Mauro Vecchio

USA, vedo o password?

I vertici del DoJ vorrebbero costringere una donna del Colorado a sbloccare dei file cifrati per poi incriminarla per frode. Per EFF, si tratterebbe di una violazione del Quinto Emendamento della Costituzione a stelle e strisce

Roma - Un intricato caso legale, affidato ad un giudice del Colorado e potenzialmente foriero di un significativo precedente in terra statunitense. Protagonista della spinosa vicenda è un'impiegata locale - tale Ramona Fricosu - pizzicata dai federali a gestire transazioni fraudolente, in particolare legate ad ipoteche su beni immobili.

Un laptop appartenente alla stessa Fricosu era dunque stato sequestrato dagli agenti, che una volta passati all'analisi dei dati contenuti facevano la più irritante delle sorprese. Tutte le informazioni necessarie erano state protette da una password ovviamente a conoscenza della sola Fricosu.

La richiesta degli alti vertici del Department of Justice (DoJ) è ora apparsa in tutta la sua fermezza: obbligare la donna a digitare la password, sbloccando le cartelle contenute sul suo computer portatile. Nessuna rivelazione agli agenti, soltanto posare le dita sulla tastiera e sbloccare il tutto al riparo da occhi indiscreti.
Quello che però il DoJ non ha escluso è il possibile sfruttamento delle informazioni sbloccate per incriminare Ramona Fricosu. Il giudice del Colorado dovrebbe dunque costringere la donna per una questione di pubblico interesse. Secondo l'accusa, le password andrebbero rivelate per procedere più velocemente nei confronti di ladri, terroristi, spacciatori e pedofili.

Ma si tratterebbe di una violazione del Quinto Emendamento della Costituzione statunitense? Gli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) sono intervenuti in favore della donna, sottolineando come la password in questione - se rivelata in maniera coatta - potrebbe portare ad un abuso da parte del governo, che legherebbe Fricosu ad una vera e propria auto-condanna.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, in galera per una passwordUn diciannovenne si Ŕ visto imporre una pena detentiva per il rifiuto di fornire la password di accesso del PC agli investigatori. Buttarne in gattabuia uno per educarne mille, dicono le autoritÓ
  • AttualitàUK, o la password o la galeraPer la prima volta ad una cittadina inglese viene ordinato di consegnare la password per decifrare i suoi documenti. Se non capitolerÓ entro 12 giorni passerÓ almeno due anni in carcere
  • AttualitàRegno Unito, rivelare la password è un obbligoGli esperti si interrogano su una sentenza britannica: due persone sono costrette a rivelare i codici di cifratura con cui proteggevano i propri computer. Non hanno alcun diritto di tenerle per sÚ
45 Commenti alla Notizia USA, vedo o password?
Ordina
  • mah... con tutte le menate cloud, i server ftp... ha ancora senso girare con i dati sensibili in chiavette o nel pc?
    con le legislature che ci sono in giro, vuol dire andare a cercarsela. se ti fermano in dogana e gli fai styorie, ti tengono li per accertamenti. magari qualche giorno nelle patrie galere. tu cosa hai ottenuto? di perdere tempo. e mnagari rischi pure qualcosa. come essere segnalato. quindi la prossima volta, in quel paese non ci torni.... poi, vedete voi. o forse vogliono spinegere tutti al cloud perchè cosi è piu semplice ficcanasare?
    non+autenticato
  • - Scritto da: dancan
    > mah...

    La seconda che hai detto!!!
    non+autenticato
  • In USA il Cloud è di persè già "Sniffabile" e vogliono pure mettere le mani anche nel cloud estero.

