Alfonso Maruccia

LibreOffice, la suite contesa

Free Software Foundation chiede l'estromissione di OpenOffice.org dall'archivio di codice di Apache Foundation, che nel mentre vota per la sua adozione. Presto LibreOffice sarÓ pronto per il mercato, dicono gli sviluppatori

Roma - Dopo aver portato scompiglio nel mondo delle suite di produttività open con il fork del codice originale del progetto OpenOffice.org, LibreOffice continua a far discutere i protagonisti della community sulla opportunità o meno di lasciare "spazio" anche a un impiego lontano dagli stringenti parametri distributivi della licenza GNU-GPL.

Ad alimentare la discussione è ancora una volta Free Software Foundation, l'organizzazione che più di tutte ha a cuore il copyleft e che coerentemente con i suoi principi ispiratori ha deciso di appoggiare apertamente LibreOffice contro la possibile adozione di OOo nel programma di "incubazione" del codice di Apache.

Anche se la licenza Apache è consigliabile per certe specifiche applicazioni in funzione difensiva contro i troll del copyright, suggerisce FSF, nel caso di OOo sarebbe più opportuno il copyleft "puro" della GNU-GPL perché "il guadagno che il software gratuito può ottenere da una licenza non-copyleft non giustifica una donazione agli sviluppatori di software proprietario".
FSF consiglia la GPL per OOo ma intanto Apache vota a favore dell'incubazione del progetto donato da Oracle alla community.

Ci sono infine novità anche sul fronte LibreOffice e The Document Foundation: l'organizzazione che gestisce la nuova suite di produttività FOSS ha ora una "Advisory Board" di tutto rispetto (Google, SUSE, Red Hat, la stessa FSF e altri), e presto LibreOffice sarà sufficientemente matura anche per il mercato commerciale.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaOpenOffice.org, ritorno alla communityOracle si arrende e ritorna sui propri passi: OO.org cesserÓ di essere un software commerciale e il codice verrÓ gestito in maniera diretta dalla community di sviluppatori. Che cosa faranno quelli di LibreOffice?
  • TecnologiaLibreOffice, avanti da soli e con orgoglioLa foundation del progetto open source nato da una costola di OpenOffice va avanti e non si cura degli sforzi di riappacificazione di Oracle. LibreOffice Ŕ il futuro
  • BusinessFSF, consigli spicci sulle licenze FOSSLa foundation del software libero dispensa consigli su come scegliere la licenza pi¨ appropriata alla distribuzione del proprio lavoro in formato digitale. Il copyleft regna ma in casi di potenziali contese legali Apache Ŕ la pi¨ indicata
  • AttualitàOpenOffice.org l'adotta Apache FoundationOracle annuncia la destinazione ultima del codice "liberato" della suite di produttivitÓ open source. Reazioni positive, anche da parte di The Document Foundation. Verso la riunione con LibreOffice?
442 Commenti alla Notizia LibreOffice, la suite contesa
Ordina
  • Vi dimostro ora come come LibreOffice sia difettoso da progetto, con 2 esempi.
    Il primo esempio riguarda il tavolo di lavoro di Impress confrontato con il tavolo di lavoro di Keynote su iPhone.
    Si, avete letto bene: su iPhone, ovvero su uno schermo più piccolo di quello di un normale PC.

    Ecco gli screen shot di come si presentano le applicazioni alla creazione di un nuovo documento Keynote, su iPhone 4:
    Clicca per vedere le dimensioni originali


    e su LibreOffice, modulo Impress, su monitor 1024x768:
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Osservate la dimensione della slide, su cui andremo a lavorare.
    673x505 pixel su Keynote, 464x348 su LibreOffice
    339.865 contro 161.472 pixel, ovvero su un PC con monitor da 1024x768 tipico di un ufficio, Libre Office offre meno della metà dell'area di lavoro offerta su uno smartphone.
    Ironico, vero?

    Ma vediamo pure LibreOffice su un tipico monitor da portatile o desktop più grande, ad esempio 1280x1024:
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    L'area per la slide è di 714x536, ovvero 382.704 pixel, ovvero appena il 13% in più dell'area sull'iPhone.

    Semplicemente RIDICOLO.

    Per non parlare dell'iPad, la cui area è di 855x642, ovvero 548.910 pixel:
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Un buon 47% di più che un normale notebook PC.

    Infine su Mac OS X, Keynote visualizza l'area al 100% di una presentazione standard da 1024x768 più tutto il resto dell'applicazione e del sistema operativo, in questo spazio, in un monitor 1280x1024 (immagine ridotta al 50%):
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Nemmeno con un monitor full HD da 1920x1080 LibreOffice è in grado di visualizzare l'area di lavoro al 100%, ma solo al 93%.
    Per avere una scala 1:1 su una presentazione standard da 1024x768 occorre un monitor da 27", 2560x1440.

    Il secondo esempio, da cui si deduce che LibreOffice è defective by design, è relativo ai vari box di dialogo modali con cui si è costretti a lavorare. I vari pulsanti intorno, infatti, offrono solo una minima parte delle funzioni, e solo alcuni di questi box offrono l'anteprima (che funziona male, tra l'altro). Quindi per vedere l'effetto di una modifica di un valore bisogna dare l'OK e poi richiamare nuovamente il box di dialogo per provare altri valori, avanti e indietro, incessantemente.

    Su Mac, iPhone e iPad questo non succede: L'effetto delle modifiche si vede in tempo reale direttamente sul documento. Questo sia su Keynote che Pages che Numbers.

    Il sistema di funzionamento di LibreOffice è un sistema obsoleto, che nel mondo Apple è stato abbandonato da parecchi anni.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Vi dimostro ora come come LibreOffice sia
    > difettoso da progetto, con 2
    > esempi.

    E dalli con i giudizi categorici e insidacabili !!
    Faccio notare che il "progetto" ed anche il target di LO non sono gli stessi di altre suite commerciali.

    [...]
    > L'area per la slide è di 714x536, ovvero 382.704
    > pixel, ovvero appena il 13% in più dell'area
    > sull'iPhone.
    >

    Si. Però i due pannelli verticali a destra e sinistra sono ridimensionabili. Si possono anche chiudere, se tolgono pixel preziosi, ed agevolemente, visto che ci si aspetta che l'utente abbia un mouse e una tastiera invece del solo "dito"Sorride

    >
    > Semplicemente RIDICOLO.
    >

    Perché? Li puoi ridimensionare a piacere no?

    In più la tendenza attuale sui monitor tende a privilegiare la larghezza a danno dell'altezza, quindi sono molto diffusi display 16:9 quando addirittura non 16:10.

    [...]
    > Il secondo esempio, da cui si deduce che
    > LibreOffice è defective by design, è relativo ai
    > vari box di dialogo modali con cui si è costretti
    > a lavorare. I vari pulsanti intorno, infatti,
    > offrono solo una minima parte delle funzioni, e
    > solo alcuni di questi box offrono l'anteprima
    > (che funziona male, tra l'altro). Quindi per
    > vedere l'effetto di una modifica di un valore
    > bisogna dare l'OK e poi richiamare nuovamente il
    > box di dialogo per provare altri valori, avanti e
    > indietro,
    > incessantemente.
    >
    > Su Mac, iPhone e iPad questo non succede:
    > L'effetto delle modifiche si vede in tempo reale
    > direttamente sul documento. Questo sia su Keynote
    > che Pages che
    > Numbers.

