Mauro Vecchio

LulzSec, accusato in libertÓ vigilata

Il giovane Ryan Cleary non potrÓ avvicinarsi a qualsiasi dispositivo connesso ad Internet. E dovrÓ osservare un coprifuoco giornaliero per due mesi. Poi verranno valutate le accuse di violazione del Computer Misuse Act britannico

Roma - Dovrà osservare un rigido coprifuoco, impossibilitato ad uscire di casa senza la presenza di almeno uno dei suoi genitori. Il giovane hacker Ryan Cleary è così uscito da una prigione di Londra, in attesa di ripresentarsi - il prossimo 30 agosto - davanti al giudice della Southwark Crown Court.

Arrestato nella cittadina di Wickford, il 19enne Cleary era stato accusato di aver partecipato attivamente alla recente ondata di cyberattacchi marchiati LulzSec. Un ruolo chiave, a parere delle forze dell'ordine, quello interpretato dal giovane all'interno dell'ormai celebre collettivo, in particolare nella pianificazione strategica di numerosi attacchi DDoS.

Un cinguettio su Twitter aveva tuttavia sottolineato come il ragazzo arrestato fosse soltanto uno dei gestori dei canali IRC orbitanti intorno alla crew. Ryan Cleary si era già messo a capo del gruppo di rivoltosi che aveva messo fuori uso i server IRC di Anonymous.
Pagata la cauzione, il ragazzo dovrà ora indossare una cavigliera elettronica e soprattutto è stato obbligato a non avvicinarsi a qualsivoglia dispositivo connesso ad Internet. Niente smartphone o PC: Cleary non potrà nemmeno guardarsi la TV se abilitata per la navigazione online.

Il ragazzo dovrà dunque ripresentarsi in aula alla fine del prossimo agosto, per affrontare un'accusa di violazione del Computer Misuse Act. Secondo gli inquirenti, Cleary sarebbe responsabile dell'attacco contro il sito ufficiale della Serious Organised Crime Agency (SOCA) oltre che della British Phonographic Industry (BPI).

Nel frattempo, i legali del ragazzo avrebbero già pronta la sua difesa, sottolineando come lo stesso Cleary soffra della sindrome di Asperger, già invocata dagli avvocati del più celebre hacker Gary McKinnon.

Gli agenti federali statunitensi sono comunque tornati alla carica, a caccia di altre teste eccellenti nel già defunto gruppo LulzSec.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàLulzSec: può bastareUltimi dati rilasciati e comunicato d'addio del gruppo che dice di aver voluto solo portare il caos per 50 giorni. Non una guerra, insomma, ma una parentesi particolarmente movimenta. Che altri potrebbero trasformare in rivoluzione
  • SicurezzaLulzSec, breccia nelle forze dell'ordineDivulgati i documenti, le informazioni e i dati personali degli agenti delle forze di polizia dell'Arizona. Il gruppo alza il livello dello scontro
  • AttualitàLulzSec, a chi le dà e da chi le prendeNuovi attacchi e qualche smentita intorno alla crew che sembra al centro dei principali fatti del momento. Non basta l'interessamento di Scotland Yard: ora anche l'FBI e altri hacker li cercano
6 Commenti alla Notizia LulzSec, accusato in libertÓ vigilata
Ordina