Claudio Tamburrino

Tracciamento, Windows Phone entra in partita

Anche il sistema operativo mobile di Microsoft terrebbe traccia degli spostamenti dei suoi utenti. Ma in modo diverso da quanto fanno iOS e Android. Chi si salva?

Roma - Dopo Android, ora anche Windows Phone è chiamato in causa nella vicenda sul tracciamento degli utenti effettuato dai dispositivi mobile, aperto dalla scoperta di un file sui dispositivi Apple contenente un anno di posizioni geolocalizzate.

Mentre spetta al giudice stabilire se le cause depositate contro Apple possano guadagnarsi lo status di class action, alcuni osservatori affermano ora che anche i dispositivi Windows Phone 7 conserverebbero quel tipo di dati relativi ai propri utenti.

I dispositivi con sistema operativo Microsoft e prodotti da Dell, HTC, LG, Nokia e Samsung inviano dati non solo relativi al posizionamento, ma anche identificativi dei singoli utenti e sulle reti WiFi incontrate. Anche perché per far funzionare le app con funzioni di geolocalizzazione questo tipo di informazioni sono necessarie, così come i numeri identificativi del singolo device servono a funzioni come "Trova il mio smartphone".
Dopo Apple che raccoglie le informazioni in un file non cifrato ospitato sullo dispositivo e poi trasferito sul PC al momento del backup, e Android che conserva solo le ultime posizioni con la possibilità di effettuare l'opt-out, dunque anche Redmond ha le sue domande spinose a cui rispondere.

Microsoft non ha infatti ancora detto quanto regolarmente questi dati vengano inviati a Redmond, né per quanto vengano conservati (accennando solo ad un "limitato periodo di tempo"), ma ha riferito che non sono conservati direttamente sul dispositivo e che sono legati al consenso espresso alla singola applicazione che li intende utilizzare.

La questione, tuttavia, non sembra sempre essere relativa a dove vengono conservati, ma al quanto (tempo potenzialmente infinito per Apple). I dati, comunque necessari al funzionamento di alcune applicazioni, sono raccolti da tutti i sistemi operativi, ma il problema scatenato con Apple è l'aver scoperto che forse per un bug o per inaccuratezza sono conservati più del tempo dovuto. Questo, e il fatto che non sempre l'utente è consapevole che dati sta raccogliendo il proprio dispositivo (che siano localizzazioni anonimizzate, identificative del singolo device o delle reti WiFi cui ci si allaccia), oltre alla sgradevole sensazione di essere pedinati, lascia imperversare la polemica.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Tracciamento, Windows Phone entra in partita
Ordina