Dinox PC

PI Hardware/ SSD, quando il garbage collector è integrato

Se file system e OS non sono al passo, un controller hardware può risolvere qualunque problema con le tecnologie di ultima generazione. In prova: Kingston SSDNow V100+ 128GB

L'acquisto di un moderno PC desktop o notebook di fascia medio - alta richiede in genere l'abbinamento ad un'unità allo stato solido (SSD) per evitare che veloci componenti di sistema possano essere strozzati da un non entusiasmante disco tradizionale. È ormai dato di fatto che prodotti di questo tipo sono capaci di cambiare totalmente l'esperienza d'uso di qualsiasi macchina: i tempi di accesso delle unità SSD, e con i modelli di ultima generazione anche le velocità di lettura e scrittura, sono decisamente migliori di quanto offerto da prodotti tradizionali ed i costi d'acquisto, un tempo proibitivi, hanno subito decurtazioni per andare incontro alle tasche dell'utenza.

Gli unici nei riguardano la sensazione di poca affidabilità legata al limitato numero di cicli di lettura e scrittura che inizialmente affliggeva queste unità, prezzi ancora molto elevati abbinati a capacità relativamente contenute tanto che generalmente gli SSD si usano in tandem con un secondo disco tradizionale sul quale si tengono i dati lasciando sul disco principale sistema operativo, giochi e programmi;  sono altresì affetti da decadimento prestazionale a seguito del normale impiego se il supporto alla tecnologia TRIM è assente che, ricordiamo, oltre ad essere implementata  nell'unità, deve essere pilotata da sistema operativo (solo Windows 7 al momento dispone di supporto nativo alla tecnologia TRIM ed in parte Linux).

Kingston pone rimedio a questo secondo problema con la sua linea di dischi SSDNow V+ 100 che, specificamente progettata per l'utilizzo in ambiti aziendali (ove è facile trovare ancora macchine con Windows XP), permette di mantenere inalterate le prestazioni del disco nel tempo grazie ad una tecnologia di Garbage Collection, che fa manutenzione delle celle di memoria parzialmente utilizzate tramite algoritmo di pulizia piuttosto aggressivo, rendendo non necessario l'aggiornamento a sistemi operativi di nuova generazione e permettendo di estendere il ciclo di vita di quelli pre-installati.

Il disco Kingston SSDNow V+ 100

Il disco è disponibile in kit tradizionale con confezione in cartone e manuale di istruzioni, od in kit di aggiornamento con relativo software per il trasferimento dati da unità pre-esistenti e cavi di connessione; è disponibile in tagli da 64, 96, 128, 256 e 512 gigabytes ed ha costi che oscillano tra i 157,00 Euro ed i 1.242,00 Euro (prezzi individuati nello shop on-line del produttore). Il modello in prova è quello da 128 gigabytes, con tre anni di garanzia ed un costo pari a 266,00 Euro.
Notizie collegate
  • TecnologiaSSD, la terza generazione IntelSanta Clara presenta nuove unità a stato solido, basate su flash NAND a 25 nm. Prezzi diminuiti e prestazioni raddoppiate, per consumatori mainstream e data center
  • TecnologiaSeagate, SSD aziendaliIl costruttore presenta Pulsar.2 e Pulsar XT.2, due nuove soluzioni per il settore delle memorie a stato solido dedicate alle esigenze enteprise. Due milioni di ore di funzionamento dichiarate
  • TecnologiaIntel e OCZ, sempre più flashI due produttori hardware vogliono mandare definitivamente in pensione i dischi magnetici, con le nuove memorie SSD da 6 Gigabit al secondo
62 Commenti alla Notizia PI Hardware/ SSD, quando il garbage collector è integrato
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)