Gli USA vogliono il GSM in Iraq

L'amministrazione americana del paese arabo ha chiesto alle imprese interessate di partecipare all'ottenimento di licenze per la telefonia mobile locale su rete GSM

Roma - Da Bagdad arriva la conferma che il governo statunitense dell'Iraq ha deciso che nel paese non troverà spazio il CDMA per la telefonia mobile ma si preferirà il sistema GSM già ampiamente diffuso nei paesi circostanti.

L'amministrazione americana ha dunque invitato le imprese interessate a partecipare ad una gara per l'assegnazione delle licenze necessarie alla costituzione e gestione di una rete GSM, con servizi che potranno essere gestiti da decine di operatori diversi.

La decisione del governo USA di Bagdad contraddice le speranze di alcuni parlamentari americani che lo scorso marzo avevano insistito perché in Iraq fosse imposto il CDMA al posto del GSM. "La scelta - ha spiegato alla Reuters un funzionario americano - è caduta sul GSM, altrimenti ci sarebbe stata una rivoluzione. L'intera regione gira su GSM".
Va detto che al momento in Iraq sono operative quattro diverse reti di telefonia mobile alle quali sono abbonati circa 100mila utenti. Le reti coprono zone diverse del territorio.

Ciò su cui sono tutti concordi, americani e operatori locali, è la necessità di un network nazionale. Si tratta prima di tutto di un grande business: la scarsità o l'assenza di infrastrutture di comunicazione in molte zone del paese rende il wireless molto appetibile agli operatori per i prossimi anni.
96 Commenti alla Notizia Gli USA vogliono il GSM in Iraq
Ordina

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > ... Saddam Huissen!

    Certo. Ma coll'UMTS però! |
    Bruco
    2098
  • La scelta - ha spiegato alla Reuters un funzionario americano - è caduta sul GSM, altrimenti ci sarebbe stata una rivoluzione.

    Rivoluzione?????????? Per il GSM??????????

    Se non ci fosse stata una guerra infame, centinaia di morti, milioni di vittime civili (vittime perché si ritrovano cittadini di uno stato distrutto) scriverei

    ROFTL
    ROFTL
    ROFTL
    ROFTL
    ROFTL
    ROFTL



    Bruco
    2098
  • .. ci pensano i nostri intelligentissimi pacifisti a riorganizzare l'Iraq!!!

    1)Qualche bel concertino tipo 1 Maggio
    2) un pizzico di buonismo ipocrita
    3) qualche bandiera della pace qua e là
    4) un paio di canne che non fanno mai male e poi dopo ci si vuole tutti bene
    5) qualche manifestazione anti-americana
    6) due o tre bandiere con il faccione di Che Guevara, che non c'entra un c... ma fa tanto movimento impegnato
    7) un comizio di no-global con in testa Casarini, un pò incazzato perchè non può sfasciare più nulla a Baghdad

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > .. ci pensano i nostri intelligentissimi
    > pacifisti a riorganizzare l'Iraq!!!
    >
    > 1)Qualche bel concertino tipo 1 Maggio
    > 2) un pizzico di buonismo ipocrita
    > 3) qualche bandiera della pace qua e là
    > 4) un paio di canne che non fanno mai male e
    > poi dopo ci si vuole tutti bene
    > 5) qualche manifestazione anti-americana
    > 6) due o tre bandiere con il faccione di Che
    > Guevara, che non c'entra un c... ma fa tanto
    > movimento impegnato
    > 7) un comizio di no-global con in testa
    > Casarini, un pò incazzato perchè non può
    > sfasciare più nulla a Baghdad

    Ti sei dimenticato dello streaming del video del comizio, mandato in rete tramite una x-box crackata con su linux, che fa tanto alternativo e rivoluzionario.....
    SymoPd
    1581
  • ma gia', lasciamo fare agli imperialisti americani!!!
    in fondo cosa serve ricostruire tutte le strade, le autostrade, gli aeroporti, gli acquedotti, le ferrovie, le dighe che hanno bombardato???
    facciamo una belle rete gsm cosi' anche gli adolescenti iracheni si manderanno messaggini e squillini tutto il giorno!!!!
    ;-PPPPPPPPPPPPPPPPP

  • - Scritto da: Cirio
    > ma gia', lasciamo fare agli imperialisti
    > americani!!!
    > in fondo cosa serve ricostruire tutte le
    > strade, le autostrade, gli aeroporti, gli
    > acquedotti, le ferrovie, le dighe che hanno
    > bombardato???

    Non hanno fatto nulla del genere, non dire falsita'.
    Piuttosto perche' non ricostruiscono le caserme, gli arsenali, i palazzidamilleeunanotte di Saddam e famigli, l'esercito, l'aviazione, il democratico partito Baath, eccetera, tutte cose indispensabili al popolo iracheno?

