Mauro Vecchio

Europa, spopola l'e-gov del Belpaese

A rivelarlo è il Rapporto Istat per l'anno 2010: l'Italia è finita prima nel ranking europeo per l'erogazione di servizi elettronici. Sempre più imprese sfruttano le possibilità offerte dalla Rete, per modulistica o servizi informativi

Roma - "Quella svolta dal presidente Giovannini è una radiografia seria e condivisibile, che colloca l'Italia tra i paesi europei che meglio hanno tutelato la coesione sociale. Il Rapporto Istat di quest'anno mostra infatti che l'Italia ha pagato, a causa della recessione, un prezzo elevato in termini di produzione e di disoccupazione, ma ha anche limitato l'impatto sociale e ha evitato crisi sistemiche analoghe a quelle di altri paesi".

Così ha parlato il ministro per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione Renato Brunetta, recentemente intervenuto a margine della presentazione ufficiale della diciannovesima edizione del Rapporto annuale Istat. L'analisi illustrata in sintesi dal presidente Enrico Giovannini ha così tirato le somme sulla situazione economica del Belpaese alla fine del 2010.

"Il Rapporto annuale Istat, presentato questa mattina al Parlamento, evidenzia il successo delle politiche di E-governement attuate nell'ambito della riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione - si può leggere in una nota diramata da Palazzo Vidoni - la disponibilità di servizi online per imprese e cittadini è la leva che può contribuire a raggiungere gli obiettivi posti per ricerca e sviluppo dalla Strategia Europa 2020".
L'Italia si è dunque piazzata al primo posto nel ranking d'Europa - insieme a paesi come Austria, Irlanda, Portogallo e Malta - con la totalità dei servizi erogati elettronicamente a fronte di una media europea pari all'84,3 per cento. Risultati positivi per il grado di interattività dei servizi offerti, con il 98 per cento per quelli destinati alle aziende e il 99 per cento verso i cittadini.

L'analisi effettuata da Istat ha sottolineato come nel 2010 l'83,7 per cento delle imprese italiane abbia sfruttato i servizi offerti in Rete dalla PA (95 per cento per le varie aziende con almeno 50 dipendenti). Il 77,7 per cento ha utilizzato servizi di natura non informativa, mentre più della metà ha sfruttato servizi e-gov per la modulistica.

"Il Piano per la semplificazione amministrativa 2010-2012, condiviso con le associazioni imprenditoriali, prevede: il completamento delle attività di misurazione entro il 2012, con un risparmio atteso di almeno 17 miliardi di euro per le imprese; l'estensione della misurazione degli oneri alle Regioni e agli Enti locali; la semplificazione mirata per le Pmi sulla base del criterio di proporzionalità", si legge infine nel Rapporto.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàIstat e l'Italia che finisce in ReteAltra statistica conferma il ritardo dell'Italia sulle connessioni. Ma la voglia di Internet e nuove tecnologie c'è, la crescita lo dimostra. Gli Italiani però non si fidano della Rete
  • AttualitàScuola, di WiFi e pagelle digitaliIl prossimo 9 maggio prenderà avvio l'Operazione Scuole in WiFi, voluta dal ministro Brunetta per dotare tutti gli istituti di un access point gratuito per la didattica. E dall'anno prossimo, addio alle pagelle di carta
  • AttualitàLineamica.gov, tutta la PA di BrunettaAltro passo per l'e-government secondo il Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione. Al via il sito che tramite chat, Skype, FAQ e servizi da motore di ricerca vuole spiegare e rendere trasparente la PA al cittadino
20 Commenti alla Notizia Europa, spopola l'e-gov del Belpaese
Ordina
  • Altre panzane in arrivo in settimana? Sulla carta siamo tutti belli e bravi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > Altre panzane in arrivo in settimana? Sulla carta
    > siamo tutti belli e
    > bravi...

