Cristina Sciannamblo

Siria, connessione instabile

Nel paese mediorientale l'accesso alla Rete è sotto il totale controllo delle autorità. Si alternano momenti di blocco quasi generale a giorni di normalità. La stabilità delle connessioni rimane lontana

Roma - La recrudescenza delle proteste e delle violenze coincide con l'interruzione pressoché totale delle connessioni in Siria. Secondo fonti accreditate, quasi due terzi dei network digitali del paese mediorientale sarebbero finiti offline qualche giorno fa e poi parzialmente ripristinati.

Secondo quanto riportato sul blog di Renesys, nel corso di circa un'ora e mezza 40 dei 59 network locali sono stati isolati. Nella giornata di sabato lo stato delle connessioni si è avviato verso la normalità secondo il report di Google Transparency, per il quale il traffico sarebbe ritornato ai livelli precedenti al blackout.

Al Jazeera ha confermato l'interruzione delle connessioni addebitandola all'inasprimento delle proteste da parte dei dissidenti e alla conseguente reazione del regime di Bashar al-Assad, il quale avrebbe allargato le maglie della censura procedendo al blocco sistematico di Internet così come accaduto in Egitto, Tunisia e Libia.
Il controllo integrale della Rete in Siria è reso possibile dalla presenza di un unico provider controllato dallo Stato, Syrian Telecom Establishment, che acquista la maggior parte della banda da Turk Telekom e Deutsche Telekom. Altri provider presenti nel paese, che forniscono connettività 3G e 3.5G, possono operare solo con l'autorizzazione delle autorità governative.

Nel frattempo, un attacco di tipo DDoS nei confronti di alcuni siti siriani è stato compiuto da parte di Anonymous. Al momento, escludendo il sito dell'ambasciata siriana in Francia, non è ancora chiaro con esattezza quali siano stati i bersagli presi di mira.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàSiria, fantocci su FacebookLe autorità siriane si sono appropriate delle password per accedere agli account degli arrestati. Messaggi filogovernativi sono comparsi sulle pagine dei dissidenti. E la censura strategica continua
  • AttualitàEgitto, la caduta di InternetIl governo egiziano sarebbe riuscito nel tentativo di spegnere Internet. Hillary Clinton chiede il ripristino della libera circolazione delle informazioni. E Anonymous annuncia un atto di sabotaggio online
  • AttualitàLibia, divieto di accesso alla ReteIl paese di Gheddafi procede al blocco completo delle connessioni attraverso la dispersione dei dati inviati ai server. Una tecnica nuova rispetto ai casi precedenti, che consente la discrezionalità nella censura