    Le modifiche "real-time" sono un fiore all'occhiello delle applicazioni per sistemi Apple, e questo mi sembra sia così più o meno da sempre. E' un punto a favore del software Apple, ma non capisco perché debba automaticamente diventare a sfavore di LO. E' già tanto che ci sia un software come LO, imho...

    >
    > Il sistema di funzionamento di LibreOffice è un
    > sistema obsoleto, che nel mondo Apple è stato
    > abbandonato da parecchi
    > anni.

    Ci credo. E allora?

    <provocazione>
    In base allo stesso metro LO è all'avanguardia in quanto ha abbandonato il modello "closed" di Apple da parecchi anni.

    Se ci sono aspetti che non soddisfano e si possiedono le capacità per intervenire, con LO lo si può fare. Con il software Apple no.
    </provocazione>
  • - Scritto da: PinguinoCattivo
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Vi dimostro ora come come LibreOffice sia
    > > difettoso da progetto, con 2
    > > esempi.
    >
    > E dalli con i giudizi categorici e insidacabili !!
    > Faccio notare che il "progetto" ed anche il
    > target di LO non sono gli stessi di altre suite
    > commerciali.

    Mi sembrava che il target fosse lo stesso. Ma dimmi, quanti target differenti ci sono per un programma di presentazioni?

    >
    > [...]
    > > L'area per la slide è di 714x536, ovvero 382.704
    > > pixel, ovvero appena il 13% in più dell'area
    > > sull'iPhone.
    > >
    >
    > Si. Però i due pannelli verticali a destra e
    > sinistra sono ridimensionabili. Si possono anche
    > chiudere, se tolgono pixel preziosi, ed
    > agevolemente, visto che ci si aspetta che
    > l'utente abbia un mouse e una tastiera invece del
    > solo "dito"
    >Sorride

    Anche togliendoli entrambi, in un monitor da 1280x1024 la slide è ridotta al 87%. E puoi allargare quanto vuoi, è la risoluzione verticale a mantenere inchiodata la percentuale al 87%. Naturalmente in quel modo non puoi più navigare le slide, visto che non hai le miniature.

    >
    > >
    > > Semplicemente RIDICOLO.
    > >
    >
    > Perché? Li puoi ridimensionare a piacere no?
    >
    > In più la tendenza attuale sui monitor tende a
    > privilegiare la larghezza a danno dell'altezza,
    > quindi sono molto diffusi display 16:9 quando
    > addirittura non
    > 16:10.

    Vedi risposta precedente.

    >
    > [...]
    > > Il secondo esempio, da cui si deduce che
    > > LibreOffice è defective by design, è relativo ai
    > > vari box di dialogo modali con cui si è
    > costretti
    > > a lavorare. I vari pulsanti intorno, infatti,
    > > offrono solo una minima parte delle funzioni, e
    > > solo alcuni di questi box offrono l'anteprima
    > > (che funziona male, tra l'altro). Quindi per
    > > vedere l'effetto di una modifica di un valore
    > > bisogna dare l'OK e poi richiamare nuovamente il
    > > box di dialogo per provare altri valori, avanti
    > e
    > > indietro,
    > > incessantemente.
    > >
    > > Su Mac, iPhone e iPad questo non succede:
    > > L'effetto delle modifiche si vede in tempo reale
    > > direttamente sul documento. Questo sia su
    > Keynote
    > > che Pages che
    > > Numbers.
    >
    > Le modifiche "real-time" sono un fiore
    > all'occhiello delle applicazioni per sistemi
    > Apple, e questo mi sembra sia così più o meno da
    > sempre. E' un punto a favore del software Apple,
    > ma non capisco perché debba automaticamente
    > diventare a sfavore di LO. E' già tanto che ci
    > sia un software come LO,
    > imho...

    Forse per te, per me si tratterebbe di risparmiare 15 euro (o 45 al massimo).
    Non divento più povero spendendo una cifra pari ad una cena per due in un modico ristorante.

    > > Il sistema di funzionamento di LibreOffice è un
    > > sistema obsoleto, che nel mondo Apple è stato
    > > abbandonato da parecchi
    > > anni.
    >
    > Ci credo. E allora?
    >
    > <provocazione>
    > In base allo stesso metro LO è all'avanguardia in
    > quanto ha abbandonato il modello "closed" di
    > Apple da parecchi
    > anni.
    >
    > Se ci sono aspetti che non soddisfano e si
    > possiedono le capacità per intervenire, con LO lo
    > si può fare. Con il software Apple
    > no.
    > </provocazione>

    Open o closed a me utente non cambia un piffero.

    Oggi stavo leggendo le caratteristiche di Amanda. Alla fine se vuoi un prodotto usabile devi cacciare il soldo e optare per Xmanda. Quindi a me cosa cambia tra quello e, ad esempio, Retrospect? Alla fine della fiera mi costa molto meno la soluzione closed, ed è decisamente più funzionale.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Mi sembrava che il target fosse lo stesso. Ma
    > dimmi, quanti target differenti ci sono per un
    > programma di
    > presentazioni?
    Dipende per chi è destinato il software...

    > Open o closed a me utente non cambia un piffero.
    Dipende dal tuo uso del software.
    A me cambia moltissimo, visto che per me il software open ha vantaggi che il software closed si sogna.

    Se aggiorno il mio OS ad una versione più recente, non devo aspettare che il produttore rilascia la versione compatibile. Compilo i sorgenti delle applicazioni che mi servono e in due/tre ore sono di nuovo operativo.
    Il produttore del software non vuol più sviluppare quel software?
    Bene posso continuare ad usufruirne ancora, finchè non ho la soluzione alternativa per una migrazione. Tanto essendo open source viene ricompilato sulla versione del SO in uso. Non me ne frega niente se iol produttore non rilascia il binario per la mia versione del sistema operativo.
    Anzi, se ho un pò di tempo libero posso persino prendere il progetto e continuarne lo sviluppo.

    > Oggi stavo leggendo le caratteristiche di Amanda.
    Che è un software enterprise-class.

    > Alla fine se vuoi un prodotto usabile devi
    > cacciare il soldo e optare per Xmanda. Quindi a
    > me cosa cambia tra quello e, ad esempio,
    > Retrospect?
    Amanda è usabilissimo.
    Tutt il software è usabile.
    Basta conoscerlo.
    E visto che Amanda non è progettato per essere usato per fare il backup delle foto al mare, ma è fatto per il backup di dati in ambienti IT ad alta complessità, il tuo giudizio è insignificante.
    Anche perchè ti ricordo che in ambiente enterprise (dove gira amanda, quindi in ambiente prettamente server), dell'usabilità delle interfacce grafiche che fanno luccicare i bottoni, non gliene frega niente a nessuno.
    Amanda è un software per sistemisti che lavorano nell'IT, non per utonti.

    > Alla fine della fiera mi costa molto
    > meno la soluzione closed, ed è decisamente più
    > funzionale.
    Amanda è molto più funzonale di soluzioni closed.
    Un software non è funzionale quando ha l'interfaccia grafica.
    Anzi, molte volte è proprio quello con l'interfaccia a non esserlo.
    Un software è funzionale quando le caratteristiche che ha (poche o molte che siano) FUNZIONANO.
    In questo caso, Amanda è molto funzionale.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 giugno 2011 11.16
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Mi sembrava che il target fosse lo stesso. Ma
    > > dimmi, quanti target differenti ci sono per un
    > > programma di
    > > presentazioni?
    > Dipende per chi è destinato il software...
    >
    > > Open o closed a me utente non cambia un piffero.
    > Dipende dal tuo uso del software.
    > A me cambia moltissimo, visto che per me il
    > software open ha vantaggi che il software closed
    > si
    > sogna.
    >
    > Se aggiorno il mio OS ad una versione più
    > recente, non devo aspettare che il produttore
    > rilascia la versione compatibile. Compilo i
    > sorgenti delle applicazioni che mi servono e in
    > due/tre ore sono di nuovo
    > operativo.

