Roberto Pulito

Il turno di LibreOffice 3.4.2

Grazie all'impegno di volontari e partner The Document Foundation rilascia la nuova versione del ramo 3.4, indirizzata anche alle aziende

Roma - Ad un mese dall'update precedente, l'organizzazione non profit The Document Foundation aggiorna la famosa suite per la produttività e rende disponibile la terza versione della famiglia 3.4. La release in questione non punta solo agli utenti individuali ma può essere utilizzata anche dalle aziende.

A conti fatti, l'aggiornamento "Enterprise-Ready" di LibreOffice corregge numerosi bug precedentemente segnalati e si presenta con oltre 23.000 modifiche al codice. Il comunicato stampa ringrazia i 300 sviluppatori volontari che hanno reso possibile questo risultato, sottolineando la complicità di partner come Oracle, SUSE, RedHat e Canonical.

Per Bjoern Michaelsen, programmatore Canonical e membro dell'Engineering Steering Committee, l'evoluzione del codice di OpenOffice.org procede sul binario giusto. "Ovviamente un rinnovamento totale del codice - precisa - comporta qualche problema di stabilità nel breve periodo, controbilanciato da un miglioramento di velocità, funzioni e stabilità, nel medio e lungo periodo".
Dal 13 al 15 ottobre 2011 la comunità open source di The Document Foundation si ritroverà a Parigi per la prima LibreOffice Conference. Nel frattempo, verso la fine di agosto, sarà possibile scaricare LibreOffice 3.4.3, versione che includerà ulteriori fix dedicati a sicurezza e stabilità.

Roberto Pulito
Notizie collegate
  • TecnologiaLibreOffice e l'aggiornamento paralleloVersione 3.4.1 e nuova calendarizzazione per la suite di produttività. Funzioni avanzate per utenti smaliziati e maggiore stabilità per le aziende
  • TecnologiaLibreOffice, la suite contesaFree Software Foundation chiede l'estromissione di OpenOffice.org dall'archivio di codice di Apache Foundation, che nel mentre vota per la sua adozione. Presto LibreOffice sarà pronto per il mercato, dicono gli sviluppatori
95 Commenti alla Notizia Il turno di LibreOffice 3.4.2
Ordina
  • Le aziende meglio rimangano alla 3.3.3.
    Con questa versione continua a non funzionare correttamente l'importazione da file RTF, formato usatissimo per lo scambio dati.
    non+autenticato
  • La funzione cerca e cerca-sostituisci mi piaceva + prima.
    Ctrl+F ed avevo tutte le opzioni!
    C'è modo di ripristinarla?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funzione cerca.

    > Ctrl+F ed avevo tutte le opzioni!
    > C'è modo di ripristinarla?

    Ctrl+Alt+F apre la finestra classica. Se non ti piace la scorciatoia cambiala in Strumenti > Personalizza > [scheda] Tastiera.
  • - Scritto da: Funzione cerca.

    > Ctrl+F ed avevo tutte le opzioni!
    > C'è modo di ripristinarla?

    Prova ctrl+alt+F
    FDG
    11001
  • Nemmeno un minimo di accenno alle nuove feature.
    E uscite del calibro di "230.000 modifiche al codice", indegne per un quotidiano tecnico
    non+autenticato
  • - Scritto da: Burbero

    > Nemmeno un minimo di accenno alle nuove feature.

    Essendo una bugfix release non c'è nessuna nuova feature.
  • - Scritto da: VITRIOL
    > Essendo una bugfix release non c'è nessuna nuova feature.

    si ma gesù dire almeno cos'hanno fixato di importante etc
    e cmq ci sono nuove features

    - giornale informatico, + n-esima testata gossippara/giornalaia di cui veramente non si sentiva la mancanza
    non+autenticato
  • - Scritto da: Mertyrc

    > e cmq ci sono nuove features

    Ad esempio?
  • - Scritto da: Mertyrc
    > - Scritto da: VITRIOL
    > > Essendo una bugfix release non c'è nessuna
    > nuova
    > feature.
    >
    > si ma gesù dire almeno cos'hanno fixato di
    > importante
    > etc
    > e cmq ci sono nuove features
    >
    > - giornale informatico, + n-esima testata
    > gossippara/giornalaia di cui veramente non si
    > sentiva la mancanza

    che non suoni cime una critica, ma da quanto tempo e' che non vieni su PI? direi ad occhio e croce otto - nove anni.
    non+autenticato
  • Il porting su OSX continua ad essere pietosoTriste
    non+autenticato
  • - Scritto da: mat
    > Il porting su OSX continua ad essere pietosoTriste

    OSX continua ad essere pietosamente non libero, e non si meriterebbe alcun porting...
    non+autenticato
  • allora nemmeno windows, scusa eh ?
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > allora nemmeno windows, scusa eh ?

