Guido Scorza

Copyright, il tempismo dell'AGCOM

di G. Scorza - L'Europa guarda lontano e senza frontiere per interrogarsi sul diritto d'autore, l'Italia pensa a contenere la pirateria con la proposta AGCOM. Confinandoci in un destino di attriti e isolamento

Roma - A luglio, mentre in Italia si svolgeva un acceso dibattito - peraltro senza grandi risultati - sulla nuova disciplina in materia di diritto d'autore in Rete che l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in pressoché totale assenza di potere si sta arrogando il diritto di varare, la Commissione Europea pubblicava, lontano dai riflettori, un Libro Verde sulla distribuzione online di opere audiovisive nell'Unione Europea, intitolato, in modo assai significativo: "Verso un mercato unico digitale: opportunità e sfide".
Attraverso il Libro Verde, come di consueto, l'Unione Europea invita tutti i soggetti interessati a prendere posizioni su talune questioni sollevate ed illustrate nel documento medesimo. Il Libro Verde sulla distribuzione online di opere audiovisive, naturalmente, ha ad oggetto le medesime questioni sulle quali sono destinate ad incidere le nuove regole che AGCOM si avvia ad adottare.

La lettura del documento ed i temi di alto profilo in esso affrontati in uno con gli scenari evolutivi tratteggiati dalla Commissione UE danno il senso di quanto sciocca - prima ancora che giusta o sbagliata e giuridicamente sostenibile o meno - sia l'iniziativa regolamentare che, con tanta ostinata pervicacia, la nostra Autorità Garante per le Comunicazioni continua a difendere.
Il quadro normativo europeo in materia di diritto d'autore è alla vigilia di un cambiamento epocale tanto che la stessa Unione Europea si interroga - ed interroga gli addetti ai lavori - sull'opportunità di iniziare a lavorare ad un Codice europeo sul diritto d'autore proprio allo scopo di promuovere, finalmente, il mercato unico dei contenuti audiovisivi e superare la frammentazione commerciale e burocratica-normativa che continua a caratterizzare l'attuale mercato dell'audiovisivo.
Che senso ha in un contesto tanto fluido e magmatico ostinarsi a varare piccole normucole nazionali di carattere amministrativo da parte di una piccolissima Autorità semi-indipendente di un minuscolo Paese come il nostro? Non avrebbe più senso attendere, almeno, di conoscere l'orientamento europeo e, comunque, far tesoro della consultazione pubblica avviata dalla Commissione Europea e destinata a concludersi il prossimo 18 novembre?

L'iniziativa dell'Autorità Garante sembra porsi in aperto contrasto con la filosofia che ha ispirato il Libro Verde della Commissione.
Scrive infatti la Commissione, nell'introduzione del documento, che "Internet e senza confini, ma i mercati online a livello UE sono ancora divisi da molteplici barriere, cosa che ostacola la realizzazione del mercato unico" e che "il Libro Verde intende contribuire allo sviluppo di un mercato unico del digitale aprendo un dibattito specifico sulle opportunità e sulle sfide della distribuzione online di opere audiovisive".
E noi? Noi parteciperemo al dibattito a cose già fatte. Dopo che la nostra Autorità, quasi l'Italia fosse dotata di una speciale autonomia rispetto al resto d'Europa o pretendesse addirittura di essere d'esempio agli altri Paesi, avrà fatto le sue scelte sulla base di una consultazione estiva.
La nuova disciplina che AGCOM si avvia a varare minaccia di mettere in ginocchio la circolazione dei contenuti audiovisivi online, proprio mentre l'Europa, nel Libro Verde, ricorda che "Internet offre al settore audiovisivo molte opportunità per sviluppare ulteriormente il suo potenziale e per raggiungere un pubblico più ampio".
Che dire? Difficile immaginare da parte dell'Autorità per le comunicazioni un'iniziativa più tempestiva.

Tra l'altro, mentre la nuova disciplina elaborata dall'AGCOM è interamente incentrata sull'enforcement dei diritti d'autore, quasi che i problemi del mercato dipendessero esclusivamente dal dilagare del fenomeno - vero o presunto - della pirateria, la Commissione UE, nel Libro Verde, sottolinea come lo sviluppo del mercato online europeo dei contenuti audiovisivi risulti frenato soprattutto da una serie di ragioni "tra cui le barriere tecnologiche, la complessità dei processi di concessione delle licenze relative ai diritti d'autore, le disposizioni di legge e contrattuali relative ai periodi di distribuzione, la scarsa certezza del diritto per i fornitori di servizi, i metodi di pagamento, la fiducia dei consumatori e la diffusione di profonde differenze culturali e linguistiche".

