Alfonso Maruccia

Google, colpevole per aver usato Linux

Una giuria texana condanna Mountain View per infrazione di brevetto. La colpa? Aver utilizzato diverse versioni di Linux sui server di back-end. Google commenta: č come una strada con pedaggio

Roma - Una giuria texana ha condannato Google per infrazione di brevetto e ha sentenziato l'obbligo di corrispondere 5 milioni di dollari a Bedrock Computer Technologies, società (anch'essa texana) che nel 2006 ha trascinato in tribunale non solo Google ma anche Yahoo!, Amazon, PayPal, AOL e altri grandi gruppi telematici.

Il brevetto contestato da Bedrock CT descrive "un metodo e un apparato per eseguire operazioni di storage e recupero (...) che utilizza la tecnica di hashing assieme al metodo di chaining esterno per la risoluzione dei conflitti". Google avrebbe in particolare abusato della proprietà intellettuale della società texana utilizzando diverse versioni del kernel del Pinguino su una stessa macchina.

La giuria ha deciso che Mountain View è colpevole di violazione di brevetto perché la società non è stata in grado di provare il contrario, la stessa formula legale che Google mette in discussione assieme a Microsoft nella contesa sulla tecnologia Custom XML attualmente in discussione presso la Corte Suprema degli Stati Uniti.
Interpellata sul risultato della vicenda legale texana, Google non la manda a dire e promette di "continuare a difendersi da attacchi del genere portati contro la community dell'open source". "La recente esplosione nelle cause legali sulle infrazioni di brevetto sta trasformando la superstrada dell'informazione in una strada con pedaggio - continua Google - obbligando le aziende a spendere milioni e milioni di dollari in difesa di vecchi, discutibili brevetti e sprecando risorse che sarebbero meglio spese investendo in nuove tecnologie per gli utenti e nella creazione di posti di lavoro".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
44 Commenti alla Notizia Google, colpevole per aver usato Linux
Ordina
  • Effettivamente leggendo l'articolo non si capisce molto, sembra quasi un testo inglese tradotto automaticamente...

    In pratica:
    c'è un algoritmo coperto da brevetto dentro il kernel di linux
    google ha usato diverse versioni del kernel di linux nei suoi server
    tutte queste versioni del kernel di linux contenevano detto algoritmo
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 26 aprile 2011 16.02
    -----------------------------------------------------------
    .poz
    201
  • Quindi l'intera questione si riduce alla solita cazzata dei patent troll. Tanto ci voleva a scrivere un articolo comprensibile?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 27 aprile 2011 21.40
    -----------------------------------------------------------
  • Nell'articolo non c'è scritto, ma l'accusa verso google è che ha reso closed varie versioni del kernet linuc per i propri scopi, cosa che non si può fare. Il kernel ha licenza opensource.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > Nell'articolo non c'è scritto, ma l'accusa verso
    > google è che ha reso closed varie versioni del
    > kernet linuc per i propri scopi, cosa che non si
    > può fare. Il kernel ha licenza
    > opensource.

    no, guarda, l'articolo dice
    "Il brevetto contestato da Bedrock CT descrive "un metodo e un apparato per eseguire operazioni di storage e recupero (...) che utilizza la tecnica di hashing assieme al metodo di chaining esterno per la risoluzione dei conflitti"."

    cioè brevetto di un privato senza capo ne coda che non c'entra nulla con la licenza del kernel

    quello di cui parli tu dev'essere qualcos'altro, anzi se hai dei link meglio
  • - Scritto da: anonimo
    > Nell'articolo non c'è scritto, ma l'accusa verso
    > google è che ha reso closed varie versioni del
    > kernet linuc per i propri scopi, cosa che non si
    > può fare. Il kernel ha licenza
    > opensource.

    Prego fornire fonti per simili affermazioni. L'accusa è quella di aver utilizzato kernel linux contenenti parti "coperte da brevetto" senza pagare... stessa accusa mossa ad altri big.

    http://www.bbc.co.uk/news/technology-13168296
    non+autenticato
  • Deposito un brevetto per "trasporto della supercazzola in formato digitale, con controllo MD5 algoritmo vicesindaco e risposta elettronica prematurata dalla trinatura della confraternita".

    Adesso Google dimostrami che non l'hai violato !