    D'accordo, ma la sua obiezione ha senso lo stesso. Se uno è interessato a una suite libera, non dovrebbe essere interessato ancor di più a un sistema operativo libero???? Quelli che sono legati a Win e Mac per motivi tecnici sono veramente pochissimi...
    non+autenticato
  • appunto, magari PREFERISCONO avere sistemi SUPPORTATISorride
    non+autenticato
  • Ma per favore... Sono costretto ad usare winsoz, non l'ho certo scelto per il pietoso supporto della M$.
    A meno che per supporto non intendi dire che quelle maledette applicazioni che sono costretto ad usare supportano solo windows...
    non+autenticato
  • io parlo del MONDO REALE DEL LAVORO ... non del tuo pc di casa. metti su una rete minimale con AD, policy restrittive,dns,dhcp,wsus e collegaci un nuovo client. con Linux, ammesso che riesci a fare tutto (e su le policy ho i miei dubbi) ci metti una vita... un server windows lo tiri su in 2 ore max e i client inseriti nel dominio sono a posto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: miky
    > io parlo del MONDO REALE DEL LAVORO ...
    Ne parli perchè ci lavori o perchè te l'ha detto il cuggino?

    > non del
    > tuo pc di casa.
    Ah ok...stiamo parlando del *tuo* pc di casa....perfetto.

    > metti su una rete minimale con
    > AD, policy restrittive,dns,dhcp,wsus e collegaci
    > un nuovo client.
    Che c'è di difficile, sono caz*ate da dilettanti.

    > con Linux, ammesso che riesci a
    > fare tutto
    Fai tutto...tranquillo.

    > (e su le policy ho i miei dubbi)
    Veramente Linux/UNIX sono molto meglio gestibili nelle policy...
    hai fatto proprio il paragone errato.

    > ci
    > metti una vita...
    Meno di due ore per tirare su un server LAMP aggiornato alle ultime patch di sicurezza.
    Sicuro di essere del mestiere?

    > un server windows lo tiri su in
    > 2 ore max
    E lo tri giù in meno di dieci minuti perchè lo devi riavviare a causa dell'aggiornamento della libreria X che non può essere sostituita con Windows avviato.
    Windows in ambiente server è di quanto più scandete ci sia in circolazione..

    > e i client inseriti nel dominio sono a
    > posto...
    Anche la botnet lo è...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 agosto 2011 13.08
    -----------------------------------------------------------
    Darwin
    5126
  • - Scritto da: miky
    > io parlo del MONDO REALE DEL LAVORO ... non del
    > tuo pc di casa.

    e proprio sul mondo reale del lavoro ci sarebbe taaaanto da dire...

    > metti su una rete minimale con
    > AD, policy restrittive,dns,dhcp,wsus e collegaci
    > un nuovo client. con Linux, ammesso che riesci a
    > fare tutto (e su le policy ho i miei dubbi)

    si può fare eccome, e non solo su una rete minimale ma (esperienza diretta) anche su una rete geografica con un migliaio di client

    ostacoli: AD è proprietario; a parte le ca@@ate puù banali, la documentazione fa schifo (compresi technet e altre cag@te similari) o manca del tutto (e non è un caso...)

    le applicazioni che facilitano il lavoro ci sono eccome, ma quelle buone COSTANO (e, guarda caso, le producono società che hanno spesso dietro Novell... ovvero M$ stessa...)

    > ci metti una vita...

    ma anche no

    > un server windows lo tiri su in
    > 2 ore max

    anche 2 minuti se sei organizzato e virtualizzi...

    poi un conto è installare, un conto è far funzionare bene le cose, un altro è curare bene la sicurezza ecc. ecc. ... e qui le cose cambiano: altro che 2 ore (e resti sempre con in mano un colabrodo)...

