Claudio Tamburrino

Photovine, matura l'app per iPhone

L'applicazione per la condivisione da social network delle foto marchiata Google compare negli Stati Uniti su iTunes

Roma - Disponibile online Photovine, l'applicazione per la condivisione delle foto targata Google e Slide, startup da essa acquisita l'anno scorso.

Come intuibile dalla metafora della vite che ha accompagnato l'annuncio del progetto, Photovine ha molto del social network: si tratta di un sistema di photo sharing basato sulle cartelle. Queste possono essere etichettate attraverso parole chiave e condivise: ogni foto accomunata dalla stessa parola chiave andrà ad accrescere la cartella. Con risultati, è logico supporre, divertenti e paradossali viste le diverse connotazioni e interpretazioni che si possono dare ad una stessa parola o espressione, come viene mostrato nel video promozionale con l'accostamento dei termini "Warm and Fuzzy".

L'accesso ai contenuti è poi pubblico per tutti i membri: non vi è la necessità di dover approvare un contatto, ma una volta postata una foto quella è disposizione di tutta la community.
E come si poteva cogliere con occhio attento, sempre dal video, per il momento si tratta di un'applicazione disponibile solo per iPhone. Anche se il marchio appartiene a Mountain View, non vi è ancora né una versione Android né tanto meno una qualche forma di integrazione con Google Plus.
L'app è disponibile per il momento solo negli Stati Uniti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • TecnologiaTwitter, le foto si fanno in casaAnnunciato il lancio dello spazio per la condivisione delle foto, in collaborazione con Photobucket. Che fine faranno gli altri servizi simili? Intanto UberMedia si cerca un posto al sole in Europa
  • AttualitàIl miscelavolti crea facce inesistentiL'applicativo consente di cambiare in automatico le sembianze del volto del soggetto ripreso grazie ad uno scrambling surreale. Su Street View potrebbe garantire la privacy dei cittadini immortalati