Claudio Tamburrino

Amazon, repulisti nel self-publishing

Via i doppioni e le altre forme di abuso delle licenze con cui gli autori concedono i propri testi

Roma - Amazon ha iniziato a controllare più strettamente gli ebook pubblicati attraverso il suo servizio Kindle Direct Publishing utilizzando un meccanismo di private label rights (PLR).

La licenza PLR permette agli utenti-autori di produrre un libro digitale da mettere a disposizione sui suoi scaffali attraverso il servizio di self-publishing di Kindle, nonché di venderne successivamente i diritti ad altri utenti per altre diverse pubblicazioni.

Questo, oltre a configurare ampie libertà, si presta a sfruttamenti indebiti e confusionari: per esempio, è possibile trovare sugli scaffali digitali le stesse opere con diversi titoli che possono confondere i clienti.
Per questo Amazon sta ora provvedendo a rimuovere i doppioni degli ebook PLR e quei titoli "appena modificati" rispetto a precedenti versioni.

Nell'email di spiegazioni inviata agli utenti i cui titoli sono stati rimossi, Amazon ha chiarito che l'operazione è stata condotta perché i doppioni "diminuivano l'esperienza dei clienti". Ed ha ammonito che in caso di tentativi di vendita della medesima opera da parte dello stesso utente con titoli diversi potrà anche ricorrere alla cancellazione dell'account.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàCome vendere 1 milione di copie su KindleIl successo di e-reader ed ebook ha caratteristiche e rischi peculiari: brillano gli autori senza editore, ma spuntano altresì nuove forme di spam
  • BusinessEbook gratis, a pagamentoMentre in Italia Marsilio sceglie la strada della promozione, Amazon si ritrova a far pagare per i volumi del progetto Gutenberg. La responsabilità non è sua, ma resta il fastidio per i volontari
1 Commenti alla Notizia Amazon, repulisti nel self-publishing
Ordina