Alfonso Maruccia

OpenOffice.org l'adotta Apache Foundation

Oracle annuncia la destinazione ultima del codice "liberato" della suite di produttività open source. Reazioni positive, anche da parte di The Document Foundation. Verso la riunione con LibreOffice?

Roma - Dopo l'annunciata "liberazione" del codice di OpenOffice.org e il suo ritorno alla community, Oracle completa l'opera comunicando la destinazione finale di quella che fu la suite di produttività open source di Sun. D'ora in poi sarà Apache Foundation a occuparsi del progetto, e i transfughi di The Document Foundation già si dicono fiduciosi per la possibile convergenza con il fork LibreOffice.

"La donazione di OpenOffice.org ad Apache fornisce a questo popolare software consumer una infrastruttura open e ben affermata per continuare a far bene anche in futuro", dice Oracle annunciando il passaggio di consegne, enfatizzando in particolare il modello di Apache che "permette a contributori commerciali e volontari di collaborare allo sviluppo del prodotto".

Oracle prova così a sotterrare l'ascia di guerra scatenata contro Apache Foundation e l'intero mondo dell'open source a causa della gestione degli asset FOSS ereditati da Sun, un contrasto che nel caso di Apache ha raggiunto il suo apice con l'abbandono - da parte di quest'ultima - del Comitato Esecutivo di Java.
La donazione di OOo per la sua integrazione nel programma di "incubazione" delle iniziative open source è stata accolta a braccia aperte da Apache Foundation, e anche se di tono diverso sostanzialmente positive sono le reazioni dell'organizzazione che ha creato la fork LibreOffice in contrasto con la gestione di OOo da parte di Oracle.

The Document Foundation ha già affermato la sua volontà di procedere da sola nonostante il ritorno alla community di OpenOffice.org, e tale posizione resta sostanzialmente valida anche alla luce dell'adozione del progetto da parte di Apache anche se con sfumature che non chiudono definitivamente la porta a una possibile riunificazione in futuro.

"La comunità Apache, nei confronti della quale TDF ha un profondo rispetto, ha regole e aspettative diverse - in relazione alla licenza e alla membership - rispetto ai due progetti OOo e LibreOffice" dichiara la fondazione in un comunicato. "Secondo noi - continua TDF - è stata persa un'opportunità, ma confermiamo il nostro impegno a lavorare insieme a tutti i membri attivi della comunità per individuare il percorso di evoluzione migliore per LibreOffice e OOo".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàJava, Apache abbandonaApache Software Foundation e Oracle sempre più verso la rottura. ASF voleva una risposta chiara, ora la governance di Java è più inceerta. La foundation lascia il comitato esecutivo
  • TecnologiaOpenOffice.org, ritorno alla communityOracle si arrende e ritorna sui propri passi: OO.org cesserà di essere un software commerciale e il codice verrà gestito in maniera diretta dalla community di sviluppatori. Che cosa faranno quelli di LibreOffice?
  • TecnologiaLibreOffice, avanti da soli e con orgoglioLa foundation del progetto open source nato da una costola di OpenOffice va avanti e non si cura degli sforzi di riappacificazione di Oracle. LibreOffice è il futuro
  • AttualitàJava, Oracle vuole rifondare la communityIl colosso dei database annuncia importanti cambiamenti in vista di un nuovo inizio per la community di Java. Con tanto di maggiore trasparenza e partecipazione di tutti nel processo di standardizzazione
21 Commenti alla Notizia OpenOffice.org l'adotta Apache Foundation
Ordina
  • qui
    http://www.programmazione.it/index.php?entity=eite...
    non si dice proprio la stessa cosa, esiste una questione licenze o sbaglio?
    non+autenticato
  • (stavolta l'ho scritto giusto?)

    Quest'orgoglio non fa che rafforzare Microsoft Office, da cui questi prodotti open source traggono (purtroppo) ispirazione.
    ruppolo
    33147
  • non capisco cosa ci abbia guadagnato oracle dal fare una stronzata simile
    non+autenticato
  • Ormai OpenOffice è morto.

    LibreOffice forever.

    http://www.libreoffice.org
    non+autenticato
  • a me libreoffice ha quasi devastato il pc...!
    e la disinstallazione è stata pesante tanto quanto
    evidentemente lo era l'installazione..!
    e questo direi a parita di funzionalita...
    pertanto, personalmente e al di la di questioni
    di politica-software fin tanto che il buon vecchio Oo campa
    me lo tengo stretto...! saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ciuz
    > a me libreoffice ha quasi devastato il pc...!

    Cioe' in che senso ? Che ha fatto ?

    > e la disinstallazione è stata pesante tanto quanto
    > evidentemente lo era l'installazione..!

    Che problemi ti ha dato ? Che versione era ?

