Ammazza-Internet? Disinnescata

di M. Scialdone - Dopo la pubblicazione della delibera Agcom è il momento di tirare le somme. Il bicchiere è mezzo pieno: e chissà che non si riesca a colmarlo dopo la consultazione estiva

Roma - AGCOM ha finalmente diffuso il testo (deliber N.398/11/CONS) del provvedimento sul diritto d'autore di cui tanto si è discusso nelle ultime settimane. Una cosa va detta subito: si tratta di un enorme passo avanti rispetto alle linee guida pubblicate lo scorso dicembre.

Come sitononraggiungibile avevamo più volte sottolineato il pericolo che centinaia di siti, espressione della cosiddetta remix culture (fan fiction, anime music videos, machinima), venissero resi irraggiungibili dall'Italia sulla base della segnalazione dei titolari dei diritti, senza passare attraverso l'autorità giudiziaria (e, dunque, senza le garanzie a ciò connesse) ma solo per il tramite di un provvedimento amministrativo.

Orbene, quella parte, ipotizzata nelle linee guida, è stata stralciata dal provvedimento oggi messo in consultazione. L'articolo 14 si limita a prevedere (come noi avevamo richiesto nel corso delle audizioni in AGCOM) che l'Autorità segnali le presunte violazioni all'autorità giudiziaria cui spetterà, se lo riterrà opportuno, attivarsi ponendo in essere gli adempimenti di competenza.
Tutto bene, allora? Non proprio.
Continuano ad esserci degli elementi criticabili nel testo della delibera.

L'autorità introduce un meccanismo di Notice and Take Down, mutuandolo dall'ordinamento statunitense (sia pure in una versione "all'amatriciana", come definita da Marco Pierani di Altroconsumo), senza avere alle spalle una normativa chiara sul punto e, anzi, spingendosi oltre le prerogative attribuite ad AGCOM dalla legge.

Come ho avuto modo di argomentare nei giorni scorsi, nel nostro ordinamento non esiste una disposizione che dia una competenza generalizzata all'Autorità in materia di diritto d'autore. Il cosiddetto Decreto Romani le conferisce al massimo un potere d'intervento soggettivamente limitato ai cosiddetti fornitori di servizi audio-media, non dunque a tutti i siti Internet, di qualsivoglia natura, ma soltanto quelli che abbiano un vero e proprio palinsesto con relativa responsabilità editoriale.

Ciò detto, appare davvero sterile perdersi in polemiche su aspetti tecnici di una procedura amministrativa (quella di rimozione selettiva), che poco cambia rispetto a quanto già oggi previsto nelle condizioni generali di contratto delle piattaforme che ospitano contenuti generati o caricati dagli utenti.

Anzi, sotto quest'ultimo profilo, se una novità c'è è a favore degli utenti. Viene infatti introdotta la possibilità di instaurare il procedimento dinanzi ad AGCOM anche per l'utente che si sia visto inopinatamente rimosso un contenuto e, pur avendone richiesto il ripristino al gestore della piattaforma, non abbia avuto risposta.

Come abbiamo sostenuto dalla prima ora, la battaglia intrapresa con sitononraggiungibile non era e non è contro AGCOM, ma per AGCOM, per ricondurne l'operato alla ragionevolezza e alla legalità. Abbiamo raggiunto il primo obiettivo: adesso dobbiamo concentrarci sul secondo.

