Mauro Vecchio

USA, educazione al sexting

I democratici sponsorizzano un disegno di legge che differenzi lo scambio di immagini pruriginose dai reati di pedopornografia. I teenager dovrebbero seguire un corso di recupero sui pericoli (legali e morali) del sexting

Roma - Un nuovo disegno di legge, proposto da un gruppo di senatori democratici per mitigare un fenomeno ormai in ascesa in terra statunitense. Trattasi però di un approccio meno aggressivo alle attività di sexting, ovvero dell'invio a mezzo elettronico - tipicamente via cellulare - di immagini pruriginose o addirittura pornografiche.

E le previsioni legislative del Cyber-Crime Youth Rescue Act cercheranno di istituire un vero e proprio programma di recupero degli adolescenti a stelle e strisce, spesso colti a scambiarsi immagini di nudo o rappresentazioni esplicite del proprio corpo. Il gruppo di senatori vorrebbe in sostanza differenziare il sexting da reati più pesanti come quello legato alla condivisione di immagini pedopornografiche.

Ai responsabili dell'Office of Children and Family Services verrebbe dunque assegnato un compito tra i più delicati: istituire dei corsi formativi sui pericoli (legali e morali) del sexting. Tutti gli adolescenti colti in flagrante verrebbero così obbligati a seguire un programma di recupero, affinché comprendano gli eventuali pericoli legati allo scambio selvaggio di immagini pornografiche.
Un approccio decisamente più morbido di quello mostrato dalle autorità di stati come la Virginia e la Pennsylvania, già scagliatesi a livello penale contro il fenomeno del sexting. I minori - scarsamente consapevoli del rischio di finire nelle grinfie di un predatore sessuale - dovrebbero essere educati e non puniti. C'è chi non ha risparmiato l'ironia: il programma farebbe bene anche a molti adulti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, sexygate cinguettatoAnthony D. Weiner, democratico statunitense, ha ammesso di aver scattato e twittato foto che lo ritraevano en deshabillé. Conserverà la propria carica istituzionale anche se la Camera dei Rappresentanti ha annunciato un'indagine
  • AttualitàUSA, occhio sul sextingE' possibile frugare fra i messaggi di testo inviati da un dipendente se si sospetta che sia stato violato il regolamento che vige sul posto di lavoro. Lo ha stabilito la Corte Suprema
  • AttualitàUSA, sexting o privacy?Un poliziotto a stelle e strisce beccato a sessaggiare con un cercapersone fornito dal comune. Dato un limite imposto di caratteri, aveva pagato per quelli in più. Per l'uomo, si è trattato di violazione della privacy
  • AttualitàUSA, sexting all'appelloRespinto il ricorso della procura del Wyoming, già condannato per aver minacciato alcune studentesse beccate a sessaggiare. Non ci sarebbero prove sufficienti per stabilire una effettiva distribuzione delle foto