Cristina Sciannamblo

Germania, attacco alla Polizia Federale

Un gruppo di cracker ha infranto i server della Bundes Polizei, sottraendo dati sensibili tra cui le informazioni relative al tracciamento GPS di sospetti sotto sorveglianza. Un gesto di protesta contro il tecnocontrollo, dicono

Roma - L'ondata di cyberattivismo che da qualche tempo colpisce con una certa regolarità Europa e Stati Uniti, non risparmia nemmeno i server della Polizia Federale tedesca. La NN-Crew è riuscita ad accedere agli archivi del sito della Bundes Polizei e a rubare una grande quantità di dati usati per il tracciamento GPS di sospetti sotto sorveglianza.

I server violati contengono sia l'archivio dati sia il software di tracciamento satellitare pronto da scaricare, insieme alle istruzioni per l'installazione e le operazioni da compiere con il programma. I dati sottratti e poi pubblicati da NN-Crew contengono username, password, numeri telefonici, numeri di targa, luoghi e coordinate. Inoltre, nel bottino dei cracker risultano esserci anche documenti interni utilizzati dalle autorità di polizia.

Un portavoce della Polizia Federale ha spiegato che le indagini sul caso hanno rivelato che nessun dato relativo alle indagini è stato pubblicato. Secondo le informazioni disponibili al momento, i bit diffusi provengono da un server utilizzato dagli ufficiali della dogana e che, apparentemente, contengono anche informazioni gestite dalla polizia federale circa il sistema di tracciamento geolocalizzato denominato "Patras". Per ragioni di sicurezza, dunque, quest'ultimo è stato temporaneamente disattivato.
Le motivazioni alla base del sabotaggio sono di carattere politico. I cracker di NN-Crew hanno dichiarato, infatti, di aver compiuto un gesto dimostrativo per protestare contro il "costante monitoraggio" condotto dalle forze dell'ordine. "Questo controllo continuo non può essere più tollerato. A partire da ora, ogni vulnerabilità sarà completamente sfruttata, divulgheremo qualsiasi cosa passi per le nostre mani allo scopo di procurare ai nemici della libertà il più grande danno d'immagine". Tale dichiarazione di guerra arriva dalle pagine del sito del gruppo che, al momento, risulta non raggiungibile.

Cristina Sciannamblo
Notizie collegate
  • AttualitàLulzSec, accusato in libertà vigilataIl giovane Ryan Cleary non potrÓ avvicinarsi a qualsiasi dispositivo connesso ad Internet. E dovrÓ osservare un coprifuoco giornaliero per due mesi. Poi verranno valutate le accuse di violazione del Computer Misuse Act britannico
  • AttualitàLulzSec: può bastareUltimi dati rilasciati e comunicato d'addio del gruppo che dice di aver voluto solo portare il caos per 50 giorni. Non una guerra, insomma, ma una parentesi particolarmente movimenta. Che altri potrebbero trasformare in rivoluzione
  • SicurezzaLulzSec, breccia nelle forze dell'ordineDivulgati i documenti, le informazioni e i dati personali degli agenti delle forze di polizia dell'Arizona. Il gruppo alza il livello dello scontro
20 Commenti alla Notizia Germania, attacco alla Polizia Federale
Ordina
  • Bundespolizei
    non+autenticato
  • succedera' come in altri campi..tipo la guida in auto o in moto...i padroni dei cani che smerdavano tonnellate di escrementi davanti ai portoni per incivilta'..ora girano con la paletta. la mano incellofanata che ogni volta che li vedo sembrano usciti dal reattore giapponese per come sono incellophanati. Vieni da fuhushima? no c ho il cane che smerda sui marciapiedi.

    che a forza di idioti ragazzini e non che si divertono metteranno una legge che se sbagli due volte la tua password sei un hacker e vai condannato.

    (mi direte impossibile sbagliare una password...ditemelo ai miei clienti che comprano un file.exe e poi mi scrivono come lo installo? facendoci click sopra demente)
    non+autenticato
  • Certo, dagli l'ergastolo.... così quando li cogli in flagrante, e vuoi denunciarli, ti spareranno addosso (ergastolo più, ergastolo meno, cosa cambia? E se eliminano il testimone è più difficile che vengano presi).

    Vogliamo una situazione tipo Bronx?
    non+autenticato
  • Due commenti da fare:

    - Non conosco la fama questo gruppo di cracker (non sono un esperto del settore e magari famosissimi nell'ambiente), e se quindi solitamente si dichiarano dei white hat, ma visto l'obiettivo così specifico dell'attacco (oltrettutto con una spiegazione "etica" tanto generica), questa operazione sinceramente mi sembra più eseguita con un tornaconto preciso.
    Personalmente, mi sembra più probabile che sono stati commissionati di terzi (non è che magari fra vere azioni etiche avevano in realtà bisogno di far cassa ?^^), oppure che fra i controllati ci potesse essere con molta probabilità uno o più degli appartenenti al gruppo stesso...