    Il "Cloud" è solo una CHIAVICA !
    Ti vogliono Incolpare, ti caricano file merda nel tuo cloud, e vai poi a dimostrare che non li hai uppati tu !
    non+autenticato
  • Aldilà del regno unito, dove da una parte piangono di commozione per un principe pelato che si sposa, e dall'altra mettono in carcere un cittadino qualunque semplicemente perché non rivela una password... in USA non esiste alcuna legislazione che preveda l'obbligo per un cittadino di rivelare la password di un archivio crittografato.
    Ma comunque, ricordo che proprio qui su PI venne riportato un caso simile su cui mi documentai meglio leggendo le fonti, ma del quale da allora non ricordo più come andò a finire, e SE andrò a finire in qualche modo.
    Vi ricordate del tipo che era andato in canada, e stava tornando in usa, perquisito dall'agente alla frontiera, che decide che aveva voglia di controllargli il portatile, viene trovato in possesso di materiale pedoterrosatanista, l'agente stila un verbale e la cosa si chiude provvisoriamente lì.
    Le immagini sataniste però erano salvate su un volume PGP che allora era montato, e che poi chiaramente venne smontato e risultava inapribile; in sede di giudizio quindi, c'era un verbale di un agente non confermato dalle prove (non ottenibili), ed il tizio mica era scemo a rivelare la password.
    Anche in quel caso venne ventilata l'idea di chiuderlo in una stanza per inserire la password e montare il volume cifrato... ma poi come andò a finire?
  • C:> Inserire password: <CTRL-C>
    C:> format c:
    Formatting drive C: ...100% completed
    NO SYSTEM DISK OR DISK ERROR

    ... ooops si è rotto...
    non+autenticato
  • cacchio, sai che non ci avevo mica pensato Imbarazzato
    L'uovo di colombo, troppo bello se non potessero fare tutti i mirror che vogliono del disco... Triste
  • - Scritto da: Fetente
    > C:> Inserire password: <CTRL-C>
    > C:> format c:
    > Formatting drive C: ...100% completed
    > NO SYSTEM DISK OR DISK ERROR
    >
    > ... ooops si è rotto...

    non sei tanto lontano dalla realtà
    esistono da anni alcuni programmi che se dai una password alternativa (non sbagliata, alternativa come fosse una password 2) ti dice "password accettata, elaborazione in corso" e fa scattare la formattazione a basso livello di porzioni causali del disco e se non interrompe ("ci vuole tempo agente, sta lavorando per decriptare il disco...") te lo formatta tutto xD
    non+autenticato
  • - Scritto da: Kertos
    > - Scritto da: Fetente
    > > C:> Inserire password: <CTRL-C>
    > > C:> format c:
    > > Formatting drive C: ...100% completed
    > > NO SYSTEM DISK OR DISK ERROR
    > >
    > > ... ooops si è rotto...
    >
    > non sei tanto lontano dalla realtà
    > esistono da anni alcuni programmi che se dai una
    > password alternativa (non sbagliata, alternativa
    > come fosse una password 2) ti dice "password
    > accettata, elaborazione in corso" e fa scattare
    > la formattazione a basso livello di porzioni
    > causali del disco e se non interrompe ("ci vuole
    > tempo agente, sta lavorando per decriptare il
    > disco...") te lo formatta tutto
    > xD

    Un carabiniere vede sfrecciare una panda a 200 all'ora.
    Scatta l'inseguimento e alla fine la blocca.
    L'uomo al volante (UaV) sorride al Carabiniere (CC)

    CC: patente e libretto
    UoV: non li ho
    CC: no? Apra il cassetto e controlli bene!
    UoV: non posso aprire il cassetto, li ci tengo la pistola... sa ho lasciato il porto d'armi in questura, problemi psichiatrici dicono.
    CC: Una pistola?
    OuV: certo, l'ho usata per far fuori il mio socio, se la faceva con mia moglie e mia figlia. Ora il suo cadavere è nel baule e se non mi sbrigo a cremarlo mi appestera' l'auto.

    Il carabiniere sbianca, fa uno zompo all'indietro e chiama i rinforzi in centrale.

    Pochi minuti dopo l'automobile viene circondata e UoV assume un'aria sorpresa e stupefatta.