    > facciamo una belle rete gsm cosi' anche gli
    > adolescenti iracheni si manderanno
    > messaggini e squillini tutto il giorno!!!!
    > ;-PPPPPPPPPPPPPPPPP

    almeno sono liberi di farlo, come di fare qualcosa di piu' serio.
    Certo, per te era meglio prima, dove per un SMS (o messaggio via piccione viaggiatore) potevi finire fucilato per direttissima.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Cirio
    > ma gia', lasciamo fare agli imperialisti
    > americani!!!
    > in fondo cosa serve ricostruire tutte le
    > strade, le autostrade, gli aeroporti, gli
    > acquedotti, le ferrovie, le dighe che hanno
    > bombardato???

    Gli americani potranno avere mille difetti, ma alameno imparano dai loro errori.
    Nella guerra contro la Federazione Jugoslava (voluta dall'Europa dei D'Alema, Jospin e sinistri vari per eliminare l'ingombrante presenza di Milosevic, fatta senza nemmeno *chiedere* l'autorizzazione dell'ONU) distrussero moltisiime infrastrutture civili e fu un errore: la ripresa del paese è stata lenta e costosa. Durante la guerra in Iraq era una priorità lasciare intatte le infrastrutture, per poter far rinascere più velocemente il paese.

    > facciamo una belle rete gsm cosi' anche gli
    > adolescenti iracheni si manderanno
    > messaggini e squillini tutto il giorno!!!!
    > ;-PPPPPPPPPPPPPPPPP

    Già, le cazzate via sms se le possono spedire solo gli adoloscenti europei, come premio per le loro manifestazioni solidali.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Nella guerra contro la Federazione Jugoslava
    > (voluta dall'Europa dei D'Alema, Jospin e
    > sinistri vari per eliminare l'ingombrante
    > presenza di Milosevic, fatta senza nemmeno
    > *chiedere* l'autorizzazione dell'ONU)
    > distrussero moltisiime infrastrutture civili
    > e fu un errore: la ripresa del paese è stata
    > lenta e costosa. Durante la guerra in Iraq
    > era una priorità lasciare intatte le
    > infrastrutture,

    Hai ragione al 100%, sigh!

    > per poter far rinascere più
    > velocemente il paese.

    Cioè per sfruttare il più velocemnete possibile i giacimenti petroliferi. Sigh!

    Bruco
    2098

  • - Scritto da: Bruco
    > > era una priorità lasciare intatte le
    > > infrastrutture,
    >
    > Hai ragione al 100%, sigh!

    BeneOcchiolino

    > > per poter far rinascere più
    > > velocemente il paese.
    >
    > Cioè per sfruttare il più velocemnete
    > possibile i giacimenti petroliferi. Sigh!

    Do ut des, dicevano i latini.
    Comunque, non vedoniente di male se in Occidente arriva il petrolio e in cambio in Iraq possono avere non solo GSM, ma anche computer, strade moderne, aereporti, cibo, libertà, elettrodomestici eccetera.
    non+autenticato
  • > Do ut des, dicevano i latini.
    > Comunque, non vedoniente di male se in
    > Occidente arriva il petrolio e in cambio in
    > Iraq possono avere non solo GSM, ma anche
    > computer, strade moderne, aereporti, cibo,
    > libertà, elettrodomestici eccetera.

    Nobile intento, ma se cio' significa spazzare via la loro cultura, la cosa mi piace di meno, mi ricorda i conquistadores in america del sud, quei maia inca aztechi e altri, campavano benissimo da svariate migliaia di anni, poi sono arrivati i barbuti bianchi, e nel giro di 2 secoli, addio civilta'.

    Sono piu' favorevole all'instaurazione di un governo LOCALE il quale VENDERA' il suo petrolio a chi vorra' acquistarlo e con tali soldi finanziare la costruzione di infrastrutture e di servizi per il popolo.
    la domanda e anche un'altra, sara' in grado l'iraq di autogovernarsi?
    e se non sara' in grado, abbiamo noi popolo defeinitosi civilizzato di andare li e governarlo?
    DuDe
    896

  • - Scritto da: DuDe
    > > Do ut des, dicevano i latini.
    > > Comunque, non vedoniente di male se in
    > > Occidente arriva il petrolio e in cambio
    > in
    > > Iraq possono avere non solo GSM, ma anche
    > > computer, strade moderne, aereporti, cibo,
    > > libertà, elettrodomestici eccetera.
    >
    > Nobile intento, ma se cio' significa
    > spazzare via la loro cultura, la cosa mi
    > piace di meno, mi ricorda i conquistadores

    Non vedo come una lavastoviglie possa spazzare v ia una cultura... al massimo spazza via lo sporco!
    Sai, la tua affermazione mi ricorda certi regimi comunisti (i Khmer Rossi) in cui si arrivò a considerare contro-rivoluzionario (e quindi meritevole del campo di rieducazione, cioè della morte) chi indossava un paio di occhiali (simbolo occidentale).