    Balle.
    Se non è compatibile non è che ricompilandolo diventa automagicamente compatibile.

    > Il produttore del software non vuol più
    > sviluppare quel
    > software?
    > Bene posso continuare ad usufruirne ancora,
    > finchè non ho la soluzione alternativa per una
    > migrazione.

    Questo lo si fa anche con il closed software.

    > Tanto essendo open source viene
    > ricompilato sulla versione del SO in uso.

    E ovviamente non funzionerà, altrimenti che bisogno ci sarebbe di ricompilarlo? O forse ne tuo sistema i binari smettono di funzionare ad ogni nuova versione del sistema?

    > Non me
    > ne frega niente se iol produttore non rilascia il
    > binario per la mia versione del sistema
    > operativo.
    > Anzi, se ho un pò di tempo libero posso persino
    > prendere il progetto e continuarne lo
    > sviluppo.

    Si certo, come niente fosse. Ma a chi la racconti?


    > > Oggi stavo leggendo le caratteristiche di
    > Amanda.
    > Che è un software enterprise-class.

    Lo so.

    >
    > > Alla fine se vuoi un prodotto usabile devi
    > > cacciare il soldo e optare per Xmanda. Quindi a
    > > me cosa cambia tra quello e, ad esempio,
    > > Retrospect?
    > Amanda è usabilissimo.

    Ah certo, praticamente non fa quasi un tubo di quello che serve veramente.

    > Tutt il software è usabile.
    > Basta conoscerlo.

    Più che leggere la documentazione, cosa devi fare?

    > E visto che Amanda non è progettato per essere
    > usato per fare il backup delle foto al mare, ma è
    > fatto per il backup di dati in ambienti IT ad
    > alta complessità, il tuo giudizio è
    > insignificante.

    Io devo usarlo proprio per fare backup di circa 500 macchine. Ah già, tu credi ancora che sia un ragazzino...

    > Anche perchè ti ricordo che in ambiente
    > enterprise (dove gira amanda, quindi in ambiente
    > prettamente server), dell'usabilità delle
    > interfacce grafiche che fanno luccicare i
    > bottoni, non gliene frega niente a
    > nessuno.

    Ma di un disaster recovery, magari si. E Amanda fallisce miseramente, in quel caso.

    > Amanda è un software per sistemisti che lavorano
    > nell'IT, non per
    > utonti.

    A maggior ragione deve fornire strumenti rapidi, il tempo dei sistemisti costa, e quello dell'azienda ferma costa ancora di più.

    > > Alla fine della fiera mi costa molto
    > > meno la soluzione closed, ed è decisamente più
    > > funzionale.
    > Amanda è molto più funzonale di soluzioni closed.
    > Un software non è funzionale quando ha
    > l'interfaccia
    > grafica.

    Questo lo credi tu.

    > Anzi, molte volte è proprio quello con
    > l'interfaccia a non
    > esserlo.

    Se è fatta male, come tutte le interfacce del mondo Linux a-gratis, allora hai ragione.

    > Un software è funzionale quando le
    > caratteristiche che ha (poche o molte che siano)
    > FUNZIONANO.
    > In questo caso, Amanda è molto funzionale.

    Certo, nel fare il backup. ╚ dopo che la musica cambia, quando succede quello che si sperava non succedesse.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Balle.
    > Se non è compatibile non è che ricompilandolo
    > diventa automagicamente
    > compatibile.
    Il software viene compilato senza problemi.
    Il problema di compatibilità riguarda solo il binario.

    > Questo lo si fa anche con il closed software.
    Finchè ti viene permesso.
    Quando il binario è incompatibile, NO.

    > E ovviamente non funzionerà, altrimenti che
    > bisogno ci sarebbe di ricompilarlo? O forse ne
    > tuo sistema i binari smettono di funzionare ad
    > ogni nuova versione del
    > sistema?
    Io suo shared building, non monolithic building.

    > Si certo, come niente fosse.
    Assolutamente SI.
    Se il proprietario mi da l'autorizzazione a mantenere il suo software lo mantengo, altrimenti prendo il sorgente e creo un fork.

    > Ma a chi la racconti?
    A quelli che non sanno cos'è l'open source. Come te.

    > Lo so.
    E meno male...

    > Ah certo, praticamente non fa quasi un tubo di
    > quello che serve
    > veramente.
    Forse per te.

    > Più che leggere la documentazione, cosa devi fare?
    Accendere il cervello.

    > Io devo usarlo proprio per fare backup di circa
    > 500 macchine. Ah già, tu credi ancora che sia un
    > ragazzino...
    E che problemi hai riscontrato?

    > Ma di un disaster recovery, magari si. E Amanda
    > fallisce miseramente, in quel
    > caso.
    Peccato che sia uno dei top class.
    Bella dimostrazione di competenza...

    > A maggior ragione deve fornire strumenti rapidi,
    > il tempo dei sistemisti costa, e quello
    > dell'azienda ferma costa ancora di
    > più.
    E infatti li fornisce.

    > Questo lo credi tu.
    Nono. Non lo credo io. ╚ la realtà.

    > Se è fatta male, come tutte le interfacce del
    > mondo Linux a-gratis, allora hai
    > ragione.
    Le interfacce di Linux sono ottime.
    Non meno di Aqua.

    > Certo, nel fare il backup. ╚ dopo che la musica
    > cambia, quando succede quello che si sperava non
    > succedesse.
    Torna con Time Machine...
    I software enterprise class non fanno per te.
    Darwin
    5126
  • Mi è stato chiesto di individuare altri bug, quindi eccoli.
    Questa volta ho dato un'occhiata al modulo Impress, e anche qui i bug li ho trovati nel giro di qualche minuto.

    Bug "I tab ballerini":
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Sembra un videogioco, ad ogni click la barra si sposta, cercando di farti sbagliare.


    Bug "Anteprima animazione errata":
    http://www.youtube.com/watch?v=WSf8QLQ85rM

    L'oggetto arriva a destinazione con un salto.


    Bug "Le frecce false magre":
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    La freccia di sinistra "small" è più grande della destra "large". Una vera illusione ottica!

    E con questi fanno 6.

    Vado avanti?
    ruppolo
    33147
  • Io continuo a non capire il senso di tutta questa pagliacciata.

    E soprattutto perchè continui a criticare un software che tu stesso hai affermato di non usare.

    Guarda che se vuoi fare pubblcità ad iWorks, non ha bisogno di inscenare questi teatrini, sai?
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > Io continuo a non capire il senso di tutta questa
    > pagliacciata.

    Tue parole:

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...

    Avanti, genio...

    Portaci questi bug che impediscono l'uso del software...
    Avanti ruppolino...


    E io ti ho portato il primo:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...

    il secondo:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...

    Il terzo:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...


    Poi mi hai detto di portarne altri:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...

    Avanti portane altri...

    Ed ecco che te le ne ho portati altri 3.

    > E soprattutto perchè continui a criticare un
    > software che tu stesso hai affermato di non
    > usare.

    Perché quando ho detto che iWork è migliore mi sono arrivare critiche a profusione.

    > Guarda che se vuoi fare pubblcità ad iWorks, non
    > ha bisogno di inscenare questi teatrini,
    > sai?

