Mauro Vecchio

In Cina c'è stata la moria dei siti web

Circa 1,3 milioni di spazi online spazzati via dai meandri della Rete cinese. Cresce invece il numero complessivo delle pagine web. Per Pechino è la dimostrazione di contenuti forti, e soprattutto sotto controllo

Roma - Numeri imponenti, recentemente snocciolati dagli analisti dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali: tra la fine del 2009 e quella del 2010, il web asiatico avrebbe osservato una drastica riduzione nel numero complessivo dei siti, praticamente il 41 per cento in meno in appena 12 mesi.

Secondo gli studiosi della stessa accademia - che in sostanza è un think tank controllato dal governo di Pechino - circa 1,3 milioni di spazi online sarebbero stati spazzati via dai vasti meandri della Rete. Siti pericolosi per l'integrità nazionale, come ad esempio quelli legati alla pornografia o al gioco d'azzardo.

I ricercatori cinesi hanno tuttavia parlato di un trend positivo nel numero complessivo di pagine web, lievitato a 60 miliardi nel corso del 2010. Si tratterebbe di un incremento di quasi l'80 per cento rispetto all'anno precedente.
Notizie positive per il governo di Pechino, che ha subito sottolineato come questa stessa crescita si traduca in una maggiore forza dei vari contenuti web cinesi. La moria degli spazi online sarebbe invece da addurre ad un controllo più rigoroso e controllato da parte delle autorità in terra asiatica.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCina: Google la pagherà caraAttacco frontale a BigG in un editoriale apparso tra le pagine di un quotidiano ufficiale. L'azienda di Mountain View agirebbe come un soggetto politico per gettare fango sul governo di Pechino. Alta tensione dopo gli attacchi a Gmail
  • AttualitàInternet, lo scisma iraniano?Le autorità di Teheran vorrebbero partorire un ecosistema connesso alternativo, lontano dalla corruzione e dai pericoli di matrice occidentale. Si pensa ad un sistema operativo che sostituisca Windows, così come ad un nuovo search engine
3 Commenti alla Notizia In Cina c'è stata la moria dei siti web
Ordina