Claudio Tamburrino

Garante privacy: cloud computing e vecchi problemi

Affatto risolta la questione del telemarketing, spuntano le possibili minacce derivanti dalla diffusione di smartphone e servizi cloud computing. La relazione annuale dell'Authority

Roma - La relazione annuale del Garante della Privacy Francesco Pizzetti, pur non discostandosi enormemente dalle precedenti versioni, approfondisce due argomenti particolarmente caldi: quest'anno sono presenti due allegati in più, uno relativo alle questioni legate all'utilizzo di smartphone e tablet, l'altro al cloud computing.

Nel primo caso interessa al Garante la diffusione di dispositivi mobile e dell'utilizzo di mobile app e i possibili meccanismi da implementare per aumentare le garanzie degli utenti. Così, l'intenzione di mister privacy è quella di dare indicazioni per un utilizzo consapevole dei servizi mobile, mentre per quanto riguarda il cloud computing si tratta di mettere ben in luce i vantaggi e rischi dell'esternalizzazione dei dati per un uso consapevole di questo genere di servizi.

Le imprese e gli operatori a cui il mercato offre questi nuovi servizi, infatti, "pensano soprattutto alla diminuzione di costi o alle opportunità di costante ammodernamento che queste tecnologie consentono, prestando scarsa attenzione al fatto che comportano la perdita del possesso fisico dei dati e dei programmi operativi che utilizzano".
Quello del Garante della privacy, d'altronde, non è affatto un discorso di paura e diffidenza nei confronti delle possibilità del futuro e delle nuove tecnologie: queste e la Rete, in generale, rappresentano uno "spazio di democrazia" e "uno strumento fondamentale per promuovere la libertà e lo spazio politico in cui si combatte la lotta tra democrazia e repressione".

Per questo "non bisogna mettere bavagli", benché a volte possa apparire giustificato da "ragioni di sicurezza": da evitare è il pericolo di un "controllo oppressivo e repressivo che può limitare la libertà dei cittadini e vanificare la grande risorsa positiva della rete come comunicazione globale".

Tuttavia vi sono dei paletti da porre: "L'avanzata delle nuove tecnologie, che non può e non deve essere fermata né ostacolata, deve essere regolata a garanzia di tutti", per non correre il rischio, ad esempio, come ormai avviene con l'uso degli smartphone, di essere "quasi sempre inconsapevolmente un Pollicino" che segnala i propri spostamenti.

"Serve - dice in definitiva il Garante - una informativa di rischio come per l'uso dei farmaci". D'altronde, gli utenti "tendono a delegare la gestione di molti aspetti della propria vita sia personale che professionale alle nuove tecnologie, le quali fanno sempre più spesso impiego di informazioni personali".

Dito puntato, inoltre, contro il telemarketing, una forma "inaccettabile di invasione della sfera privata e domestica", per cui appare inadeguato anche il nuovo sistema pensato contro le telefonate indesiderate, il registro delle opposizioni: a distanza di quattro mesi dal suo debutto "sta manifestando limiti e difetti maggiori di quanto previsto", almeno di quanto previsto dalle autorità che ritenevano potesse risolvere il problema il passaggio da un sistema opt-in ad uno opt-out, che in realtà, come paventavamo diversi osservatori, non ha fatto che complicare e ingarbugliare la situazione.

"Stanno emergendo - ha spiegato il Garante - non solo i limiti del sistema e del suo funzionamento, ma anche la difficoltà di definire la catena della responsabilità di fronte a trattamenti che vedono coinvolti una pluralità di soggetti, dalle imprese interessate ai call center".

Anche per questo vi sono state centinaia di segnalazioni di protesta che i cittadini (soprattutto quelli che pur essendo iscritti al registro continuano a essere disturbati) hanno rivolto al Garante in questi ultimi mesi: oltre mille rispetto alle trecento del 2010 quando vigeva il meccanismo inverso e più del novanta per cento riguardano proprio le violazioni del registro delle opposizioni.

La prima conseguenza dei perduranti disagi è che il registro delle opposizioni non verrà esteso al marketing postale.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
109 Commenti alla Notizia Garante privacy: cloud computing e vecchi problemi
Ordina
  • In effetti il problema di garantire la privacy all’interno del contesto cloud è sempre più dibattuto. Ho però letto recentemente che il Parlamento europeo discuterà delle pratiche di security nel cloud. Vedremo che cosa si deciderà. Se avessi la responsabilità di una piccola impresa, posso davvero fidarmi?
    E’ sicuramente compito dei grandi vendor come Cisco, Siemens Enterprise, Avaya (solo per citarne alcune specializzate al mondo aziendale) dare certezze in questo senso, oltre che chiaramente alle istituzioni perché il fenomeno sia regolamentato al meglio e che tuteli sempre chi questo “servizio” lo vorrà acquistare
    non+autenticato
  • E' stato detto e scritto in tutte le salse che
    non avrebbe funzionato!!!!!!!!!

