Alfonso Maruccia

Foxconn, schiavi al lavoro

Nuove denunce delle organizzazioni non governative tratteggiano le condizioni degli stabilimenti cinesi che realizzano iPhone e iPad: i lavoratori sono schiavizzati e costretti a firmare un'abiura del suicidio

Roma - La classe operaia sarà (forse) andata in paradiso ma i lavoratori cinesi di Foxconn continuano a vivere in un inferno fatto di ritmi massacranti, umiliazioni personali e condizioni di produzione inumane. Lo sostiene la ONG Sacom, che continua le sue indagini sugli stabilimenti del colosso asiatico e denuncia: in un anno nulla è cambiato.

L'attenzione internazionale si era focalizzata sugli stabilimenti produttivi di Foxconn per una serie di suicidi verificatisi nell'impianto di Shenzhen, e soprattutto per il fatto che la fabbrica cinese fosse il maggior fornitore di Apple, al servizio della moda per gli iCosi.

Apple si era impegnata in prima persona affinché le condizioni di lavoro nelle fabbriche di Foxconn tornassero a livelli quantomeno umani, ma i rapporti di Sacom dicono sostanzialmente che quasi nulla è cambiato: le lavoratrici e i lavoratori cinesi continuano a sostenere turni massacranti che durano dalla mattina alla sera inoltrata, sono obbligati a sopportare una sorta di addestramento militare e devono firmare una specie di abiura rispetto al suicidio che dovrebbe sancire l'illegalità della richiesta di risarcimenti congrui da parte delle famiglie.
A Shenzhen e nella fabbrica di Chengdu - dove presto la forza lavoro dovrebbe crescere fino a 200mila persone - ridere fuori tono o parlare a voce alta durante il lavoro equivale a meritarsi un'umiliazione pubblica, la richiesta straordinaria di iPad 2 negli ultimi mesi costringe a sopportare settimane lavorative di 7 giorni su 7, i salari continuano a essere miserrimi e non c'è alcuna garanzia di ricevere compensazioni per gli straordinari obbligatori.

Come risponde il management di Foxconn alle accuse di Sacom e delle altre ONG? Louis Woo, "assistente speciale" del presidente del colosso cinese, incensa le condizioni di lavoro nella fabbrica come dure ma perfettamente in linea con gli standard locali e internazionali. Qualcuno umilia i lavoratori in pubblico? Si tratta di una pratica "che noi non incoraggiamo" ma che potrebbe capitare "vista la svariata e ampia popolazione della nostra forza lavoro".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàFoxconn: il lavoro rende liberiNon è un lager, è una fabbrica come tante altre. Qualche problema c'è, ma i più produttivi saranno premiati con un aumento. Ma le organizzazioni locali insorgono, tirando in ballo anche le commesse straniere
  • AttualitàApple: in Foxconn le cose vanno meglioStilata la relazione che offre una sintesi sui progressi attuati dai fornitori di Cupertino. Ci sono state violazioni, ma la Mela si dice pronta ad affrontare e incrementare il suo impegno al riguardo
  • BusinessFoxconn sbarca in Brasile?Voci non ufficiali descrivono una Foxconn interessata a fare business nello stato sudamericano. Con un investimento non indifferente e la possibilità di invadere il potenzialmente ricco mercato locale a prezzi calmierati
94 Commenti alla Notizia Foxconn, schiavi al lavoro
Ordina
  • se avessero a disposizione la resurrezione dopo averti fatto morire ti tirerebbero di nuovo fuori nei momenti di bisogno
    non+autenticato
  • " e soprattutto per il fatto che la fabbrica cinese fosse il maggior fornitore di Apple, al servizio della moda per gli iCosi."

    che vuoi farti assumere da Sallusti?
    MeX
    16897
  • Cambia Avatar ! Con la lingua fuori
    Be&O
    1121
  • - Scritto da: MeX
    > che vuoi farti assumere da Sallusti?

