Marco Calamari

Cassandra Crossing/ La licenza del cavolo

di M. Calamari - Un cavo è solo un cavo. O forse è qualcosa di più. È un pezzo di filo che strozza la circolazione delle idee. Nel nome della proprietà intellettuale di un pezzo di rame e gomma

Roma - Sapete, avevo la netta sensazione che il titolo originale non avrebbe avuto la stessa attenzione. Si, perché in effetti "La licenza del cavo" poteva essere non compresa, o magari giudicata una battuta, assurda, incredibile. Eppure proprio di questo si tratta, ed in effetti aggiungendo una sillaba è possibile inglobare nel titolo anche il finale.

Criptico eh? Vabbè, un passo indietro ed andiamo con ordine.

È da poco apparsa nelle pagine interne delle notizie di tecnologia una news che comunica il probabile ritiro di un tipo di cavi prodotti da Belkin per motivi di licenza (sì, avete letto bene: "cavi" e licenza").
Si tratta di un cavo HDMI maschio/MiniDisplayPort, che rende possibile connettere un portatile Macintosh ad un televisore digitale. Ma come è possibile che un cavo violi una licenza? Qualcuno si è preso la briga di brevettare un cavo?

In effetti sì, e questo tra le altre cose è una misura di quanto i veri meccanismi di funzionamento dell'elettronica di consumo siano ormai lontani dalla conoscenza e dalla mente dei consumatori. Il problema non è però la complessità di certi argomenti, ma il menefreghismo che porta a non voler nemmeno conoscere alla lontana cosa c'è nel proprio salotto o nel proprio portatile.

Cominciamo a dire che alle due estremità del suddetto cavo non ci sono due apparecchiature elettroniche, ma due entità giuridiche: da un lato l'HDMI Licensing LLC, e dall'altro Apple, che sono proprietarie dei brevetti relativi ai due connettori sopraddetti.

"Ecco, dirà qualcuno, le solite angherie tipiche del gigante di Cupertino".

Non proprio: diceva il Manzoni nei "Promessi Sposi", parlando di Renzo e Don Rodrigo, che "(...) a giudicar per induzione, e senza la necessaria cognizione dè fatti, si fa alle volte gran torto anche ai birbanti".

Facciamo quindi tesoro delle raccomandazioni del Nostro, e traiamo anche spunto dalla frase successiva: "Ma noi, co' fatti alla mano, come si suol dire, possiamo affermare che, se colui non aveva avuto parte nella sciagura di Renzo, se ne compiacque però, come se fosse opera sua".

Infatti pur essendo da sempre Apple una grande sostenitrice e praticante della cosiddetta "proprietà intellettuale", in questo caso l'azione viene dall'altra estremità del cavolo cavo, cioè dalla HDMI Licensing LLC, azienda fondata dai maggiori produttori di televisori e proprietaria delle specifiche tecniche e del marchio HDMI.

La suddetta azienda sostiene che il cavo oggetto del contendere, pur conforme alle specifiche fisiche, elettriche ed elettroniche e perfettamente funzionante (oltre che assai utile), viola le specifiche tecniche non rientrando tra i casi previsti di ciò che può essere definito "cavo HDMI".

Il nocciolo della contestazione, secondo appunto i detentori della cosiddetta "proprietà intellettuale" della specifica HDMI, è che un cavo HDMI deve per forza avere due connettori HDMI: se non li ha, come in questo caso, non solo è fuori specifica e non può chiamarsi "cavo HDMI", ma essendo la specifica proprietà della HDMI Licensing LLC è addirittura illegale e passibile di richiesta di ritiro dalla vendita.

Ora è evidente che quello che è successo è qualcosa di imprevisto, troppo stupido per aziende che in fondo guadagnano ambedue vendendo ai consumatori, e che probabilmente alla fine una soluzione di convenienza verrà trovata. Certo che un cavo come quello in oggetto frutta solo una royalty invece di due (l'altra probabilmente va ad Apple), mentre un cavo HDMI normale più un adattatore attivo HDMI/Minidisplayport frutta 3 royalties + 1 alla Apple ed obbliga il consumatore ad acquistare due prodotti al posto di uno. Tutto business in più dunque.