Marco Scialdone
Sitononraggiungibile.it

Marco Scialdone è un avvocato specializzato in diritto societario, nonché docente di Digital Copyright presso la Link Campus University
Notizie collegate
  • Diritto & InternetAGCOM e la diplomazia del diritto d'autoreApprovate le misure previste dalla delibera 668/2010. Nessuna inibizione dell'accesso a siti operativi all'estero. Timidi applausi per l'introduzione di una sorta di fair use anglosassone. Ma cosa succederà a piattaforme come YouTube?
  • AttualitàAgcom, ammazza-Internet al varo?Stando alle ultime indiscrezioni, tutti i commissari dell'Autorità - ad eccezione di D'Angelo e Lauria - avrebbero approvato la delibera 668 sul diritto d'autore. Esteso a 15 giorni il periodo del contraddittorio, ora parte la consultazione pubblica
  • AttualitàSIAE: AGCOM difende la legalitàAnche la Società Italiana degli Autori ed Editori entra nella polemica. La delibera dell'Authority non lede la libertà della Rete ma si impegna a combattere chi si arricchisce a danno dei produttori di opere
  • AttualitàAgcom, tra defezioni e mobilitazioniSi dimette anche l'altro relatore Gianluigi Magri, in risposta alle illazioni emerse dopo la sostituzione di D'Angelo. La Rete organizza una notte di protesta, mentre Bersani chiede all'Autorità di fermarsi
28 Commenti alla Notizia Ammazza-Internet? Disinnescata
Ordina
  • Diritto d'autore.. l'italia sta andando a picco ... mah
    non+autenticato
  • una cosa e certa che alla fine on line o dvd o cd ecc. ma dovrete pagare per vedere qualcosa o ascoltare , perche si sta' mobilitando il mondo l'era di internet gratis sta' finendo ragazzi e solo una questione di tempo .

    bye bye
    non+autenticato
  • - Scritto da: fraccaso ubaldo
    > una cosa e certa che alla fine on line o dvd o cd
    > ecc. ma dovrete pagare per vedere qualcosa o
    > ascoltare , perche si sta' mobilitando il mondo
    > l'era di internet gratis sta' finendo ragazzi e
    > solo una questione di tempo.
    > bye bye

    L'importante e' che i prezzi scendano, del resto automatizzare parte della filiera serve proprio a far scendere i prezzi.
    krane
    22544
  • > una cosa e certa che alla fine on line o dvd o cd
    > ecc. ma dovrete pagare per vedere qualcosa o
    > ascoltare

    No. Affatto.

    Ci sono troppi modi per scaricare gratis, per pensare di bloccarli. Oltre tutto, anche nel caso fantascientifico in cui si riuscisse a bloccare i siti di scaricamento, c'è sempre la condivisione tramite chiavette e hard disk portatili (un tempo ci si copiava i vhs e le cassette, o si masterizzavano i cd... ora, bastano 5 minuti a copiare una chiavetta). Non si torna indietro.

    > , perche si sta' mobilitando il mondo
    > l'era di internet gratis sta' finendo ragazzi e
    > solo una questione di tempo
    > .

    Se fosse vero, vorrebbe dire che conviene scaricare tutto il possibile, per quando non ci sarà più.

    Ma io credo, invece, che a finire sia l'epoca dei contenuti a pagamento.

    Guarda la musica: praticamente ogni brano si trova su youtube, alla luce del sole... e non provano neanche più a farlo cancellare.

    Guarda il genere hard: si trovano siti ovunque, e nessuno riesce più a farsi pagare. Cosa hanno fatto? Hanno ridotto i budget, producono con costi minori, e pubblicano gratis, finanziandosi con i banner. Non c'è altra scelta.

    > bye bye

    Addio!
    non+autenticato
  • Vi ricordo che in Cile fu organizzato un colpo di stato perché il presidente Allende voleva statalizzare diverse compagnie tra cui quella telefonica che era statunitense.

    Pensate veramente che abbattere Internet sarà così facile quando dietro ci sono interessi enormi?

    Purtroppo Internet è un male per la nostra società, ma i soliti palle mosce che amano le comodità e se ne fregano del prossimo vanno boffonchiando il contrario.

    Nel nostro paese i posti di lavoro saranno sempre in calo, ci saranno servizi online offerti da aziende straniere con la sede in qualche paese europeo fiscalmente amico, servizi che fotteranno posti di lavoro VERI.
    Per non parlare poi della pirateria. Tutte attività che non porteranno un euro nelle casse del nostro paese.