    No. Ho una mia dignità, e scrivo incomparabilmente meglio di qualsiasi "giornalista" assunto in uno di quei produttori di fogli di giornale per incartare il pesce, il giorno dopo. Falsa modestia a parte, ma anche solo il pensiero di certi paragoni mi fa discretamente schifo perché io il culo ce l'ho ancora vergine Con la lingua fuori
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > - Scritto da: MeX
    > > che vuoi farti assumere da Sallusti?
    >
    > No. Ho una mia dignità, e scrivo
    > incomparabilmente meglio di qualsiasi
    > "giornalista" assunto in uno di quei produttori
    > di fogli di giornale per incartare il pesce, il
    > giorno dopo.

    Ma anche il giorno stesso...
    E in alternativa all'incartare il pesce ci sono altri usi ben piu' consoni alla qualita' di certi contenuti cartacei.

    > Falsa modestia a parte, ma anche
    > solo il pensiero di certi paragoni mi fa
    > discretamente schifo perché io il culo ce l'ho
    > ancora vergine
    > Con la lingua fuori

    Cioe'? Hai usato quei giornali solo per incartare il pesce e mai per pulirtici il culo?
  • - Scritto da: panda rossa
    > Cioe'? Hai usato quei giornali solo per incartare
    > il pesce e mai per pulirtici il
    > culo?

    Nel senso che io il culo non l'ho ancora venduto al primo magnate dei media di passaggio....
  • - Scritto da: Alfonso Maruccia
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Cioe'? Hai usato quei giornali solo per
    > incartare
    > > il pesce e mai per pulirtici il
    > > culo?
    >
    > Nel senso che io il culo non l'ho ancora venduto
    > al primo magnate dei media di
    > passaggio....

    e com'e' allora che non ti hanno ancora buttato fuori da PI?
    non+autenticato
  • Ah ah, bella questa A bocca aperta
  • Lo diceva Mao e se lo diceva lui che i cinesi li conosceva bene, un motivo ci sara' stato. D'altronde, poche balle: la produzione e' la produzione, qua nel decadente ed opulento Occidente, milioni di persone anelano all'imprescindibile iphone bianco. Che sara' mai se quattro musi gialli ci devono rimettere la pelle? frustate se ridono e cinghate se parlano, altro che! Anzi, ne crocifiggano uno in sala mensa (ma ce la avranno?) per dare l'esempio. E dei morti suicidi chi se ne frega, tanto fuori c'e' la fila di quelli che vogliono essere assunti, anche perche c'e' la nuova linea di macbook da inaugurare e la produzuone tira....
    non+autenticato
  • > all'imprescindibile iphone bianco. Che sara' mai

    E io aggiungo, come dice la TV:

    "Se non hai un iPhone......... bhè, non hai un iPhone....."

    Traduzione:
    "Pezzente morto di fame, come fai a non avere un iPhone ??? Vuoi che tutti i tuoi amici ti rinneghino perchè sei l'unico cretino a non avere un iPhone ???"
    non+autenticato
  • Se hai un iphone (o ipad)

    -puoi dire agli amici "ehi, ho un iphone!" e vedere l'effetto che fa

    -puoi acchiappare in discoteca una 18enne mediamente drogata e fartela dare per 5 minuti 5, salvo poi il giorno dopo ritornare dai suddetti amici e dire "ehi, ho ch**vato come un porcospino grazie all' iphone!" e vedere l'effetto che fa

    -puoi mostrare di essere impegnato in una ricerca fondamentale anche se col dito devi togliere una caccola dallo schermo

    -in Italia un imprenditore-italiano-potrebbe pensare "minchia, questo è un dritto/figo, mo lo assumo/promuovo"

    -puoi vederti i siti porno in attesa di una votazione parlamentare, salvo poi rimediare con l' "atto goliardico" (ed essere-in italia- creduto, stimato e riverito)




    Se non hai un iPhone

    -puoi dire agli amici "non ho l'iphone" e poter passare per sfigato/snob/comunista/esistenzialista a seconda del tessuto sociale cui ti riferisci

    -puoi creare su Facebook un gruppo "io non uso l'iphone!" e chiedere a qualcuno un iphone per consultare tags e messaggi

    -non dai i soldi a Jobs! (anche se poi i vestiti li compri da aziende italianissime che praticano subappalti selvaggi a gente che dorme in mezzo alla colla, o la spesa la fai in ipermercati in cui solo per le intermediazioni il prezzo triplica)

    però...