Ma decodifichiamo la vicenda dal punto di vista del consumatore e ne vedremo delle belle. Un cavo HDMI non è solo la versione digitale di un cavo SCART, ma è una componente attiva e importante di un sistema che nasce per implementare DRM nella maniera più standard ma contemporaneamente più chiusa possibile. Ecco il perché di specifiche chiuse, proprietarie e gestite da gruppi ristretti di aziende. In questo quadro sono indispensabili: è grazie a queste che le aziende acquistano un ruolo simile a quello dei "Cartelli" dell'800 e primo '900, di quasi monopolisti e controllori di un mercato.

Quindi niente standard aperti, niente concorrenza, niente competizione in un ecosistema digitale competitivo. Soliti tristi monopoli, prezzi alti, poca circolazione delle informazioni. Cavi, anzi cavoli amari per i consumatori disattenti o menefreghisti, che non si pongono domande e non si interessano di come va il mondo in cui vivono.

E di conseguenza cavoli amari per tutti.

Marco Calamari
Lo Slog (Static Blog) di Marco Calamari

Tutte le release di Cassandra Crossing sono disponibili a questo indirizzo
92 Commenti alla Notizia Cassandra Crossing/ La licenza del cavolo
Ordina
  • un motivo più x non comprare MAC
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pi Matteo
    > un motivo più x non comprare MAC

    Molto daccordo.
    non+autenticato
  • ma anche no.
    Sgabbio
    26177
  • Dunque, premesso che il brevetto sui cavi non è assolutamente una novità ma che anzi negli ultimi anni è diventata una norma...

    Lo standard HDMI è parte di quel complesso sistema che in teoria dovrebbe impedire di connettere due apparecchi certificati per duplicare contenuti ad alta definizione come invece si faceva con le vecchie videocassette che però degradavano.

    Al di là della palese inutilità, HDMI prevede la criptazione del segnale e quindi è uno standard molto preciso con connettori brevettati. Poiché il DVI è uno standar diffuso, è stata prevista una compatibilità "formale" tra i due standard introducendo gli stessi meccanismi nelle schede grafiche di ultima generazione.

    Capisco che la cosa possa non far piacere, però siamo ancora liberi di montare un boxettino con VLC e visualizzare tramite HDMI contenuti sprotetti sulla TV ad alta definizione, io l'ho fatto, e ho anche un adattatore DVI da quattro soldi per l'altro desktop, mi vedo tranquillo quello che voglio e quando mi hanno proposto uno stupendo Raggio Blu da tavolo a 99 euro gli ho fatto un pernacchione.

    Quindi non diamo del tutto la colpa al consorzio HDMI ... perché Apple si va sempre ad inventare connettori particolare che poi brevetta con cavi tutti suoi ?

    Sono la stessa cosa, due scatole chiuse e mettersi in mezzo, anche per una azienda come Belkin è comunque sempre una tristezza.
    non+autenticato
  • il displyport non ci sta solo sui computer apple da un bel pò eh ?
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > il displyport non ci sta solo sui computer apple
    > da un bel pò eh
    > ?

    Si si ma il DP è uno standard Vesa se non sbaglio ... mentre la Apple si è inventa il Mini Display Port (perché vuol sempre fare l'originale) e se non compri il cavo Apple non ti ci connetti a quanto pare.

    Non mi sembrava il caso di dare tutta la colpa ad HDMI per questo, visto che gli altri si accontentano di quello che già esiste e di cui già esiste il cavo a basso prezzo.

