Alfonso Maruccia

WebM, la coalizione dei supporter

Google annuncia una nuova iniziativa volta a fornire uno "scudo" legale al suo aspirante standard multimediale. Salgono a bordo i big dell'IT e dell'elettronica di consumo. Tutti contro MPEG LA?

Roma - Google ha annunciato la nascita della Community Cross-License Iniziative (CCL), un accordo tra pari a cui partecipano i grandi protagonisti dell'IT e dell'elettronica di consumo a tutto vantaggio della robustezza legale dell'iniziativa WebM.

CCL è un accordo di licenzie incrociate che comprende partner di primo piano inclusi AMD, Cisco, Logitech, Mozilla, Samsung, Opera, Texas Instruments, Xiph.org e naturalmente Google stessa. I "soci" dell'iniziativa si impegnano a mettere i brevetti software a disposizione l'uno dell'altro, dovessero queste proprietà intellettuali riguardare il codec multimediale WebM.

Stando a quanto sostiene Google, "i membri di CCL partecipano a questa iniziativa perché sono consapevoli che l'intero ecosistema del web - utenti, sviluppatori, publisher e produttori di dispositivi - beneficia di un formato multimediale di alta qualità, open source e sviluppato dalla community".
Il primo scenario d'impiego dello scudo CCL di WebM è naturalmente la difesa preventiva contro l'azione ostile del cartello dell'industria MPEG LA, attualmente impegnato a mettere in piedi un "patent pool" di brevetti presumibilmente sfruttati in VP8 (il codec su cui l'iniziativa WebM è basata) con tanto di interessi particolari suscitati nel Dipartimento di Giustizia degli USA.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessMPEG LA, all'arrembaggio di VP8?L'organizzazione dell'industria che gestisce i brevetti multimediali si dice pronta a mettere assieme un "patent pool" di brevetti impiegati in VP8, il codec open source voluto da Google per il suo progetto WebM
  • AttualitàMPEG LA, indagine antitrust sui brevetti VP8L'organizzazione dell'industria sarebbe finita sotto la lente del Dipartimento di Giustizia USA per apparente comportamento anticoncorrenzione nei confronti di Google e del suo progetto WebM
  • BusinessYouTube, WebM a tutta birraIl portalone di video sharing annuncia il passaggio al formato video che Google vorrebbe imporre come lo standard multimediale per il futuro (e futuribile) HTML5. Molto è stato già fatto, non poco resta ancora da fare
12 Commenti alla Notizia WebM, la coalizione dei supporter
Ordina
  • Ora seriamente, non è che di questo WebM ne sentissi la necessità: l'H264, dal mio punto di vista, aveva già risolto il problema codec video in via definitiva.

    Ma visto che Google ha Youtube e quindi può condizionare DAVVERO il mercato se proprio vuole... questo suo codec/brutta-copia-di-H264 può essere accelerato in hardware dagli stessi chip che accelerano, appunto, l'H264?
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > Ora seriamente, non è che di questo WebM ne
    > sentissi la necessità: l'H264, dal mio punto di
    > vista, aveva già risolto il problema codec video
    > in via
    > definitiva.

    Sai, molti sviluppatori non vogliono rimanere imbrigliati in oscure royalty ad orologeria.

    > Ma visto che Google ha Youtube e quindi può
    > condizionare DAVVERO il mercato se proprio
    > vuole... questo suo codec/brutta-copia-di-H264
    > può essere accelerato in hardware dagli stessi
    > chip che accelerano, appunto,
    > l'H264?

    Non è una brutta copia di H264.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Sai, molti sviluppatori non vogliono rimanere
    > imbrigliati in oscure royalty ad
    > orologeria.

    Riguarderà le Mozilla e simili, ma dal mio punto di vista di consumatore l'H264 è un ottimo codec e comunque gratis per sempre.

    > Non è una brutta copia di H264.

