Attivo un nuovo network GSM afghano

Quello precedente è ormai saturo e quello di Ericsson serve solo per coordinare gli aiuti alla popolazione. Ora arriva Roshan, rete GSM destinata a portare... luce

Roma - Si chiama Roshan la nuova rete commerciale GSM che sta per diventare operativa in Afghanistan, paese che dall'aprile dell'anno scorso ha potuto fruire a prezzi proibitivi solo dei servizi di Afghan Wireless, network ormai saturo e incapace di dare più di quanto già non dia. La scelta del GSM è quasi inevitabile in un paese nel quale le infrastrutture non wireless sono pressoché inesistenti o distrutte.

Roshan, che in Dari e Phastu, le due lingue ufficiali del paese, vuol dire "luce", è stato voluto dalla Compagnia per lo sviluppo delle telecomunicazioni afghane, una società posseduta al 51 per cento dall'Aga Khan Fund for Economic Development (AKFED) e per il rimanente da società europee ed americane.

Le capacità di Roshan sono state testate con una prima telefonata simbolica da Masoom Stanekzai, ministro delle Comunicazioni afghano, e la sua rete copre le principali città del paese (Kabul, Herat, Jalalabad, Kandahar, Kunduz e Mazar-i-Sharif). Ulteriori investimenti sono previsti per coprire le altre città entro cinque anni, per una spesa complessiva in copertura e servizi che in dieci anni dovrebbe superare i 120 milioni di dollari.
Va detto che nel paese è attiva un'altra rete di connessione wireless gestita da Ericsson che non ha però sbocchi commerciali. Al momento infatti si limita a costituire un ponte di comunicazione satellitare con la Svezia per sostenere gli sforzi di supporto alla popolazione.
7 Commenti alla Notizia Attivo un nuovo network GSM afghano
Ordina
  • Li' semplicemente non hanno di che pagare il servizio
    non+autenticato
  • Strano che nessuno abbia ancora scritto "ma con tutto quello che serve a quella povera gente, acqua, cibo, case, istruzione, questi pensano al GSM (che se lo potranno permettere in ben pochi, mi sa!)"
    In effetti è il primo pensiero che viene in mente, ma se ci si pensa un attimo, la cosa non è del tutto sbagliata: per risollevarsi un paese ha bisogno di investimenti esteri, i business-man sono ormai abituati ad avere, ovunque vadano, telefonino, computer etc. Magari solo l'1% degli afgani può permettersi (per ora) il telefonino, ma la sua presenza è come un segnale verso l'estero.
    non+autenticato
  • > la cosa
    > non è del tutto sbagliata: per risollevarsi
    > un paese ha bisogno di investimenti esteri,
    > i business-man sono ormai abituati ad avere,
    > ovunque vadano, telefonino, computer etc.
    > Magari solo l'1% degli afgani può
    > permettersi (per ora) il telefonino, ma la
    > sua presenza è come un segnale verso
    > l'estero.

    Quindi, secondo te, avrebbero messo in piedi una rete gsm per invogliare i manager esteri ad andare li?
    SymoPd
    1581

  • - Scritto da: SymoPd
    > Quindi, secondo te, avrebbero messo in piedi
    > una rete gsm per invogliare i manager esteri
    > ad andare li?

    SInceramente non lo so, stavo solo "pensando". Il fatto è che ormai diamo per indispensabili cose che fino a pochi anni fa non esistevano e ne facevamo tranquillamente a meno.
    D'altra parte, per portare il telefono in un paese senza nulla, anzichè scavare e posare fili per arrivare in ogni casa (per lo meno alberghi, strutture pubbliche etc) è più comodo e rapido mettere in piedi una rete cellulare
    Inoltre il telefono non darà direttamente pane o medicine, però fa parte appunto di quegli "indispensabili" per far decollare un economia
    non+autenticato
  • > SInceramente non lo so, stavo solo
    > "pensando". Il fatto è che ormai diamo per
    > indispensabili cose che fino a pochi anni fa
    > non esistevano e ne facevamo tranquillamente
    > a meno.
    > D'altra parte, per portare il telefono in un
    > paese senza nulla, anzichè scavare e posare
    > fili per arrivare in ogni casa (per lo meno
    > alberghi, strutture pubbliche etc) è più
    > comodo e rapido mettere in piedi una rete
    > cellulare
    > Inoltre il telefono non darà direttamente
    > pane o medicine, però fa parte appunto di
    > quegli "indispensabili" per far decollare un
    > economia

    Da come la vedo io, direi che è semplicemente il metodo più semplice per cominciare ad avere infrastrutture.

    Un mezzo di comunicazione è necessario a chiunque voglia fare qualcosa: se devo mettere in piedi un ospedale, se devo rifornire una farmacia, se devo rifornire un negozio, portare da mangiare, sanare un'emergenza, è chiare che il mezzo di comunicazione è necessario.
    Portare i fili del telefono è assurdo, non avranno mai la penetrazione necessaria in breve tempo, sicchè il gsm è, in fin dei conti, la migliore scelta, senza dubbio.
    SymoPd
    1581
  • non ha senso pensare a quanto utile sia il telefonino.
    bisogna guardare il lato più preoccupante della questione: stiamo "occidentalizzando" il medio oriente.
    il capitalismo selvaggio, le privatizzazioni, il potere delle grosse imprese occidentali, non porteranno certo benessere in Afghanistan, e tantomeno democrazia.
    Partendo da queste basi, è stupido pensare anche cosa possa offrire un telefonino a quella popolazione.

    bus3
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non ha senso pensare a quanto utile sia il
    > telefonino.
    > bisogna guardare il lato più preoccupante
    > della questione: stiamo "occidentalizzando"
    > il medio oriente.
    > il capitalismo selvaggio, le
    > privatizzazioni, il potere delle grosse
    > imprese occidentali, non porteranno certo
    > benessere in Afghanistan, e tantomeno
    > democrazia.
    > Partendo da queste basi, è stupido pensare
    > anche cosa possa offrire un telefonino a
    > quella popolazione.
    >
    > bus3

    il medio oriente si occidentalizza da solo eprchè o lo fa o resta indietro, tu non metteresti telefoni, computer, internet o altro?
    li lasceresti sempre così come sono?
    pensi loro voglioano restare sempre così?
    non+autenticato