Alfonso Maruccia

Torvalds porta Linux nell'era tre punto zero

Linus ha deciso di "promuovere" lo storico kernel open source alla main release 3.0. Nessuna novitÓ sconvolgente, ma con la voglia di festeggiare degnamente la perdurante longevitÓ del progetto

Torvalds porta Linux nell'era tre punto zeroRoma - Il progetto Linux fa un nuovo passo avanti e si appresta a raggiungere la release 3.0: Linus Torvalds, "padre" del Pinguino e autore originale del codice open source che ha contribuito a cambiare il mondo della tecnologia, vuole che i prossimi numeri di versione rappresentino degnamente la longevità e il cammino sin qui percorso da Linux.

Torvalds ha distribuito la release candidate di Linux 3.0 sul repository ufficiale del progetto, passo che anticipa la prossima finalizzazione della terza, storica main release del kernel del pinguino. Il rilascio di Linux 3.0 capita quasi in concomitanza con il festeggiamento del ventesimo compleanno del progetto, inizialmente avviato nel 1991 e "bloccato" nel ciclo di aggiornamenti della versione 2.x.x da cinque anni a questa parte.

La volontà di festeggiare i primi 20 anni del pinguino e la sua longevità sono appunto le due motivazioni che Torvalds adduce per l'importante cambio di numerazione del pinguino. Linux 3.0 arriverà sul mercato a breve distanza dalla versione 2.6.39, release che a questo punto rappresenterà l'ultima del ciclo 2.x.x.
Per quanto riguarda le novità tecnologiche propriamente dette, il passaggio dal ciclo 2.x.x a quello 3.x non porta con se avanzamenti di particolare rilevanza: Linux 3.0 conterrà un supporto migliorato all'hardware di Intel e AMD, alle funzionalità dei file system EXT4, Btrfs e XFS, e introdurrà per la prima volta il supporto al sistema di controllo remoto Kinect di Microsoft. Ma il punto è proprio questo: Linux è un sistema maturo e un progetto duraturo, ed è ora per Torvalds che anche il numero di versione rifletta questo avanzamento.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
334 Commenti alla Notizia Torvalds porta Linux nell'era tre punto zero
Ordina
  • Windows resiste nonostante tutto (schifezze a non finire) perché fa girare programmi di grafica 3d (magari a più alti livelli girano su sistemi unix programmi modificati ad hoc, ma l'utente medio non se lo può permettere, di pagare uno sviluppatore o programmatore di sorta). GNU/Linux va bene per chi vuole capire almeno un po' il funzionamento del computer e per chi è interessato al software libero e al software open source, ma la pecca è quella, appunto, che non vi siano comunque aziende disposte ad investire per cercare di comunicare con questo tipo di sistemi. Banalmente: si tratta di introiti.
  • TOP500
    http://www.top500.org

    The TOP500 project was started in 1993 to provide a reliable basis for tracking and detecting trends in high-performance computing. Twice a year, a list of the sites operating the 500 most powerful computer systems is assembled and released.

    http://www.top500.org/stats/list/36/osfam
    Linux 459 91.80%
    Windows 5 1.00%
    Unix 19 3.80%
    BSD Based 1 0.20%
    Mixed 16 3.20%

    http://www.top500.org/charts/list/36/osfam

    Fan Linux
    non+autenticato
  • A mio avviso la TOP500 è uno degli argomenti più abusati e meno sensati per parlare della bontà di Linux come sistema operativo. Da utente appassionato di Linux non posso che confermare che, se la TOP500 dimostra l'ottima scalabilità di Linux, da un punto di vista di mercato non significa una mazza.
  • - Scritto da: Matteo Italia
    > A mio avviso la TOP500 è uno degli argomenti più
    > abusati e meno sensati per parlare della bontà di
    > Linux come sistema operativo. Da utente
    > appassionato di Linux non posso che confermare
    > che, se la TOP500 dimostra l'ottima scalabilità
    > di Linux, da un punto di vista di mercato non
    > significa una
    > mazza.

    come dire dimostra che il motore a benzina da F1 è veloce, molto veloce, ma questo non significa che sia il top per autobus e camion.
  • - Scritto da: shevathas
    > come dire dimostra che il motore a benzina da F1
    > è veloce, molto veloce, ma questo non significa
    > che sia il top per autobus e
    > camion.
    Windows, ormai, da XP in poi non è più una valida benzina. Prima lo era, in ambito entrprise. Oggi non più.
    ╚ lento, buggato, pieno di fronzoli inutili, concettualmente sbagliato (interfaccia grafica che gira a livello kernel), pieno zeppo di API penose che andrebbero rimosse per far posto a .NET come unico framework di sviluppo di applicativi.