    A quanto ho letto, invece, pare proprio esserlo. Gli algoritmi sono pressoché identici (a quelli di livello base dell'H264). Per quello chiedevo se magari i chip hardware possono adattarsi anche con WebM.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > Sai, molti sviluppatori non vogliono rimanere
    > > imbrigliati in oscure royalty ad
    > > orologeria.
    >
    > Riguarderà le Mozilla e simili, ma dal mio punto
    > di vista di consumatore l'H264 è un ottimo codec
    > e comunque gratis per
    > sempre.

    dipenderà da come in futuro verranno considerati gli utenti che pubblicheranno video online

    >
    > > Non è una brutta copia di H264.
    >
    > A quanto ho letto, invece, pare proprio esserlo.
    > Gli algoritmi sono pressoché identici (a quelli
    > di livello base dell'H264). Per quello chiedevo
    > se magari i chip hardware possono adattarsi anche
    > con
    > WebM.

    anche h264 è molto simile al vecchio vp3 della on2 rilasciato sotto bsd o lgpl non ricordo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rest

    > anche h264 è molto simile al vecchio vp3 della
    > on2 rilasciato sotto bsd o lgpl non
    > ricordo

    Mi pare che wikipedia inglese parli di BSD e che citi la data del 2000 per quanto riguarda la data di nascita di VP3, anno in cui h.264 non era nemmeno nei sogni dei loro inventori o copiatori.
  • >> Sai, molti sviluppatori non vogliono rimanere
    >> imbrigliati in oscure royalty ad
    >> orologeria.

    > Riguarderà le Mozilla e simili,

    No, riguarda tutti, perché questi, lucrandoci sopra con le loro inutili royalties, pongono un deleterio freno alla produzione di contenuti.

    Con WebM invece nessuno paga niente, ergo H.264 è destinato a morire.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio

    > Non è una brutta copia di H264.

    Ma lo sai che Theora, il codec di Firefox, quello storico, deriva da VP3? E poi lo sai che VP8 è una naturale evoluzione di VP3 di On2 rilasciato a Xiph.org ? http://it.wikipedia.org/wiki/VP8

    Per esempio Vp3 è del 2002, quindi di 10 anni fa. Non sono un esperto ma molti affermano che h.264 è molto più recente e che se qualcuno ha copiato è quasi sicuro (non avendo una macchina del tempo) che la colpevole sia la MPEG.LA.

    Certo loro hanno avvocati ma anche da queste parti ci "stiamo" organizzando.

    Tutto questo per dire che concordo con la tua frase.
  • > non è che di questo WebM ne sentissi la necessità

    Ben tu.

    Io non voglio avere a che fare con codec impestati di royalties come H.264.

    > Ma visto che Google ha Youtube e quindi può
    > condizionare DAVVERO il mercato se proprio
    > vuole...

    Appunto, H.264 è già morto.

    > questo suo codec/brutta-copia-di-H264

    No, è H.264 ad essere un tentativo malriuscito di versione sfigata di WebM.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MacBoy
    > Ora seriamente, non è che di questo WebM ne
    > sentissi la necessità: l'H264, dal mio punto di
    > vista, aveva già risolto il problema codec video
    > in via
    > definitiva.

    Dal tuo punto di vista forse, ma evidentemente chi produce e distribuisce video ne sente la necessità eccome.


    > Ma visto che Google ha Youtube e quindi può
    > condizionare DAVVERO il mercato se proprio
    > vuole... questo suo codec/brutta-copia-di-H264
    > può essere accelerato in hardware dagli stessi
    > chip che accelerano, appunto,
    > l'H264?

    Se ancora non è supportato, meglio per loro che si sbrighino a supportarlo. Certo che Youtube condiziona il mercato, Youtube è una fetta preponderante del mercato.

    E l'unica cosa che quelli di mpeg possono fare oramai è fare una "patent pool", riempirla di "patent drool" usando una schiera di "patent troll".
    Ma tanto si sa già come andrà a finire: ci cascheranno dentro loro e affogheranno miseramente nella loro stessa melmaCon la lingua fuori
    Funz
    12992
  • Il player open source VLC permette di visualizzare i video in formato WebM (oltre ad un'altra sterminata quantita di formati, sempre senza bisogno di installare codec).

    http://www.videolan.org
    non+autenticato
  • > Il player open source VLC permette di
    > visualizzare i video in formato WebM
    > (oltre ad un'altra sterminata quantita di
    > formati, sempre senza bisogno di installare
    > codec).
    >
    > http://www.videolan.org

    si fa prima a dire cosa vlc nn supporta ormai
    non+autenticato
  • http://www.webmproject.org

    WebM non ha rivali.

    H.264 è già morto.
    non+autenticato