    L'attuale meccanismo equivale a reggere in 4
    la scala correndo in tondo mentre il quinto sta
    su fermo a reggere la lampasdina da avvitare, uno
    spreco enorme e irrazionale di risorse quando bastava
    UNA semplice regola: NESSUNO PUO' TELEFONARE A
    NESSUNO SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA (es. per capirci,
    le cartoline sconto che molti compilano al super, se
    ci metti il tuo telefono e' ovvio che li autorizzi
    a chiamarti)

    Cmq io ho risolto vent'anni fa non facendo
    pubblicare il mio numero in elenco, all'epoca per
    motivi differenti ma funziona benissimo anche con
    i venditori di pentole Sorride

    Mauro
  • Bla bla bla bla... sono 10 anni che ne sento di tutti i colori... ma siamo ancora qua!... eh gia'!A bocca aperta

    Sapete che c'e' si va a mare! alla faccia di tutti!Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: master

    SNR?A bocca aperta
    non+autenticato
  • vuole dire "del tutto"
    e niente affato vuole dire per niente

    Il "piuttosto che" non può essere utilizzato nel senso di "oppure" ma
    indica una preferenza, "mangero carne puttosto che pesce"
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: CICCIO
    > vuole dire "del tutto"
    > e niente affato vuole dire per niente
    >
    > Il "piuttosto che" non può essere utilizzato nel
    > senso di "oppure"
    > ma
    > indica una preferenza, "mangero carne puttosto
    > che
    > pesce"

    Qundi un altro pessimo articolo? Non avevo voglia di leggerlo e adesso sono sicuro che non lo leggo.
    non+autenticato
  • Il Garante si preoccupa, la PolPosta e la Magistratura invece possono essere solo contenti della diffusione degli smartphone con GPS.
    Così in futuro le Forze dell'Ordine eviteranno la rottura di chiedere i documenti a milioni di italiani per poi schedarli vita natural durante, come avviene ora nella totale indifferenza dell'esimio Garante...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano Trap

    Anche ipotetici stalker e topi d'appartamento esultano. Specie se sono scalza-cani dell'est europeo. Il fatto di sapere dov'è la loro vittima è fondamentale.
    non+autenticato
  • Sì, perché lo scalzacane è così bravo da preparare il furto a casa tua in anticipo su Internet, fregantodi prima la password dell'account google per accedere a latitude e sapere la tua posizione...

    Ma dai... se è uno scalzacane NON può arrivare a tanto.

    E se invece è uno ben organizzato, allora vuol dire che ha dei BUONI motivi (soldi, antipatia, invidia...) per spendere giorni di ricerca per venire a rubare a casa tua. E in questo caso sai già che devi difenderti.
  • - Scritto da: entromezzanotte
    > Sì, perché lo scalzacane è così bravo da
    > preparare il furto a casa tua in anticipo su
    > Internet, fregantodi prima la password
    > dell'account google per accedere a latitude e
    > sapere la tua
    > posizione...
    >
    > Ma dai... se è uno scalzacane NON può arrivare a
    > tanto.
    >
    > E se invece è uno ben organizzato, allora vuol
    > dire che ha dei BUONI motivi (soldi, antipatia,
    > invidia...) per spendere giorni di ricerca per
    > venire a rubare a casa tua. E in questo caso sai
    > già che devi
    > difenderti.

    No, ma se è uno scalzacani potrebbe aver visto il tuo profilo su Facebook e scoperto che stai salutando tutti per dire che vai alle maldive.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > No, ma se è uno scalzacani potrebbe aver visto il
    > tuo profilo su Facebook e scoperto che stai
    > salutando tutti per dire che vai alle
    > maldive.

    Allora è colpa tua, che lo hai scritto su Facebook, non del GPS dello smartphone che ti traccia (questo thread parlava del GPS o comunque dei sitemi di rilevamento della posizione).
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 giugno 2011 13.51
    -----------------------------------------------------------
  • > Allora è colpa tua, che lo hai scritto su
    > Facebook, non del GPS dello smartphone che ti
    > traccia (questo thread parlava del GPS o comunque
    > dei sitemi di rilevamento della
    > posizione).

    E che c'entra? E lo stalking invece? Inoltre, io non so dalle tue parti, ma gli scalza-cani qui, piangono il morto e girano vestiti firmati. Credimi che è diversa la verità dei fatti, da quella che intendi tu.
    non+autenticato
  • se uno e' cosi' genio da mettere i manifesti quando va in ferie non deve lamentarsi se poi qualche malintenzionato utilizza certe informazioni.

    ma guardando in giro proprio su facebook quanti lasciano la bacheca visibile e il tipo di informazioni che sbattono in pasto al mondo, ho sempre piu' scarsa fiducia nell'intelligenza umana
    non+autenticato
  • - Scritto da: Deathspell
    > se uno e' cosi' genio da mettere i manifesti
    > quando va in ferie non deve lamentarsi se poi
    > qualche malintenzionato utilizza certe
    > informazioni.
    >
    > ma guardando in giro proprio su facebook quanti
    > lasciano la bacheca visibile e il tipo di
    > informazioni che sbattono in pasto al mondo, ho
    > sempre piu' scarsa fiducia nell'intelligenza
    > umana

    Chiaro che si (a te e a mezzanotte): non occorre grande abilità informatica, ma solo una discreta conoscenza della bestia "homo (pocus) sapiens".

    Considerando il fatto che, una volta immessa in rete, la permanenza del dato è irreversibile (comunque resta online sempre troppo a lungo) faccio fatica a capire in che modo altre persone danno certi annunci in rete.

    GT
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)