    Quello che mantiene ancora in vita Windows è l'OEM e l'ignoranza informatica. Tolte queste due, Windows va a farsi benedire. E questo pian piano sta già succedendo. Basta un poco di onestà intellettuale per capirlo.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 05 giugno 2011 15.21
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > Quello che mantiene ancora in vita Windows è
    > l'OEM e l'ignoranza informatica. Tolte queste
    > due, Windows va a farsi benedire. E questo pian
    > piano sta già succedendo. Basta un poco di onestà
    > intellettuale per
    > capirlo.

    E le applicazioni legacy. Ci sono aziende che hanno applicativi sviluppati negli ultimi vent'anni che girano su Win32, di cui magari si sono persi i sorgenti originali, oppure ci sono ma sono enormi e praticamente ingestibili. Nessuno ha intenzione/voglia/$$$/disponibilità di manodopera per farne il porting su altre architetture o anche solo su framework come .NET.
  • - Scritto da: Matteo Italia
    > E le applicazioni legacy. Ci sono aziende che
    > hanno applicativi sviluppati negli ultimi
    > vent'anni che girano su Win32, di cui magari si
    > sono persi i sorgenti originali, oppure ci sono
    > ma sono enormi e praticamente ingestibili.
    > Nessuno ha intenzione/voglia/$$$/disponibilità di
    > manodopera per farne il porting su altre
    > architetture o anche solo su framework come
    > .NET.
    ╚ vero. Hai ragione. Ho dimenticato questa variabile.
    Darwin
    5126
  • > ╚ lento, buggato, pieno di fronzoli inutili,
    > concettualmente sbagliato (interfaccia grafica
    > che gira a livello kernel), pieno zeppo di API
    > penose che andrebbero rimosse per far posto a
    > .NET come unico framework di sviluppo di
    > applicativi.
    >
    la maledizione della retrocompatibilità.

    > Quello che mantiene ancora in vita Windows è
    > l'OEM e l'ignoranza informatica. Tolte queste
    > due, Windows va a farsi benedire. E questo pian
    > piano sta già succedendo. Basta un poco di onestà
    > intellettuale per
    > capirlo.

    veramente la voce che tiene a galla windows è che per win esistono tonnellate di software per office automation e che si tratta del sistema operativo sul quale molti terzi hanno investito in sviluppo di programmi. Riscrivere o adattare tutto quanto scritto per windows a linux semplicemente costa troppo. E' questo che, insieme ad un ottimo supporto all'ambito enterprise/client, che lo terrà a galla moooolto a lungo.
  • - Scritto da: shevathas
    > la maledizione della retrocompatibilità.
    Già.

    > veramente la voce che tiene a galla windows è che
    > per win esistono tonnellate di software per
    > office automation
    Ormai molti di questi sono multi-piattaforma.
    Adobe Reader Pro gira su tutti e tre.
    Il supporto al PostScript pure.
    Software come Indesign possono essere sostituiti da Scribus.
    LaTEX è multipiattaforma.
    ecc.

    L'unico che rimane è Office con i suoi formati proprietari. Se comunque si passasse ai formati liberi, si eviterebbe anche l'uso di quest'ultimo.

    > Riscrivere o adattare
    > tutto quanto scritto per windows a linux
    > semplicemente costa troppo.
    Se l'alternativa c'è non devi riscrivere nulla.

    > E' questo che,
    > insieme ad un ottimo supporto all'ambito
    > enterprise/client, che lo terrà a galla moooolto
    > a
    > lungo.
    Io non sono così ottimista shevatas.
    La situazione, IMHO, è molto cambiata rispetto a 10-15 anni fa.
    Darwin
    5126
  • > Quello che mantiene ancora in vita Windows è
    > l'OEM e l'ignoranza informatica.

    anche la legge dei grandi numeri se tra tanti sviluppatori VB si salva poco di utile, tra i tanti che sviluppano per windows ci sono spesso ottimi prodotti ... nonostante windows.