    Ah no? Basta fare cosa?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Tue parole:
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    >
    > Avanti, genio...
    >
    > Portaci questi bug che impediscono l'uso del
    > software...
    > Avanti ruppolino...
    >

    >
    > E io ti ho portato il primo:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    >
    > il secondo:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    >
    > Il terzo:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    >
    >
    > Poi mi hai detto di portarne altri:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    >
    > Avanti portane altri...
    >
    > Ed ecco che te le ne ho portati altri 3.
    E nessuno di questi bug impedisce l'uso del software, se di bug si tratta ovviamente.

    > Perché quando ho detto che iWork è migliore mi
    > sono arrivare critiche a
    > profusione.
    ╚ una tua personale opinione.
    Non un dato di fatto.

    > Ah no? Basta fare cosa?
    Niente.
    Non c'è bisogno di pubblicizzare software Apple, tanto non lo compriamo comunque.
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: ruppolo
    [...]
    > Bug "I tab ballerini":
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab1.png
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab2.png
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab3.png
    >
    > Sembra un videogioco, ad ogni click la barra si
    > sposta, cercando di farti
    > sbagliare.
    >

    Questo a me non succede...
    Forse può dipendere dalla risoluzione del monitor?

    >
    > Bug "Anteprima animazione errata":
    > http://www.youtube.com/watch?v=WSf8QLQ85rM
    >
    > L'oggetto arriva a destinazione con un salto.
    >

    L'ho riprodotto, anche se sul mio notebook la fuidità è (enormemente) maggiore a quella del video devo ammettere di percepire una certa "scattosità". Solo nell'anteprima però: se provi a visualizzare la presentazione il movimento appare uniforme.

    >
    > Bug "Le frecce false magre":
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_frecce.p
    >
    > La freccia di sinistra "small" è più grande della
    > destra "large". Una vera illusione
    > ottica!
    [...]

    Se non fosse per la scritta a fianco l'immagine sarebbe fuorviante: la freccia di fatto non coincide con la dicitura.

    Per onestà lo classificherei però come problema di gravità "estetica". A mio parere è anche meno fastidioso della necessità di importare le immagini per mantenerne inalterato il formato.
  • - Scritto da: PinguinoCattivo
    > - Scritto da: ruppolo
    > [...]
    > > Bug "I tab ballerini":
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab1.png
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab2.png
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_tab3.png
    > >
    > > Sembra un videogioco, ad ogni click la barra si
    > > sposta, cercando di farti
    > > sbagliare.
    > >
    >
    > Questo a me non succede...
    > Forse può dipendere dalla risoluzione del monitor?

    Succede a causa del layout della pagina che cambia continuamente: Tasks e Sklides appaiono e scompaiono, spostando quindi la pulsantiera, destra, sinistra o al centro.

    >
    > >
    > > Bug "Anteprima animazione errata":
    > > http://www.youtube.com/watch?v=WSf8QLQ85rM
    > >
    > > L'oggetto arriva a destinazione con un salto.
    > >
    >
    > L'ho riprodotto, anche se sul mio notebook la
    > fuidità è (enormemente) maggiore a quella del
    > video

    Il video ha 10fps, perché tanto di più non serviva.

    >devo ammettere di percepire una certa
    > "scattosità".

    L'animazione è fluida, ma finisce prima che l'oggetto arrivi a destinazione.

    > Solo nell'anteprima però: se provi
    > a visualizzare la presentazione il movimento
    > appare
    > uniforme.

    Si, ma le animazioni e relativi parametri li aggiusti in base all'anteprima. In questo caso è impossibile.

    > > Bug "Le frecce false magre":
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_frecce.p
    > >
    > > La freccia di sinistra "small" è più grande
    > della
    > > destra "large". Una vera illusione
    > > ottica!
    > [...]
    >
    > Se non fosse per la scritta a fianco l'immagine
    > sarebbe fuorviante: la freccia di fatto non
    > coincide con la
    > dicitura.

    Non solo non coincide nel menu, ma nemmeno nell'anteprima.

    > Per onestà lo classificherei però come problema
    > di gravità "estetica".

    Dal momento che una presentazione è appunto "far vedere", l'estetica è di primaria importanza. Sarebbe come non badare all'estetica di una modella per presentare un vestito.

    > A mio parere è anche meno
    > fastidioso della necessità di importare le
    > immagini per mantenerne inalterato il
    > formato.

    Comunque sono bug che ho trovato in 2 minuti di utilizzo. Figurati se ci passo una giornata, cosa salta fuori.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Comunque sono bug che ho trovato in 2 minuti di
    > utilizzo. Figurati se ci passo una giornata, cosa
    > salta
    > fuori.
    ╚ curioso come una community di sviluppatori non abbia rilevato questi problemi.

    Allora i casi sono due:
    - Sono tutti una manica di idioti che non sanno fare il loro lavoro.
    E considerando l'enorme sforzo di riscrivere le parti di codice che richiedevano Java non direi proprio.

    - Sono bug presenti SOLO sulla tua piattaforma (OS X), quindi il problema non è di LibreOffice, ma di Apple che non rilascia specifiche sulle sue tecnologie, rendendo IMPOSSIBILE il lavoro degli sviluppatori.

    - Spari caz*ate.

    Quale scegli?
    Io sono indeciso tra la seconda e la terza.
    Ma dai, voglio essere buono oggi, direi la terza.
    In ogni caso, perchè non invii un bug report?
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Comunque sono bug che ho trovato in 2 minuti di
    > > utilizzo. Figurati se ci passo una giornata,
    > cosa
    > > salta
    > > fuori.
    > ╚ curioso come una community di sviluppatori non
    > abbia rilevato questi
    > problemi.

    Sarà curioso per te, per me è scontato da almeno 10 anni a questa parte, da quando ho iniziato a provare i software open source.

    > Allora i casi sono due:
    > - Sono tutti una manica di idioti che non sanno
    > fare il loro
    > lavoro.

    Secondo me manca la guida, ognuno fa quello che gli pare.

    > E considerando l'enorme sforzo di riscrivere le
    > parti di codice che richiedevano Java non direi
    > proprio.

    Potevano fare a meno di usare Java fin dall'inizio.

    > - Sono bug presenti SOLO sulla tua piattaforma
    > (OS X), quindi il problema non è di LibreOffice,
    > ma di Apple che non rilascia specifiche sulle sue
    > tecnologie, rendendo IMPOSSIBILE il lavoro degli
    > sviluppatori.

    E speri che io me la beva? Domani faccio le prove sotto Ubuntu, poi vediamo.

    >
    > - Spari caz*ate.
    >
    > Quale scegli?
    > Io sono indeciso tra la seconda e la terza.
    > Ma dai, voglio essere buono oggi, direi la terza.
    > In ogni caso, perchè non invii un bug report?

    Perché ritengo LibreOffice (e parenti stretti) un prodotto "defective by design", quindi è tempo sprecato. Ho aperto un nuovo thread per dimostrarlo.

    Farebbero bene a pensare ad una cosa completamente nuova, moderna, al passo coi tempi.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Sarà curioso per te, per me è scontato da almeno
    > 10 anni a questa parte, da quando ho iniziato a
    > provare i software open
    > source.
    Chissà che software hai usato...
    Io i software open source li ho trovati sempre funzionali ed efficienti.

    > Secondo me manca la guida, ognuno fa quello che
    > gli
    > pare.
    Ma anche no...

