Alfonso Maruccia

Laptop sequestrati, gli USA alla sbarra

Un attivista accusa il governo statunitense di aver violato la Costituzione sequestrando la sua attrezzatura digitale all'aeroporto. Per questo genere di cose ci vuole il mandato, dicono i suoi legali

Roma - In seguito al sequestro del suo laptop di ritorno da una vacanza in Messico, il ventiquattrenne David House ha denunciato il governo degli Stati Uniti per la violazione dei suoi diritti costituzionali. Gli ufficiali dell'aeroporto di Chicago mi hanno preso di mira senza alcun motivo concreto, accusa House.

Il giovane attivista, supporter e amico di Bradley Manning - il nemico giurato di Washington dopo le "spifferate" a Wikileaks sulle guerre in Afghanistan e Iraq - è caduto vittima della tecnofobia delle frontiere USA cedendo con la forza il portatile, un'unità di storage USB, una videocamera e un telefono cellulare.

Dopo aver infine subito un interrogatorio durato più di un'ora sui suoi rapporti con Manning e Wikileaks, il giovane programmatore laureato a Cambridge è stato rilasciato ma ha dovuto attendere più di un mese prima di vedersi restituito il maltolto - fatto avvenuto solo grazie all'intervento della American Civil Liberties Union (ACLU).
Ed è proprio grazie al supporto legale di ACLU che ora House ha denunciato il governo federale per violazione dei suoi diritti costituzionali: gli agenti della TSA appollaiati negli aeroporti non avevano il diritto di sequestrare i suoi effetti digitali - recita l'accusa - senza aver prima ottenuto un mandato dal giudice.

Ancora una volta viene chiamata in causa la costituzionalità dei tecnocontrolli e dei sequestri alle frontiere degli USA, e la decisione del giudice è tutto fuorché scontata: un caso simile si è recentemente concluso con l'affermazione del diritto, per le autorità, di perquisire e sequestrate a proprio totale piacimento se il motivo è la caccia a contenuti digitali di natura illecita.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Laptop sequestrati, gli USA alla sbarra
Ordina
  • Clicca per vedere le dimensioni originali
    http://imgur.com/gallery/nrFCe
    :D
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 maggio 2011 10.20
    -----------------------------------------------------------
  • appena finita l'università, ricordo che 2 amici sono rimasti in italia invece di andare in america, dove avevano fatto la tesi
    motivo di uno: li se ti beccano a 200 all'ora ti inseguono e ti mettono in galera, io la mia alfa me la voglio godere
    motivo dell'altro: ma sai che se li non fai fattura sono davvero cavoli amari, altro che concordato, e poi tutti che vogliono pagare le tasse i programmi e se gli mostri un programma copiato ti additano come straniero ladro, e vorrebbero che ti vergognassi, ma che mondo è

    ecco america che ingegneri ti sei persa per 2 miseri controlli di troppo
    non+autenticato
  • Andate in Germania od in Isle of Man, li non ci sono limiti (Germania solo autostrade)
    non+autenticato
  • - Scritto da: aldo
    > e se gli mostri un programma
    > copiato ti additano come straniero ladro, e
    > vorrebbero che ti vergognassi,

    Guarda, ci crederei anche se non fosse che la RIAA descrive al mondo un quadretto di tutt'altri colori, e la BSA e' americana.
  • "li se ti beccano a 200 all'ora ti inseguono e ti mettono in galera, io la mia alfa me la voglio godere"

    LOL, e certo che t'inseguono se vai a 200 all'ora. Ma stiamo scherzando? Esistono le piste se vuoi goderti l'auto a 200 kph. Il 99 % del mondo ha limiti che non superano i 130. In Giappone non puoi spingerti oltre i 100 per legge, in Italia 110-130, in Francia 110-130, nel Regno Unito 113, in Spagna 110, Australia 100-130, Canada 70-110, Cina 100-120. Negli USA Continentali 105-129 (a seconda dello stato). Fra i paesi che contano solo in Germania non esistono limiti, ma viene comunque raccomandato di non superare i 130.
    non+autenticato
  • La decisione e' scontata: daranno ragione alla polizia.
    non+autenticato
  • per difendere l'unità nazionale quelli ti sparano.
    sei amico di un "traditore", peggio per te.
    quelli sono fanatici di loro stessi e chi cerca di mostrare come sono le cose in realtà, viene oscurato.
  • lasciateli lì a marcire con le loro alette di pollo fritte e la loro mania di persecuzione contro il resto del mondo, pervertito, pedofilo e non-americano.

    basta non andarci.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vindicator
    > lasciateli lì a marcire con le loro alette di
    > pollo fritte e la loro mania di persecuzione
    > contro il resto del mondo, pervertito, pedofilo e
    > non-americano.
    >
    > basta non andarci.

