Mauro Vecchio

Una telecamera al posto dell'occhio

La grande impresa protesica del regista Rob Spence, che è riuscito ad impiantarsi un occhio-camera che trasmette wireless. Realizzati alcuni documentari che verranno sfruttati dal game developer Square Enix

Roma - È tornato sulle cyber-scene, dopo aver lavorato giorno e notte sul suo fantasmagorico occhio bionico. Era il 2008 quando il regista Rob Spence annunciava al mondo le sue ambiziose intenzioni progettuali: farsi impiantare una videocamera in testa per sostituire un occhio perso in un drammatico incidente.

I principali osservatori di settore hanno ora spalancato la bocca davanti ai risultati raggiunti da Eyeborg - questo il nickname usato online dallo stesso Spence - che hanno subito attirato l'attenzione della software house Square Enix per il lancio del nuovo videogame Deus Ex: Human Revolution.

Una piccola videocamera endoscopica è stata dunque accesa da uno specifico magnete, per la successiva trasmissione in wireless di immagini verso un dispositivo portatile LCD. Spence e il suo team di ingegneri hanno dunque realizzato vari documentari per raccontare questa nuova, grande avventura protesica.


Da guardare, sempre che non si abbiano problemi nell'osservare un uomo che inserisce e rimuove con facilità estrema un occhio (bionico) dall'orbita.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, anatomie esplosiveLe autorità statunitensi avvertono gli agenti agli aeroporti: i bombaroli potrebbero fare uso di impianti chirurgici per attentare alla sicurezza nazionale
  • TecnologiaGermania, il ginocchio bionico lo passa la MutuaUna protesi avveniristica restituisce capacità perdute a chi ha una gamba amputata e si guadagna il supporto dei servizi sanitari europei. Il ginocchio robotica è "intelligente" e sa adattarsi alle esigenze del suo possessore
8 Commenti alla Notizia Una telecamera al posto dell'occhio
Ordina