    ...
    Ma come ragionano in USA ???????
    ...
    Bah...
  • Però Google lo utilizza come se fosse antani, quindi può dimostrare la prior art con un scappellamento a sinistra, magari trovando un donatore di buco di culo.
  • Come al solito, quando una azienda viene attaccata, si aggrappa sempre al solito discorso: i posti di lavoro.
    Ma quali posti di lavoro?
    Non esiste ancora un assistenza tecnica per nessuno dei prodotti di Google.
    Al massimo ti puoi lamentare in un forum.
    Sarebbero questi i nuovi posti di lavoro?
    non+autenticato
  • > Non esiste ancora un assistenza tecnica per
    > nessuno dei prodotti di
    > Google.
    Ne sei sicuro? Sai che Google li vende anche i suoi prodotti? Anche GMail se vuoi è a pagamento, con maggiori funzioni rispetto a quella free.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea
    > Ne sei sicuro? Sai che Google li vende anche i
    > suoi prodotti? Anche GMail se vuoi è a pagamento,
    > con maggiori funzioni rispetto a quella
    > free.

    Esatto. Se compri una Google Search Appliance ti fanno anche l'assistenza remota (si connettono in SSH alla tua sede e ti sistemano il problema)
  • a parte il titolo dell'articolo falso e tendenzioso solo per aumentare le visite, Google sinceramente ha un po' rotto: e' un gigantesco parassita nel mondo dell'open source, usa tutto senza dare niente in cambio. Loro pero' hanno riempito il loro search engine di brevetti, allora invece di fare gli ipocriti perche' non lo rilasciano open source? Vergogna.
    non+autenticato
  • Google, come molte società che investono nell'open-source, in parte tiene per sé e in parte rilascia sotto licenze open-source, non ci vedo nulla di strano.

    Leggi qui (http://code.google.com/intl/it/opensource/) cosa fa Google per l'open-source; in sintesi si parla di:
    - hosting gratuito per i progetti opensource;
    - Google Summer of Code (stipendiano studenti volenterosi che collaborano ad un progetto opensource per un'estate);
    - 20+ milioni di righe di codice di loro prodotti rilasciati sotto licenze opensource ripartite su più di 900 progetti; giusto per fare qualche nome "piccino": Android, Chromium, WebM.

    Non voglio dire che Google sia la materializzazione del Bene, ma trovo difficile dire che il suo impegno per l'opensource sia ridotto...

    ---

    Per il resto, concordo con gli altri che di questo articolo non si capisce una mazza.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 aprile 2011 01.02
    -----------------------------------------------------------
  • > - hosting gratuito per i progetti opensource;

    tutte le aziende fanno "hosting" dei dipendenti nelle proprie sedi

    > - Google Summer of Code (stipendiano studenti
    > volenterosi che collaborano ad un progetto
    > opensource per
    > un'estate);

    stipendiano pure i dipendenti!

    > - 20+ milioni di righe di codice di loro prodotti
    > rilasciati sotto licenze opensource ripartite su
    > più di 900 progetti; giusto per fare qualche nome
    > "piccino": Android, Chromium,
    > WebM.

    cioè il lavoro gratuito dei dipendenti viene rilasciato gratuitamente a tutti

    > Non voglio dire che Google sia la
    > materializzazione del Bene, ma trovo difficile
    > dire che il suo impegno per l'opensource sia
    > ridotto...
    >

    infatti non lo è, ed anche molto lucroso

    >
    > Per il resto, concordo con gli altri che di
    > questo articolo non si capisce una
    > mazza.

    questo sì
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    >
    > tutte le aziende fanno "hosting" dei dipendenti
    > nelle proprie
    > sedi
    Io ho hostato un mio progettino open-source su Google Code, e non mi pare di essere dipendente Google...

    >
    > stipendiano pure i dipendenti!
    Eh?

    >
    > cioè il lavoro gratuito dei dipendenti viene
    > rilasciato gratuitamente a
    > tutti
    Gratuito de che? Ai progetti grossi (Chromium, Android & co.) c'è gente che lavora a tempo pieno ed è stipendiata per quello, per quanto riguarda i progetti realizzati nel famoso tot % di tempo "libero", sono pur sempre ore pagate.

    >
    > infatti non lo è, ed anche molto lucroso
    >
    Non ci vedo nulla di strano, e il risultato finale è comunque vantaggioso per tutti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Massimo
    > a parte il titolo dell'articolo falso e
    > tendenzioso solo per aumentare le visite, Google
    > sinceramente ha un po' rotto: e' un gigantesco
    > parassita nel mondo dell'open source, usa tutto
    > senza dare niente in cambio. Loro pero' hanno
    > riempito il loro search engine di brevetti,
    > allora invece di fare gli ipocriti perche' non lo
    > rilasciano open source?
    > Vergogna.

    e cosa c'entra con l'articolo?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)