    Sono loro a cercare l'incompatibilita. Basta pensare alla Docking Station di iPod, o ai connettori di iPad e iPhone, gli altri ci mettono una USB loro invece si inventano l'impossibile.
    non+autenticato
  • Bhe oddio la docking fa certe cose meglio della usb in molti casi. Però li gli adattatori ci sonoA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Zio Guru
    quando mi hanno proposto uno
    > stupendo Raggio Blu da tavolo a 99 euro gli ho
    > fatto un
    > pernacchione.
    >

    A meno che tu abbia sul tuo boxettone film da 50 gb l'uno non credo che tu riesca a raggiungere la stessa qualità del raggio blu quando guardi i film sul televisore HD. La differenza c'è, si vede e si sente.
    non+autenticato
  • e se il box ha un lettore raggioblu ?
    non+autenticato
  • Mah, ti dirò pur avendo in bundle un lettore a raggio blu usato in passato anche come masterizzatore e lettore DVD, non ne sento tanto il bisogno, infatti l'ultimo film che ci ho visto è stato Wall-e. L'idea di aggiornare i meccanismi di protezione via internet e le varie angherie a cui ti sottopongono gli amici di Sonny per vedersi capolavori come "I Pirati dei Caraibi 4" o "Transformers 3" suonano parecchio ridicoli. È anche una questione di principio.

    - Scritto da: lorenzo
    > e se il box ha un lettore raggioblu ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zio Guru
    > ... perché Apple si va sempre ad inventare
    > connettori particolare che poi brevetta con cavi
    > tutti suoi ?

    Veramente Display Port è uno standard, il mini Dsplay Port l'ha inventato Apple ma lo ha poi proposto come standard a chi di dovere ed è stato accettato. Così si fa, non come Belkin che ne fotte di tutti.


    >
    >
    > Sono la stessa cosa, due scatole chiuse e
    > mettersi in mezzo, anche per una azienda come
    > Belkin è comunque sempre una
    > tristezza.
    ruppolo
    33146
  • Ma se ne fotte cosa? Mica ha inventato o proposto uno standard? Ha solo prodotto un cavo con due spinotti per collegare un computer a uno schermo... ma per favore! Vai prendere un po' d'aria in Carnia così ti schiarisci le idee!
    non+autenticato
  • Ruppolo sarà uno "storto" però queste risposte gratuite...
    Sgabbio
    26177
  • Con lo stesso tono che usa lui, fight fire with fire! Gliel'ho detto che avevo la missione di rompergli le balle e la sto svolgendoOcchiolino
    non+autenticato
  • ... in fase di progettazione hanno previsto che imponendo legalmente l'uso di due connettori, avrebbero evitato o quantomeno allontanato il rischio che qualcuno all'altro capo collegasse un qualche dispositivo utile al decoding del segnale hdmi cifrato. Ma si son dimenticati di pensare che e' sempre possibile tagliare una delle estremita' e collegare ai fili un oscilloscopio con cui iniziare il reverse engineering.

    Sembra una barzelletta. Una barzelletta atroce perche' e' realta'... stiamo qui a togliere il pane a 8 milioni di italiani sotto la soglia della poverta' per dare a quegli avvocati soldi a sufficienza da comprarsi vestiti firmati con cui accontentare i propri clienti nella forma e nella sostanza.
  • Togliere il pane? Non pensavo che i film fossero come i carboidrati! Ora capisco i pirati: poverini, sono affamati!
    ruppolo
    33146
  • solita risposta stupida.
    Sgabbio
    26177
  • e sti cazzi dell'HDMI ? io vivo bene con l'SVGA !!!! inoltre sono contro il DRM, dunque andatevi a leggere: http://defectivebydesign.org
    non+autenticato
  • Sotto tutte le parole, serpeggia la solita critica al sistema. Con la quale sono in genera d'accordo.
    Soprattutto perché nella maggior parte dei casi ad ogni standard aperto, se ne può contrapporre uno chiuso (windows/linux, office/openoffice, flash/html5,ecc ecc ecc).

    Qua mi chiedo, soprattutto in relazione alla supposta (e vera) cecità del consumatore: quali altre scelte esistono?
    A parte il "non comprare".

