massimo mantellini

Contrappunti/ Miele, briciole e tesoretti

di M. Mantellini - Destinare il tesoretto derivato dall'asta delle frequenze allo sviluppo della rete? Briciole su cui si avventeranno uno sciame di attori. Col risultato di perpetuare la realtà attuale

Roma - Dopo essersi alienato, temo definitivamente, ogni fiducia residua da parte degli utenti della rete in relazione alle ben note vicende della Agcom giudice e gendarme del diritto d'autore in Italia, Corrado Calabrò ha scritto una lettera al Governo per dare voce - udite udite - agli interessi dello sviluppo di Internet in Italia. Il presidente della Agcom chiede che una quota consistente dei denari raccolti dall'asta per le frequenze LTE vada destinata al digital divide ed allo sviluppo tecnologico delle reti.

Come api sul miele un numero molto ampio di soggetti diversi sperano di attingere all'inatteso piccolo tesoretto che l'asta per il 4G ha estratto dalle tasche degli operatori telefonici. Fra i tanti meritano una menzione Carlo Malinconico, presidente della Federazione Editori Giornali che con lodevole tempismo ha dichiarato: "merita apprezzamento la segnalazione dell'Agcom nella parte in cui individua tra gli strumenti per aumentare la domanda per la banda larga, l'alfabetizzazione informatica e la promozione dell'accesso ai contenuti editoriali di qualità, con un bonus per l'abbonamento a quotidiani on line per gli studenti, affiancando così, per la prima volta, la valorizzazione dei contenuti, al potenziamento delle infrastrutture che ne consentono la diffusione".

Mentre riaccompagniamo Malinconico nel secolo scorso, dal quale simili idee provengono, merita una menzione anche la lettera che Gina Nieri di Mediaset ha spedito al Corriere della Sera a difesa del beauty contest sulle altre frequenze che lo Stato si appresta a regalare al duopolio televisivo Rai-Mediaset (+ La7 e Sky). La Nieri sostiene ovviamente che tali frequenze alle TV siano "dovute" e che vada osservato: "il ruolo di servizio universale della TV gratuita. È una garanzia per tutti i cittadini di una offerta di qualità nell'informazione e nell'intrattenimento, un bene di democrazia che val la pena difendere. I servizi che gli operatori telefonici offriranno sulle nuove frequenze saranno invece solo a pagamento".
In una sorta di ammirevole ribaltamento semantico Mediaset diventa così la TV gratuita (Mediaset in Italia nel 2010 ha dichiarato ricavi per 3.438,3 milioni di Euro), servizio universale (è strano, non mi risulta che abbia obblighi di copertura nei confronti dei cittadini della penisola) e bene di democrazia, mentre l'accesso alla rete offerto dalle Telco viene descritto come un vago, risibile e quasi deplorevole "servizio a pagamento".

Non dobbiamo meravigliarci troppo nel leggere fanfaluche simili, accade in ogni Paese, ciascuno tenta di portare acqua al proprio mulino: da noi forse il livello medio di forzatura dello scenario, la tendenza ad essere eccessivi e folcloristici può essere considerato un tratto psicologico aggiuntivo, ma tanto basta. È invece rilevante che tutto questo scrivere lettere, produrre iperboli e recitare proclami, accada dentro una sostanziale enorme bolla decisionale. Così, mentre è assai difficile credere che Agcom tuteli improvvisamente gli interessi dei cittadini, che la Federazione degli Editori studi sinergie fra diritto di accesso a Internet e contenuti giornalistici, se fa abbastanza sorridere il pauperismo di Mediaset nella sua inedita descrizione di gratuito strumento di democrazia, resta la sensazione di un enorme vuoto di governo. Quella prerogativa secondo la quale il miele è dei cittadini ed esiste una sorta di arnia regolatrice che stabilisce tempi e modi di accesso delle tante api insistenti.

