Alfonso Maruccia

Palm non c'è più, resta HP

Il colosso statunitense pone termine allo storico marchio riorganizzando il business e promuovendo un avvicendamento ai vertici. Il creatore di webOS andrà a occuparsi di PC e prodotti consumer

Roma - Dopo poco più di un anno dall'acquisizione dello storico marchio Palm, Hewlett-Packard ha ora finalizzato il percorso di assorbimento dell'azienda pioniera degli smartphone riorganizzando il business in un nuovo gruppo operativo e cambiando i vertici del management.

Il "brand" Palm sparisce per sempre, e al suo posto ci sarà la "Global Business Unit" per lo sviluppo del sistema operativo WebOS: una tecnologia su cui HP punta molto progettando di far girare l'OS su ogni singolo dispositivo messo in commercio dall'azienda.

Il rimaneggiamento del marchio Palm porta con se ulteriori, importanti cambiamenti in sede di management e ruoli chiave: Jon Rubinstein, inventore di iPod e creatore di webOS, passa dalla guida della divisione Palm alla carica di "President of Product Innovation in the Personal Systems Group".
Il tecnologo si occuperà di gestire l'unità di HP che si occupa di PC (consumer e corporate), gadget tecnologici come i MID (smartphone, tablet) e workstation. Al posto di Rubinstein siederà infine Stephen DeWitt, precedentemente alla guida di PSG Americas.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessHP-Palm, fusione approvataConfermata da SEC e dagli azionisti, si concretizzerà entro la prima settimana di luglio. Ma Palm continua a perdere pezzi
  • TecnologiaWebOS, la carta di HP per ritrovare slancioIl colosso informatico statunitense si prepara a invadere il mercato con i suoi PC dotati di sistema operativo webOS. Ma l'obiettivo non è fare concorrenza a Windows
  • BusinessHP, webOS per tutti?Il colosso statunitense sarebbe in trattativa per la concessione in licenza del suo sistema operativo. Nel mentre, si affollano le recensioni sul primo tablet basato su webOS 3.0
6 Commenti alla Notizia Palm non c'è più, resta HP
Ordina
  • Come da oggetto, WebOS è triste e poco originale (nulla a che vedere con il design di WP7), e quando uscirà, obsoleto, sarà inutile in confronto all'ecosistema Microsoft ed Apple, trascinerà con se tutta HP verso il baratro. Il solo SO senza ecosistema forte che avanzerà sarà Android, per il resto è tardi.
    non+autenticato
  • Ho come l'impressione che tu non ti renda minimamente conto delle dimensioni e della vastità degli interessi di HP: potrebbero limitarsi a far fare a WebOS da interfaccia grafica per le stampanti, e non farebbero una piega.
  • Mi domando se appartieni alla categoria di quelli che parlano senza conoscere le cose...
    Quando WebOS uscirà? Ti do una notizia in anteprima: uscirà il 6 giugno 2009. Probabilmente Palm non è stata in grado di commercializzare il prodotto (o gli operatori non hanno creduto in questa piattaforma).
    Ma il sistema è valido: il pre2 lo puoi comprare online sul sito Palm UK. Io sono soddisfatto ed è garantito l'aggiornamento a WebOS 3.
    Chiaro, è poco diffuso, le applicazioni sono pochissime ma ci sono delle funzioni e applicazioni quasi uniche.

    Tralascio il commento su HP perché è come dire che devi cambiare la macchina perché hai una gomma un po' sgonfia...
    non+autenticato
  • Rimango sempre sonsolato quando vedo "manager" che fanno sparire come nulla fosse marchi che hanno fatto la storia, in questo caso dell'informatica mobile. Capirei se il marchio si fosse "macchiato" di gravi crimini, ma Palm ha sbagliato scelte commerciali e tecniche, ma alla fine il suo webOS è un prodotto efficace e funzionante, e nel cassetto ho ancora il mio T|X che credo il canto del cigno dei palmari non smartphone.

    Il sistema Graffiti di riconoscimento della scrittura via stilo (prima di venir sostituito per problemi di licenze con Xerox) resta per me un veloce ed efficace metodo di scrittura, di gran lunga migliore di svariate tastiere virtuali per smartphone in circolazione.
    Questo e tanto altro è ora svanito, come lacrime nella pioggia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog

    > ma alla fine il suo webOS è un prodotto efficace e
    > funzionante

    boh, funzionante sicuramente, per il resto chi vivra' vedra'.

    Personalmente non ci credo molto, il mercato ha gia' scelto il cast principale per i prossimi anni; anche bbOS lo vedo male.
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog
    > Rimango sempre sonsolato quando vedo "manager"
    > che fanno sparire come nulla fosse marchi che
    > hanno fatto la storia, in questo caso
    > dell'informatica mobile. Capirei se il marchio si
    > fosse "macchiato" di gravi crimini, ma Palm ha
    > sbagliato scelte commerciali e tecniche, ma alla
    > fine il suo webOS è un prodotto efficace e
    > funzionante, e nel cassetto ho ancora il mio T|X
    > che credo il canto del cigno dei palmari non
    > smartphone.
    >
    > Il sistema Graffiti di riconoscimento della
    > scrittura via stilo (prima di venir sostituito
    > per problemi di licenze con Xerox) resta per me
    > un veloce ed efficace metodo di scrittura, di
    > gran lunga migliore di svariate tastiere virtuali
    > per smartphone in
    > circolazione.
    > Questo e tanto altro è ora svanito, come lacrime
    > nella
    > pioggia.

    queste scelte vanno prese, purtroppo.
    Anche steve jobs appena è tornato in apple ha segato un bel po' di progetti che erano in cantiere da anni, che erano a buon punto ma continuavano a ciucciare risorse.
    andare avanti con "ci ho speso tanto, non posso piantarlo lì" è il modo migliore per fallire.
    non+autenticato