    Il comandante dei carabinieri (CCc) si avvicina all'automobile e intima ad UoV di scendere.
    Questo scende.
    CCc controlla il cassetto (vuoto, a parte libretto e manuale d'uso), legge la patente consegnata dall'uomo e verifica la presenza del cadavere (assente) e domanda:
    CCc: ma, scusi, lei non era quello privo di documenti, che aveva una pistola nel cassetto e un cadavere nel baule?

    UoV: Seee, quello la' (e indica CC) è proprio suonato: s'è inventato tutto e magari vidirà che correvo pure a 200 all'ora su una panda!

    ----------
    Una volta avviato il comando, anziché semplicemente formattare, basterebbe "montare" anche un'altra partizione, candida & immacolata.

    GT
  • perkè farsi tanti problemi quando basta un buon vecchio tubo di gomma per scovare qualunque password?
    http://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_del_tubo_di_go...

    bye albe
    non+autenticato
  • In USA si usa da Anni ! (Vedi Wikileaks)
    non+autenticato
  • anche "forzare" (e ci sarebbe da disquisire su cosa s'intende per forzare ) qualcuno a rivelare una password è, in fondo, inutile.

    su uno sa che che c'è roba che scotta, non rivelerà mai la password. dirà piuttosto che se l'è dimenticata, o roba del genere.
    a maggiore ragione se la "punizione" per il rifiuto a rivelare la password comporta una pena di molto inferiore a quella che si avrebbe invece rivelandola.

    mi sembra semplice e scontato.

    in realtà questi signori non possono proprio "forzare" nessuno, ma solo "spaventare" con minacce et similia.
    perché se qualcuno la password non ha intenzione di rivelarla per nessuno motivo, hai voglia a tirargliela fuori... che fai, "un'estrazione cerebrale"? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • e qui ti scatta il regime fascista, ovvero ti danno 40 anni di carcere perchè non hai voluto rivelare la password ( magari in futuro faranno l'upgrade alla pena di morte )
    non+autenticato
  • la vedo dura...

    ma alla fine tutto si riduce ad un semplice calcolo di convenienza.
    ovvero: è più conveniente rivelarla o non rivelarla la password? nel senso, la pena è minore se la rivelo o se non la rivelo?

    una volta saputo quello, la scelta che ne consegue è facile.

    oggi come oggi, nel caso qualcuno abbia veramente roba "che scotta" da nascondere, è molto più conveniente non rivelare niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anony
    > la vedo dura...
    >
    > ma alla fine tutto si riduce ad un semplice
    > calcolo di
    > convenienza.
    > ovvero: è più conveniente rivelarla o non
    > rivelarla la password? nel senso, la pena è
    > minore se la rivelo o se non la
    > rivelo?

    No, sei fuorviato anche tu da questo nuovo sistema di considerare giusto che un individuo sia colpevole del reato di non volersi discolpare.
    Il sistema giuridico democratico prevede che spetti all'accusa provare la colpa, non che all'imputato di qualsiasi accusa tocchi (per primo) discolparsi.
    Hai ragione di credere che io abbia commesso un reato? Provalo, non puoi pretendere che sia io a discolparmi (tanto meno che io debba agire per agevolarti il compito di trovare prove a mio carico).
    Perché? Perché altrimenti si cade nei ragionamenti distorti che portano alla tortura: io ti accuso, tu neghi, io ti torturo finché tu crolli e accetti di dire che ho ragione io.
    Calcolo di opportunità? Le unghie strappate e due dita tagliate valgono un anno di carcere (se confesso un crimine non commesso?), oppure tengo duro e alla fine mi ammazzano ma dicono "cavolo, non ha confessato, forse era innocente. Peccato." Anzi, ancora meglio: uccidiamo ogni accusato, e lasciamo che ci pensi Dio ad assolvere con il paradiso i giusti e a confermare con le pene dell'inferno la condanna degli altri.
    Secoli di progresso civile scaricati nel water della paura creata ad arte. Certe volte mi sale una rabbia... Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog

    > No, sei fuorviato anche tu da questo nuovo
    > sistema di considerare giusto che un individuo
    > sia colpevole del reato di non volersi
    > discolpare.
    >
    > Il sistema giuridico democratico prevede che
    > spetti all'accusa provare la colpa, non che
    > all'imputato di qualsiasi accusa tocchi (per
    > primo) discolparsi.
    >
    > Hai ragione di credere che io abbia commesso un
    > reato? Provalo, non puoi pretendere che sia io a
    > discolparmi (tanto meno che io debba agire per
    > agevolarti il compito di trovare prove a mio
    > carico).

    sono perfettamente d'accordo con te.
    infatti, il mio era solo un ragionamento ipotetico. come dire: e se (ipoteticamente) l'onere della prova non spettasse all'accusa? beh, allora farei così e poi così...

    è ovvio che, oggi come oggi, dove sembra ancora vigere il concetto di "innocente fino a prova contraria" (almeno in apparenza), l'ipotesi di "forzare" qualcuno a rivelare una password o ad auto-accusarsi è in aperto contrasto con il quinto emendamento (almeno in USA).
    di conseguenza, non si può fare. punto e basta.
    chi dice il contrario, sbaglia.

    > Perché? Perché altrimenti si cade nei
    > ragionamenti distorti che portano alla tortura:
    > io ti accuso, tu neghi, io ti torturo finché tu
    > crolli e accetti di dire che ho ragione io.

    la tortura nei paesi Occidentali è illegale da tempo, e non è permessa in nessuna sua forma.
    allo stato attuale delle cose, non possono sottoporre a tortura proprio nessuno.
    tutto quello che possono fare è tentare di proporre leggi che puniscano severamente il "non rivelare una password" adducendo i motivi più disparati; sempre che tali leggi non vadano in conflitto con la costituzione o altre leggi pre-esistenti, e sempre che tali leggi vengano approvate e siano perciò condivise dai cittadini.

    perché sappiamo benissimo tutti, che una legge non condivisa dai più, è sostanzialmente inutile ed inapplicabile.
    basta guardare al file-sharing...
    non+autenticato
  • - Scritto da: anony
    > - Scritto da: OldDog
    > la tortura nei paesi Occidentali è illegale da
    > tempo, e non è permessa in nessuna sua forma.

    ehm... un certo Di Pietro sbatteva in galera il
    sospetto e ce lo teneva finche' non confessava e
    faceva il nome dei complici (o si suicidava)

    e non nel Medio Evo eh, meno di trent'anni fa

    Mauro
  • - Scritto da: gomez
    > - Scritto da: anony
    > > - Scritto da: OldDog
    > > la tortura nei paesi Occidentali è illegale
    > da
    > > tempo, e non è permessa in nessuna sua forma.
    >
    > ehm... un certo Di Pietro sbatteva in galera il
    > sospetto e ce lo teneva finche' non confessava e
    > faceva il nome dei complici (o si suicidava)
    >
    > e non nel Medio Evo eh, meno di trent'anni fa

    In quale paese del mondo la custodia cautelare e' considerata tortura?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: gomez
    > > - Scritto da: anony
    > > > - Scritto da: OldDog
    > > > la tortura nei paesi Occidentali è
    > illegale
    > > da
    > > > tempo, e non è permessa in nessuna sua
    > forma.
    > >
    > > ehm... un certo Di Pietro sbatteva in galera
    > il
    > > sospetto e ce lo teneva finche' non
    > confessava
    > e
    > > faceva il nome dei complici (o si suicidava)
    > >
    > > e non nel Medio Evo eh, meno di trent'anni fa
    >
    > In quale paese del mondo la custodia cautelare e'
    > considerata tortura?

    bravo, hai aferrato al volo il concetto, chiudere in
    cella un sospetto e tenercelo a tempo indeterminato
    NON e' considerata tortura, anche se evidentemente ne
    ha tutte le caratteristiche

