Alfonso Maruccia

ICANN e i domini liberati

L'organismo che sovrintende al funzionamento di Internet ha finalmente approvato la "liberazione" dei domini di primo livello. Dando il la a un'espansione del web a suon di .qualcosa che si prospetta costosa

Roma - Ci sono voluti tre anni e più, ma alla fine il discusso piano per l'istituzione dei nomi di dominio di primo livello generici (gTLD) ha ricevuto la ratifica ufficiale da parte di ICANN. L'organizzazione che veste i panni di "controllore" delle infrastrutture telematiche di base ha votato a favore dei gTLD, stabilendo una timeline per l'accettazione e l'attivazione di una prima - e sicuramente non ultima - tranche di domini "fantasia".

ICANN usa le iperboli per dare la giusta importanza alla sua nuova iniziativa commerciale regolatoria, un grimaldello che "ha aperto il sistema di naming di Internet per liberare l'immaginazione umana mondiale": con il voto favorevole di 13 membri, 1 contrario e 2 astenuti in quel di Singapore, l'organizzazione ha stabilito l'istituzione di gTLD "brandizzati" liberi dalle tradizionali gabbie dei ".com", ".org" o ".net".

Potranno attivare i nuovi gTLD "organizzazioni pubbliche o private" con una storia alle spalle e con piena libertà di scelta del nome di dominio preferito: che si tratti di .facebook, .nike, .coke, .apple o altro, ICANN accetterà le proposte dal gennaio 2012 fino ad aprile dello stesso anno e provvederà a rendere operativi i domini entro la fine del 2013.
Nelle parole di ICANN "i nomi degli indirizzi Internet potranno terminare con quasi qualsiasi parola in qualunque lingua, offrendo alle organizzazioni di tutto il mondo l'opportunità di fare pubblicità al proprio marchio, prodotti, community o causa in modi nuovi e innovativi".

Manca dunque poco per la nuova "corsa all'oro" ad accaparrarsi prezioni gTLD brandizzati, e anche se la risposta da parte delle corporazioni grandi e piccole si prospetta significativa il prezzo per l'acquisto di ogni singolo dominio - 185mila dollari - dovrebbe escludere dalla corsa speculatori e cyber-criminali. O almeno questo è quel che ICANN spera.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
55 Commenti alla Notizia ICANN e i domini liberati
Ordina
  • Adesso dacci 185 mila (EURO)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Grammmmm
    > Adesso dacci 185 mila (EURO)

    Due errori in un post brevissimo:

    1 ridiculous e non ridiculus.
    2 185mila dollari
    pippuz
    1251
  • - Scritto da: pippuz
    > 2 185mila dollari

    Quello è il prezzo USA al lordo delle imposte statali; in Italia, tra spese di trasporto, IVA e diritti di importazione, direi che il prezzo di 185mila Euro sia congruo...

    (Dov'è che l'ho già sentita, 'sta storia? Rotola dal ridere)
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 giugno 2011 17.16
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: ZLoneW
    > - Scritto da: pippuz
    > > 2 185mila dollari
    >
    > Quello è il prezzo USA al lordo delle imposte
    > statali; in Italia, tra spese di trasporto, IVA e
    > diritti di importazione, direi che il prezzo di
    > 185mila Euro sia
    > congruo...
    >
    > (Dov'è che l'ho già sentita, 'sta storia? Rotola dal ridere)

    Diritti di importazione? Ma il dominio si può lasciare dov'è. A proposito... dov'è? Rotola dal ridere
    ruppolo
    32146
  • > 1 ridiculous e non ridiculus.
    > 2 185mila dollari

    Oh! Scusa... sono ignurantusss,in harrypottese sono molto scarso!!
    ahahahahahahahahahaahha
    non+autenticato
  • C'ho messo un po' ma l'ho capita!
  • Si dovrebbero eliminare i domini di primo livello nazionali per i paesi membri della Unione Europea che diventerebbero di secondo livello nel dominio .eu

    .it.eu
    .fr.eu
    .de.eu
    ...
    ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pippo
    > Si dovrebbero eliminare i domini di primo livello
    > nazionali per i paesi membri della Unione Europea
    > che diventerebbero di secondo livello nel dominio
    > .eu
    >
    > .it.eu
    > .fr.eu
    > .de.eu

    E a che scopo allungare inutilmente gli indirizzi ???
    Abbiamo bisogno di insegnare la geografia a qualcuno ???

    g.
    non+autenticato
  • Appartenenza all'Unione Europea
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pippo
    > Appartenenza all'Unione Europea

    E da quando in qua Internet pone confini geografici?
    ruppolo
    32146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Pippo
    > > Appartenenza all'Unione Europea

    > E da quando in qua Internet pone confini
    > geografici?

    Se non li ha perche' non possiamo accedere alle sale da poker estere ?
    krane
    21456
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Pippo
    > > > Appartenenza all'Unione Europea
    >
    > > E da quando in qua Internet pone confini
    > > geografici?
    >
    > Se non li ha perche' non possiamo accedere alle
    > sale da poker estere
    > ?

    Perché non si tratta più di Internet, ma di interdet
    non+autenticato
  • > Se non li ha perche' non possiamo accedere alle
    > sale da poker estere?

    Perché non si sono registrate all'AAMS?
    pippuz
    1251
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Pippo
    > > Appartenenza all'Unione Europea
    >
    > E da quando in qua Internet pone confini
    > geografici?

    Devo concordare con ruppolo.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Pippo
    > > > Appartenenza all'Unione Europea
    > >
    > > E da quando in qua Internet pone confini
    > > geografici?
    >
    > Devo concordare con ruppolo.

