Mauro Vecchio

Spamford Wallace, in manette il re dello spam

Il sovrano della posta spazzatura rischia fino a 40 anni di carcere. Rilasciato su cauzione, attende un nuovo incontro col giudice. Ha violato altri 500mila account Facebook per il successivo invio di messaggi non desiderati

Roma - Era la fine dell'ottobre 2009 quando il re della posta spazzatura Sanford Spamford Wallace veniva obbligato al pagamento dell'astronomica cifra di 711,2 milioni di dollari. A stravincere la causa erano stati i vertici di Facebook, dopo che lo stesso Wallace era riuscito ad inviare agli utenti in blu quasi 30 milioni di mail non desiderate.

Il re dello spam, appunto. Wallace si è ora arreso agli agenti del Federal Bureau of Investigation (FBI), accusato di aver violato una precedente ordinanza che lo bandiva dalla gigantesca piattaforma in blu. Dietro il nome fittizio David Sinful-Saturdays Fredericks, Spamford avrebbe avuto accesso a Facebook durante un volo da Las Vegas a New York.

Il corpulento spammer rischia ora 40 anni di carcere, oltre ad un'ulteriore multa di 2 milioni di dollari. Wallace avrebbe infatti perseverato nelle sue attività, con altri 500mila account Facebook compromessi per il successivo invio di agguerriti messaggi di posta elettronica.
Wallace è ora in libertà, rilasciato in seguito alla cauzione di 100mila dollari. Dovrà ripresentarsi il prossimo 22 agosto presso una corte di San José. Lo stesso giudice californiano ha nuovamente impugnato il CAN-SPAM Act, legge statunitense che mette al bando la posta elettronica spazzatura.

Mauro Vecchio
Notizie collegate