    -sono 700 euro in più per la spesa

    -non sei obbligato a chiamare gente di cui non ti frega nulla solo perchè una compagnia telefonica ti ha applicato un noleggio-contratto capestro

    -non ti fermano per strada o ti fracassano di botte per prenderselo

    -la gente non ti ronza intorno per sussurrare "ehi quello ha un iphone!"

    -forse acchiappi di meno ma ti relazioni di più

    -pensi che il sole sia anche una cosa buona, non solo una rottura di coglioni che ti impedisce di vedere lo schermo Retina

    Secondo me, se non hai un iPhone (o altro)...beh, hai iniziato a muoverti di un decimillimetro nella direzione giusta
    non+autenticato
  • - Scritto da: attonito
    > Lo diceva Mao e se lo diceva lui che i cinesi li
    > conosceva bene, un motivo ci sara' stato.
    > D'altronde, poche balle: la produzione e' la
    > produzione, qua nel decadente ed opulento
    > Occidente, milioni di persone anelano
    > all'imprescindibile iphone bianco. Che sara' mai
    > se quattro musi gialli ci devono rimettere la
    > pelle? frustate se ridono e cinghate se parlano,
    > altro che! Anzi, ne crocifiggano uno in sala
    > mensa (ma ce la avranno?) per dare l'esempio. E
    > dei morti suicidi chi se ne frega, tanto fuori
    > c'e' la fila di quelli che vogliono essere
    > assunti, anche perche c'e' la nuova linea di
    > macbook da inaugurare e la produzuone
    > tira....

    i problema è che tutta questa sfilza di cattiverie tu l'hai sentita personalmente.
    riconosco il tono e il piglio: sono decine di persone a giudicare altre centinaia di persone in quel modo.

    Senza rispetto, umiliando, offendendo, disprezzando.

    Tutti sottovalutano terribilmente alcuni esperimenti sociologici come ad esempio questo:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_carcerari...

    che cifarebbero legiferare diversamente.
    non+autenticato
  • Io tanto i soldi per comprare l' aiped non ce li ho, fra qualche tempo quelli come me saranno tanti, quindi comunismo o non comunismo, pil o non pil , non me lo compro lo stesso, così come non compro altro, e tanti saluti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: colsenter
    > Io tanto i soldi per comprare l' aiped non ce li
    > ho, fra qualche tempo quelli come me saranno
    > tanti, quindi comunismo o non comunismo, pil o
    > non pil , non me lo compro lo stesso, così come
    > non compro altro, e tanti
    > saluti.

    hai buttato sul piatto tante cosette qui

    Mao ha fatto dei disastri pazzeschi, ma di certo quello che si tratta in queste fabbriche di oggi non è comunismo; te ne sarai accorto anche tu, no? E' oppressione, sfruttamento, è tante cose ma non è certamente comunismo o socialismo
    fatti un giro su wikiquote (la parte con fonti) a vedere che cosa diceva Mao: tutto criticabile, ma almeno facciamoci un'idea.

    ciò che fondamentalmente ci dici è condivisibile al massimo! Mi licenziano perché altrove c'è uno schiavo che lavora e io non posso nemmeno comprare più (perché non ho più il lavoro) quello che quello schiavo produce.

    Se non comprendiamo che ci dev'essere una base di umanità e di tempo non lavorativo che tutti nel mondo conoscono... allora sarà sempre così: ognuno cercherà di fare il furbo sulla pelle dell'altro.
    non+autenticato
  • il nostro beneamato Silvio il Grande parlò di coloro che non consumano come di gente disabituata al benessere

    questa invece è solo gente disabituata a reclamare i propri diritti

    che ci volete fare? il mondo va così e tranquilli domani andrà anche peggio

    dite che sono un po' disabituato all'ottimismo? Sorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)