Roberto Pulito

Sakshat, il tablet indiano a basso costo

Debutto ufficiale per l'economica tavoletta indiana che include OS Android, porta USB, webcam frontale e 32GB di spazio per i dati

Roma - Economico ma full-optional. Sembra essere questo il nuovo motto di Sakshat, azienda indiana che continua a proporre dispositivi acquistabili con una manciata di dollari. Il primo laptop low-cost non ha convinto granché e ora gli occhi del governo sono puntati sul tablet Android da 7 pollici. Lo scopo ultimo è sempre quello di informatizzare il paese.

La ritardataria tavoletta indiana è ormai arrivata sulla rampa di lancio, anche se il prezzo di listino definitivo è salito fino a 49 dollari. Per acquistarla all'incredibile cifra annunciata inizialmente, 25 dollari, bisognerà richiedere l'apposito sussidio statale.

Anche se si parla di un dispositivo poco rifinito, assemblato a buon mercato, le specifiche tecniche appaiono di tutto rispetto. La lista include infatti porta USB, antenna WiFi, webcam frontale e 32GB di spazio per il salvataggio dei dati. Il processore, un ARM 11 che lavora a 800Mhz, è supportato da 2GB di memoria RAM.

Il tablet marchiato Sakshat ha rischiato di rimanere un vaporware proprio per le difficoltà incontrate negli accordi economici tra governo e costruttore. Al momento non ci sono informazioni riguardo un'eventuale commercializzazione del miracoloso dispositivo sul mercato internazionale.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • AttualitàIl laptop indiano è una bufalaLa speranza di abbattere il digital divide con un computer da una manciata di euro si scontra con un hard disk. Il laptop pensato per traghettare l'India intera verso la società digitale è una raccolta di ebook scolastici
  • TecnologiaIndia, il tablet da 35 dollari in forseL'uscita sul mercato della tavoletta dei miracoli sarebbe di nuovo stata rimandata. All'origine ci sarebbero i disaccordi economici tra il governo e il maggior appaltatore. Impossibile da costruire?
  • AttualitàIndia, un tablet da 35 dollariLe istituzioni del paese asiatico ci provano ancora ma correggono il tiro: presto l'India avrà il suo tablet a bassissimo prezzo, con la speranza di abbassarlo ancora in futuro. Sembra ma non è un computer, precisano dal governo
77 Commenti alla Notizia Sakshat, il tablet indiano a basso costo
Ordina
  • A un prezzo così, questi qui mi sa che non pagano un euro delle tecnologie brevettate utilizzate.
    non+autenticato
  • anche 10 euro sono un prezzo troppo alto...

    purtroppo per loro ovviamente!

    Sorride
  • Il vero progresso e' quello di prendere un oggetto tecnologico e renderlo il meno costoso possibile.

    E se un tablet puo' arrivare a costare meno di 100 dollari, vuol dire che chi ha pagato di piu' ha solo arricchito uno che e' gia' miliardario di suo.
  • Quel che non capisco e' come intendano "informatizzare" il paese con un tablet sul quale non puoi fare nulla a livello PRO.
  • - Scritto da: deactive
    > Quel che non capisco e' come intendano
    > "informatizzare" il paese con un tablet sul quale
    > non puoi fare nulla a livello PRO.

    Cosa intendi per "pro" ?
    krane
    22544
  • ehm, intendo dire tutto cio' che implica l'uso del computer in ambito professionale.
    Non credo che un tablet possa esser molto utile ad uno studio legale, o ad uno studio contabile tanto per fare qualche esempio.

    I tablet ( a prescindere dall'os che montano ) li vedo come un bel giocattolo per adulti volto all'entertainment.

    Magari mi sbaglio eh, ma se si deve informatizzare io penso a corsi per newbies, non per gente che il pc gia' lo maneggia.
  • - Scritto da: deactive
    > Quel che non capisco e' come intendano
    > "informatizzare" il paese con un tablet sul quale
    > non puoi fare nulla a livello
    > PRO.
    se provi a guardare i newsgroup di programmazione, trovi ancora tante domande dall'india riguardo il turboc...Perplesso
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: deactive
    > > Quel che non capisco e' come intendano
    > > "informatizzare" il paese con un tablet sul
    > quale
    > > non puoi fare nulla a livello
    > > PRO.
    > se provi a guardare i newsgroup di
    > programmazione, trovi ancora tante domande
    > dall'india riguardo il turboc...
    >Perplesso