    Tutto questo per cosa? Per vedere video scemi su Youtube, giocare in multiplayer, parlare di stronzate su skype, guardare i porno, scaricare film, canzoni e libri illegalmente.

    Andate a quel paese voi strenui difensori di queste inutilità mentre il resto del paese va a rotoli. Non chiedete migliori mezzi pubblici, non chiedete di migliorare la sanità, non chiedete di far pagare le tasse a chi non le paga. No volete delle cagate tipo la banda larga, tanti megabit in upload e download, la neutralità della rete. Certo e il resto chi se ne fotte, questa è la vostra mentalità.

    Andiamo avanti così e il sistema crollerà, il tutto grazie a Internet. Quando tra qualche anno sarete per strada a frugare nella spazzatura per trovare del cibo vedremo se vi verrà ancora voglia di cercare su youtube video buffi con protagonisti dei gatti, perché sarete voi i gatti che frugano tra i bidoni.
    non+autenticato
  • sei un grande mi piace il tuo discorso da trainspotting

    quoto quoto
    non+autenticato
  • Solo tu potevi quotarlo...
    non+autenticato
  • Selezione naturale amico .....
  • Ciao, scusa ma io non sono per niente daccordo al tuo oommento, è chiaro che bisognerebbe pagare per i diritti d'autore ma è abbastanza ovvio che la strada sia la pubblicita' che paghera' per essere sui sitemi che andranno creati legali e che pagheranno a loro volta i diritti d'autore, l'utente finale non fara' altro che "sorbirsi" 1 tot di minuti di informazioni e vedra' il film / sentira' la musica, gratis e cosi dovrebbe essere poiche' certe cose (non certo i video buffi di youtube, ma forse anche questi chissa' il mondo è bello x' è vario) servono anche x creare conoscenza e "cultura" oltre ad aiutare i poveri cristi (come me e tnt altri) a vivere 1 po meglio in 1 posto (l'italia) dove ci sono problemi molto + seri che denunciare chi scarica l'ultimo film di harry potter.. poi vedi tu ma io la penso cosi
    cordialmente
    non+autenticato
  • - Scritto da: ale blue
    > Ciao, scusa ma io non sono per niente daccordo al
    > tuo oommento, è chiaro che bisognerebbe
    > pagare per i diritti d'autore ma è
    > abbastanza ovvio che la strada sia la pubblicita'
    > che paghera' per e

    L'hai deciso tu questo? Indovina un po': NON BASTA
    Ora la pubblicità la mette chi fa soldi con i contenuti altrui. Perché farli COSTA.
    E a chi ti dà la connessione invece fa comodo che ci sia stata la pirateria perché così ha convinto un sacco di gente ad abbonarsi.
    Prima uno si chiedeva: Cosa mi collego a fare?
    Poi la risposta è arrivata: musica, film e porno a sbafo.

    Per non parlare poi di tutti i posti di lavoro che la pirateria ma anche i business legittimi online fanno perdere.

    Perché anziché avere una rete di negozi sparsi sul territorio si mettono un po' di server in data center sparsi nel mondo, la sede legale la piazzano là dove fa comodo, quella fiscale là che gli danno le agevolazioni e così nel tuo bello stivalone italiano non entra un cazzo: NIENTE LAVORO, NIENTE SOLDI; NIENTE DI NIENTE, tranne un po' di gente che scarica scarica e pensa di aver ottenuto chissà cosa. In realtà si tratta solo di gente egoista che non sa guardare al di là del proprio naso.
    non+autenticato
  • > L'hai deciso tu questo? Indovina un po': NON BASTA

    Peggio per te. Vorrà dire che pagherai un po' meno gli attori e i cantanti.

    > Ora la pubblicità la mette chi fa soldi con
    > i contenuti altrui. Perché farli
    > COSTA.

    Allora non farli, nessuno ti ha obbligato.

