Raffaella Gargiulo

Facebook vuole sicurezza

Family Safety Center, Social Reporting Tools, HTTPS e doppio fattore di identificazione: sono le novità che riguardano la sicurezza per rendere il sito in blu un luogo più sicuro

Roma - Facebook ha voluto rassicurare, ancora una volta, la propria comunità riguardo alle questioni legate alla privacy e alla sicurezza, con particolare riguardo ai bambini, annunciando il miglioramento di alcuni strumenti di sicurezza, alcuni già utilizzati, dagli utenti.

"Dare ai bambini gli strumenti per affrontare questi pericoli è stato dimostrato essere necessario ed efficace" ha dichiarato Briony Walker dalla Fondazione Nazionale della salute mentale dei giovani. "Qualsiasi strumento che incoraggia i giovani a cercare aiuto è sicuramente un passo importante e giusto".

A seguito delle promesse fatte il mese scorso nel corso di una conferenza anti-bullismo alla Casa Bianca, il sito in blu nella sua campagna di contrasto ha lanciato una nuova versione del suo centro di sicurezza. Rinnovato più volte, il Facebook Safety Center, che al suo interno contiene consigli per un utilizzo migliore del sito, è stato fortificato modificando le opzioni di sicurezza e di accesso. Il Family Safety Center è invece un punto di riferimento per le informazioni che genitori e ragazzi dovrebbero ben conoscere per mettere in pratica una navigazione sicura. Il sito fornirà ora informazioni sotto forma di articoli e video per aiutare a comprendere le delicate questioni attinenti alla sicurezza online e alla privacy. Il nuovo strumento rispetto alla prima versione mette a disposizione più informazioni e permette di organizzarle in modo più ordinato, in maniera tale che l'informazione che si cerca sia facilmente rintracciabile. Nelle prossime settimane, Facebook pubblicherà anche una guida scaricabile per i docenti, scritto da alcuni esperti di sicurezza tra i quali Linda Phillips Fogg, BJ Fogg e Derek Baird.
Una seconda importante novità di sicurezza è di certo il nuovo strumento social reporting tool, lanciato qualche settimana fa. Simile al meccanismo di segnalazione di abuso, tale strumento consente agli utenti di segnalare qualunque contenuto che possa urtare la sensibilità o che possa causare danno, oppure possono entrare in contatto con amici, familiari o altre persone di fiducia per aiutare a risolvere il problema in questione. Tale strumento, inizialmente attivato per le foto e i post in bacheca, è stato ampliato ed è stato portato su ogni pagina del network: profili, gruppi e pagine.

Infine terza importante novità è il rilancio della connessione sicura HTTPS con la quale è possibile connettersi a Facebook in maniera più sicura soprattutto quando si utilizza una rete pubblica e si vogliono proteggere i propri dati personali e di navigazione. Inoltre, già introdotto da qualche settimana, lo strumento del doppio fattore di autenticazione per aiutare a prevenire l'accesso non autorizzato richiedendo agli utenti di inserire un codice ogni qual volta tentano di accedere al proprio account di Facebook da un nuovo dispositivo. Gli utenti di Facebook possono ora selezionare sulla propria pagina di sicurezza tale impostazione, che invierà una mail o un messaggio di testo quanto un nuovo computer o dispositivo mobile accede al loro account.

Raffaella Gargiulo
Notizie collegate
  • SicurezzaFacebook, i tre passi della sicurezzaLettera aperta da parte degli esperti di Sophos agli alti vertici del sito in blu. Che dovrebbero impegnarsi di più per la sicurezza di milioni di utenti. Estendendo le connessioni sicure in HTTPS e rivedendo le applicazioni in entrata
  • AttualitàUK, un bottone in blu per i minoriTrovato l'accordo tra i vertici di Facebook e le autorità del Regno Unito. Tutti gli iscritti tra i 13 e i 18 anni potranno usufruire di un'applicazione piazzata in homepage. Contro molestie e adescamento online
  • AttualitàFacebook, il centro di sicurezzaAnnunciato un nuovo portale contenente consigli utili per genitori, ragazzi, insegnanti e forze dell'ordine. Ma non c'è traccia del pulsante anti-panico. Mentre si pensa ad una linea diretta con la polizia britannica
2 Commenti alla Notizia Facebook vuole sicurezza
Ordina