    Anche poter acquistare prodotti di facile interconnessione senza laurea in astrofisica o meccanica quantistica dovrebbe essere un diritto del consumatore, e in questo caso il cavo HDMI pur facendo la economica felicità di una holding, realizza questo diritto del consumatore:
    egli può acquistare i prodotti più disparati con la certezza che si parleranno (vogliamo fare il paragone con il DLNA? che pur essendo uno standard software, è uno standard standardizzato per marca...).

    Qual'è l'alternativa (e magari anche gratuita) di pari caratteristiche disponibile sul mercato che il consumatore medio si rifiuta di vedere?

    Quale connessione esiste che supporti audio e video in alta risoluzione e permetta di collegare dvd,bluray,televisori, decoder sat e cable e computer?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gino Bramieri
    > Sotto tutte le parole, serpeggia la solita
    > critica al sistema. Con la quale sono in genera
    > d'accordo.

    serpeggia fin troppo velatamente

    > Soprattutto perché nella maggior parte dei casi
    > ad ogni standard aperto, se ne può contrapporre
    > uno chiuso (windows/linux, office/openoffice,
    > flash/html5,ecc ecc ecc).

    non basta aperto... occorre sia LIBERO = standard aperto, possibiità di qualsiasi libera implementazione, no vincoli o costi per royalties, no DRM ecc.

    > Qua mi chiedo, soprattutto in relazione alla
    > supposta (e vera) cecità del consumatore: quali
    > altre scelte esistono?
    > A parte il "non comprare".

    e ti pare poco il non comprare?
    il sistema si fonda su questo... non esiste critica al sistema più efficace (e infatti il condizionamento, il controllo e la reazione del sistema contro questa critica è la più estesa, costante e capillare di tutte... sin dalla nascita di ogni individuo...)

    > Anche poter acquistare prodotti di facile
    > interconnessione senza laurea in astrofisica o
    > meccanica quantistica dovrebbe essere un diritto
    > del consumatore,

    già mi sbagli approccio: consumatore è ciò che "loro" vogliano che tu sia, è ciò che "loro" vogliono che tu stesso dentro di te ti SENTA di essere... siano PERSONE, non attori (passivi) di transazioni commerciali...

    > e in questo caso il cavo HDMI
    > pur facendo la economica felicità di una holding,
    > realizza questo diritto del consumatore:
    > egli può acquistare i prodotti più disparati con
    > la certezza che si parleranno

    forse si parleranno i "prodotti" dei "produttori" che hanno adottato quello "standard", mica tutti... e dico forse, DRM permettendo...

    > Qual'è l'alternativa (e magari anche gratuita) di
    > pari caratteristiche disponibile sul mercato che
    > il consumatore medio si rifiuta di vedere?

    cosa aveva di tanto brutto il buon vecchio cavo scart da non poter realizzare i "diritti dei consumatori"???

    ho un vecchio hifi (anni '70) di discreta qualità che ho completamente restaurato e che è infinitamente meglio delle cag..e che ti vendono oggi con tutti i connettori HDMI del ca##o bene in vista... ho 2 vecchi tv analogici (1 mivar e 1 sony) a tubo catodico, anche loro rimessi a nuovo, che si vedono MOLTO MA MOLTO MEGLIO dei cessi di LCD e PLASMA e altre ca##ate che ti vendono a migliaia di euro... li ho TUTTI connessi tra loro e con un HTPC (tramite un BUON cablaggio audio e video e un BUON cablaggio dati minimale)... un HTPC GNU/Linux autocostruito con digitale terrestre, SAT, ecc. ecc. Internet incluso... il tutto SENZA alcun DRM o limitazione del ca##o di tutti questi "produttori" di mer.a e venditori di fumo vari...

    dei cavi HDMI non so cosa farmene

    > Quale connessione esiste che supporti audio e
    > video in alta risoluzione e permetta di collegare
    > dvd,bluray,televisori, decoder sat e cable e
    > computer?