    > E a chi ti dà la connessione invece fa
    > comodo che ci sia stata la pirateria perché
    > così ha convinto un sacco di gente ad
    > abbonarsi.

    Fa comodo anche a noi.

    > Prima uno si chiedeva: Cosa mi collego a fare?
    > Poi la risposta è arrivata: musica, film e
    > porno a
    > sbafo.

    Ottimo!

    >
    > Per non parlare poi di tutti i posti di lavoro
    > che la pirateria ma anche i business legittimi
    > online fanno
    > perdere.

    Quali posti di lavoro fanno perdere? Solo quelli inutili. Ed è un bene, perchè pagare chi fa un lavoro inutile è uno spreco di soldi.

    La pirateria riduce gli sprechi.

    >
    > Perché anziché avere una rete di negozi
    > sparsi sul territorio si mettono un po' di server
    > in data center sparsi nel mondo, la sede legale
    > la piazzano là dove fa comodo, quella
    > fiscale là che gli danno le agevolazioni

    Ottimo: costa meno. Si risparmia un mucchio.


    > così nel tuo bello stivalone italiano non
    > entra un cazzo: NIENTE LAVORO, NIENTE SOLDI;
    > NIENTE DI NIENTE

    Non esce un cazzo, vuoi dire. I soldi degli utenti, prima, andavano nei negozi, che li mandavano all'estero per comprare film e musica. Oppure, nel migliore dei casi, andavano ad autori italiani, che non facevano un cazzo e poi li rispendevano. Quindi, il cittadino italiano, doveva lavorare e guadagnarsi lo stipendio solo per riavere indietro i suoi soldi, e nemmeno tutti. Meglio non spenderli proprio, non ti pare?


    >, tranne un po' di gente che
    > scarica scarica e pensa di aver ottenuto
    > chissà cosa.

    Ha ottenuto di non dover dare dei soldi per un circolo vizioso del tutto inutile.

    In realtà si tratta solo
    > di gente egoista che non sa guardare al di
    > là del proprio
    > naso.

    Sappiamo vedere molto oltre. Tu, invece, non vedi nemmeno al di quà del tuo naso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ale blue
    > Ciao, scusa ma io non sono per niente daccordo al
    > tuo oommento, è chiaro che bisognerebbe
    > pagare per i diritti d'autore ma è
    > abbastanza ovvio che la strada sia la pubblicita'
    > che paghera' per essere sui sitemi che andranno
    > creati legali e che pagheranno a loro volta i
    > diritti d'autore, l'utente finale non fara' altro
    > che "sorbirsi" 1 tot di minuti di
    > informazioni e vedra' il film / sentira' la
    > musica, gratis e cosi dovrebbe essere poiche'
    > certe cose (non certo i video buffi di youtube,
    > ma forse anche questi chissa' il mondo è
    > bello x' è vario) servono anche x creare
    > conoscenza e "cultura" oltre ad aiutare
    > i poveri cristi (come me e tnt altri) a vivere 1
    > po meglio in 1 posto (l'italia) dove ci sono
    > problemi molto + seri che denunciare chi scarica
    > l'ultimo film di harry potter.. poi vedi tu ma io
    > la penso
    > cosi
    > cordialmente

    un po' la penso pure io così, già siamo in un paese che fa schifo di suo..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > Vi ricordo che in Cile fu organizzato un colpo di
    > stato perché il presidente Allende voleva
    > statalizzare diverse compagnie tra cui quella
    > telefonica che era
    > statunitense.
    >

    E cosa c'entra?

    > Pensate veramente che abbattere Internet
    > sarà così facile quando dietro ci sono
    > interessi
    > enormi?

    Certo che no. Internet non si può abbattere, grazie al cielo.

    >
    > Purtroppo Internet è un male per la nostra
    > società, ma i soliti palle mosce che amano
    > le comodità e se ne fregano del prossimo
    > vanno boffonchiando il contrario.

    Che male farebbe alla nostra società?