    Azz!!! Immagino quanto ti sarà costato scrivere queste parole!A bocca aperta
    ruppolo
    32146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: ruppolo
    > > > - Scritto da: Pippo
    > > > > Appartenenza all'Unione Europea
    > > >
    > > > E da quando in qua Internet pone confini
    > > > geografici?
    > >
    > > Devo concordare con ruppolo.
    >
    > Azz!!! Immagino quanto ti sarà costato scrivere
    > queste parole!
    >A bocca aperta

    Perche'?
    Qualche punto in comune ce lo abbiamo.
    Non e' che io e te siamo opposti per partito preso.
  • Allora che senso hanno i tld dei vari paesi come .it .fr .co.uk? andrebbero eliminati in ogni caso per fare ordine
    non+autenticato
  • Website:    icann.org
    Location:    Marina del Rey, California, United States
    Founded:    September 18, 1998
    ICANN (pronounced “eye-can”) is the Internet Corporation for Assigned Names and Numbers. It’s a non-profit corporation that was created in 1998 in order to oversee a number of Internet-related tasks previously performed directly on behalf of the U.S….

    Alla faccia del non profit! Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • le non for profit nord americane devo reinvestire tutti gli utili, questo vuol dire, che cozza con la tua ignoranza
    non+autenticato
  • Si ma la gente che lavora all'interno è stipendiata cmq... come su qualsiasi no-profit
  • E' dagli anni 90 che sta andando avanti questa farsa dell'ICANN; col passare del tempo si è venuta pure a creare una situazione ridicola con questo ente pubblico americano che si arrogava il diritto di controllare l'intera rete Internet mondiale.
    Oggi l'ICANN è un organismo internazionale, ma la realtà è che continua a prevalere il legame con gli interessi dell'amministrazione USA; tutto ciò provoca continui attriti con altri enti europei e asiatici che vorrebbero avere voce in capitolo.
    Ad un certo punto si era pure detto che l'ICANN si sarebbe fatta da parte per lasciare il posto ad un organismo più rappresentativo degli interessi di tutti i Continenti; invece, questi qua tornano alla carica con l'intento di fare un sacco di soldi sulla base di non si sa quale autorità che loro avrebbero su Internet.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alvaro Vitali
    > E' dagli anni 90 che sta andando avanti questa
    > farsa dell'ICANN; col passare del tempo si è
    > venuta pure a creare una situazione ridicola con
    > questo ente pubblico americano che si arrogava il
    > diritto di controllare l'intera rete Internet
    > mondiale.
    > Oggi l'ICANN è un organismo internazionale, ma la
    > realtà è che continua a prevalere il legame con
    > gli interessi dell'amministrazione USA; tutto ciò
    > provoca continui attriti con altri enti europei e
    > asiatici che vorrebbero avere voce in
    > capitolo.
    > Ad un certo punto si era pure detto che l'ICANN
    > si sarebbe fatta da parte per lasciare il posto
    > ad un organismo più rappresentativo degli
    > interessi di tutti i Continenti; invece, questi
    > qua tornano alla carica con l'intento di fare un
    > sacco di soldi sulla base di non si sa quale
    > autorità che loro avrebbero su
    > Internet.
    Infatti non hanno alcuna autorità, tranne quella che tu gli riconosci (se gliela riconosci) quando metti l'elenco dei "footing servers" nella configurazione del TUO dns!
    non+autenticato
  • - Scritto da: 5940
    > - Scritto da: Alvaro Vitali
    > > E' dagli anni 90 che sta andando avanti questa
    > > farsa dell'ICANN; col passare del tempo si è
    > > venuta pure a creare una situazione ridicola con
    > > questo ente pubblico americano che si arrogava
    > il
    > > diritto di controllare l'intera rete Internet
    > > mondiale.
    > > Oggi l'ICANN è un organismo internazionale, ma
    > la
    > > realtà è che continua a prevalere il legame con
    > > gli interessi dell'amministrazione USA; tutto
    > ciò
    > > provoca continui attriti con altri enti europei
    > e
    > > asiatici che vorrebbero avere voce in
    > > capitolo.
    > > Ad un certo punto si era pure detto che l'ICANN
    > > si sarebbe fatta da parte per lasciare il posto
    > > ad un organismo più rappresentativo degli
    > > interessi di tutti i Continenti; invece, questi
    > > qua tornano alla carica con l'intento di fare un
    > > sacco di soldi sulla base di non si sa quale
    > > autorità che loro avrebbero su
    > > Internet.
    > Infatti non hanno alcuna autorità, tranne quella
    > che tu gli riconosci (se gliela riconosci)
    > quando metti l'elenco dei "footing servers" nella
    > configurazione del TUO
    > dns!
    Era "root servers", ovviamente maledetto correttore!
    non+autenticato
  • E' interessante notare come non ci siano valutazioni su cosa significa per le applicazioni. Quanti filtri intermedi ci sono su appliance o in programmi per filtrare i nomi dei domini (es. antispam)? Quanti di questi si aspettano il TLD di due caratteri con il codice ISO e le sole combinazioni di 3 caratteri valide fino ad ora? Quanti sono consapevoli di avere questi filtri?
    ... ne vedremo delle belle.
    non+autenticato
  • Beh, esistono già domini di primo livello come .museum, quindi la lunghezza non dovrebbe essere un problema. Nella intranet che gestisco uso domini di primo livello inventati e non ci sono mai stati problemi.
    non+autenticato
  • Hai ragione, ma era una rappresentazione semplificata.
    Se fai un giro su Google vedrai che ci sono molte indicazioni di regex da usare in vari linguaggi per validare gli indirizzi email.

    Es.:
    http://www.regular-expressions.info/email.html

    Chi usa questo tipo di validazioni per proteggersi da registrazioni indesiderate, o aiutare gli utenti ad evitare errori, si trova ora con un problema da affrontare.
    non+autenticato
  • È vero.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)