    già detto sopra... per me il trucco in linea generale è:
    - comprare il meno possibile roba "nuova" (che fa cagare) e aggiustare sempre la roba "vecchia" che è SEMPRE migliore
    - più analogico c'è meglio è, meno roba digitale c'è meglio è
    - usare il più posibile i cavi e i connettori "di un tempo"
    - FARSI un HTPC da mettere in mezzo al tutto
    non+autenticato
  • Tu sei dell'estremo opposto. Dire che una tv al plasma e led, si veda peggio di un tubo cadotico, mi semrba una idiozia tecnica, se consideriamo che gli schermi che supportono HD, hanno una risoluzione maggiore rispetto alle 2 tv che hai citato.
    Sgabbio
    26177
  • Si peccato che il cavo HDMI sia un cavo ad alta stupidità e non ad alta definizione e che l'unica cosa che serve/servirebbe a impedire copie illegali di quello che gli passa attraverso. Prima che il digitale riesca ad arrivare vicino alla qualità del più scrauso dei CRT devono passare ancora degli annetti. Solo per fare un esempio stupido provate a vedere un "segnale" nero (spento) su di un CRT e un LCD nel primo avrete uno schermo nero come dev'essere nel secondo una bella lampada oscurata da un foglio di cristalli liquidi alla faccia della dinamica e del tanto blasonato contrasto "dinamico"... L'hanno dovuto inventare per giustificare dei "televisori" che riproducono dal bianco al grigio scuro e non il nero !!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paperoliber o
    > Si peccato che il cavo HDMI sia un cavo ad alta
    > stupidità e non ad alta definizione e che l'unica
    > cosa che serve/servirebbe a impedire copie
    > illegali di quello che gli passa attraverso.

    A me la cosa non mi crea alcun problema. A te si? Se a te si, sono contento, significa che lo scopo è stato raggiunto.

    > Prima che il digitale riesca ad arrivare vicino
    > alla qualità del più scrauso dei CRT devono
    > passare ancora degli annetti.

    Che trollata!

    > Solo per fare un
    > esempio stupido provate a vedere un "segnale"
    > nero (spento) su di un CRT e un LCD nel primo
    > avrete uno schermo nero come dev'essere nel
    > secondo una bella lampada oscurata da un foglio
    > di cristalli liquidi alla faccia della dinamica e
    > del tanto blasonato contrasto "dinamico"...

    Bravo, ora prendi un oggetto nero e lo metti davanti il tuo CRT e ammira quanto stupido è il tuo esempio.

    > L'hanno dovuto inventare per giustificare dei
    > "televisori" che riproducono dal bianco al grigio
    > scuro e non il nero
    > !!!!

    Ma tu guarda... Il tuo CRT invece sarebbe nero, quando è spento, vero?
    ruppolo
    33146
  • hmm no, a dire il vero HDMI con la sua velocità di trasmissione permette di far passare il segnale dei contenuti ad alta risoluzione...
    Sgabbio
    26177
  • Attenzione il CRT SI VEDE MEGLIO in tutti i casi in cui si usa a risoluzione nativa ovvero se e' usato per vedere la tv , le trasmissioni tv standard sui televisori lcd plasma se non si vuole vedere un francobollo perso dentro il televisore devono essere "riscalate" ovvero allargate e per non far vedere troppo che sono allargate si riempiono con punti calcolati ad hoc ( interpolazione ) , ora prendete una trasmissione TV normale , aspettate che si inquadri il pubblico in secondo piano e ... sul crt si riconoscono le facce su lcd e plasma no ... sorpresaSorride , per quanto riguarda gli lcd in particolare poi ci sono altri fattori di demerito ma non la voglio fare lunga
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Tu sei dell'estremo opposto. Dire che una tv al
    > plasma e led, si veda peggio di un tubo cadotico,
    > mi semrba una idiozia tecnica, se consideriamo
    > che gli schermi che supportono HD, hanno una
    > risoluzione maggiore rispetto alle 2 tv che hai
    > citato.
    beh come sai Sgabbio, dipende.
    Avere una tv HD a 19'' per es non serve a niente
    Avere una tv HD (quindi con dvb-t hd) e ricevere un film degli anni 80, non serve a niente. Anzi forse peggiora.
    Avere una tv HD e ricevere un film trasmesso con un bitrate osceno, non serve a niente. Anzi forse peggiora.
    Certo se ci colleghi un blueray a una tv HD da 40pollici, e' indubbio che il risultato sia migliore che un dvd su scart su una tv 28pollici.
    non+autenticato
  • Si ma li la colpa non è del televisore, ma di chi trasmette.
    Sgabbio
    26177
  • @Say no
    fai ridere.
    fatti una cultura: https://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/Pal