    Mauro
  • - Scritto da: gomez

    > bravo, hai aferrato al volo il concetto,
    > chiudere in cella un sospetto
    > e tenercelo a tempo indeterminato
    > NON e' considerata tortura, anche se
    > evidentemente ne ha tutte le caratteristiche

    dai su, lo sai bene anche tu cosa s'intende per tortura ...

    che poi ci sia gente che abusa di mezzi leciti quali, appunto, la custodia cautelare, ecc. beh, quella è un'altra storia. e non è nemmeno una novità.

    fatto sta che la "tortura" nella sua accezione più grave e vera del termine (roba da medioevo per intenderci) nelle cosiddette 'democrazie occidentali' oggi non è più accettata.
    hai per caso visto qualcuno venire rinchiuso in una vergine di norimberga affinché confessi, in tempi recenti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: anony
    > dai su, lo sai bene anche tu cosa s'intende per
    > tortura ...

    "metodo di coercizione fisica o psicologica, talvolta inflitta con il fine di punire o di estorcere delle informazioni o delle confessioni"

    tra cui privare della liberta' individuale per
    obbligare l'accusato ad autoaccusarsi

    > che poi ci sia gente che abusa di mezzi leciti
    > quali, appunto, la custodia cautelare, ecc. beh,
    > quella è un'altra storia. e non è nemmeno una
    > novità.

    questo non la rende meno grave, che ad usare la
    cella come mezzo di tortura sia Noriega, Bush
    (Guantanamo) o Di Pietro poco importa

    > fatto sta che la "tortura" nella sua accezione
    > più grave e vera del termine (roba da medioevo
    > per intenderci) nelle cosiddette 'democrazie
    > occidentali' oggi non è più accettata.

    certo, come oggi non e' piu' accettato chiamare
    "paralitico" un "diversamente abile" cosi' possiamo
    tranquillamente parcheggiare il SUV sul suo scivolo

    > hai per caso visto qualcuno venire rinchiuso in
    > una vergine di norimberga
    > affinché confessi, in tempi recenti?

    la "Vergine di Norimberga" era una tortura "finale",
    non serviva a far confessare ma ad uccidere malamente,
    come lo squartamento o il tuffo nel'olio bollente

    invece sbattere uno nelle segrete e lasciarcelo era
    uno dei modi per ottenere cio' che si voleva, e questo
    l'abbiamo visto tutti in tempi recentissimi

    Mauro
  • - Scritto da: gomez

    > > In quale paese del mondo la custodia
    > cautelare
    > e'
    > > considerata tortura?
    >
    > bravo, hai aferrato al volo il concetto, chiudere
    > in
    > cella un sospetto e tenercelo a tempo
    > indeterminato
    >
    > NON e' considerata tortura, anche se
    > evidentemente ne
    >
    > ha tutte le caratteristiche

    Ah, certo. La custodia cautelare adesso e' tortura.
    E allora la detenzione in caso di colpevolezza che cos'e'?

    Un breve ripassino di diritto:
    la custodia cautelare si applica quando sussiste pericolo di reiterazione del reato, pericolo di fuga, pericolo di inquinamento di prove, pericolo che gli indagati in concorso possano accordare una versione dei fatti finalizzata a sgravarli dall'imputazione.

    In mancanza di queste circostanze la custodia cautelare non viene applicata, neppure per gli indagati di omicidio rei confessi.

    E' uno strumento necessario, altro che tortura.
    Se vuoi evitare di subire questa tortura, c'e' un sistema semplicissimo: non delinquere!
  • Poliziotto: Qui c'è una partizione criptata, dammi la password

    Utente: Ah, quella? è una partizione che non riuscivo a formattare, per favore ci pensa lei che è più bravo di me? Grazie
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > Poliziotto: Qui c'è una partizione criptata,
    > dammi la
    > password
    >
    > Utente: Ah, quella? è una partizione che non
    > riuscivo a formattare, per favore ci pensa lei
    > che è più bravo di me?
    > Grazie

    Credi realmnete che "una partizione criptata" possa essere una barriera invalicabile ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Thr
    > - Scritto da: Fetente
    > > Poliziotto: Qui c'è una partizione
    > > criptata, dammi la password
    > > Utente: Ah, quella? E' una partizione
    > > che non riuscivo a formattare, per favore ci
    > > pensa lei che piu' bravo di me?
    > > Grazie

    > Credi realmnete che "una partizione criptata"
    > possa essere una barriera invalicabile ?