    > Potevano fare a meno di usare Java fin
    > dall'inizio.
    Credi che sia semplice riscrivere parti vitali del codice per slegarle da un componente chiave come Java in tempi brevi?

    > E speri che io me la beva? Domani faccio le prove
    > sotto Ubuntu, poi
    > vediamo.
    Ah riguardo la storia del copia incolla che non funziona sui PNG...a me funziona senza problemi.
    La trasparenza non si perde.
    Se vuoi ti posto i screenshot, tanto non ho niente da nascondere.
    Quindi, mi sa che il problema deriva proprio dalla mancanza di specifiche rilasciate dell'ambiente Cocoa.
    Non pensare che sia sempre colpa degli altri, ogni tanto pensa anche ad Apple.

    > Perché ritengo LibreOffice (e parenti stretti) un
    > prodotto "defective by design", quindi è tempo
    > sprecato. Ho aperto un nuovo thread per
    > dimostrarlo.
    E beh certo...
    ╚ facile criticare senza mettersi in gioco...
    Anche perchè se mandassi un bug report, non pubblicizzeresti iWork, vero?

    > Farebbero bene a pensare ad una cosa
    > completamente nuova, moderna, al passo coi
    > tempi.
    Lo stanno già facendo.
    Ma nel software l'interfaccia grafica è l'ultimo pensiero.
    Prima viene il codice, poi il resto.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 22 giugno 2011 20.53
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Sarà curioso per te, per me è scontato da almeno
    > > 10 anni a questa parte, da quando ho iniziato a
    > > provare i software open
    > > source.
    > Chissà che software hai usato...

    Non usato, ma provato.
    Alcune distribuzioni Linux, NeoOffice, OpenOffice, Gimp.
    Ma stenderei veli pietosi anche su certi server SMTP/POP3/IMAP. per non parlare di certe versioni di MySQL.

    > Io i software open source li ho trovati sempre
    > funzionali ed
    > efficienti.

    Io no. Forse sono troppo esigente?

    >
    > > Secondo me manca la guida, ognuno fa quello che
    > > gli
    > > pare.
    > Ma anche no...

    Ma anche si, è bastato vedere quanto c'è voluto per fare il fork a LibreOffìce.

    Ma il problema più grosso, quello che mi tiene lontano dal mondo open source, è questo:
    http://www.macitynet.it/macity/articolo/MacFUSE-mo...

    >
    > > Potevano fare a meno di usare Java fin
    > > dall'inizio.
    > Credi che sia semplice riscrivere parti vitali
    > del codice per slegarle da un componente chiave
    > come Java in tempi
    > brevi?

    Non ne ho idea, ma io di sicuro non avrei mai scritto nulla in Java.

    >
    > > E speri che io me la beva? Domani faccio le
    > prove
    > > sotto Ubuntu, poi
    > > vediamo.
    > Ah riguardo la storia del copia incolla che non
    > funziona sui PNG...a me funziona senza
    > problemi.

    Certo che sei duro di comprendonio, sarà la quinta volta che ti posto questo link:
    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319...

    > La trasparenza non si perde.
    > Se vuoi ti posto i screenshot, tanto non ho
    > niente da
    > nascondere.

    Siamo in due a perderla.

    > Quindi, mi sa che il problema deriva proprio
    > dalla mancanza di specifiche rilasciate
    > dell'ambiente
    > Cocoa.

    Cocoa sotto Linux??

    > Non pensare che sia sempre colpa degli altri,
    > ogni tanto pensa anche ad
    > Apple.

    Apple non c'entra.

    > > Perché ritengo LibreOffice (e parenti stretti)
    > un
    > > prodotto "defective by design", quindi è tempo
    > > sprecato. Ho aperto un nuovo thread per
    > > dimostrarlo.
    > E beh certo...
    > ╚ facile criticare senza mettersi in gioco...

    Cosa intendi?

    > Anche perchè se mandassi un bug report, non
    > pubblicizzeresti iWork,
    > vero?

    Questa domanda mica l'ho capita!

    > > Farebbero bene a pensare ad una cosa
    > > completamente nuova, moderna, al passo coi
    > > tempi.
    > Lo stanno già facendo.
    > Ma nel software l'interfaccia grafica è l'ultimo
    > pensiero.
    > Prima viene il codice, poi il resto.

    Allora resteranno perdenti.
    A casa mia viene prima l'interfaccia, poi il codice.

    Io il software prima me lo immagino come deve funzionare, poi scrivo il codice. Non il contrario.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Non usato, ma provato.
    Appunto.
    Ti sei limitato solo a provare.

    > Alcune distribuzioni Linux, NeoOffice,
    > OpenOffice,
    > Gimp.
    GIMP e OpenOffice sono ottimi prodotti.
    Delle distro Linux, non ti so dire in quanto non so quale hai usato.

    > Ma stenderei veli pietosi anche su certi server
    > SMTP/POP3/IMAP. per non parlare di certe versioni
    > di
    > MySQL.
    Caspita.
    Praticamente non sai configurare un server LAMP o Mail Server e dai la colpa all'open source?
    Caspita come stai messo...
    Documentarti no?

    > Io no. Forse sono troppo esigente?
    No. Canoni diversi.
    A me piace il prodotto che funziona a prescindere dalle lucciole colorate.
    E baso la qualità di un lavoro dalla semplicità e dalla pulizia del software.
    Tu evidentemente no.

    > Ma anche si, è bastato vedere quanto c'è voluto
    > per fare il fork a
    > LibreOffìce.
    Il fork a LibreOffice è stato fatto in maniera autonoma da chi non voleva sottostare a le regole di Oracle. Da li poi c'è stata una fuga delle varie community, seguita dalle minacce di Oracle stessa.
    Non parlare di argomenti di cui non se a conoscenza.

    > Ma il problema più grosso, quello che mi tiene
    > lontano dal mondo open source, è
    > questo:
    > http://www.macitynet.it/macity/articolo/MacFUSE-mo
    Sono contento che sia morto quel progetto.
    Volete la tecnologia FUSE? Fatevela sviluppare da Apple.
    L'Open source che ruota attorno ad una azienda che foraggia il modello chiuso è semplicemente ridicolo.

    > Non ne ho idea, ma io di sicuro non avrei mai
    > scritto nulla in
    > Java.
    La colpa non è degli sviluppatori. ╚ di Sun.

    > Certo che sei duro di comprendonio, sarà la
    > quinta volta che ti posto questo
    > link:
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3190884&m=319
    Duro di comprendonio?
    A me quel problema non lo fa.
    Uso LibreOffice 3.3.2 (neanche la 3.4) su Slack.

    > Siamo in due a perderla.
    E a me non la perde. Che ti devo fare?

    > Cocoa sotto Linux??
    1) Ho parlato di specifiche. Non di sorgenti di Cocoa.
    2) Ti sembra impossibile? Ti sei scordato che sotto l'ambiente Quartz/Aqua, c'è sempre UNIX?

    > Apple non c'entra.
    Come sempre, vero?
    ╚ santa e immacolata.
    La colpa è sempre degli altri...

    > Cosa intendi?
    Che la verità è che non hai il coraggio di mandare un bug report per poi ricevere risposte che non coincidono con la tua tesi.

    > Questa domanda mica l'ho capita!
    Eh....hai capito benissimo ruppolo.
    Sei un fanatico, ma non sei stupido...

    > Allora resteranno perdenti.
    Infatti il modello UNIX è così perdente che dopo quaranta anni viene continuato ad usare.