    Tu vuoi venire a dirmi che il tuo Mivar (manco fosse un Pioneer Kuro) da 576 linee (se va bene) a 50Hz di refresh, con cassa mono da 5W e amplificatore cinese, si vede e suona meglio di qualunque cosa in HD?
    Ma dico sei scemo?
    Scusa quanti anni hai e cosa vedi?
    Perchè se se cresciuto con le cassette,e hai messo in divx l'antologia di Lino Banfi e quella di Johnny Dorelli, allora mi sta bene.

    L'unico discorso che concepisco è sullo spazio colore (l'NTSC analogico è più ampio dell'HD), tutto il resto non sta nè in cielo nè in terra.
    L'importante comunque è che tu sia contento di non avere nè una fotocamera digitale, nè una reflex digitale, nè un camcorder digitale, nè un lettore dvd, nè un lettore blueray, nè un decoder dolby surround, e di aspettare qualche ora per il transcoding ogni volta che vuoi digitalizzare una VHS o un filmino della tua Super8.

    De gustibus...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Gino Bramieri
    > @Say no
    > fai ridere.

    meglio che far piangere...

    > fatti una cultura:

    neanche ti rispondo

    > Tu vuoi venire a dirmi che il tuo Mivar (manco
    > fosse un Pioneer Kuro) da 576 linee (se va bene)
    > a 50Hz di refresh, con cassa mono da 5W e
    > amplificatore cinese, si vede e suona meglio di
    > qualunque cosa in HD?

    mi limito a dirti che: o non sai leggere o non sei in grado di capire ciò che leggi

    > Ma dico sei scemo?

    o sei tu a esere ignorante?

    > L'unico discorso che concepisco è sullo spazio
    > colore (l'NTSC analogico è più ampio dell'HD),
    > tutto il resto non sta nè in cielo nè in
    > terra.

    si... c'è un bel po' di ignoranza...

    se non conosci la differenza tra CRT e LCD o plasma basta che fai un minimo di ricerca, anche in rete dovresti trovare molto... non perdo nenache un secondo di più a spiegarti le cose...

    per non parlare della parte audio...

    > L'importante comunque è che tu sia contento di
    > non avere nè una fotocamera digitale,

    celo

    > nè una reflex digitale,

    celo

    > nè un camcorder digitale,

    non so cosa farmene

    > nè un lettore dvd

    celo

    > nè un lettore blueray

    bluray???? neanche per idea... ma sei scemo?

    > nè un decoder dolby surround

    l'audio (tutto analogico + i/o digitale su htpc e pc autocostruiti) che sento io tu molto probabilmente non lo hai mai neanche lontanamente sentito

    > e di aspettare qualche ora per il
    > transcoding ogni volta che vuoi digitalizzare una
    > VHS o un filmino della tua Super8.

    l'unico film(ino) è quello che ti sei fatto nella tua testa

    > De gustibus...

    certo... c'è anche chi è contento di farsi prendere per le palle con robe tipo hdmi o bluray... e magari pensa anche che le quattro cagate digitai audio/video che tutti hanno sia il meglio del meglio... boh
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)