    Un esempio: uso Paint Shop Pro che continuo a preferire a GIMP.
    non+autenticato
  • oddio un paragone un pò forzato

    qui non è questione di velocità ma di stabilità, scalabilità, modularità, shrinakabilità, ottimizzazione, tutte caratteristiche che linux ha

    il settore hpc necessita sempre del massimo e la velocità la ottieni solo se le condizioni di sopra vengono raggiunte

    in sostanza l'hpc è la cartina di tornasole dei sistemi operativi
    non+autenticato
  • - Scritto da: Matteo Italia
    > A mio avviso la TOP500 è uno degli argomenti più
    > abusati e meno sensati per parlare della bontà di
    > Linux come sistema operativo.
    Non sono d'accordo.
    Per muovere i mainframe, server, piattaforme embedded ecc. ci vuole un sistema operativo che sia:
    1) Portabile.
    2) Stabile ed efficiente.

    Per raggiungere questi due scopi è necessario aver scritto del codice di qualità.
    Un software non di qualità difficilmente è portabile.
    Inoltre è un motivo di vanto, in quanto è un enorme schiaffo morale per Microsoft che cerca di spacciarsi per leader imponendo il suo prodotto con campagne di marketing.
    Il fatto che venga scelto, da parte di aziende, un sistema operativo open source, senza un briciolo di marketing alle spalle e che viene sviluppato da volontari sparsi nel mondo è un valido motivo per dimostrare la bontà di un kernel.

    > Da utente
    > appassionato di Linux non posso che confermare
    > che, se la TOP500 dimostra l'ottima scalabilità
    > di Linux, da un punto di vista di mercato non
    > significa una
    > mazza.
    Ma Linux non ha ideologia di mercato.
    Linux non ha un fatturato.
    Che Linux abbia il 100% del mercato, non è importante per nessuno. Anzi sarebbe peggio.
    Non è mai stato questo l'obbiettivo degli sviluppatori e tutt'ora non lo è.
    Darwin
    5126
  • come da oggetto.

    ma perché tutta sta acidità e cattiveria nei commenti...vivetela più serena come notiziaOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: io sono rilassato
    > come da oggetto.

    > ma perché tutta sta acidità e cattiveria nei
    > commenti...vivetela più serena come notizia
    >Occhiolino

    Forse non sai con chi hai a che fare:

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    krane
    22544
  • Ahahahahahaha!
    1 immage > 1k words.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 01 giugno 2011 10.24
    -----------------------------------------------------------
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Rotola dal ridereRotola dal ridere Mitico! Mi hai fatto lollare fino alle lacrime! Rotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: io sono rilassato
    > come da oggetto.
    >
    > ma perché tutta sta acidità e cattiveria nei
    > commenti...vivetela più serena come notizia
    >Occhiolino

    esatto, state scialli fraté
    non+autenticato
  • perchè sarebbe stato meglio?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gentile
    > perchè sarebbe stato meglio?

    Io l'avrei vista anche con un nome tipo Armando...
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Gentile
    > > perchè sarebbe stato meglio?
    >
    > Io l'avrei vista anche con un nome tipo Armando...

    ispettore, io stavo andando, m'è caduto giù l'Armando!
    non+autenticato
  • - Scritto da: asd
    > Sarebbe stato meglio


    ...Ma non poteva, perché a suo tempo hanno abolito il "development branch", l'ipotetico 2.7. Con le evidenti conseguenze.
  • - Scritto da: asd
    > Sarebbe stato meglio

    ma che è con sta cosa che deve per forza essere minore di 3? mica li paghi i numeri di versione
  • Spero almeno che per la 3.0 risolvano 'sto problema del consumo energetico che e` esploso dalla 2.6.38 alla attuale stable.

    Purtroppo l'ho verificato di persona sul portatile: mai avuta una ventola talmente impazzita come dopo aver montato il 2.6.38.

    Stessa cosa col 2.6.39. Pertanto sono regredito al 2.6.37.

    Ho letto che pare possa trattarsi di un problema nella gestione della memoria, ma che anche gli sviluppatori del kernel non hanno ancora trovato dove sta la regression.

    Qualcuno che ha avuto piu` tempo di me di documentarsi nelle ultime settimane ha qualche news a riguardo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: t a n y s t r o p h e u s
    > Spero almeno che per la 3.0 risolvano 'sto
    > problema del consumo energetico che e` esploso
    > dalla 2.6.38 alla attuale
    > stable.
    >
    > Purtroppo l'ho verificato di persona sul
    > portatile: mai avuta una ventola talmente
    > impazzita come dopo aver montato il
    > 2.6.38.
    >
    > Stessa cosa col 2.6.39. Pertanto sono regredito
    > al
    > 2.6.37.
    >
    > Ho letto che pare possa trattarsi di un problema
    > nella gestione della memoria, ma che anche gli
    > sviluppatori del kernel non hanno ancora trovato
    > dove sta la
    > regression.
    >
    > Qualcuno che ha avuto piu` tempo di me di
    > documentarsi nelle ultime settimane ha qualche
    > news a
    > riguardo?

