Claudio Tamburrino

Cyber security, cade il capo USA

Rassegna le dimissioni dopo gli attacchi informatici subiti da Senato, CIA ed FBI

Roma - Randy Vickers, l'attuale vertice dell'organo statunitense responsabile della difesa dalle minacce informatiche, ha rassegnato le sue dimissioni: troppi gli attacchi subiti direttamente e indirettamente in queste settimane dal Senato, dalla CIA, dell'FBI e dai suoi contractor.

Vickers, direttore dello US Computer Emergency Readiness Team (CERT) dal 2009, verrà temporaneamente sostituito da Lee Rock, finora suo vice.

Le fonti governative, per il momento, non hanno commentato la vicenda.
L'unica conferma arriva da un'email inviata da Bobbie Stempfley, uomo della CERT, ai dipendenti dell'organo addetto della sicurezza informatica federale.

Neanche accennato, il motivo delle dimissioni, che però sembrano collegate ai recenti attacchi subiti nell'ambito della campagna AntiSec lanciata dalla crew LulzSec e proseguita da Anonymous.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • SicurezzaPentagono, nuovo (vecchio) attacco informaticoPersi 24mila file durante un attacco straniero subito a marzo. Una sconfitta cocente che ha spinto lo Stato Maggiore a dare il via a una nuova strategia di difesa del network sovrano
  • AttualitàAntiSec, tocca ancora all'FBIAttacco contro contractor militari di Washington e partner di FBI e Difesa. Mentre gli Anonymous preparano una manifestazione davanti ad una tenuta ritenuta sede di società segrete protomassoniche
4 Commenti alla Notizia Cyber security, cade il capo USA
Ordina