Forse, anche ammesso - e non è naturalmente così - che non fosse possibile attendere neppure un istante di più per dettare nuove regole in materia di diritto d'autore in Rete, l'Autorità più che pensare a come "metter paura" - di più non accadrà - a presunti pirati in erba, avrebbe potuto e dovuto preoccuparsi di elaborare una disciplina volta ad affrontare e provare a risolvere questo genere di problemi.

Le finestre temporali che continuano a governare la distribuzione delle opere audiovisive ritardando la disponibilità delle stesse online, l'assenza di adeguati strumenti transfrontalieri di licenza dei diritti e la scarsa trasparenza dell'attività e della governance delle società di gestione dei diritti sono alcuni dei temi sui quali, lontano dal chiasso di Roma, la Commissione Europea con il Libro Verde chiama gli addetti ai lavori a dire la loro.

E mentre in Italia l'AGCOM va avanti per la sua strada, l'Unione Europea sembra destinata a far rotta su un "Codice europeo del diritto d'autore, globale e unitario" nel metter mano al quale, peraltro, ci si potrebbe far carico anche di "esaminare se le attuali eccezioni e restrizioni al diritto d'autore previste dalla direttiva sulla società dell'informazione debbano essere aggiornate".
Difficile pensare che un eventuale codice europeo non conterrebbe anche una disciplina sull'enforcement dei diritti d'autore e, dunque, norme ben difficilmente - salvo che in AGCOM non siano dotati di poteri di preveggenza - coincidenti con quelle che, nelle prossime settimane, andranno a complicare ulteriormente il nostro Ordinamento.
A scorrere l'elenco delle domande poste dalla Commissione UE ci si avvede che sono pressoché le stesse - anche se formulate con maggior lungimiranza ed apertura mentale - che AGCOM ha già rivolto agli addetti ai lavori italiani in occasione della precedente consultazione pubblica.

Come non chiedersi quale sia il senso di spendere tanto tempo, soldi e risorse - naturalmente nostre - per fare un lavoro che, nella migliore delle ipotesi, è destinato ad essere vanificato dall'attività europea e nella peggiore - sfortunatamente la più probabile - finirà con l'isolare ancora di più il nostro Paese dal resto d'Europa?

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell'innovazione
www.guidoscorza.it
Notizie collegate
  • Diritto & InternetUE: controlleremo l'operato di AgcomRisposta scritta del vicepresidente Neelie Kroes all'interrogazione presentata da Sonia Alfano. L'enforcement italico del diritto d'autore dovrà tenere in considerazione i diritti fondamentali dell'uomo
  • AttualitàAgcom, enforcement rimandato a novembreAnnunciata una moratoria di fatto che farà slittare l'adozione della famigerata delibera sulla tutela del diritto d'autore. Attesi i pareri della Commissione Europea e della WIPO. Calabrò si dice sicuro della sua solidità
  • AttualitàAgcom e le insidie del far webLunga audizione del presidente Calabrò al Senato: Internet è un'autostrada, ma non il pilota dell'automobile. Gli approfittatori della Rete non dovrebbero creare un contesto da selvaggio west. Il senatore Vita ha forti dubbi sull'approccio dell'Authority
102 Commenti alla Notizia Copyright, il tempismo dell'AGCOM
Ordina
  • Prima di Internet c'erano le cassettine, i bootleg, poi le fotocopie per i libri. Poi è arrivato, l'mp3 Napster, eMule, gli scanner, i PDF, Torrent, Megavideo, eccetera... Guardando la storia con un periodo più ampio si vede che è un lento processo di liberalizzazione dal basso, a mio avviso sempre più in espansione. Solo gli imprenditori intelligenti hanno trovato il modo di cambiare paradigma e dare al mercato quello che volevano creando comunque profitto. Tempo al tempo Occhiolino.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Creative Common
    > Prima di Internet c'erano le cassettine, i
    [...]
    > Occhiolino.

    Gia', al momento comunque, vince il sistema di lobbyng, se questo:
    http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/10/22/new.../
    (cerca BIEBER su google video) passa e un 14enne finisce in galera per un reato che non ha commesso.

    GT
  • Non c'è da stupirsi. Che altro c'era da aspettarsi da un paese sotto dittatura mediatica, il cui presidente del consiglio non è nemmeno capace di pronunciare la parola google e il cui unico interesse è mantenere i cittadini nella più bieca ignoranza, sperando che non lo facciano finire in galera o peggio come Mussolini?
  • La pirateria e agli sgoccioli a novembre chiuderanno gli accessi a Megavideo, fileserve, ecc. Niente piu' siti che riporteranno link. Niente piu' Emule. Nel frattempo io sto investendo per ampliare la mia videoteca; ho messo pure il genere porno a tema. Dispenser di bibite fresche e popcorn. Gadget. E una nutrita rivendita di titoli usati.
    Vi aspetto tutti in videoteca.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Genesi
    > La pirateria e agli sgoccioli a novembre
    > chiuderanno gli accessi a Megavideo, fileserve,
    > ecc. Niente piu' siti che riporteranno link.
    > Niente piu' Emule. Nel frattempo io sto
    > investendo per ampliare la mia videoteca; ho
    > messo pure il genere porno a tema. Dispenser di
    > bibite fresche e popcorn. Gadget. E una nutrita
    > rivendita di titoli
    > usati.
    > Vi aspetto tutti in videoteca.

