancanza di
    > formazione professionale dei docenti di sw
    > libero.

    Docenti di "software libero" ???
  • > in altri, ad esempio ragioneria o
    > geometri, è meglio formarsi sui software più
    > diffusi nel settore cui ci si sta preparando per
    > il
    > lavoro.

    in tutti i campi è meglio formarsi sulla materia e astrarre il software. Libero o proprietario che sia
    non+autenticato