    >
    >
    > Nel nostro paese i posti di lavoro saranno sempre
    > in calo

    I lavori inutili, sì, spariranno. Ma è un bene. Così, tutti coloro che al momento svolgono attività inutili e improduttive, andranno a zappare, a fare il pane, a lavorare in miniera... e questo significherà che produrranno più cibo, e più beni materiali, che quindi costeranno di meno, e il costo della vita scenderà, con grossi vantaggi per tutti.


    >, ci saranno servizi online offerti da
    > aziende straniere con la sede in qualche paese
    > europeo fiscalmente amico, servizi che fotteranno
    > posti di lavoro
    > VERI.

    Non è possibile. I posti di lavoro veri non rischiano. Pensa alla pizzeria sotto casa: come fai a sostituirla con un servizio online? Certo, puoi mettere un servizio online di consegna pizze con sede in romania... ma ti consegneranno la pizza fredda.

    > Per non parlare poi della pirateria. Tutte
    > attività che non porteranno un euro nelle
    > casse del nostro
    > paese.

    Vero. Ma non porteranno neanche un euro FUORI dal nostro paese. Invece, se si comprassero film e musica originali, un mucchio di soldi USCIREBBERO dall'italia.

    >
    > Tutto questo per cosa? Per vedere video scemi su
    > Youtube, giocare in multiplayer, parlare di
    > stronzate su skype, guardare i porno, scaricare
    > film, canzoni e libri
    > illegalmente.

    Sempre meglio che passare lo stesso tempo a fare la coda in videoteca, o al negozio di dischi.

    >
    > Andate a quel paese voi strenui difensori di
    > queste inutilità mentre il resto del paese
    > va a rotoli. Non chiedete migliori mezzi
    > pubblici, non chiedete di migliorare la
    > sanità

    Strano, vero, che su un forum di informatica si preferisca parlare di informatica piuttosto che dei mezzi pubblici, non ti pare?


    >, non chiedete di far pagare le tasse
    > a chi non le paga.

    No. Ma possiamo chiedere a te di pagare per tutti, se proprio ci tieni.


    > Andiamo avanti così e il sistema
    > crollerà, il tutto grazie a Internet.

    Lo scopo è questo: far crollare un sistema obsoleto.

    > Quando
    > tra qualche anno sarete per strada a frugare
    > nella spazzatura per trovare del cibo

    Vedo che te ne intendi... probabilmente lo fai abitualmente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > Vi ricordo che in Cile fu organizzato un colpo di
    > stato perché il presidente Allende voleva
    > statalizzare diverse compagnie tra cui quella
    > telefonica che era
    > statunitense.

    Che razza di riduttivismo. Il golpe cileno lo si comprende alla luce dello scenario globale della guerra fredda. Il cile si apprestava a varare la via cilena al comunismo, e ciò che più spaventava erano la nazionalizzazione delle banche e la riforma agraria, che insieme minacciavano di sottrarre al controllo delle multinazionali i ricchi giacimenti di rame.


    > Purtroppo Internet è un male per la nostra
    > società, ma i soliti palle mosce che amano
    > le comodità e se ne fregano del prossimo
    > vanno boffonchiando il contrario.
    >
    >
    > Nel nostro paese i posti di lavoro saranno sempre
    > in calo, ci saranno servizi online offerti da
    > aziende straniere con la sede in qualche paese
    > europeo fiscalmente amico, servizi che fotteranno
    > posti di lavoro
    > VERI.

    In realtà le statistiche dicono che il numero maggiore di posti di lavoro che in Italia si perdono o vanno in cassa integrazione sono quelli dei settori meccanico, metallurgico, della lavorazione dei metalli e dei tessuti. di chi è la colpa? di Internet o delle dinamiche di mercato che spingono le aziende a delocalizzare?