    > A casa mia viene prima l'interfaccia, poi il
    > codice.
    In ambiente UNIX si ragiona al contrario.
    Un software prima deve esser scritto bene nelle basi, poi ci si mette il vestitino.
    Anche perchè (anche se non è questo il caso) il software deve essere usabile PRIMA sotto shell testuale, poi sotto ambiente grafico.

    > Io il software prima me lo immagino come deve
    > funzionare, poi scrivo il codice. Non il
    > contrario.
    Il software lo immagino con il codice, non con le lucciole.
    Darwin
    5126
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Realizzato con il solo Pages.

    :D
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    >
    > Realizzato con il solo Pages.
    >
    >A bocca aperta

    Hai sottolineato perfettamente il punto. Solo Pages.
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    > >
    > > Realizzato con il solo Pages.
    > >
    > >A bocca aperta
    >
    > Hai sottolineato perfettamente il punto. Solo
    > Pages
    .

    Esatto, 15,99 euro.
    Oppure 7,99 per iPad.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Shiba
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    > > >
    > > > Realizzato con il solo Pages.
    > > >
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > Hai sottolineato perfettamente il punto. Solo
    > > Pages
    .
    >
    > Esatto, 15,99 euro.
    > Oppure 7,99 per iPad.

    Esatto. Apple e basta. Bella merda.
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Shiba
    > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    > > > >
    > > > > Realizzato con il solo Pages.
    > > > >
    > > > >A bocca aperta
    > > >
    > > > Hai sottolineato perfettamente il punto.
    > Solo
    > > > Pages
    .
    > >
    > > Esatto, 15,99 euro.
    > > Oppure 7,99 per iPad.
    >
    > Esatto. Apple e basta. Bella merda.

    Bella invidia, eh?

    Potevi scegliere una piattaforma più flessibile: per la mia c'è Pages, Microsoft Office e LibreOffice.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Shiba
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > - Scritto da: Shiba
    > > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > > >
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    > > > > >
    > > > > > Realizzato con il solo Pages.
    > > > > >
    > > > > >A bocca aperta
    > > > >
    > > > > Hai sottolineato perfettamente il punto.
    > > Solo
    > > > > Pages
    .
    > > >
    > > > Esatto, 15,99 euro.
    > > > Oppure 7,99 per iPad.
    > >
    > > Esatto. Apple e basta. Bella merda.
    >
    > Bella invidia, eh?
    >
    > Potevi scegliere una piattaforma più flessibile:
    > per la mia c'è Pages, Microsoft Office e
    > LibreOffice.

    Fortunatamente ho scelto la piattaforma più flessibile al mondoA bocca aperta
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Shiba
    > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > > - Scritto da: Shiba
    > > > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > > > >
    > > > > >
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_pinguino_catti
    > > > > > >
    > > > > > > Realizzato con il solo Pages.
    > > > > > >
    > > > > > >A bocca aperta
    > > > > >
    > > > > > Hai sottolineato perfettamente il punto.
    > > > Solo
    > > > > > Pages
    .
    > > > >
    > > > > Esatto, 15,99 euro.
    > > > > Oppure 7,99 per iPad.
    > > >
    > > > Esatto. Apple e basta. Bella merda.
    > >
    > > Bella invidia, eh?
    > >
    > > Potevi scegliere una piattaforma più flessibile:
    > > per la mia c'è Pages, Microsoft Office e
    > > LibreOffice.
    >
    > Fortunatamente ho scelto la piattaforma più
    > flessibile al mondo
    >A bocca aperta

    Nel senso che puoi scgliere tra OpenOffice, LibreOffice e NeoOffice? Rotola dal ridere

    Oppure per "flessibilità" intendi le tribolazioni con i driver dei tuoi portatili? Rotola dal ridere
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    > Nel senso che puoi scgliere tra OpenOffice,
    > LibreOffice e NeoOffice?
    > Rotola dal ridere
    >
    > Oppure per "flessibilità" intendi le tribolazioni
    > con i driver dei tuoi portatili?
    > Rotola dal ridere

    Nel senso che il mio sistema operativo è mio. Questa è la flessibilità del mio sistema.

    La flessibilità che offre il tuo sistema invece è questa
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 giugno 2011 15.51
    -----------------------------------------------------------
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > Nel senso che puoi scgliere tra OpenOffice,
    > > LibreOffice e NeoOffice?
    > > Rotola dal ridere
    > >
    > > Oppure per "flessibilità" intendi le
    > tribolazioni
    > > con i driver dei tuoi portatili?
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Nel senso che il mio sistema operativo è
    > mio. Questa è la flessibilità del mio
    > sistema.

    Allora lo vedo poco flessibile, è solo tuo! Se fosse di 100 persone, allora sarebbe flessibile Rotola dal ridere

    > La flessibilità che offre il tuo sistema invece è
    > questa

    Ed è qui che ti sbagli, tornando on topic.
    Con LibreOffice non puoi nemmeno ruotare un oggetto di 90 gradi, cosa che fanno anche i programmini più scemi.
    Con Pages posso ruotare gli oggetti con la precisione dei decimi di grado.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Nel senso che puoi scgliere tra OpenOffice,
    > LibreOffice e NeoOffice?
    > Rotola dal ridere
    Hai un concetto davvero limitato di flessibilità di un sistema operativo ruppolino.
    Ma già il fatto che spari minchiate su GNU/Linux che è veramente la piattaforma più flessibile al mondo...
    Mi fai vedere la flessibilità di OS X?
    Ah già è vero...la massima flessiblità è usare un kernel a 32 o a 64 Rotola dal ridere Rotola dal ridere Rotola dal ridere

    Fatti un idea di cosa vuol dire flessibilità in un OS:
    http://www.linuxfromscratch.org/
    http://www.gentoo.org/
    http://www.lunar-linux.org/
    http://www.sourcemage.org/

    Ovviamente senza contare la flessibilità nelle distribuzioni binarie, altrimenti:
    http://www.archlinux.org/

    ...e le "vecchie signore"
    http://www.slackware.com/
    http://www.debian.org/

    Ah già dimenticavo....la tua scarsa cultura informatica non ti permetterebbe di capire il concetto di flessibilità.

    > Oppure per "flessibilità" intendi le tribolazioni
    > con i driver dei tuoi portatili?
    > Rotola dal ridere
    Tribolazioni?
    Sei così ignorante da non sapere che Linux ha il miglior parco driver...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 giugno 2011 21.28
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: Darwin
    > Ah già dimenticavo....la tua scarsa cultura
    > informatica non ti permetterebbe di capire il
    > concetto di
    > flessibilità.

    Io intendo, ad esempio, poter ruotare una immagine in un documento, cosa che LibreOffice non permette di fare, nemmeno di 90 gradi.

    > > Oppure per "flessibilità" intendi le
    > tribolazioni
    > > con i driver dei tuoi portatili?
    > > Rotola dal ridere
    > Tribolazioni?
    > Sei così ignorante da non sapere che Linux ha il
    > miglior parco
    > driver...

    Non oso nemmeno usare Google per dimostrare la mia tesi...mi vergognerei.
    ruppolo
    33147
  • Come si vede che ruppolo non ha un caz*o da fare, basta vedere risponde ad ogni post con non risposte.
    Dice, te lo dimostro, ma poi dopo 10 post non ha ancora dimostrato niente e poi ti dice di rileggerti i post per prendere tempo e provare a trovare bug che non esistono.

