Alfonso Maruccia

Texas Instruments contro smanettoni, la vendetta

La casa statunitense di nuovo sul piede di guerra contro gli hacker interessati alla modifica delle sue calcolatrici. Un nuovo firmware elimina il supporto alle applicazioni di terze parti

Roma - Pare proprio che Texas Instruments (TI) ce l'abbia con gli hacker e i programmatori che si divertono a modificare il firmware delle sue calcolatrici scientifiche. La società un tempo sinonimo di calcolo elettronico distribuisce nuove release in serie nel tentativo - apparentemente riuscito - di bloccare ogni possibile "manomissione" del suo prezioso codice proprietario.

La guerra fra TI e hobbisti del calcolo affonda le sue radici lontano nel tempo, e già nel 2009 l'azienda provò a bloccare la scena del modding servendosi dei dettami del tristemente noto Digital Millenium Copyright Act (DMCA) statunitense. L'ultimo episodio di questa guerra si incarna in OS 3.0.2, il firmware che inibisce la programmazione di software di terze parti e blocca qualsiasi tentativo di downgrade a versioni precedenti.

La community di modder era stata in grado di battere le protezioni anti-downgrading del firmware TI sino alla versione 3.0.1, release che tra le altre cose aveva portato il supporto al linguaggio di programmazione Lua per la creazione di applicazioni (e giochi) di terze parti - senza che TI si fosse disturbata a fornire strumenti di coding opportunamente dedicati.
La distribuzione di OS 3.0.2 non solo ha bloccato l'esecuzione dei suddetti programmi in Lua, ma ha sin qui rappresentato un ostacolo difficile da superare per modder e hacker in funzione di un possibile downgrade a versioni di firmware precedenti.

Le nuove misure di protezione e cifratura bloccano ancora una volta l'attività di coloro che vorrebbero semplicemente fare quel che più preferiscono con i dispositivi legalmente acquistati - con buona pace delle autorità USA per cui il jailbreaking dei suddetti dispositivi è garantito a norma di legge.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia Texas Instruments contro smanettoni, la vendetta
Ordina
  • Ok il primo passo, come per Sony, lo hanno fatto.
    Ora manca portare in tribunale qualcuno.
    Poi si vedrà...
    non+autenticato
  • - Scritto da: poiuy
    > Ok il primo passo, come per Sony, lo hanno fatto.
    > Ora manca portare in tribunale qualcuno.
    > Poi si vedrà...

    Hanno un TI-Network da sabotare ?
    non+autenticato
  • Sono pazzi o idioti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Godolo
    > Sono pazzi o idioti?

    Guarda che una cosa non esclude l'altra...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Godolo
    > Sono pazzi o idioti?

    Hai ragione, l'unico motivo per comprare ancora le loro calcolatrici è poterle modificare...
  • per i suoi processori OMAP ha addirittura creato la pandaboard in cui puoi smanettare a piacimento (almeno così m'è sembrato)
    non+autenticato
  • Posso capire che Microsoft si incacchi se gli copiano i programmi, vive di quello.

    Posso capire che le major si incacchino se gli copiano i film, vivono di quello.

    Non posso capire la miopia di TI: il suo business principale è l'hardware, no?

    Invece di favorire lo sviluppo di una comunità fiorente no tutto io tutto io tutto io... amministratore delegato di TI, hai un minimo di visione prospettica oppure vivi solo per la trimestrale di cassa?

    La cosa triste per me è che ho imparato cosa vuol dire sviluppare un programma proprio sulle prima calcolatrici programmabili della TI, l'ho sempre giudicata una azienda innovativa.... forse lo era 40 anni fa.
    non+autenticato
  • Le calcolatrici (anche programmabili) sono utilizzabili nel corso di esami, perché le loro caratteristiche sono ben conosciute dagli esaminatori.
    Se permetti che si possano modificare, gli standard vanno a farsi benedire e rischi che qualche altra azienda commercializzi un prodotto meno modificabile e ti soffi il mercato.
    Hackerati una HP che é meglio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MegaJock
    > Le calcolatrici (anche programmabili) sono
    > utilizzabili nel corso di esami, perché le loro
    > caratteristiche sono ben conosciute dagli
    > esaminatori.
    > Se permetti che si possano modificare, gli
    > standard vanno a farsi benedire e rischi che
    > qualche altra azienda commercializzi un prodotto
    > meno modificabile e ti soffi il
    > mercato.

    Ma che boiata pazzesca.
    Quale infima percentuale di utilizzo riguarderebbe le sedi di esame?

