Mauro Vecchio

Cisco, tecnologie per la censura cinese?

Secondo il movimento spirituale Falun Gong, il gigante di San José avrebbe contribuito all'arresto di 5mila membri. Fornendo alle autorità di Pechino uno "scudo dorato" per il tracciamento delle attività in Rete

Roma - Un'agguerrita azione legale, condotta dai rappresentanti del movimento spirituale cinese Falun Gong. Nel mirino sono dunque finiti i vertici di Cisco Systems - tra i principali protagonisti del mercato globale legato al networking - che avrebbero fornito al governo di Pechino una specifica tecnologia per tracciare e silenziare determinate attività online.

Questa, in estrema sintesi, l'accusa formulata dalla fondazione di Washington Human Rights Law Foundation, che difenderà il movimento cinese presso una corte distrettuale di San José. L'azienda californiana avrebbe fornito alla Cina un meccanismo di sorveglianza noto come Golden Shield (scudo dorato), successivamente sfruttato dalle autorità asiatiche per individuare vari membri di Falun Gong.

Stando alle accuse, questa connivenza avrebbe portato all'arresto di circa 5mila cittadini cinesi, segregati e torturati dalle forze di polizia locali. Nato con obiettivi pacifici nel 1992, il movimento spirituale Falun Gong viene visto da Pechino come un gruppo di pericolosi dissidenti politici. È dalla fine degli anni 90 che le autorità asiatiche cercano di stroncare qualsiasi attività del gruppo.
I vertici di Cisco Systems avrebbero dunque le mani sporche di sangue, avendo realizzato una tecnologia mirata alla censura e al rastrellamento di individui. L'azione legale ha chiesto il pagamento dei danni (non meglio quantificati) e l'interruzione delle forniture da parte della società di San José. Un suo portavoce ha rifiutato ogni accusa: nessuna tecnologia censoria sarebbe stata realizzata; le spedizioni cinesi - così come in ogni altro paese del mondo - avverrebbero secondo le attuali leggi statunitensi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
6 Commenti alla Notizia Cisco, tecnologie per la censura cinese?
Ordina
  • Secondo en.wikipedia , il golden shield è tutto il meccanismo di controllo cinese, non è qualcosa di fornito da Cisco.

    inoltre qualsiasi UTM fa le cose che dicono quelli del Falun Gong ... (tracciare e identificare, bloccare contenuti) ... quello è il suo mestiere.

    Il problema è chi lo installa e lo configura, chi racchiude entro i propri "confini di controllo", se ne ha il diritto, secondo chi... eccetera.

    E' il solito problema : come mai non si becca una denuncia chi costruisce le armi, allora?

    E chi ha costruito qualcosa per torturare? Come mai nessuna denuncia?

    Questo non è per andare contro il Falun Gong (ci mancherebbe altro, non ne so niente e se non fanno male a nessuno per me sono liberi di fare ciò che vogliono, non è questo il mio punto) ... ma bisogna capire che quel genere di meccanismo cisco lo vende ad aziende grandi e piccole, ad amministrazioni... insomma a tutti. E non lo fa solo cisco, naturalmente!

    Una delle aziende italiane che funzionano distribuisce ENDIAN
    non+autenticato
  • Non è Cisco che deve evitare di vendere roba a certa gente, è il governo cinese che dovrebbe evitare di comportarsi in maniera così tirannica.
    Oppure vogliamo accusare i distributori di benzina di essere i corresponsabili degli incendi estivi? Oppure i grandi-magazzini di favorire gli omicidi, rivendendo coltelli?
    non+autenticato
  • Certo, è giustissimo dire che Cisco è una società quotata in borsa, che i suoi amministratori mirano all'utile e che loro vendono soltanto un prodotto.
    E' altrettanto giusto criticare il regime cinese che è il vero colpevole e che compra un prodotto "neutro" per poi farne un uso cattivo.
    C'è solo una piccola considerazione: Cisco non ti rinchiude in un laogai e non ti pianta nemmeno una pallottola nella nuca se la critichi Sorride
    Capisco quindi chi critica le imprese occidentali che collaborano attivamente col regime cinese (o con altri regimi repressivi): visto che agire contro i tiranni è inutile (oltre che assai pericoloso) mi pare giusto che qualcuno se la prenda con le innocue società occidentali.
    non+autenticato
  • Leggevo una volta in "Niente e così sia" di Oriana Fallaci la seguente considerazione: l'oscuro operaio che costruisce la pallottola che ucciderà un uomo può veramente dirsi innocente?
    io non ne sono così sicuro
    non+autenticato
  • L'operaio che produce pallottole può ancora pensare che possano servire a fin di bene, per la polizia o per impiego sportivo o per la difesa nazionale.

    A quanto pare Cisco ha sviluppato un sistema su commissione con un UNICO scopo, quello di favorire la censura cinese.

    E' peggio, molto peggio!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Francesco
    > L'operaio che produce pallottole può ancora
    > pensare che possano servire a fin di bene, per la
    > polizia o per impiego sportivo o per la difesa
    > nazionale.

    E l'operaio che costruisce mine anti uomo o bombe a grappolo ? Sai che l'italia e' uno dei maggiori esportatori ?

    > A quanto pare Cisco ha sviluppato un sistema su
    > commissione con un UNICO scopo, quello di
    > favorire la censura cinese.

    Si, ha sviluppato un sistema su commissione, se non l'avesse fatto Cisco l'avrebbero fatto altri, magari a pezzi senza sapere a cosa stessero lavorando.

    > E' peggio, molto peggio!

    No, il peggio e' solo chi gliel'ha ordinato.
    krane
    22544