    Quale partizione criptata ?
    krane
    22544
  • WIN

    - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Thr
    > > - Scritto da: Fetente
    > > > Poliziotto: Qui c'è una partizione
    > > > criptata, dammi la password
    > > > Utente: Ah, quella? E' una partizione
    > > > che non riuscivo a formattare, per
    > favore ci
    >
    > > > pensa lei che piu' bravo di me?
    > > > Grazie
    >
    > > Credi realmnete che "una partizione criptata"
    > > possa essere una barriera invalicabile ?
    >
    > Quale partizione criptata ?
  • (nel senso di vittoria)

    - Scritto da: A s d f
    > WIN
    >
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Thr
    > > > - Scritto da: Fetente
    > > > > Poliziotto: Qui c'è una partizione
    > > > > criptata, dammi la password
    > > > > Utente: Ah, quella? E' una
    > partizione
    > > > > che non riuscivo a formattare, per
    > > favore ci
    > >
    > > > > pensa lei che piu' bravo di me?
    > > > > Grazie
    > >
    > > > Credi realmnete che "una partizione
    > criptata"
    > > > possa essere una barriera invalicabile ?
    > >
    > > Quale partizione criptata ?
  • grazieSorride

    - Scritto da: A s d f
    > (nel senso di vittoria)
    >
    > - Scritto da: A s d f
    > > WIN
    > >
    > > - Scritto da: krane
    > > > - Scritto da: Thr
    > > > > - Scritto da: Fetente
    > > > > > Poliziotto: Qui c'è una
    > partizione
    > > > > > criptata, dammi la password
    > > > > > Utente: Ah, quella? E' una
    > > partizione
    > > > > > che non riuscivo a
    > formattare,
    > per
    > > > favore ci
    > > >
    > > > > > pensa lei che piu' bravo di
    > me?
    > > > > > Grazie
    > > >
    > > > > Credi realmnete che "una partizione
    > > criptata"
    > > > > possa essere una barriera
    > invalicabile
    > ?
    > > >
    > > > Quale partizione criptata ?
    krane
    22544
  • considerando che l'FBI in un anno non è riuscita a decriptare una partizione truecrypt, direi proprio di siA bocca aperta

    e infatti ti minacciano per costringerti a fartela rivelare, peccato che nel caso che ho citato il sospettato fosse in Brasile ed è pure un tizio abbastanza potente
    non+autenticato
  • Probabilmente oltre la password c'era un "keyfile", c'è scritto nelle prime righe del manuale. Basta saper leggere ... ed è pure in inglese!!Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • BRAVO! se riesci davvero ad entrare in un volume truecrypt, vai a vendere il tuo metodo al FBI, magari qualche milioncino di $ te lo danno!!
    Sennò, fila nel angolino della vergogna!!
    non+autenticato
  • Ci posso provare ... dopotutto hanno messo in rete documenti PDF con testo oscurato con il bianchetto/neretto di acrobat!!! ... mi hai dato una bella idea!!

    Comunque era una battuta: la prossima volta faro un intestazione con "Battuta:" così sarò chiaro per tutti A bocca aperta.
    non+autenticato
  • > Comunque era una battuta: la prossima volta faro
    > un intestazione con "Battuta:" così sarò chiaro
    > per tutti
    >A bocca aperta.

    credo allora di dover aggiungere -risposta con un altra battuta- al mio messaggio... e magari dovrei mettere qualche faccina
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)