Luca Annunziata

Microsoft: parliamo di Windows 8

Il prossimo mese verrà svelato a Los Angeles. Ma vale la pena, dice il grande capo Steven Sinofsky, iniziare a ragionarci subito. Ma senza sbottonarsi troppo

Roma - Un blog per parlare di quello che (per il momento) si chiama Windows 8: ovvero la nuova versione del sistema operativo Microsoft che BigM si appresta a presentare al pubblico il prossimo mese durante la conferenza Build in quel di Los Angeles. Chi si aspettasse tuttavia una beta pubblica o chissà cos'altro rimarrà deluso: Steven Sinofsky, che guida la divisione che sta sviluppando il nuovo sistema operativo, mette in chiaro che non succederà di nuovo quanto accaduto con Vista, e che non saranno fatte anticipazioni e rivelazioni (troppo) succulente per evitare di creare aspettative che rischino di essere deluse nel prosieguo.

Un rischio che, vista la natura di Windows 8, potrebbe anche essere concreto: dopo aver ripetuto in più occasioni che Windows Vista era stato il più grande rimescolamento delle carte dall'epoca di Windows 95, oggi Microsoft afferma che il trascorrere degli anni impone che sia Windows 8 il vero punto di svolta della serie. Tablet, piattaforme a basso consumo (ARM in testa), nuovi modi di gestire l'interfaccia e nuovi meccanismi di input, nuovi utenti e nuove esigenze: la metafora del desktop si avvia a tramontare (così come sta accadendo pure in casa Apple, da Lion in avanti), e le piastrelle (tiles) già viste nelle prime immagini in anteprima del nuovo sistema operativo la faranno da padrone nel futuro.

Il primo post di Sinofsky non porta in dote rivelazioni particolari o novità peculiari: si tratta di un "restate sintonizzati" in attesa di ulteriori sviluppi, un modo per richiamare l'attenzione soprattutto degli addetti ai lavori che dovranno gestire con le loro attività (OEM, sviluppatori, partner ecc) la futura transizione al nuovo OS. A loro, principalmente, è dedicato il nuovo blog: a loro verranno fornite gradualmente nuove informazioni e nozioni sulla infrastruttura della prossima release, in modo di prepararsi. A loro viene assicurato che, nonostante i cambiamenti estetici, l'aggiornamento del software lascerà ampi spazi di compatibilità con il lavoro svolto per Windows 7: se insomma l'interfaccia sarà rivoluzionata, Windows 8 sarà l'evoluzione di Windows 7 dal punto di vista dei sorgenti. (L.A.)
107 Commenti alla Notizia Microsoft: parliamo di Windows 8
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)