Mauro Vecchio

Twitter, scatti cinguettanti?

La piattaforma di microblogging pronta ad annunciare un servizio interno di condivisione di immagini, sulla scia di quanto già sperimentato con Twitpic. Pronti 10 milioni di dollari per l'advertising?

Roma - Si tratta delle ennesime indiscrezioni, recentemente riportate dalla redazione della testata online TechCrunch: i vertici di Twitter sarebbero ormai pronti ad annunciare un nuovo servizio di photo sharing, realizzato internamente alla celebre piattaforma di microblogging.

Nessuna conferma da parte degli alti rappresentanti del social network cinguettante, che dovrebbero annunciare il nuovo servizio nel corso della settimana. Sarà lo stesso CEO di Twitter Dick Costolo a partecipare alle imminenti D9 conference in California.

Stando ai rumors circolati, il servizio di condivisione fotografica dovrebbe prevedere il solito uso dei link abbreviati, sulla scia di quanto già sperimentato con le applicazioni esterne Twitpic e Yfrog. Gli stessi vertici di Twitter avevano consigliato ai vari sviluppatori di non replicare a mezzo app esperienze già offerte agli utenti cinguettanti.
La piattaforma di microblogging sembra ormai molto attiva anche sul mercato, pronta ad acquisire - si dice per una cifra vicina ai 10 milioni di dollari - la startup statunitense AdGrok, specializzata nella gestione dell'advertising online e in particolare delle keywords di AdWords.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessTwitter: TweetDeck è nostroIl social network cinguettante conferma ufficialmente l'acquisizione della startup londinese. Quest'ultima resterà nella sede originaria e continuerà a occuparsi dello sviluppo del prodotto
  • TecnologiaTwitter e l'era del proibizionismoIl tecofringuello ha ulteriormente ristretto il raggio di azione per le applicazioni di terze parti. Più controlli e informazioni in favore della privacy dell'utente finale. Attenzione insperata o decisione strategica?
  • AttualitàTim Berners-Lee: Twitter non mi piaceIl papà del World Wide Web sostiene che il tecnofringuello sia fonte di punti di vista "estremi" e inadatti a partecipare a dibattiti costruttivi. E aggiunge: per il futuro c'è bisogno di strumenti migliori