    > Sono piu' favorevole all'instaurazione di un
    > governo LOCALE il quale VENDERA' il suo
    > petrolio a chi vorra' acquistarlo e con tali
    > soldi finanziare la costruzione di
    > infrastrutture e di servizi per il popolo.
    > la domanda e anche un'altra, sara' in grado
    > l'iraq di autogovernarsi?
    > e se non sara' in grado, abbiamo noi popolo
    > defeinitosi civilizzato di andare li e
    > governarlo?

    Ottima domanda: se invece di un governo democratico si instaurerà un altro regime di pazzoidi pericolosi, l'occidente ha tutto il DIRITTO di rovesciarlo con ogni mezzo per preservare la propria incolumità.
    non+autenticato
  • Attenzione ad alcuni dettagli:

    A Baghdad l'unico ministero rimasto intatto alla fine della guerra è stato quello del petrolio.

    Col petrolio estratto (la cui quantità dovrà essere limitata dall'opec, pena crollo del suo valore) l'Iraq riuscirà circa a ripagare gli interessi sul suo debito estero...difficile che senza l'azzeramento del debito o aiuti esterni (che potrebbero poi diventare morse politiche) l'Iraq possa risollevarsi.

    Mi preoccupa la frase che dice: l'occidente ha il DIRITTO di rovesciare i regimi...questo diritto dovrebbero averlo i cittadini che ci vivono, col supporto dell'ONU, che ahimè gli americani con la guerra all'iraq hanno umiliato.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Mi preoccupa la frase che dice: l'occidente
    > ha il DIRITTO di rovesciare i
    > regimi...questo diritto dovrebbero averlo i
    > cittadini che ci vivono, col supporto
    > dell'ONU, che ahimè gli americani con la
    > guerra all'iraq hanno umiliato.

    A me invece preoccupa il fatto che ci siano persone che citano indignati frasi altrui senza però avere la correttezza di riportarle tutte: Il DIRITTO esiste quando il regime inizia ad essere pericoloso per le altre nazioni.
    Questo era molto chiaro nella *mia* versione, ma non altrettanto nella tua citazione.
    non+autenticato
  • Si, si chiamano iraquiti. Sono quelli nati e cresciuti in America ma che ora sono i padroni dell'Iraq. Decidono tutto loro. Anche il GSM.
    non+autenticato
  • ...se iniziassero a farselo funzionare loro il GSM? Almeno io ho avuto una esperienza straordinariamente negativa negli usa.. Solo nelle grandi città funzionava... Avoglia ad avere il tribbande...Con la lingua fuori
    E poi discorso predominante... Che è così necessario avere il cellulare agli abitanti iraqueni? Pensiamo a fornirgli i beni di prima necessità...
    non+autenticato
  • certo....cosi papa mohammed chiamerà i suoi bimbi per dirgli: mi raccomando ragazzi non giocate a pallone con i frammenti di cluster bombs!! E se non volete rientrare per pranzo va bene lo stesso perchè tanto il pranzo non c'è......


  • - Scritto da: il_fabry
    > ...se iniziassero a farselo funzionare loro
    > il GSM? Almeno io ho avuto una esperienza
    > straordinariamente negativa negli usa.. Solo
    > nelle grandi città funzionava... Avoglia ad
    > avere il tribbande...Con la lingua fuori
    > E poi discorso predominante... Che è così
    > necessario avere il cellulare agli abitanti
    > iraqueni? Pensiamo a fornirgli i beni di
    > prima necessità...

    Darti del miope è il minimo: dobbiamo pensare solo all'oggi? Gli iracheni devono rimanere indietro 50 anni solo perchè tu vuoi toglierti lo sfizio di criticare sempre e comunque?
    Questa è una notizia positiva: finalmente gli iracheni potranno far circolare liberamente le informazioni e questo è un requisito necessario per avere le libertà individuali.
    Prenditi la briga di vedere l'importanza che hanno avuto gli scambi di informazioni tramite telefoni cellulari in tutte le campagne per le libertà contro i vari regimi degli ultimi anni (a partire proprio dalla attualissima primavera di Teheran).
    non+autenticato
  • > Darti del miope è il minimo: dobbiamo
    > pensare solo all'oggi? Gli iracheni devono
    > rimanere indietro 50 anni solo perchè tu
    > vuoi toglierti lo sfizio di criticare sempre
    > e comunque?

    Oggi bisogna che la popolazione abbia tutto il necessario per vivere... Avere un cellulare e non avere l'acqua per bere o non avere un ospedale per curarsi mi pare alquanto osceno... La mia sarà anche miopia ma quanto meno meno egoistica del tuo pensiero...

