Mauro Vecchio

UK, giovani pirati crescono

Secondo le ultime statistiche, il download illecito dei film è cresciuto del 30 per cento negli ultimi cinque anni. Merito - o colpa - delle tecnologie legate al broadband e delle nuove, indifferenti generazioni di utenti

Roma - Si tratta di numeri che farebbero tremare i signori del copyright, soprattutto quelli convinti che le attuali previsioni del Digital Economy Act (DEA) possano davvero bandire dal web i tanto temuti pirati del P2P. Nel Regno Unito lo scaricamento illecito di film sarebbe infatti cresciuto del 33 per cento negli ultimi cinque anni.

A sostenerlo è la società di consulenza IT Envisional, che ha in primis sottolineato come nel solo anno 2010 siano stati registrati circa 1,5 milioni di download selvaggi, e tenendo presente solo la top cinque dei film più apprezzati ai botteghini. L'industria di celluloide ha quantificato in 170 milioni di sterline le perdite causate dal web pirata.

Ma nel 2010 sono cresciuti anche i ritmi di scaricamento di serie televisive, giunti a 1,2 milioni di copie giunte sui computer britannici. Una crescita del 20 per cento rispetto a cinque anni fa. E di chi sarebbe la colpa di questo scenario da apocalisse virtuale del diritto d'autore?
Secondo gli stessi analisti di Envisional, ci sarebbero quattro fattori da prendere in considerazione. Il primo, relativo alle accresciute velocità di connessione legate al broadband d'Albione. Gli stessi contenuti piratati sarebbero ora più facili da reperire e dunque scaricare.

Terzo fattore, la maggiore diffusione di contenuti, soprattutto quelli made in Hollywood. Ma forse un ruolo chiave lo avrebbe giocato - sempre secondo Envisional - lo stesso stoicismo delle nuove generazioni di utenti, convinte che scaricare un contenuto non sia poi tanto un problema.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàDisconnessioni? Niente paura, siamo inglesiUn sondaggio commissionato dal provider britannico BE Broadband metterebbe i brividi ai signori del copyright. Solo l'1 per cento degli utenti smetterebbe di scaricare contenuti dopo l'introduzione del Digital Economy Act
  • Digital LifeSe il P2P è socialmente accettabileIl 70 per cento degli utenti non sentirebbe particolari pressioni morali per pratiche come il file sharing. Ma, secondo uno studio danese, non accetterebbe mai la distribuzione a scopo di lucro di un contenuto scaricato
20 Commenti alla Notizia UK, giovani pirati crescono
Ordina
  • normale ormai fanno solo film che fanno cagare la gente scarica..ma i film vekki..
    non+autenticato
  • È vero. Per questo motivo, non ha importanza se scaricando si provocano perdite all'industria del cinema, ostacolando la produzione di film nuovi.

    I film che non saranno più finanziati sono solo quelli che "fanno cagare"... e i film vecchi sono già stati prodotti, non ha senso pagare ancora per quelli.
    non+autenticato
  • Per esempio al posto di pirati o scariconi usare filesharers?

    Oppure come ho letto il altra notizia, "i signori del diritto d'autore", non sarebbe meglio dire i signori del copyright?
  • Giusto, con la stessa premura di chiamare le mig***te con il termine escort ...
    non+autenticato
  • Tutti ladri...

    ...ma non sarà colpa del sistema, che non funziona?

    (e speriamo che non mi bannano)
  • tutti ladri.. ma sopratutto tutti clienti del futuro... forse è meglio che i vecchi ladri delle major si facciano da parte....
    non+autenticato
  • si, vabbè.
    sono andato a vedere transformer 3 all'imax di pioltello e ho pagato 14 euro di biglietto.. il cinema normale (sempre in 3d) non è che costi molto meno.
    riguardo alle serie tv, spesso i cofanetti costano una follia.. siamo alle solite: abbassassero i prezzi, ci sarebbero più acquirenti.
    io compro tanto su play.com, perché i prezzi sono bassissimi, ma poi le serie e i film me li guardo da solo, dato che gli amici e i familiari non sono molto ferrati con l'inglese. I cofanetti in italia sono una vergogna, a vedere i prezzi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > si, vabbè.
    > sono andato a vedere transformer 3 all'imax di
    > pioltello e ho pagato 14 euro di biglietto.. il
    > cinema normale (sempre in 3d) non è che costi
    > molto
    > meno.
    > riguardo alle serie tv, spesso i cofanetti
    > costano una follia.. siamo alle solite:
    > abbassassero i prezzi, ci sarebbero più
    > acquirenti.
    > io compro tanto su play.com, perché i prezzi sono
    > bassissimi, ma poi le serie e i film me li guardo
    > da solo, dato che gli amici e i familiari non
    > sono molto ferrati con l'inglese. I cofanetti in
    > italia sono una vergogna, a vedere i
    > prezzi.