    > e questo direi a parita di funzionalita...
    > pertanto, personalmente e al di la di questioni
    > di politica-software fin tanto che il buon
    > vecchio Oo campa me lo tengo stretto...! saluti

    Fai bene che magari ti aiuta ad esprimerti, ma che vuol dire che ti ha fatto danni ? E' uscito un braccino dal lettore cd che ti ha preso a martellate il pc ?
    krane
    22544
  • Non vedo perchè dovrebbero riunirsi, apprezzo la scelta di LibreOffice.
    Credo che le distribuzioni GNU/Linux che sceglieranno di abbandonare OOo (o comunque non usarlo come scelta predefinita) in favore di LibreOffice aumenteranno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nessuno uno centomila
    > Non vedo perchè dovrebbero riunirsi, apprezzo la
    > scelta di
    > LibreOffice.
    > Credo che le distribuzioni GNU/Linux che
    > sceglieranno di abbandonare OOo (o comunque non
    > usarlo come scelta predefinita) in favore di
    > LibreOffice
    > aumenteranno.

    no, devono riunirsi! Prima di tutto perché non ha senso sprecare risorse su due fork: se ci sono 20 programmatori disposti a lavorare su OO/LibreO è meglio che lavorino tutti assieme piuttosto che 10 su uno e 10 sull'altro. Questo garantisce uno sviluppo più veloce, è ovvio e noi avremmo solo da guadagnarci. In caso contrario rischiamo di avere certe features o certi bug fix solo in uno dei due fork. Col tempo, un fork avrà certe feature in più che non trovo nell'altro fork e viceversa, mentre se i due gruppi si uniscono non saremo costretti a scegliere.
    Poi c'è il fatto che il marchio openoffice ci ha messo moltissimi anni a affermarsi, e adesso che finalmente OO è conosciuto e utilizzato anche al di fuori della cerchia degli informatici dovremmo metterci a spiegare che non deve essere utilizzato più e sostituito da LibreOffice?
    Suvvia... questo è un atteggiamento suicida e idealista, che non farebbe bene allo sviluppo di OO, quindi se si riunificano è meglio!
    non+autenticato
  • Hanno rilasciato in questi giorni la versione 3.4 di LIBREOFFICE, invece OPEN OFFICE è ancora alla 3.3. Questo ci fa capire qual'è il progetto più vitale...
    non+autenticato
  • per forza, tutti gli sviluppatori sono passati alla document foundationA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > per forza, tutti gli sviluppatori sono passati
    > alla document foundation
    >A bocca aperta

    Ni: e' vero che gran parte degli sviluppatori OOO sono passati a LibreOffice (ma non tutti), ma e' anche vero che LibreOffice ha avuto un massiccio incremento di contributors rispetto a OOO (ha attratto piu' sviluppatori in pochi mesi rispetto a OOO in tutti i suoi anni di attivita'). In effetti il team di LibreOffice conta di piu' del doppio degli sviluppatori di OOO dei tempi migliori. Sicuramente quelli di TDF sono piu' bravi nel creare interesse e attrarre sviluppatori e contributors esterni che neanche Sun prima e Oracle dopo (tant'e' che il modello di sviluppo sotto l'egida di queste due aziende, specie Oracle, era alquanto chiuso e controllato).
    non+autenticato
  • magari è stato l'odio contro Oracle ad attrarre gli sviluppatori

    in questo caso sarebbe un'ottima strategia coinvolgere le multinazionaliA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: gustavo
    > Hanno rilasciato in questi giorni la versione 3.4
    > di LIBREOFFICE, invece OPEN OFFICE è ancora alla
    > 3.3. Questo ci fa capire qual'è il progetto più
    > vitale...

    Occhio che la 3.4.0 si preannuncia come un bagno di sangue, in realtà è una beta mascherata da versione definitiva. Infatti qui http://blog.documentfoundation.org/2011/06/03/the-.../ avvertono:

    "The first release of the 3.4 series, LibreOffice 3.4.0, is targeted to community members and power users, and should not be implemented in a corporate environment. The Document Foundation has explained that following its time based release schedule – the best strategy for a distributed and cooperative development environment – the best releases for such deployments start from x.x.1. Because of this, LibreOffice 3.3.x is going to be maintained for several months to come, until the end of calendar year 2011, for the most conservative users."
    non+autenticato
  • Comunque la 3.4 non mi ha dato problemi...
    non+autenticato
  • Ottimo, bene a sapersi. Allora aspetterò la 3.4.1 per aggiornare la mia 3.3
    non+autenticato
  • - Scritto da: gustavo
    > Hanno rilasciato in questi giorni la versione 3.4
    > di LIBREOFFICE, invece OPEN OFFICE è ancora alla
    > 3.3. Questo ci fa capire qual'è il progetto più
    > vitale...

    scusa ma che senso ha giudicare lo stato di avanzamento di un progetto a seconda del numero di versioni rilasciate? Io posso fare 10 modifiche e rilasciarle in 10 versioni diverse o in una sola versione che le incorpori tutte e 10, oppure posso fare come fa google chrome che a ogni piccola modifica avanza il numero di versione principale per cui in un anno è arrivato alla versione 11, mentre firefox è alla versione 4 in 10 anni, ma non è che per questo sia meno stabile o faccia meno cose! Semplicemente, firefox usa il corretto significato dei numeri di versione, cambiando la major release solo quando veramente è necessario, altri ne fanno un uso un po' disinvolto per far sembrare che lo sviluppo va avanti più degli altri...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)