Cristina Sciannamblo

USA, punito il cracker di AT&T

Condannato a oltre un anno di reclusione Daniel Splitter, colpevole di aver trafugato oltre 120mila contatti appartenenti agli abbonati del servizio 3G per iPad della telco

Roma - Erano stati accusati di frode per essersi intrufolati in sistemi informatici senza autorizzazione. Ora, per Daniel Splitter, 26 anni, e Andrew Auernheimer, 25, è arrivata la sentenza.

Splitter è stato giudicato colpevole dalla corte federale del New Jersey, condannato a un periodo di reclusione in carcere compreso tra i 12 e i 18 mesi. Auernheimer è stato riconosciuto non colpevole.

I due erano stati considerati i responsabili dell'attacco condotto circa un anno fa ai server AT&T, sfruttando un bug lasciato aperto erroneamente dalla telco. I due erano così entrati in possesso di informazioni e indirizzi email di oltre 120mila utenti iPad, sottoscrittori del servizio 3G di AT&T, tra cui personaggi famosi quali Michael Bloomberg, l'anchorman ABC Diane Sawyer e l'allora capo del personale della Casa Bianca Rahm Emanuel, così come vertici Condé Nast, Viacom, Time Warner e News Corporation. (C.S.)
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, fuga di dati iPad: il caso AT&T in tribunaleAccusati gli autori dello script automatizzato per sfruttare la falla della telco e che avevano pubblicato le email degli utenti della tavoletta. Si pensa che dietro le indagini dell'FBI ci sia una talpa
  • SicurezzaAT&T, scambio di utenti su iPhone 4Un bug ha mescolato le credenziali d'accesso, permettendo la visualizzazione di informazioni personali di sconosciuti. Mentre continua la guerra tra la telco statunitense e Goatse Security. Arresti e perquisizioni
  • AttualitàAT&T e l'uomo neroPiù accuse che scuse da parte della telco: la colpa della fuga di dati è tutta di cracker malintenzionati. Anche FCC apre un'indagine ad ampio spettro su sicurezza e privacy garantite online