Claudio Tamburrino

Confalonieri: Internet o della concorrenza sleale

Internet mancherebbe di regole e controlli, la TV sarebbe marcata troppo stretta. Parla di un'asimmetria dannosa a discapito della TV da riequilibrare a partire dall'asta per gli 800 Mhz

Roma - Il Presidente Mediaset Fedele Confalonieri parla di "asimmetria dannosa" e "totale assenza di regolamentazione". E l'oggetto della sua recriminazione è Internet.

In Internet, dice Confalonieri, "regna la totale assenza di regole e di controlli" mentre nel mercato televisivo "vi è una pesante ingerenza degli organi di regolamentazione".

Questo, spiega il vertice di Mediaset tornando su un argomento caro alla sua azienda come dimostrano una serie di cause intentate nei confronti di colossi della rete, genererebbe "un'asimmetria molto dannosa" che rischia di compromettere seriamente tutto quello che ha a che fare con la "creazione intellettuale, i contenuti originali e il copyright".
Fedele Confalonieri parlava ad una platea amica come l'assemblea degli azionisti e intendeva mettere alla berlina gli ostacoli incontrati sulla strada dell'azienda e dispiegare la strategia da adottare nel prossimo futuro: "Difendere gli investimenti contro ogni utilizzo parassitario e ogni pirateria. Non vogliamo privare il mondo degli internauti dei contenuti più preziosi e apprezzati. Vogliamo invece fare in modo che questi contenuti continuino a essere pensati, finanziati, distribuiti dentro a una logica economica, l'unica che garantisce la loro generazione".

Internet, insomma, attenterebbe alla televisione. E lo farebbe nel solito modo: ospitando pirati, materiali rubati e limitandosi a depredare contenuti altrui. Fattori che secondo Confalonieri minaccerebbero "il modello di business basato sul pilastro dell'esclusiva e della remunerazione dei diritti" la cui sopravvivenza sarebbe necessaria per evitare "la progressivo e inesorabile desertificazione dello show business, della creatività, della produzione di contenuti di qualità".

L'oste, insomma, dice che il suo è vino buono e che gli viene rubato da sotto il naso. Eppure, dopo la vittoria giudiziaria ottenuta in Italia nei confronti di Google per i video del Grande Fratello caricati sul Tubo, l'ultima causa depositata da una sua controllata, Telecinco, ha visto i giudici spagnoli dare ragione a YouTube, considerato un mero intermediario, ritenuto non responsabile del comportamento dei suoi utenti.
La battaglia nei confronti di Google, d'altronde, continua e Confalonieri afferma che sono "alleati con altri editori, in Italia e all'estero" e che serve a "difendere gli investimenti contro ogni utilizzo parassitario e ogni pirateria".

Inoltre la tendenza che sembra delinearsi con le nuove forme di TV e vari servizi che vanno in onda durante i telegiornali è quella di attingere a piene mani dalla Rete e anzi la TV sembra voler vendicare l'incetta da parte della Rete dei contenuti televisivi con un movimento uguale e contrario: basti pensare al caso portato alla luce dalla trasmissione Report dedicata a Internet e che metteva nel calderone anche un episodio di un video caricato su YouTube da una donna per poi finire in onda sui canali Mediaset in spregio di qualsiasi licenza d'uso.