    E quale profondo studio di settore stabilirebbe che uno strumento PIU' BLINDATO incontrerebbe maggiori favori nella clientela?

    > Hackerati una HP che é meglio.

    Io mi hackero quello che voglio, ma se ci deve essere una motivazione a questa idiozia della TI, che sia una motivazione seria, mica quella che non si possono usare agli esami.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Ma che boiata pazzesca.
    > Quale infima percentuale di utilizzo
    > riguarderebbe le sedi di
    > esame?

    D'utilizzo poco. Il problema è che il mercato delle calcolatrici oramai è riferito solo agli studenti, chi usa più una calcolatrice nella vita di tutti i giorni? Sembra assurdo ma è così, l'unico mercato rimasto per le calcolatrici è quello in cui un computer aiuterebbe troppo.

    Negli esami l'uso è poco, ma in molte università UK e USA, dove i modelli di calcolatrice utilizzabili agli esami vengono consegnate in una lista, gli studenti comprano quelle per imparare a usarle prima dell'esame. E tutti ne hanno una. Non sono rimasti molti altri usi per una calcolatrice.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Talking Head
    > - Scritto da: panda rossa
    > > Ma che boiata pazzesca.
    > > Quale infima percentuale di utilizzo
    > > riguarderebbe le sedi di
    > > esame?
    >
    > D'utilizzo poco. Il problema è che il mercato
    > delle calcolatrici oramai è riferito solo agli
    > studenti, chi usa più una calcolatrice nella vita
    > di tutti i giorni? Sembra assurdo ma è così,
    > l'unico mercato rimasto per le calcolatrici è
    > quello in cui un computer aiuterebbe troppo.
    >
    >
    > Negli esami l'uso è poco, ma in molte università
    > UK e USA, dove i modelli di calcolatrice
    > utilizzabili agli esami vengono consegnate in una
    > lista, gli studenti comprano quelle per imparare
    > a usarle prima dell'esame. E tutti ne hanno una.
    > Non sono rimasti molti altri usi per una
    > calcolatrice.

    Quanto costa una calcolatrice di quelle?
    Perche' se le cose stanno davvero cosi', i videotechini potrebbero facimente riconvertirsi in noleggiatori di calcolatrici.
    Aprono una copisteria davanti all'universita' e fanno fotocopie e noleggio di calcolatrici.
  • Sono andata sul sito della TI, effettivamente le calcolatrici sono considerate strumenti prettamente educational (anche le piu' potenti),
    ed effettivamente e' ragionevole, qualsiasi smartphone e' sovradimensionato rispetto alla calcolatrice piu' potente....

    Giulia
    non+autenticato
  • > - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: MegaJock
    > > Le calcolatrici (anche programmabili) sono
    > > utilizzabili nel corso di esami, perché le loro
    > > caratteristiche sono ben conosciute dagli
    > > esaminatori.
    >
    > Ma che boiata pazzesca.
    > Quale infima percentuale di utilizzo
    > riguarderebbe le sedi di
    > esame?

    MegaJock ha ragione. Quelle calcolatrici hanno una utilità quasi esclusiva in sede di esame (per quanto le pubblicizzino come strumenti di supporto alla didatica) e sono approvate da vari enti per il loro utilizzo in quei contesti (negli states, dove queste cose contano per davvero).

    Ce la possibilità che perdano queste certificazioni se diventassero non più "trustable", ma mi viene da ridere a pensare che potrebbe essere il modding/programmi (ASM) di terzi la causa: già con le features base quelle calcolatrici non sono trustable per niente....

    Ad ogni modo è davvero un peccato tagliare le gambe alla comunità di modder/sviluppatori, fanno un lavoro di hacking incredibile.
    non+autenticato
  • - Scritto da: MegaJock
    > Le calcolatrici (anche programmabili) sono
    > utilizzabili nel corso di esami, perché le loro
    > caratteristiche sono ben conosciute dagli
    > esaminatori.
    > Se permetti che si possano modificare, gli
    > standard vanno a farsi benedire e rischi che
    > qualche altra azienda commercializzi un prodotto
    > meno modificabile e ti soffi il
    > mercato.
    > Hackerati una HP che é meglio.

    Scusa ma ora sono diversi anni che non frequento piu il mondo universitario e la mia frattura con lo stesso è stata piuttosto repentina e furente...
    Ma oggi quindi gli esaminatori se ti vedono con una TI ti vengono a guardare che firmware hai su prima di concederti di usarla ?
    non+autenticato