    Certo, e l'aria sporca basta non respirarla.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Vindicator
    > lasciateli lì a marcire con le loro alette di
    > pollo fritte e la loro mania di persecuzione
    > contro il resto del mondo, pervertito, pedofilo e
    > non-americano.

    > basta non andarci.

    Hey: sveglia ! Chi credi che sia vittima della loro mania di persecuzione ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: Vindicator
    > lasciateli lì a marcire con le loro alette di
    > pollo fritte e la loro mania di persecuzione
    > contro il resto del mondo, pervertito, pedofilo e
    > non-americano.
    >
    > basta non andarci.

    Non basta!
    Bisogna manifestare un totale dissenso per questo atteggiamento da far west.

    Non esiste che le memorie di massa possano essere perquisite cosi', senza mandato.

    Anzi, visto che la capacita' delle memorie di massa ormai ha superato abbondantemente il tera, e che comunque un dato criptato e' virtualmente indecifrabile, direi che e' proprio inutile perdere tempo.

    Si perquisisca per cercare droga e armi e si lasciassero perdere i dischi che tanto un contenuto digitale non e' in alcun modo pericoloso per la gente.
  • > Si perquisisca per cercare droga e armi e si
    > lasciassero perdere i dischi che tanto un
    > contenuto digitale non e' in alcun modo
    > pericoloso per la
    > gente.

    Non è affatto vero che un contenuto digitale non può essere pericoloso.
    Non mi dilungo in spiegazioni. Buona riflessione....

    grv
    non+autenticato
  • Dipende da cosa intendi per "pericoloso".
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: grv
    > > Si perquisisca per cercare droga e armi e si
    > > lasciassero perdere i dischi che tanto un
    > > contenuto digitale non e' in alcun modo
    > > pericoloso per la
    > > gente.
    >
    > Non è affatto vero che un contenuto digitale non
    > può essere
    > pericoloso.
    > Non mi dilungo in spiegazioni. Buona
    > riflessione....

    La riflessione conclude che nessuna sequenza di bit racchiusa in una memoria di massa di un computer spento, puo' in alcun modo arrecare danno a chicchessia.

    La stessa sequenza di bit puo' essere agevolmente trasferita in poco tempo da un capo all'altro del mondo grazie alla rete quindi perquisire un computer alla dogana e' perfettamente inutile.

    Sono curioso di leggere le tue controdeduzioni.

    Buona riflessione...
  • se c'è una formula per qualcosa di nocivo come un gas letale o altro, per sicurezza, ti potrebbero perquisire le carte che hai, non hai le carte ma hai una chiavetta usb o un laptop, è uguale.

    sicurezza nazionale = facciamo quello che vogliamo anche quello che non si può...
  • - Scritto da: lellykelly
    > se c'è una formula per qualcosa di nocivo come un
    > gas letale o altro, per sicurezza, ti potrebbero
    > perquisire le carte che hai, non hai le carte ma
    > hai una chiavetta usb o un laptop, è
    > uguale.
    >
    > sicurezza nazionale = facciamo quello che
    > vogliamo anche quello che non si
    > può...

    Benissimo.
    Tocca subire: in casa loro comandano loro.

    Appare comunque evidente a chiunque sia dotato di piu' di due neuroni, che qualunque formula o documento o roba analoga, e' facilmente scannerizzabile ed inviabile via mail che portata fisicamente attraverso la dogana.

    Loro vogliono comunque perquisire e che perquisiscano.

    La domanda retorica pero' torna ad essere: oltre ad armi e droga che effettivo motivo ci sarebbe per perquisire qualcuno, escludendo la ridicola motivazione per far vedere chi comanda?
  • mettere paura

    appunto, se devo spostare dei dati particolari da una nazione all'altra uso internet e mi proteggo in vari modi.

    neanche gli idioti andrebbero in aereo con dati compromettenti sapendo di essere perquisiti
  • Sul criptato non farci affidamento, ti chiedono la password e tu hai l'obbligo di farla, altrimenti ti arrestano
    non+autenticato