    Ruppolo, te lo dico in Appleiano

    iCervello bucato (sara' il bruco della mela?)
    non+autenticato
  • no no non glielo dire....
    ti prego!!!
    lascialo andare avanti così... mi sto spanciando dalle risate!!! Con la lingua fuori
    poi smette giusto per ripicca Rotola dal ridere
  • - Scritto da: Difensore
    > Come si vede che ruppolo non ha un caz*o da fare,
    > basta vedere risponde ad ogni post con non
    > risposte.
    > Dice, te lo dimostro, ma poi dopo 10 post non ha
    > ancora dimostrato niente

    Ho dimostrato i bug sulle trasparenze, quello sui tiff, quello sul comando "inserisci" un'immagine.
    Cos'è, ne vuoi ancora?

    > e poi ti dice di
    > rileggerti i post per prendere tempo

    No, perché sono già scritti.

    > e provare a
    > trovare bug che non
    > esistono.

    Ne ho trovati e provati 3, in qualche minuto di utilizzo.

    > Ruppolo, te lo dico in Appleiano
    >
    > iCervello bucato (sara' il bruco della mela?)

    Trolla pure, la tua figura l'hai già fatta.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    [...]
    > Ho dimostrato i bug sulle trasparenze, quello sui
    > tiff, quello sul comando "inserisci"
    > un'immagine.
    [...]

    Veramente, dei tre che hai citato, solo quello relativo all'importazione dei tiff è un bug riconosciuto, e tra l'altro anche risolto nella 3.4. Ho provato l'importazione di un tiff in Writer utilizzando questa versione e mi sembra che funzioni correttamente, quindi probabilmente è stato superato con il passaggio dalla 3.3.x alla 3.4.x.
  • - Scritto da: PinguinoCattivo
    > - Scritto da: ruppolo
    > [...]
    > > Ho dimostrato i bug sulle trasparenze, quello
    > sui
    > > tiff, quello sul comando "inserisci"
    > > un'immagine.
    > [...]
    >
    > Veramente, dei tre che hai citato, solo quello
    > relativo all'importazione dei tiff è un bug
    > riconosciuto,

    Riconosciuti o meno, sono dei bug.

    > e tra l'altro anche risolto nella
    > 3.4. Ho provato l'importazione di un tiff in
    > Writer utilizzando questa versione e mi sembra
    > che funzioni correttamente, quindi probabilmente
    > è stato superato con il passaggio dalla 3.3.x
    > alla
    > 3.4.x.

    Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early adopters, con tanto di segnale di pericolo a fianco del download.
    ruppolo
    33147
  • > Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early
    > adopters, con tanto di segnale di pericolo a
    > fianco del
    > download.

    Insomma non ti sta bene un cazzo.
    Nato per rompere le palle direi.
    Goditi i tuoi iCessi vai.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bollito.
    > > Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early
    > > adopters, con tanto di segnale di pericolo a
    > > fianco del
    > > download.
    >
    > Insomma non ti sta bene un cazzo.
    > Nato per rompere le palle direi.
    > Goditi i tuoi iCessi vai.

    Certo che con queste argomentazioni non andiamo molto lontanoCon la lingua fuori
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: PinguinoCattivo
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > [...]
    > > > Ho dimostrato i bug sulle trasparenze, quello
    > > sui
    > > > tiff, quello sul comando "inserisci"
    > > > un'immagine.
    > > [...]
    > >
    > > Veramente, dei tre che hai citato, solo quello
    > > relativo all'importazione dei tiff è un bug
    > > riconosciuto,
    >
    > Riconosciuti o meno, sono dei bug.

    Tua (personalissima) opinione. Non entro nel merito perché ognuno è libero di vedere le cose come più gli aggrada, tuttavia siamo in parecchi qui ad attribuire un significato diverso al termine "bug". Cito da Wikipedia per chiarire il mio (sempre personalissimo) punto di vista:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Bug

    "Nell'informatica il termine bug o baco identifica un errore nella scrittura di un programma software [...]. Un bug di un programma è un errore o guasto che porta al malfunzionamento di esso (per esempio producendo un risultato inatteso o errato)."

    >
    > > e tra l'altro anche risolto nella
    > > 3.4. Ho provato l'importazione di un tiff in
    > > Writer utilizzando questa versione e mi sembra
    > > che funzioni correttamente, quindi probabilmente
    > > è stato superato con il passaggio dalla 3.3.x
    > > alla
    > > 3.4.x.
    >
    > Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early
    > adopters, con tanto di segnale di pericolo a
    > fianco del
    > download.

    Vero, ma non credo sarà così ancora a lungo.

    La 3.4.1 è prevista per il 29 di Giugno:
    http://wiki.documentfoundation.org/ReleasePlan#3.4...

    e la 3.4.2 entro la fine di Luglio.

    Probabilmente per allora il ramo 3.4.x verrà considerato sufficientemente maturo per l'utilizzo "consumer"Occhiolino
  • - Scritto da: PinguinoCattivo
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: PinguinoCattivo
    > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > [...]
    > > > > Ho dimostrato i bug sulle trasparenze,
    > quello
    > > > sui
    > > > > tiff, quello sul comando "inserisci"
    > > > > un'immagine.
    > > > [...]
    > > >
    > > > Veramente, dei tre che hai citato, solo quello
    > > > relativo all'importazione dei tiff è un bug
    > > > riconosciuto,
    > >
    > > Riconosciuti o meno, sono dei bug.
    >
    > Tua (personalissima) opinione. Non entro nel
    > merito perché ognuno è libero di vedere le cose
    > come più gli aggrada, tuttavia siamo in parecchi
    > qui ad attribuire un significato diverso al
    > termine "bug". Cito da Wikipedia per chiarire il
    > mio (sempre personalissimo) punto di
    > vista:
    >
    > http://it.wikipedia.org/wiki/Bug
    >
    > "Nell'informatica il termine bug o baco
    > identifica un errore nella scrittura di un
    > programma software [...]. Un bug di un programma
    > è un errore o guasto che porta al
    > malfunzionamento di esso (per esempio producendo
    > un risultato inatteso o
    > errato)."

    Quale risultato ci possiamo attendere dando il comando "Inserisci Immagine"?

    Quale risultato ci possiamo attendere incollando una immagine copiata da una pagina web, come il logo di Safari che abbiamo usato nelle prove?

    > > Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early
    > > adopters, con tanto di segnale di pericolo a
    > > fianco del
    > > download.
    >
    > Vero, ma non credo sarà così ancora a lungo.

    Vuoi che proviamo se la 3.4 ha questi 3 bug trovati fin'ora dal sottoscritto?

    > La 3.4.1 è prevista per il 29 di Giugno:
    > http://wiki.documentfoundation.org/ReleasePlan#3.4
    >
    > e la 3.4.2 entro la fine di Luglio.

    Certo, e la 3.4.3 entro la fine di Agosto. E questo che ci frega?
    La questione è che non si mettono in giro programmi bacati in questo modo spacciandoli per versioni definitive. Ma nemmeno in fase beta sono ammissibili bug di tale entità!
    E chi dice che questi non sono bug importanti, allora nella sua vita deve ancora provare un vero personal computer.

    > Probabilmente per allora il ramo 3.4.x verrà
    > considerato sufficientemente maturo per
    > l'utilizzo "consumer"
    >Occhiolino

    Io prenderei il "somelier" che stabilisce che è maturo e lo caccerei a pedate sul culo.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    [...]
    > > > Peccato che la 3.4 sia indicata per gli early
    > > > adopters, con tanto di segnale di pericolo a
    > > > fianco del
    > > > download.
    > >
    > > Vero, ma non credo sarà così ancora a lungo.
    >
    > Vuoi che proviamo se la 3.4 ha questi 3 bug
    > trovati fin'ora dal
    > sottoscritto?