    > Tutto questo per cosa? Per vedere video scemi su
    > Youtube, giocare in multiplayer, parlare di
    > stronzate su skype, guardare i porno, scaricare
    > film, canzoni e libri
    > illegalmente.
    >
    > Andate a quel paese voi strenui difensori di
    > queste inutilità mentre il resto del paese
    > va a rotoli. Non chiedete migliori mezzi
    > pubblici, non chiedete di migliorare la
    > sanità, non chiedete di far pagare le tasse
    > a chi non le paga. No volete delle cagate tipo la
    > banda larga, tanti megabit in upload e download,
    > la neutralità della rete. Certo e il resto
    > chi se ne fotte, questa è la vostra
    > mentalità.
    >
    > Andiamo avanti così e il sistema
    > crollerà, il tutto grazie a Internet. Quando
    > tra qualche anno sarete per strada a frugare
    > nella spazzatura per trovare del cibo vedremo se
    > vi verrà ancora voglia di cercare su youtube
    > video buffi con protagonisti dei gatti,
    > perché sarete voi i gatti che frugano tra i
    > bidoni.

    Questo è un puro e semplice delirio neoluddista che denota pure una certa frustrazione.
    Tu non hai e non puoi avere la minima idea di che cosa ogni singola persona faccia per migliorare le cose. Non sai e non puoi sapere come quella persona usa internet, né che cosa voglia.

    La tua convinzione che internet sia l'unica causa, e non uno strumento per una possibile soluzione ai gravi problemi della società moderna, è miope quanto pericolosa.
  • - Scritto da: Dottor Stranamore
    > Vi ricordo che in Cile fu organizzato un colpo di
    > stato perché il presidente Allende voleva
    > statalizzare diverse compagnie tra cui quella
    > telefonica che era
    > statunitense.
    > Pensate veramente che abbattere Internet
    > sarà così facile quando dietro ci sono
    > interessi enormi?
    > Purtroppo Internet è un male per la nostra
    > società, ma i soliti palle mosce che amano
    > le comodità e se ne fregano del prossimo
    > vanno boffonchiando il contrario.


    Internet non è un male per la nostra società il vero problema è il sistema economico che con l'atuale sviluppo tecnologico è diventato obsoleto


    >
    > Nel nostro paese i posti di lavoro saranno sempre
    > in calo, ci saranno servizi online offerti da
    > aziende straniere con la sede in qualche paese
    > europeo fiscalmente amico, servizi che fotteranno
    > posti di lavoro VERI.

    Quelli inutili DEVONO sparire. Come diceva qualcuno qui: selezione naturale

    > Per non parlare poi della pirateria. Tutte
    > attività che non porteranno un euro nelle
    > casse del nostro paese.
    > Tutto questo per cosa? Per vedere video scemi su
    > Youtube, giocare in multiplayer, parlare di
    > stronzate su skype, guardare i porno, scaricare
    > film, canzoni e libri illegalmente.

    Perplesso senza parole...
    brutta cosa l'ignoranza.


    > Andate a quel paese voi strenui difensori di
    > queste inutilità mentre il resto del paese
    > va a rotoli. Non chiedete migliori mezzi
    > pubblici, non chiedete di migliorare la
    > sanità, non chiedete di far pagare le tasse
    > a chi non le paga. No volete delle cagate tipo la
    > banda larga, tanti megabit in upload e download,
    > la neutralità della rete. Certo e il resto
    > chi se ne fotte, questa è la vostra
    > mentalità.

    Rotola dal ridere delirio totale

    > Andiamo avanti così e il sistema
    > crollerà

    su questo sono d'accordo

    > il tutto grazie a Internet. Quando
    > tra qualche anno sarete per strada a frugare
    > nella spazzatura per trovare del cibo vedremo se
    > vi verrà ancora voglia di cercare su youtube
    > video buffi con protagonisti dei gatti,
    > perché sarete voi i gatti che frugano tra i
    > bidoni.

