Mauro Vecchio

Sudafrica, BlackBerry sotto sorveglianza

Nuovamente nel mirino il sistema di messaggistica di RIM. Sarebbe stato usato per scopi criminosi. Il governo vuole monitorare e leggere i messaggi, citando gli esempi di Arabia Saudita e Regno Unito

Roma - È finito ancora una volta al centro del mirino, accusato di aver facilitato le più efferate strategie criminose in terra sudafricana. I canali offerti dal BlackBerry Messenger dovrebbero dunque essere monitorati con estrema attenzione dalla polizia locale, su specifico ordine delle autorità di Città del Capo.

Sono stati infatti gli stessi vertici del ministero delle Telecomunicazioni a lanciare l'allarme, sottolineando come il sistema di messaggistica di Research In Motion (RIM) metta a repentaglio la sicurezza nazionale. Permettendo ai criminali di organizzarsi più velocemente.

Il governo sudafricano aveva già introdotto una legge che obbliga tutti i cittadini a denunciare la propria SIM. Che viene dunque tracciata in caso di sospetta attività criminosa. Secondo i dati forniti dalle autorità, in Sud Africa verrebbero compiuti ogni giorno 46 delitti.
Gli alti rappresentanti del ministero delle Telecomunicazioni hanno dunque fatto sapere che intenderanno seguire gli esempi di Arabia Saudita e Regno Unito. Monitorando i sistemi cifrati del BlackBerry Messenger e dunque obbligando RIM a fornire le chiavi d'accesso per la lettura delle comunicazioni.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàArabia Saudita, controlli sul BlackBerryLe autorità del paese hanno annunciato l'intenzione di monitorare gli strumenti di messaggeria dello smartphone canadese. Servirebbe ai terroristi per comunicare segretamente. Intanto, RIM indagherà
  • AttualitàEmirati Arabi Uniti, BlackBerry a metàVerranno bloccate le principali funzionalità dei dispositivi RIM. L'invio di dati cifrati verso server esteri rappresenterebbe una minaccia alla sicurezza nazionale. E c'è chi parla di tentativo di censura
1 Commenti alla Notizia Sudafrica, BlackBerry sotto sorveglianza
Ordina
  • Premetto che ho vissuto circa 2 anni e mezzo a Johannesburg per cui parlo con cognizione di causa. I 64 omicidi giornalieri sono perpetrati dalla popolazione nera nei confronti sia dei bianchi sia degli stessi neri. Questi delinquenti comuni, gente che vive alla giornata senza arte nè parte, non si mette d'accordo certo con il blackberry per organizzare e compiere i loro atti delittuosi. Il monitoraggio delle comunicazioni dei dispositivi RIM (telefoni che vengono acquistati solo dalla popolazione benestante - il resto utilizza principalmente NOKIA da 20€) deve essere fatto per quel che riguarda le comunicazioni tra le possibili cellule terroristiche, completamente svincolate dall'ordinaria violenza che genera decine di morti violente al giorno. Il ministero delle telecomunicazioni farebbe bene a cambiare il target delle intercettazioni, ma dal governo attuale non si può pretendere molto, partendo dal presidente che governa il paese (quello che per intenderci ha detto che per evitare di prendere l'AIDS basta una doccia).