    > Questa è una notizia positiva: finalmente
    > gli iracheni potranno far circolare
    > liberamente le informazioni e questo è un
    > requisito necessario per avere le libertà
    > individuali.

    Certo intanto si muore per strada perchè ci sono ancora zone minate o mancano gli ospedali? Ma avete l'idea in quali condizioni stanno?

    > Prenditi la briga di vedere l'importanza che
    > hanno avuto gli scambi di informazioni
    > tramite telefoni cellulari in tutte le
    > campagne per le libertà contro i vari regimi
    > degli ultimi anni (a partire proprio dalla
    > attualissima primavera di Teheran).

    Mah non credo che possano mangiarsi l'antenna se vogliono... Le cose vanno fatte per gradi. Mi dici a cosa sarebbe servita se gli americani una volta liberata l'Italia avessero portato subito la televisione che da loro praticamente già esistiva? Posso capire se avessero tirato su una radio come c'è in kosovo o in altri paesi, ma i cellulari proprio non li capisco.
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > > Darti del miope è il minimo: dobbiamo
    > > pensare solo all'oggi? Gli iracheni devono
    > > rimanere indietro 50 anni solo perchè tu
    > > vuoi toglierti lo sfizio di criticare
    > sempre
    > > e comunque?
    >
    > Oggi bisogna che la popolazione abbia tutto
    > il necessario per vivere... Avere un
    > cellulare e non avere l'acqua per bere o non
    > avere un ospedale per curarsi mi pare
    > alquanto osceno...

    Ma che diavolo leggi a fare se non capisci? La notizia rigurarda l'adozione di uno standard, non che daranno un telefonino ad iogni iracheno al posto dell'acqua!
    Si puo' provvedere al presente e all'acqua e pensare anche a porre le basi per il futuro. Solo che Punto informatico non ti descrive le scelte tecnologiche per la ristrutturazione delle infrastrutture. Tanto difficile?
    non+autenticato
  • > Ma che diavolo leggi a fare se non capisci?
    > La notizia rigurarda l'adozione di uno
    > standard, non che daranno un telefonino ad
    > iogni iracheno al posto dell'acqua!
    > Si puo' provvedere al presente e all'acqua e
    > pensare anche a porre le basi per il futuro.
    > Solo che Punto informatico non ti descrive
    > le scelte tecnologiche per la
    > ristrutturazione delle infrastrutture. Tanto
    > difficile?

    E sai quanto gliene frega agli abitanti iracheni dello standard? Intando lo standard l'hanno scelto, come e quando ricostruire gli ospedali no. O dimmi ancora che è più importante uno standard gsm di una vita umana salvata...
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > > Ma che diavolo leggi a fare se non
    > capisci?
    > > La notizia rigurarda l'adozione di uno
    > > standard, non che daranno un telefonino ad
    > > iogni iracheno al posto dell'acqua!
    > > Si puo' provvedere al presente e
    > all'acqua e
    > > pensare anche a porre le basi per il
    > futuro.
    > > Solo che Punto informatico non ti descrive
    > > le scelte tecnologiche per la
    > > ristrutturazione delle infrastrutture.
    > Tanto
    > > difficile?
    >
    > E sai quanto gliene frega agli abitanti
    > iracheni dello standard? Intando lo standard
    > l'hanno scelto, come e quando ricostruire
    > gli ospedali no.

    Lo sia per certo o lo ipotizzi?
    non+autenticato
  • > Lo sia per certo o lo ipotizzi?

    Notizie certe che tra chi per lavoro o chi per volontariato è andato o è in quei posti tuttora... Penso anche che un iracheno medio non sappia di questa notizia dello standard gsm...
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > > Lo sia per certo o lo ipotizzi?
    >
    > Notizie certe che tra chi per lavoro o chi
    > per volontariato è andato o è in quei posti
    > tuttora... Penso anche che un iracheno medio
    > non sappia di questa notizia dello standard
    > gsm...

    E cio' vuol dire a priori che sia mel pensarci per il futuro?
    non+autenticato
  • > E cio' vuol dire a priori che sia mel
    > pensarci per il futuro?

    Pensiamo all'utile prima che al dilettevole... Definire uno standard gsm prima di pianificare gli ospedali o la "rinascita" di un paese distrutto mi pare quantomeno egoistico..
    non+autenticato

  • - Scritto da: il_fabry
    > > E cio' vuol dire a priori che sia mel
    > > pensarci per il futuro?
    >
    > Pensiamo all'utile prima che al
    > dilettevole... Definire uno standard gsm
    > prima di pianificare gli ospedali o la
    > "rinascita" di un paese distrutto mi pare
    > quantomeno egoistico..

    Gia', pensare a che sistema futuro di telecomunicazioni (da cui dipende ad esempio una sciocchezza come la liberta' di espressione) e' indubbiamente egoistico.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)