    No... aspetta. Eravamo partiti proprio dicendo che il bug dei tiff (l'unico effettivamente presente nella 3.x tra quelli che hai citato) non è più presente nella 3.4.x, che gestisce correttamente l'importazione di questo formato.

    Tu hai risposto dicendo che la 3.4 non è ancora considerata adatta all'uso in produzione, ed è per questo che ti ho fatto notare che la 3.4.1 verrà rilasciata a breve, e che probabilmente quest'ultima verrà considerata adatta anche agli utenti finali.
  • - Scritto da: PinguinoCattivo
    > No... aspetta. Eravamo partiti proprio dicendo
    > che il bug dei tiff (l'unico effettivamente
    > presente nella 3.x tra quelli che hai citato) non
    > è più presente nella 3.4.x, che gestisce
    > correttamente l'importazione di questo
    > formato.
    >
    > Tu hai risposto dicendo che la 3.4 non è ancora
    > considerata adatta all'uso in produzione, ed è
    > per questo che ti ho fatto notare che la 3.4.1
    > verrà rilasciata a breve, e che probabilmente
    > quest'ultima verrà considerata adatta anche agli
    > utenti
    > finali.

    Si, ma non hai risposto... vuoi che proviamo l'ultimissi-missima versione? O aspettiamo?
    ruppolo
    33147
  • Vediamo come si presenta la palette dei colori di LibreOffice (alla rinfusa):
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Ecco invece quella di Pages su Mac:
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    E di Pages per iPad:
    Clicca per vedere le dimensioni originaliClicca per vedere le dimensioni originali
    ruppolo
    33147
  • > Ecco invece quella di Pages su Mac:
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_colori.png[/im

    Finalmente montano VGA a 256 colori? Ora si che valgono i 1000 euro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > Ecco invece quella di Pages su Mac:
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/pages_colori.png[/im
    >
    > Finalmente montano VGA a 256 colori? Ora si che
    > valgono i 1000
    > euro.

    Pensa che i 256 colori li avevano ancora quando i modelli a colori non esistevano nemmeno.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Vediamo come si presenta la palette dei colori di
    > LibreOffice (alla
    > rinfusa):
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_colori.p

    Alla rinfusa un par di balle! Leggi nomi dei colori (se sei capace), così capisci che sono più ordinati di quelli del bagaglio che usi tu! -.-
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Vediamo come si presenta la palette dei colori
    > di
    > > LibreOffice (alla
    > > rinfusa):
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_colori.p
    >
    > Alla rinfusa un par di balle! Leggi nomi dei
    > colori (se sei capace), così capisci che sono più
    > ordinati di quelli del bagaglio che usi tu!
    > -.-

    I nomi dei colori? Io scelgo i colori da una scala cromatica. Sai cos'è una scala? Come DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI.... non è DO-FA-LA-MI-RE-SI-SOL...
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Shiba
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > Vediamo come si presenta la palette dei colori
    > > di
    > > > LibreOffice (alla
    > > > rinfusa):
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_colori.p
    > >
    > > Alla rinfusa un par di balle! Leggi nomi dei
    > > colori (se sei capace), così capisci che sono
    > più
    > > ordinati di quelli del bagaglio che usi tu!
    > > -.-
    >
    > I nomi dei colori? Io scelgo i colori da una
    > scala cromatica. Sai cos'è una scala? Come
    > DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI.... non è
    > DO-FA-LA-MI-RE-SI-SOL...

    Appunto, tu scegli i colori a caso, io in base al tipo di colore. Te lo ripeto, leggi i nomi, sono certo che riuscirai a capirne l'ordine.
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Shiba
    > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > > Vediamo come si presenta la palette dei
    > colori
    > > > di
    > > > > LibreOffice (alla
    > > > > rinfusa):
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_colori.p
    > > >
    > > > Alla rinfusa un par di balle! Leggi nomi dei
    > > > colori (se sei capace), così capisci che sono
    > > più
    > > > ordinati di quelli del bagaglio che usi tu!
    > > > -.-
    > >
    > > I nomi dei colori? Io scelgo i colori da una
    > > scala cromatica. Sai cos'è una scala? Come
    > > DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI.... non è
    > > DO-FA-LA-MI-RE-SI-SOL...
    >
    > Appunto, tu scegli i colori a caso, io in base al
    > tipo di colore. Te lo ripeto, leggi i nomi, sono
    > certo che riuscirai a capirne
    > l'ordine.

    Io non scelgo i colori in base al nome, non sono daltonico.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Shiba
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > - Scritto da: Shiba
    > > > > - Scritto da: ruppolo
    > > > > > Vediamo come si presenta la palette dei
    > > colori
    > > > > di
    > > > > > LibreOffice (alla
    > > > > > rinfusa):
    > > > > >
    > > > >
    > > >
    > >
    > [img]http://media.ruppolo.com/libreoffice_colori.p
    > > > >
    > > > > Alla rinfusa un par di balle! Leggi nomi dei
    > > > > colori (se sei capace), così capisci che
    > sono
    > > > più
    > > > > ordinati di quelli del bagaglio che usi tu!
    > > > > -.-
    > > >
    > > > I nomi dei colori? Io scelgo i colori da una
    > > > scala cromatica. Sai cos'è una scala? Come
    > > > DO-RE-MI-FA-SOL-LA-SI.... non è
    > > > DO-FA-LA-MI-RE-SI-SOL...
    > >
    > > Appunto, tu scegli i colori a caso, io in base
    > al
    > > tipo di colore. Te lo ripeto, leggi i nomi, sono
    > > certo che riuscirai a capirne
    > > l'ordine.
    >
    > Io non scelgo i colori in base al nome, non sono
    > daltonico.

    Tu non sai neppure cos'è un colore.
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > Tu non sai neppure cos'è un colore.

    ╚ la misura della lunghezza d'onda di una radiazione luminosa percepita dal nostro occhio.

    E se pensi che l'abbia letta da qualche parte, linka pure la fonte.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Shiba
    > > Tu non sai neppure cos'è un colore.
    >
    > ╚ la misura della lunghezza d'onda di una
    > radiazione luminosa percepita dal nostro
    > occhio.
    >
    > E se pensi che l'abbia letta da qualche parte,
    > linka pure la
    > fonte.

    ╚ già un inizio. Ora leggi questi:
    http://it.wikipedia.org/wiki/RGB
    http://it.wikipedia.org/wiki/CMYK

    E dimmi se ti sembra di capire meglio la tavolozza di colori di LibreOffice.
    Shiba
    3870
  • - Scritto da: Shiba
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Shiba
    > > > Tu non sai neppure cos'è un colore.
    > >
    > > ╚ la misura della lunghezza d'onda di una
    > > radiazione luminosa percepita dal nostro
    > > occhio.
    > >
    > > E se pensi che l'abbia letta da qualche parte,
    > > linka pure la
    > > fonte.
    >
    > ╚ già un inizio. Ora leggi questi:
    > http://it.wikipedia.org/wiki/RGB
    > http://it.wikipedia.org/wiki/CMYK
    >
    > E dimmi se ti sembra di capire meglio la
    > tavolozza di colori di
    > LibreOffice.

    La tavolozza di colori di colori di LibreOffice è come LibreOffice: un potpourri di funzioni senza capo ne coda. Rispecchia fedelmente Microsoft Office, che a sua volta rispecchia fedelmente Steve Ballmer. La discendenza è degna dei legami di sangue.
    ruppolo
    33147
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)