    Sulla carta anche "Gioventù Ribelle" era "il capolavoro videoludico sull'unità d'Italia"... ma sulla carta eh!

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • E vogliamo parlare di italia.it???? Il sito più costoso della storia!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > E vogliamo parlare di italia.it???? Il sito più
    > costoso della
    > storia!

    Beh, parliamone pure... il sito che fra le altre cose diceva che Rimini era la città del famosissimo regista "Gioacchino Fellini", metteva Imola tra le province della Liguria al posto di Imperia, e aveva testi che erano stati copiati e incollati da altre pagine web.
    non+autenticato
  • - Scritto da: a campione
    > - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > > E vogliamo parlare di italia.it???? Il sito più
    > > costoso della
    > > storia!
    >
    > Beh, parliamone pure... il sito che fra le altre
    > cose diceva che Rimini era la città del
    > famosissimo regista "Gioacchino Fellini", metteva
    > Imola tra le province della Liguria al posto di
    > Imperia, e aveva testi che erano stati copiati e
    > incollati da altre pagine
    > web.

    Anzi, era pure peggio di quanto ricordavo

    http://scandaloitaliano.wordpress.com/2007/03/18/g.../
    non+autenticato
  • - Scritto da: a campione
    > - Scritto da: a campione
    > > - Scritto da: ciccio quanta ciccia
    > > > E vogliamo parlare di italia.it???? Il sito
    > più
    > > > costoso della
    > > > storia!
    > >
    > > Beh, parliamone pure... il sito che fra le altre
    > > cose diceva che Rimini era la città del
    > > famosissimo regista "Gioacchino Fellini",
    > metteva
    > > Imola tra le province della Liguria al posto di
    > > Imperia, e aveva testi che erano stati copiati e
    > > incollati da altre pagine
    > > web.
    >
    > Anzi, era pure peggio di quanto ricordavo
    >
    > http://scandaloitaliano.wordpress.com/2007/03/18/g

    Se lasciamo i costi da parte, secondo me con Gioventù Ribelle però si è raggiunto davvero il peggio. Italia.it era scandaloso sicuramente per i costi e la realizzazione pessima, ma con Gioventù Ribelle si è avuta davvero l'impressione di una presa per il cu*o. Per fare il paragone, con Italia.it è come se un professore assegnasse una ricerca e lo studente ci impiegasse una vita e portasse una ciofeca piena di strafalcioni, Gioventù Ribelle è lo studente che dice che la ricerca l'ha mangiata il cane e che minaccia di denunciare il professore se dice che non è vero.
    non+autenticato
  • Gioventu' Ribelle... gia'... non ho ancora finito di vomitare... gggghhhhuaaahhhh!!!
    non+autenticato
  • se l'egov italiano spopola in europa... allora l'europa è davvero messo maolto male, ma proprio molto molto
    non+autenticato
  • Mai sentita una caterva di CAZZATE di tale portata.
    non+autenticato
  • - Scritto da: a campione
    > Mai sentita una caterva di CAZZATE di tale
    > portata.

    E adesso censurate pure il messaggio... fate un po' quello che volete, non me ne frega niente. Meglio avere un messaggio censurato che essere un imbecille che crede a questo patetico tentativo di propaganda governativa che non ha alcun riscontro nella realtà dei fatti.
    non+autenticato
  • questo è un problema !!!

    vedi ultimi interventi in tv.

    Mia nonna dopo averlo sentito parlare lo avrebbe votato.
    Ha 90 anni...ma quanti anziani ci sono in italia.

    Questo meccanismo influenza e come il paese...
    non+autenticato
  • quante cz ci sparano.....
    non+autenticato
  • - Scritto da: upr
    > questo è un problema !!!
    >
    > vedi ultimi interventi in tv.
    >
    > Mia nonna dopo averlo sentito parlare lo avrebbe
    > votato.
    > Ha 90 anni...ma quanti anziani ci sono in italia.
    >
    > Questo meccanismo influenza e come il paese...