    Prova a vedere su OpenBenchmarking. A quanto pare nel branch 2.6.X il problema del consumo energetico persiste...
    ...e credo anche nella 3.0-RC visto che non è molto diversa dalla 2.6.39. Spero di essere smentito al più presto
    non+autenticato
  • - Scritto da: t a n y s t r o p h e u s
    > Spero almeno che per la 3.0 risolvano 'sto
    > problema del consumo energetico che e` esploso
    > dalla 2.6.38 alla attuale
    > stable.
    [...]
    > Qualcuno che ha avuto piu` tempo di me di
    > documentarsi nelle ultime settimane ha qualche
    > news a
    > riguardo?

    io come utente mi dico: devo sapere come fare ad usarlo, ma che sia fallato, mi riguarda solo in quanto fonte di problemi e motivo di lamentele.
    non+autenticato
  • - Scritto da: t a n y s t r o p h e u s
    > Stessa cosa col 2.6.39. Pertanto sono regredito
    > al
    > 2.6.37.
    >
    > Ho letto che pare possa trattarsi di un problema
    > nella gestione della memoria, ma che anche gli
    > sviluppatori del kernel non hanno ancora trovato
    > dove sta la
    > regression.
    >
    > Qualcuno che ha avuto piu` tempo di me di
    > documentarsi nelle ultime settimane ha qualche
    > news a
    > riguardo?

    Stanno lavorando pesantemente su alcune api del PM.
    Il fatto è che la 2.6.38 è una pesante regression su tanti aspetti a mio parere; per esempio il supporto per SuperH è andato a catafascio. Tanto che sto pensando di regredire addirittura alla 2.6.24 o giù di lì.
    (per non parlare dell'atteggiamento degli sviluppatori, meglio stendere un velo pietoso.)
  • quindi concordi che un bel passaggio alla 3.0 ci voleva?

    su phoronix ho letto che risolveranno il problema del risparmio energetico con questa release

    inoltre hanno cambiato pure il meccanismo di reboot e altre amenità su dri, vfs, ecc...

    il problema è che il 3.0 doveva essere fatto tanto tempo fa, invece si è preferito andare avanti a piccoli passi ed evitare di breakare tutto

    solo che nel software un punto di break ci vuole sempre, kde docet
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > quindi concordi che un bel passaggio alla 3.0 ci
    > voleva?
    >

    Sinceramente? Lo trovo un po' ridicolo, in questo momento, visti i problemi.
    Però ha un senso, ma non è il nocciolo della questione a mio parere.
    Per come la vedo io l'errore è stato lasciare il paradigma dello sviluppo 2.4/2.5 per unificare il tutto. Inoltre è opportuno, al più presto, un cambio di mentalità da parte degli sviluppatori, un cambio davvero molto radicale, lasciando da parte l'accademia e concentrandosi sul pragmatismo.
    Prova a prendere il driver della seriale della piattaforma SH, ad esempio. Assolutamente ingestibile e almeno per alcune CPU, fortemente buggato. Tutto perché hanno voluto riunire su un singolo file tutto lo sviluppo per tutte le cpu SuperH, rendendolo di fatto un vero incubo. Tutto per dire, "quanto siamo bravi".
    Ma chi lavora con linux, non ha tempo da perdere dietro a queste cazzate.

    > il problema è che il 3.0 doveva essere fatto
    > tanto tempo fa, invece si è preferito andare
    > avanti a piccoli passi ed evitare di breakare
    > tutto
    >
    > solo che nel software un punto di break ci vuole
    > sempre, kde
    > docet

    Senz'altro: Anche Apple docet, anche se ha altri problemi.
    Il problema dello sviluppo "Community driven" è questo, poca preparazione a livello di management. In questo senso, capisco l'atteggiamento di google ed altri...
  • - Scritto da: HappyCactus