    - Il link mi sembra riporti direttamente al sito gestito da tale gruppo: non sarebbe meglio trattarlo con più cautela ?A bocca aperta
    non+autenticato
  • Se poi un bel giorno i governi decidono di prendere in mano il www e dare una stretta alla liberta' sappiamo chi ringraziare.
    non+autenticato
  • Giusto!
    Molto meglio stare sempre a prenderlo nel cubo, facendo finta che non stia succedendo nulla e vivere sperando che i "governi buoni" (occidentali, democratici, civili, rispettosi dei diritti e delle libertà civili) non decidano di prendere in mano il www e dare una stretta alla libertà.
    Chi vive sperando...
    non+autenticato
  • Ci sono miliardi di siti da attaccare, di sicuro non attaccao il sito di un ente che tenta di difendermi e proteggermi. Se li tracciano non è di sicuro perchè han buttato una cartaccia a terra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippolo
    > Se poi un bel giorno i governi decidono di
    > prendere in mano il www e dare una stretta alla
    > liberta' sappiamo chi
    > ringraziare.
    questo lo dice chi non capisce nulla di internet. prima ancora che esistesse il "www" milgiaia di computer dialogavano tra loro, certo era appannagio di pochi eletti , ma solo per il linguaggio usato, oggi che il linguaggio è facile (html) tutto è piu facile . per poter bloccare le comunicazioni è necessario bloccare la tecnologia, far sparire ogni prodotto hw utile a comunicare, quindi impossibile da realizzare .
    non+autenticato
  • Veramente....basta cambiare due leggi e se in 48 ore non fai cosa dicono ti multano fino a 250 mila euro.

    Altro che oscurare i siti...questa è un'arma ancora più efficace e riguarda il copyright, figurati cosa possono fare se vogliono.

    Usi le vpn? Bene, cambio altre leggi e ci scrivo sopra che il responsabile è colui da cui proviene l'attacco, anche se non è stato lui stesso a portarlo in atto. Morte delle vpn non a scopo di business e il 100% degli utenti che comprerà qualsiasi cosa pur di difendere la propria rete.

    Tutti fenomeni su questo sito a parole, sempre pronti a deridere gli altri sentendosi importanti...cosa fai il programmatore Java? Sappista? Supposta? WOOOOOOOW A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: kaiserxol
    > Veramente....basta cambiare due leggi e se in 48
    > ore non fai cosa dicono ti multano fino a 250
    > mila
    > euro.
    >

    e noi passiamo al mesh networkingA bocca aperta

    > Usi le vpn? Bene, cambio altre leggi e ci scrivo
    > sopra che il responsabile è colui da cui
    > proviene l'attacco, anche se non è stato lui

    ovviamente violando tutti i principi delle costituzioni di metà dei Paesi del mondo

    hai presente quella massima che dice che nessuno è al di sopra della legge?

    la responsabilità dei reati è personale e va provata in maniera schiacciante
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione

    > la responsabilità dei reati è personale
    > e va provata in maniera
    > schiacciante

    Quelli penali.

    Basta una bella multa e il responsabile paga, anche se non è stato lui. Vedrai che dopo nessuno concederà il transito del traffico altrui e i ragazzini verranno messi nella condizione di non nuocere.

    Un bel giro di vite, per il quale ringraziare questi sfuggiti alla verga, arriverà comunque.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Quelli penali.
    >
    > Basta una bella multa e il responsabile paga,
    > anche se non è stato lui. Vedrai che dopo
    > nessuno concederà il transito del traffico
    > altrui e i ragazzini verranno messi nella
    > condizione di non nuocere.
    Ok facciamo una cosa.
    Noi scarichiamo da torrent & Co. e tu, anche se non sei il colpevole, ti dichiari responsabile e paghi le multe.
    Ti va bene?
    Darwin
    5126
  • Sarà più facile che ti banni il tuo provaider ..
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo

    > Quelli penali.
    >
    > Basta una bella multa e il responsabile paga,
    > anche se non è stato lui. Vedrai che dopo
    > nessuno concederà il transito del traffico
    > altrui e i ragazzini verranno messi nella
    > condizione di non nuocere.

    e questo chi te l'ha detto, Steve Jobs? forse a Cupertino la responsabilità sarà personale solo per i reati penali ma in italia la responsabilità è personale SEMPRE, anche per gli illeciti amministrativi.
  • - Scritto da: collione

    > e noi passiamo al mesh networkingA bocca aperta
    >

    E' da tanto che se ne sente parlare, di questa pallottola magica che è il mesh networking, eppure sono ancora solo chiacchiere.

    Se fosse davvero la soluzione, l'avreste già implementato.

    Forse perchè al massimo vi permette di collegare un paio di case nel vicinato?

    Forse perchè sono solo smargiassate?

    Provate un po' il contrario. Mostrate un esempio. Altrimenti la conclusione è che tutti i vostri discorsi si basano su presunte capacità che non avete.
    non+autenticato