    Concordo al 100%

    Ma si conteggiano i download per quantificare con stratosferiche cifre le perdite. Ma la maggior parte "scarica" ma poi non vede alla fine il film o telefilm che sia. E' un'atteggiamento compulsivo come gli accatastatori o i collezionisti.
    Se si quanticassero davvero i film che vengono scaricati e visti la cifra stratosferica dovrebbe ridursi di molto, moltissimo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Antonio Delollis
    > - Scritto da: ciccio pasticcio quello vero
    > > si, vabbè.
    > > sono andato a vedere transformer 3 all'imax
    > di
    > > pioltello e ho pagato 14 euro di biglietto..
    > il
    > > cinema normale (sempre in 3d) non è che costi
    > > molto
    > > meno.
    > > riguardo alle serie tv, spesso i cofanetti
    > > costano una follia.. siamo alle solite:
    > > abbassassero i prezzi, ci sarebbero più
    > > acquirenti.
    > > io compro tanto su play.com, perché i prezzi
    > sono
    > > bassissimi, ma poi le serie e i film me li
    > guardo
    > > da solo, dato che gli amici e i familiari non
    > > sono molto ferrati con l'inglese. I
    > cofanetti
    > in
    > > italia sono una vergogna, a vedere i
    > > prezzi.
    >
    > Concordo al 100%
    >
    > Ma si conteggiano i download per quantificare con
    > stratosferiche cifre le perdite. Ma la maggior
    > parte "scarica" ma poi non vede alla fine il film
    > o telefilm che sia. E' un'atteggiamento
    > compulsivo come gli accatastatori o i
    > collezionisti.
    > Se si quanticassero davvero i film che vengono
    > scaricati e visti la cifra stratosferica dovrebbe
    > ridursi di molto,
    > moltissimo.

    Se poi si da un'occhiatina a voci come "abitudini di spesa" e "attitudine al download" si scopre pure che chi scarica, spesso compra.
    E il numero si riduce fino a diventare positivo.

    GT
  • c'è pure da dire che se scarico 30 film al mese (e a 30 film ci vuole poco ad arrivarci) di sicuro non ho i soldi per comprarmi 30 film al mese originali, mettiamo una media di 30 euro a film ... 900€ al mese e poi che mi mangio i film?

    Quindi è ovvio che non si possono calcolare le perdite se ci sono poi, io sono sempre più convinto che se oggi si vende meno musica, meno film è per 2 semplici fattori:
    - Ci sono tanti canali TV gratis
    - Ci sono tanti video game gratis online (legali)
    - Ci sono i giochi di facebook
    - Ci sono le chat
    - La musica la puoi ascoltare legalmente su youtube...
    Insomma la giornata è fatta di 24 ore, tra scopate, lavoro e passeggiate una volta c'era la possibilità di guardare la TV 6 canali non trovavi niente e ti andavi ad affittare un film.
    Ora se non c'è niente in TV che ti interessa (cosa difficile visto il numero di canali), hai tante alternative e tra i giovani i videogiochi online freetoplay sono una grande distrazione.
    Infatti il cinema e i videogiochi online continuano a crescere nonostante la crisi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fininsvest
    > c'è pure da dire che se scarico 30 film al mese
    > (e a 30 film ci vuole poco ad arrivarci) di
    > sicuro non ho i soldi per comprarmi 30 film al
    > mese originali, mettiamo una media di 30 euro a
    > film ... 900€ al mese e poi che mi mangio i
    > film?
    >
    > Quindi è ovvio che non si possono calcolare le
    > perdite se ci sono poi, io sono sempre più
    > convinto che se oggi si vende meno musica, meno
    > film è per 2 semplici
    > fattori:
    > - Ci sono tanti canali TV gratis
    > - Ci sono tanti video game gratis online (legali)
    > - Ci sono i giochi di facebook
    > - Ci sono le chat
    > - La musica la puoi ascoltare legalmente su
    > youtube...
    > Insomma la giornata è fatta di 24 ore, tra
    > scopate, lavoro e passeggiate una volta c'era la
    > possibilità di guardare la TV 6 canali non
    > trovavi niente e ti andavi ad affittare un
    > film.
    > Ora se non c'è niente in TV che ti interessa
    > (cosa difficile visto il numero di canali), hai
    > tante alternative e tra i giovani i videogiochi
    > online freetoplay sono una grande
    > distrazione.
    > Infatti il cinema e i videogiochi online
    > continuano a crescere nonostante la
    > crisi...

    io ricordo che dicevano le stesse porcate fin da quando si registravano le musicassette, raccontavano che la musica stava morendo, che i film non sarebbero piu stati girati e che gli artisti non avrebbero prodotto piu nulla, in 30 anni ancora non sono morti, ma quanto è che devo ancora scaricare per vederli stecchiti?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)