    > e i client inseriti nel dominio sono a
    > posto...

    vedi sopra...
    non+autenticato
  • Certo...infatt Microsoft è nota per il suo supporto di qualità
    Darwin
    5126
  • Purtroppo sono tanti. (aimé!)
    non+autenticato
  • Come da oggetto, è ora di porre fine a questo fork superfluo e ridondante.
    non+autenticato
  • trollata scarsa.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > trollata scarsa.


    niente affatto. lo si può chiamare libreoffice, openoffice o pincopallo. il punto è che avere due programmi identici che si sviluppano su binari diversi è uno spreco.
    bisogna unire i due progetti in uno
    non+autenticato
  • A dire il vero non sono uguali da un bel pò di tempo, liberoffice si sta evolvendo velocemente, ha feature è supporti che openoffice ancora non ha.
    Sgabbio
    26177
  • A dire il vero non sono uguali da un bel pò di tempo, liberoffice si sta evolvendo velocemente, ha feature è supporti che openoffice ancora non ha.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: max
    > - Scritto da: Sgabbio
    > > trollata scarsa.
    >
    >
    > niente affatto. lo si può chiamare libreoffice,
    > openoffice o pincopallo. il punto è che avere due
    > programmi identici che si sviluppano su binari
    > diversi è uno spreco.

    1) non sono due programmi identici
    2) Oracle (che ha praticamente mollato lo sviluppo di OOo e si rifiuta di "cederlo") è una famigerata multinazionale tra le peggiori "nemiche" del software libero
    3) The Document Foundation (che sviluppa attivamente LO mantenendo una licenza libera) è una fondazione indipendente

    > bisogna unire i due progetti in uno

    4) vallo a dire a oracle...
    non+autenticato
  • - Scritto da: say no

    > 2) Oracle (che ha praticamente mollato lo
    > sviluppo di OOo e si rifiuta di "cederlo")

    Sei rimasto un po' indietro. Oracle ha ceduto OOo ad Apache Foundation, e lo stesso ha fatto IBM cedendo Symphony.
    Al momento lo sviluppo è fermo solo perché bisogna decidere il nuovo assetto e renderlo operativo. Diversi sviluppatori ex Sun di Amburgo (i padri di OOo) si sono dichiarati disponibili a seguire il progetto. Anche IBM ha dichiarato il suo impegno.
    Per ora non ci sono certezze, però il progetto c'è, ed è in mano a gente abbastanza seria e meticolosa.

    > 3) The Document Foundation (che sviluppa
    > attivamente LO mantenendo una licenza libera) è
    > una fondazione
    > indipendente

    In teoria. In realtà TDF è praticamente in mano a Novell, ora diventa la sezione SUSE di Attachmate.

    Saluti
    VITRIOL
  • - Scritto da: VITRIOL
    >
    > In teoria. In realtà TDF è praticamente in mano a
    > Novell, ora diventa la sezione SUSE di
    > Attachmate.

    mmmh... questo sarebbe interessante, anche perché Novell è in mano a Microsoft, hai qualche fonte?
    non+autenticato
  • - Scritto da: il signor rossi

    > mmmh... questo sarebbe interessante, anche perché
    > Novell è in mano a Microsoft, hai qualche
    > fonte?

    Basta seguire un po' lo sviluppo (caotico...) e ci si rende subito conto che è così. Se ne vantano anche loro stessi in maniera neppure troppo nascosta:

    http://www.novell.com/products/libreoffice/

    We're one of the top contributors to The Document Foundation. With one of the largest teams of full-time LibreOffice developers, our leadership in the upstream project has enabled us to deliver leading edge innovation to our customers to maximize office productivity and deliver a beautifully polished user experience.

    Saluti
    VITRIOL
  • - Scritto da: VITRIOL
    > - Scritto da: il signor rossi
    >
    > > mmmh... questo sarebbe interessante, anche
    > perché
    > > Novell è in mano a Microsoft, hai qualche
    > > fonte?
    >
    > Basta seguire un po' lo sviluppo (caotico...) e
    > ci si rende subito conto che è così. Se ne
    > vantano anche loro stessi in maniera neppure
    > troppo
    > nascosta:
    >
    > http://www.novell.com/products/libreoffice/

    premesso che TDF non è certo il "massimo" a cui si possa pensare, resta il fatto che oracle e TDF sono comunque "cose" mooolto diverse
    non+autenticato
  • > niente affatto. lo si può chiamare libreoffice,
    > openoffice o pincopallo. il punto è che avere due
    > programmi identici che si sviluppano su binari
    > diversi è uno
    > spreco.
    > bisogna unire i due progetti in uno
    Secondo me entrambi i progetti vanno ricondotti a MS Office 2012.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)