    Mia nonna quando ha visto che era su tutti i canali s'è messa a insultarlo davanti alla tvA bocca aperta
    Di anni ne ha 92Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • Certo che leggere queste cifre e poi scontrarsi con il proprio comune che non vuol saperne di attivare le proprie caselle @postacertificata.gov.it per non avere l'obbligo di rispondere in tempi certi alle mail dei cittadini il dubbio che stiano parlando di un altro paese te lo fa venire !!!

    JC
  • - Scritto da: IgaRyu
    > Certo che leggere queste cifre e poi scontrarsi
    > con il proprio comune che non vuol saperne di
    > attivare le proprie caselle
    > @postacertificata.gov.it per non avere l'obbligo
    > di rispondere in tempi certi alle mail dei
    > cittadini il dubbio che stiano parlando di un
    > altro paese te lo fa venire
    > !!!
    >
    > JC

    siamo sotto elezioni qualcosa di falso dovranno pur dirlo...
    non+autenticato
  • Per sapere, il tuo comune ha una giunta di che tipo?
  • Di destra... spero non vorrai farne una scelta politica... secondo me una scelta decisamente pragmatica....
  • Infatti è una scelta pragmatica.
    La differenza tra destra e sinistra in Italia è praticamente minima. Sono quasi tutti dediti al tassa e spendi, se non allo spendi e fregatene delle conseguenze.

    I politici si distinguono tra chi vuole aumentare o mantenere le dimensioni dello stato e chi lo vuole diminuire. In Italia il 99% le vuole aumentare. In altri paesi siamo al 98%. In tutti i casi, una amministrazione più trasparente è un problema per loro, perché la gente potrebbe scoprire le porcate che fanno o semplicemente quanto siano inetti. Sfortunatamente, la stragrande maggioranza della gente non giunge alla conclusione logica, cioè che lo stato dovrebbe essere ridotto al minimo e tutto il resto gestito dai privati.
    In questo modo non ci sarebbe motivo per i corrotti di diventare politici (niente da vendere o da rubare) e i cittadini sarebbero in grado di capire quello che fanno i politici e i burocrati e quindi giudicarli sensatamente. Ne burocrati e politici potrebbero vendere protezione o privilegi a chi li sponsorizza.
  • - Scritto da: IgaRyu
    > Certo che leggere queste cifre e poi scontrarsi
    > con il proprio comune che non vuol saperne di
    > attivare le proprie caselle
    > @postacertificata.gov.it per non avere l'obbligo
    > di rispondere in tempi certi alle mail dei
    > cittadini il dubbio che stiano parlando di un
    > altro paese te lo fa venire
    > !!!
    >
    > JC


    Non è che un comune può scegliere.. stanno commettendo un reato. Io lo so perchè ne ho dovuti attivare una decina di PEC istituzionali fra comuni e enti vari.. Però attenzione, non è mica detto che il dominio della PEC istituzionale sia quello. Forse ne hanno una con un'altro gestore.
    non+autenticato
  • >
    >
    > Non è che un comune può scegliere.. stanno
    > commettendo un reato. Io lo so perchè ne ho
    > dovuti attivare una decina di PEC istituzionali
    > fra comuni e enti vari.. Però attenzione, non è
    > mica detto che il dominio della PEC istituzionale
    > sia quello. Forse ne hanno una con un'altro
    > gestore.

    Questo non saprei: so solo che quando ho chiesto lumi all'help desk di postacertificata mi hanno risposto 'non hanno fatto ancora richiesta per attivare le loro caselle'... ma non mi hanno specificato che hanno un altro gestore.

    Dal loro sito io vedo un indirizzo pec di un altro gestore... ma mi domando perché dovrei comprarmi un altra pec solo per poter scrivere a loro, visto che postacertificata non mi fa scrivere a nessun'altro che non sia nelle loro liste...

    JC