    > Prova a prendere il driver della seriale della
    > piattaforma SH, ad esempio. Assolutamente
    > ingestibile e almeno per alcune CPU, fortemente
    > buggato. Tutto perché hanno voluto riunire su un

    non sapevo avesse così tanti problemi

    ma mi sovviene una possibile motivazione per ciò e cioè che la diffusione non è tale da portare una forza lavoro adeguata a realizzare il codice per bene

    alla fin fine lo sviluppo di linux è molto squilibrato a favore di quelle che sono le architetture di cpu dominanti, perchè c'è molta manodopera e interesse diretto delle aziende
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > > Prova a prendere il driver della seriale della
    > > piattaforma SH, ad esempio. Assolutamente
    > > ingestibile e almeno per alcune CPU, fortemente
    > > buggato. Tutto perché hanno voluto riunire su un
    >
    > non sapevo avesse così tanti problemi

    Neppure il mio cliente quando ha scelto questa strada!


    >
    > ma mi sovviene una possibile motivazione per ciò
    > e cioè che la diffusione non è tale da portare
    > una forza lavoro adeguata a realizzare il codice
    > per
    > bene
    >
    > alla fin fine lo sviluppo di linux è molto
    > squilibrato a favore di quelle che sono le
    > architetture di cpu dominanti, perchè c'è molta
    > manodopera e interesse diretto delle
    > aziende


    Di principio hai ragione: ma l'ulteriore problema è che si tentano soluzioni "fighette" che hanno molto poco di professionale. E' chiaro che gestire 5 o 6 versioni di un software molto simile (il supporto per esempio per la seriale delle sh-2, sh-3, sh-4 e sh-mobile) può essere frustrante e ridondante, tuttavia renderlo un corpus unico illeggibile perché costituito da centinaia di #define e completamente privo di documentazione e commenti è anche peggio.
  • - Scritto da: HappyCactus

    > Neppure il mio cliente quando ha scelto questa
    > strada!
    >

    è alquanto sprovveduto


    >
    > Di principio hai ragione: ma l'ulteriore problema
    > è che si tentano soluzioni "fighette" che hanno
    > molto poco di professionale. E' chiaro che
    > gestire 5 o 6 versioni di un software molto
    > simile (il supporto per esempio per la seriale
    > delle sh-2, sh-3, sh-4 e sh-mobile) può essere
    > frustrante e ridondante, tuttavia renderlo un
    > corpus unico illeggibile perché costituito da
    > centinaia di #define e completamente privo di
    > documentazione e commenti è anche
    > peggio.

    ma stiamo parlando del kernel? lì ci sono precise regole riguardo i sorgenti e non te l'accettano se non le rispetti
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > > frustrante e ridondante, tuttavia renderlo un
    > > corpus unico illeggibile perché costituito da
    > > centinaia di #define e completamente privo di
    > > documentazione e commenti è anche
    > > peggio.
    >
    > ma stiamo parlando del kernel? lì ci sono precise
    > regole riguardo i sorgenti e non te l'accettano
    > se non le
    > rispetti

    Le regole sono regole, non garantiscono la qualità o la leggibilità del codice.
    Non so se hai mai avuto modo di guardare il funzionamento interno e l'implementazione del kernel.
    Ma ci sono molti aspetti che personalmente mi lasciano perplesso, tra la qualità del codice e certe scelte progettuali (chi ha detto kobjects?) e certe scelte riguardo i driver...
    Non so, mi sembra sempre più un giochino da studentelli....
  • - Scritto da: t a n y s t r o p h e u s
    > Spero almeno che per la 3.0 risolvano 'sto
    > problema del consumo energetico che e` esploso
    > dalla 2.6.38 alla attuale
    > stable.
    >
    > Purtroppo l'ho verificato di persona sul
    > portatile: mai avuta una ventola talmente
    > impazzita come dopo aver montato il
    > 2.6.38.
    >
    > Stessa cosa col 2.6.39. Pertanto sono regredito
    > al
    > 2.6.37.
    >
    > Ho letto che pare possa trattarsi di un problema
    > nella gestione della memoria, ma che anche gli
    > sviluppatori del kernel non hanno ancora trovato
    > dove sta la
    > regression.
    >
    > Qualcuno che ha avuto piu` tempo di me di
    > documentarsi nelle ultime settimane ha qualche
    > news a
    > riguardo?
    Concordo anche io su alcuni difetti allo stack della gestione energetica.
    Dalla 2.6.38.6 ho alcuni problemi allo shutdown.
    Infatti sono tornato col kernel di default della Slackware.
    Darwin
    5126
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)