Mauro Vecchio

Facebook e la privacy dimezzata

Gli utenti del sito potranno nascondere le proprie attività da bacheca. Ma non sarà possibile eliminarle dal flusso degli aggiornamenti. Chiamati a raccolta gli ingegneri, mentre Joe Hewitt annuncia la sua dipartita dal social network

Roma - C'è chi ha sottolineato come gli alti vertici di Facebook abbiano risposto con notevole ritardo agli allarmati interrogativi posti dai vari attivisti della privacy online. Circa 5 anni per implementare una serie di funzioni che tutelino certi bisogni di discrezione di milioni e milioni di utenti in blu.

Proprio questi ultimi saranno ora in grado di "nascondere" le ultime attività da bacheca, che si tratti di aggiornamenti di stato, like o eventuali modifiche alle informazioni presenti sul profilo. In altre parole, tutti gli iscritti al gigantesco social network potranno decidere di far passare sotto silenzio post e notifiche d'amicizia.

Un elemento che verrà sicuramente apprezzato da tutti i difensori della privacy, se solo funzionasse al meglio. Pare infatti che le attività nascoste dagli utenti - grazie ad un apposito pulsante chiamato hide all - spariscano effettivamente dalla bacheca personale, ma non dal flusso contenente gli ultimi aggiornamenti dell'intera schiera di amici social.
I rappresentanti di Facebook sembrano comunque soddisfatti delle nuove opzioni offerte agli utenti, dedicando allo stesso tempo un pensiero a tutti i tecnici attivi per ampliare e migliorare la piattaforma in blu. Un post apparso sul blog ufficiale ha infatti lanciato un'iniziativa interna chiamata Hackamonth, già sperimentata con successo un anno fa.

I vari engineer potranno in sostanza dedicarsi ad un progetto personale e parallelo, della durata obbligatoria di un mese. Una sorta di maratona delle idee, che ha già portato alla realizzazione della feature Deals. I vertici di Facebook sperano ora in nuove opportunità di business, oltre che in un rinvigorito spirito di squadra.

Spirito di squadra che dovrà però fare a meno del celebre developer Joe Hewitt, principale responsabile dell'app ufficiale del sito per iPhone. Hewitt ha annunciato la sua serena dipartita dall'ecosistema social, volendosi concentrare su un progetto personale legato agli sviluppi dello standard HTML 5.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, gruppi e affariAnnunciati alcuni cambiamenti alla feature Groups: permetteranno agli utenti in blu di caricare interi album e suggerire link selezionati. Ai vari admin verranno imposte nuove regole salva-privacy. E sta per decollare Deals
  • AttualitàFacebook vuole sicurezzaFamily Safety Center, Social Reporting Tools, HTTPS e doppio fattore di identificazione: sono le novità che riguardano la sicurezza per rendere il sito in blu un luogo più sicuro
  • AttualitàUSA, senatori per la privacyIl democratico John Kerry insieme al repubblicano McCain, uniti per un disegno di legge che apra una nuova stagione della trasparenza per tutte le aziende del web. Obbligate a gestire con oculatezza i dati personali dei netizen
2 Commenti alla Notizia Facebook e la privacy dimezzata
Ordina