    Si puo' pagare un extra per saltare la fila, come a Gardaland?
  • > Si puo' pagare un extra per saltare la fila, come
    > a
    > Gardaland?

    Epic
  • > ho messo pure il genere porno a tema.

    Pirati che si trombano muli?

    > Gadget.

    Questa mi spaventa.
  • - Scritto da: Videoteca Genesi
    > La pirateria e agli sgoccioli

    Anche le "e" copula, a quanto pare.
  • - Scritto da: dont feed the troll/dovella
    > - Scritto da: Videoteca Genesi
    > > La pirateria e agli sgoccioli
    >
    > Anche le "e" copula, a quanto pare.

    E' un degno esponente della nuova cultura.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Genesi
    > La pirateria e agli sgoccioli a novembre
    > chiuderanno gli accessi a Megavideo, fileserve,
    > ecc. Niente piu' siti che riporteranno link.
    > Niente
    > usati.
    > Vi aspetto tutti in videoteca.
    capperi chiuderanno anche Mediaset, il corriere, libero, sole 24 ore ect....

    Tutti siti che pubblicato foto e video senza diritti?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Videoteca Genesi
    > La pirateria e agli sgoccioli a novembre
    > chiuderanno gli accessi a Megavideo, fileserve,
    > ecc. Niente piu' siti che riporteranno link.
    > Niente piu' Emule. Nel frattempo io sto
    > investendo per ampliare la mia videoteca; ho
    > messo pure il genere porno a tema. Dispenser di
    > bibite fresche e popcorn. Gadget. E una nutrita
    > rivendita di titoli
    > usati.
    > Vi aspetto tutti in videoteca.

    Invece di bibite e popcorn (con somma gioia dei baristi) metti in vendita della semplice erba di campo. Eh sì, perché diventeremo tutti delle capre, se in commercio ci saranno solo cinepanettoni, e dintorni, e le compilation di sanremo e di quegli artistetti usa e getta.
    La cultura che tema porno diventerà?, perché in questo modo sarà andata a puttane.
    non+autenticato
  • > La pirateria e agli sgoccioli a novembre
    > chiuderanno gli accessi a Megavideo, fileserve,
    > ecc. Niente piu' siti che riporteranno link.
    > Niente piu' Emule.

    E' l'ennesima volta che deve accadere ... e ogni volta dico, qual è il problema ? Il granaio è pieno !


    Nel frattempo io sto
    > investendo per ampliare la mia videoteca;

    I lavoratori cui ti sei rivolto non crederanno ai loro occhi ... si saranno consumati le mani a forza di fregarsele !


    ho
    > messo pure il genere porno a tema.

    Animali e donne in gravidanza compresi ?

    Dispenser di
    > bibite fresche e popcorn.

    Me li produco a casa, grazie !

    Gadget.

    AHIA !

    E una nutrita
    > rivendita di titoli
    > usati.

    Dovrai battere le bancarelle, che li vendono nuovi a tre euro !

    > Vi aspetto tutti in videoteca.

    Non la dovevi trasformare in friggitoria ?
  • oddio ma è un sito fantameraviglioso. ho già chiuso emule per navigarci dentro a banda piena, e ora mi ci iscrivo. spassosissimo grazie mille, tvb.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Il nostro amico bubble sembra disperato:
    >
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=

    ma i negozi di videotecari non li avevano gia' destinati a "compro oro" ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno qualsiasi
    > Il nostro amico bubble sembra disperato:
    >
    > http://www.videotecheforum.it/index.php?showtopic=

    Ma allora bubble ci legge!!!

    Approfitto per comunicargli che lo leggo sempre perchè i post in cui si presenta come espertone informatico e poi spara assurdità pseudotecnologiche mi fanno spanciare dalle risate.

    Lui ha molto meno da ridere, perchè quando chiuderà la videoteca (e la chiuderà è solo questione di poco tempo) non avrà nessuna conoscenza per riciclarsi nel mondo del lavoro (vero).
  • nessuno ha letto l'articoloA bocca aperta
    MeX
    16897
  • E allora? Funziona così da anni....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)