    che dal punto di vista della "informatizzazione" nel senso di mettere il naso in come funziona un PC, non mi sembra tutto sommato malaccio..
    per la verità io ho un "background" di solo Basic, ma credo che si comprenda meglio come funziona un PC "dentro" col Basic che con un linguaggio Visuale (almeno se lo si usa solo nei moduli visuali belle e pronti e confezionati)
    Prendete quello che ho scritto con la opportuna tara...
    sono un tantino non aggiornato Sorride
    non+autenticato
  • - Scritto da: Osvy
    > - Scritto da: pippO
    > > - Scritto da: deactive
    > > > Quel che non capisco e' come intendano
    > > > "informatizzare" il paese con un tablet sul
    > > quale
    > > > non puoi fare nulla a livello
    > > > PRO.
    > > se provi a guardare i newsgroup di
    > > programmazione, trovi ancora tante domande
    > > dall'india riguardo il turboc...
    > >Perplesso
    >
    > che dal punto di vista della "informatizzazione"
    > nel senso di mettere il naso in come funziona un
    > PC, non mi sembra tutto sommato
    > malaccio..
    > per la verità io ho un "background" di solo
    > Basic, ma credo che si comprenda meglio come
    > funziona un PC "dentro" col Basic che con un
    > linguaggio Visuale (almeno se lo si usa solo nei
    > moduli visuali belle e pronti e
    > confezionati)
    Questa sul basic la sapevi?Occhiolino
    "It is practically impossible to teach good programming style to students that have had prior exposure to BASIC; as potential programmers they are mentally mutilated beyond hope of regeneration."
    Dijkstra
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > - Scritto da: Osvy
    > > - Scritto da: pippO
    > > > - Scritto da: deactive
    > > > > Quel che non capisco e' come intendano
    > > > > "informatizzare" il paese con un tablet sul
    > > > quale
    > > > > non puoi fare nulla a livello
    > > > > PRO.
    > > > se provi a guardare i newsgroup di
    > > > programmazione, trovi ancora tante domande
    > > > dall'india riguardo il turboc...
    > > >Perplesso
    > >
    > > che dal punto di vista della "informatizzazione"
    > > nel senso di mettere il naso in come funziona un
    > > PC, non mi sembra tutto sommato
    > > malaccio..
    > > per la verità io ho un "background" di solo
    > > Basic, ma credo che si comprenda meglio come
    > > funziona un PC "dentro" col Basic che con un
    > > linguaggio Visuale (almeno se lo si usa solo nei
    > > moduli visuali belle e pronti e
    > > confezionati)
    > Questa sul basic la sapevi?Occhiolino
    > "It is practically impossible to teach good
    > programming style to students that have had prior
    > exposure to BASIC; as potential programmers they
    > are mentally mutilated beyond hope of
    > regeneration."
    > Dijkstra
    eheh, vecchia diatriba. E, no non sono assolutamente d'accordo.
    Ovvio che il GOTO da' una visione "contraria" a una pulita programmazione , ma si puo' benissimo imparare il turbopascal (e apprezzare la programmazione strutturata, con ordinati flowchart) senza impazzire. Io l'ho fatto. Ero addicted ai dialetti Basic (sono 'nato' col vic20 e affini) poi "obbligato" inizialmente dalla scuola, ho imparato anche quello. E probabilmente a usare molti meno GOTO anche in basicOcchiolino
    non+autenticato
  • devo ammettere che (un po') e' vero.
    In lacrime
  • - Scritto da: deactive
    > Quel che non capisco e' come intendano
    > "informatizzare" il paese con un tablet sul quale
    > non puoi fare nulla a livello
    > PRO.

    Concordo, ma "informatizzare il paese" non vuol solo dire far diventare tutti professionisti del settore ma anche, e forse soprattutto, dare a tutti la possibilità di connettersi, vedere foto digitali, avere, insomma, uno strumento informatico in mano. Ed un tablet può essere molto più pervasivo di un PC, è più semplice da usare (pensa all'installazione delle applicazioni dal market vs installazione di Office), è più attraente, te lo puoi portare in giro e non pesa e fa presa un po' su tutti, giovani e meno giovani.
    non+autenticato
  • Hai ragione. Pero' pensaci, in India siamo ben lontani dall'europa.
    Il fatto che sia la culla dei nuovi programmatori e delle test IT del pianeta non significa che ogni famiglia possieda un pc.

    Se come dici tu, li educhi all'utilizzo generico, non credo tu faccia loro un gran favore. Mediamente il loro stipendio medio non permette loro nemmeno di comprarsi un paio di scarpe. Per quale ragione dovrebbero essere interessati a vedere foto e cazzeggiare su un tablet?

    In posti come quelli, per me e' importante educare per dare strumenti pratici di emancipazione e indipendenza. Il cazzeggio purtroppo e' meno prioritario. IMHO.