    beh da quello che scrivi mi sa che TU sarai uno di quelliA bocca aperta
  • Carissimo avvocato mi permette di dissentire su quanto da lei detto:"mi dispiace notarlo ma ormai per la maggior parte degli avvocati italiani almeno che nn siano insegnanti di universita in diritto costituzionale",ignorano completamente la ns carta costituzionale,ma questa delibera è palesemente anticostituzionale:Agcom agisce senza averne il diritto poiche queste competenze che si è arrogata,sono solo ad appannaggio della magistratura e solo essa puo dare luogo a qualsiasi tipo di accertamento in questa materia....Si ricordi che nemmeno il ns parlamento puo legiferare senza tenere conto della ns carta figuriamoci un authority....(che ricordo è espressione politica e quindi non è un potere indipendente.),inoltre come ho gia detto in precedenza in altri post qui vengano violati un bel po di articoli ripeto della ns bellissima carta costituzionale ma sa nn mi stupisco quando mi tornanao alla mente le immagini dei ns parlamentari che fermati fuori delle aule di governo alla trasmissione le"IENE" non sapevano nemmeno dire i 12 principi fondamentali..
    non+autenticato
  • Paese di serie B.

    - Scritto da: topo gigio
    > Carissimo avvocato mi permette di dissentire su
    > quanto da lei detto:"mi dispiace notarlo ma
    > ormai per la maggior parte degli avvocati
    > italiani almeno che nn siano insegnanti di
    > universita in diritto
    > costituzionale",ignorano completamente la ns
    > carta costituzionale,ma questa delibera è
    > palesemente anticostituzionale:Agcom agisce senza
    > averne il diritto poiche queste competenze che si
    > è arrogata,sono solo ad appannaggio della
    > magistratura e solo essa puo dare luogo a
    > qualsiasi tipo di accertamento in questa
    > materia....Si ricordi che nemmeno il ns
    > parlamento puo legiferare senza tenere conto
    > della ns carta figuriamoci un authority....(che
    > ricordo è espressione politica e quindi non
    > è un potere indipendente.),inoltre come ho
    > gia detto in precedenza in altri post qui vengano
    > violati un bel po di articoli ripeto della ns
    > bellissima carta costituzionale ma sa nn mi
    > stupisco quando mi tornanao alla mente le
    > immagini dei ns parlamentari che fermati fuori
    > delle aule di governo alla trasmissione
    > le"IENE" non sapevano nemmeno dire i 12
    > principi
    > fondamentali..
    non+autenticato
  • Con questo regolamento AGCOM la pirateria continuerà esattamente come prima, anzi, i "pirati" saranno pure avvisati prima che li stanno guardando. Abbastanza per chiudere il palchetto qui e riaprilo due isolati + in là. In sostanza l'AGCOM non può far altro che rivolgersi alla magistratura, cioè lo stesso che si poteva fare prima. Che cambia?

    E, qualcosa cambia, sebbene la pirateria non venga affatto colpita viene menomata la libertà, perchè qualsiasi coglione fascista potrà avviare una procedura che sebbene priva di ogni fondamento potrebbe esercitare pressione su un media, che magari non avrà voglia di mettersi in contradditorio.
  • un certo presidente, di una certa onlus si sta già sfregando le mani, tutto contento.
    Sgabbio
    26178
  • nessuno a letto un comma che praticamente autorizza gli ISP di fottersene della neutralità della rete, per favorire "contenuti premium" ?

    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 08 luglio 2011 14.31
    -----------------------------------------------------------
    Sgabbio
    26178
  • e non solo a quanto pare http://www.tomshw.it/cont/news/delibera-agcom-all-...

    è stato tutto un bluff mediatico, ma in realtà non hanno cambiato assolutamente nulla
    non+autenticato
  • Leggendo, HANNO SOLO PEGGIORATO!
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Leggendo, HANNO SOLO PEGGIORATO!
    Ma strano !
    non+autenticato
  • io non ho capito.. a me pareva di aver capito che segnalano alla magistratura e multano gli isp se non oscurano..
    ma mi pare cambi molto poco da come è già ora.. cosa non ho capito ??
    non+autenticato