Per il Presidente di Mediaset sono ben chiari anche gli obiettivi di brevissimo periodo, con particolare attenzione all'asta della banda da 800 Mhz, e per cui l'Europa ha prescritto l'assegnazione agli operatori di telefonia mobile: afferma esserci "un'incomprensibile politica di favore verso il mondo delle telecomunicazioni e a scapito del mondo di noi televisivi". Anche se, dimentica forse di dire, il beauty contest deciso dall'Italia e che aspetta il via libera di Bruxelles prevede già l'assegnazione gratuita di sei multiplex per la tivù digitale a Rai, Mediaset, Sky e Telecom.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • Digital LifeReport, ovvero la voglia di stupiredi L. Annunziata - Peccato che, nell'ansia di fare lo scoop, la trasmissione di Rai3 incappi nel più classico degli errori. Ovvero fare sensazionalismo su argomenti che avrebbero bisogno di maggiore attenzione da parte del pubblico
  • BusinessMediaset Premium anche sul WebStreaming su PC e TV per rispondere all'alleanza Sky-Fastweb e ampliare l'offerta on demand. La piattaforma del biscione ha scelto la sua strada in Rete
145 Commenti alla Notizia Confalonieri: Internet o della concorrenza sleale
Ordina
  • Chiunque posti video del grande fratello andrebbe punito a prescindere, che sia "proprietario dei diritti" o meno, per attentato all'intelligenza umana :troll:
    non+autenticato
  • Se parlate di Confalonieri, state parlando dello stesso tipo di cervello dell'allora Ted Stevens che disse che internet è una "serie di tubi".
    Non c'è da sorprendersi, e va solo compatito, già per il singolo fatto di aver messo internet sullo stesso piano della televisione.
    Come mettere sullo stesso piano un sacco di patate e un piatto di bucatini all'amatriciana (non c'entra niente, ma è l'odore che mi sta arrivando dalla finestra della dirimpettaia... e a quest'ora sai com'è...)
  • Sia il televisore che il computer possiedono una semplice funzione si tratta dell'interruttore. Se a qualcuno interessano o non interessano questi "elettrodomenstici" consiglierei di usare rispettivamente le seguenti funzioni: on - off.
    non+autenticato
  • > Sia il televisore che il computer possiedono una
    > semplice funzione si tratta dell'interruttore. Se
    > a qualcuno interessano o non interessano questi
    > "elettrodomenstici" consiglierei di usare
    > rispettivamente le seguenti funzioni: on - off.

    Per il televisore è consigliato un colpo di mazza in mezzo allo schermo...
    non+autenticato
  • Da vecchi è composto il potere, da vecchi il governo.
    Un paese di innovatori geniali gestiti da vecchi rincoglioniti che non sanno trovare soluzioni ai problemi, nonostanta abbiano molto più di quello che è minimamente necessario per applicare soluzioni innovative.
    E poi ci chiediamo come mai le "migliori menti" vadano all'estero.
    non+autenticato
  • Le migliori menti vanno all'estero perché i nostri imprenditori si sono illusi di poter fronteggiare la globalizzazione non con idee ed innovazioni modernizzanti, bensì attraverso l'assunzione di manovalanza immigrata a basso costo e la delocalizzazione in aree depresse del mondo, scelte che, se non cambieremo rotta, ci condurranno al declino socio-economico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: silvan
    > Le migliori menti vanno all'estero perché i
    > nostri imprenditori si sono illusi di poter
    > fronteggiare la globalizzazione non con idee ed
    > innovazioni modernizzanti, bensì attraverso
    > l'assunzione di manovalanza immigrata a basso
    > costo e la delocalizzazione in aree depresse del
    > mondo, scelte che, se non cambieremo rotta, ci
    > condurranno al declino
    > socio-economico.

    Ci siamo gia'.
    In declino intendo. Negli anni '60 abbiamo fatto un bello zompo, i nostri "padri" ci hanno campato di rendita, noi ci stiamo strettini, i nostri figli non vogliono più uscire di casa fino ai 40 anni e se negli anni 60 bastavano 5-6 anni di stipendio per comprare un bell'appartamento, adesso ne occorrono quasi 20 (1500 euro mensili netti, pari ad un equivalente potere d'acquisto nel periodo in esame) per avere 70mq in periferia (dati: Roma e dintorni).

    Buona giornata.
    GTFS
    non+autenticato
  • Confalonieri vuole una sola regola.
    Si chiama CENSURA TOTALITARIA, ed è quello che manca acora a questa dittatura in atto.
    Sspete vero che sta saltando il referendum sull'acqua ??
    Al tG5/4/TG1/sudio aperto lo avete sentito ???
    E' mai stato detto qualcosa sui referendum (come ai tempi dell'aborto) con dibattiti politici e culturali, comunicati sui quesiti e su come votare (tecnicamente), ecc.
    SILENZIO TOTALE ...... se ne parla solo sul web.
    Che appunto va controllato cona la CENSURA.
    SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 35 discussioni)