Così accadrà che dal piccolo tesoretto generato dalle aste delle frequenze attingeranno un po' tutti, più alta sarà la cifra raccolta maggiore sarà il numero degli improbabili pretendenti, perché così vanno le cose in questo Paese, quando invece logica ed intelligenza avrebbero voluto che non solo i 300 milioni attualmente eccedenti dai 2,4 miliardi iniziali fossero destinati allo sviluppo tecnologico ma che l'intero ammontare dell'asta o comunque una quota molto consistente prendesse quella direzione. Che sarebbe poi l'unica traiettoria di un possibile riscatto nazionale da un ritardo tecnologico ogni giorno più pesante ed evidente. Manca qualcuno che comprenda nozioni semplicissime e altrove assai chiare: per esempio che le reti di comunicazione sono più importanti (molto più importanti) della tutela delle TV locali o anche del famigerato Ponte di Messina, che il digital divide culturale può essere affrontato solo con rilevanti investimenti che vadano dalla scuola, alla nuova informazione, alle scelte strategiche delle amministrazioni pubbliche e non regalando altri soldi a vecchi editori in crisi, che l'aumento di opzioni tecnologiche per le aziende e per i cittadini vale in prospettiva (lo so, non si può dire) infinitamente di più del palinsesto senile apparecchiato ogni sabato sera da Canale 5 o Rai 1 a colpi di Ballando con le Stelle e programmi di servizio pubblico analoghi.

Tutto questo non si può dire e soprattutto non si potrà fare per due evidenti ragioni: perché gli interessi del Primo Ministro di questo governo sono ovviamente imbevuti di questa arretratezza culturale ben retribuita ma anche perché, e questo vale certamente per l'amministrazione in carica ma anche per quelle che l'hanno preceduta, non è mai esistita nella classe politica di questo Paese alcuna vera cultura dell'innovazione. Se domani, per volere superiore, il governo del paese cambiasse, probabilmente ci troveremmo ad affrontare, come è accaduto in passato, i medesimi problemi e le medesime incomprensioni, solo con politici dai nomi e dagli schieramenti differenti.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • BusinessAsta frequenze, quota 3 miliardiLievita l'incasso complessivo nella gara per l'assegnazione delle frequenze dedicate alla rete radiomobile di nuova generazione. Telecom Italia e Vodafone in pole per due lotti ciascuno a 800MHz
  • AttualitàFrequenze TV, beauty contest al viaMentre infuriano i rialzi nell'asta per il radiomobile, anche il processo di assegnazione (gratuito) di nuove frequenze televisive procede. Nessuno straniero si fa avanti
9 Commenti alla Notizia Contrappunti/ Miele, briciole e tesoretti
Ordina
  • Che tristezza... purtroppo condivido pienamente la tua opinione Triste
  • [quote]...l'aumento di opzioni tecnologiche per le aziende e per i cittadini vale in prospettiva (lo so, non si può dire) infinitamente di più del palinsesto senile apparecchiato ogni sabato sera...[/quote]

    Faglielo entrare in testa ai milioni di vecchi rimbambiti (ovvero, più di mezza italia) attaccati alla TV, non vorranno sentire ragioni.

    Se ne accorgeranno (alcuni se ne stanno già accorgendo), quando dovranno mantenere a vita i figli con la pensione, o lo stipendio da settantenne, perché questi a causa dell'arretratezza culturale ed economica non trovano lavoro.

    QUESTO NON E' UN PAESE PER GIOVANI!
    non+autenticato
  • ... e sta diventando sempre meno un paese per vecchi.
  • ... in pratica non è un paese.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ZLoneW
    > ... e sta diventando sempre meno un paese per
    > vecchi.
    Il problema è che sta diventando un paese plutocratico, dove un esponente della maggioranza ritiene "iniqua" una tassa che colpisca i redditi più elevati perché "è più equo che tutti paghino la stessa somma".
    Magari bisognerebbe pretendere che un politico sappia che in base all'art. 53 della costituzione, “tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”, intesa come la capacità del cittadino di contribuire alla spesa pubblica per effetto dei mezzi economici a sua disposizione.
    Vecchi o giovani, non importa. Ricchi e non ricchi invece sì, infatti la crisi e le manovre di contenimento hanno schiacciato ogni velleità della classe media di essere collante. Altro che brioche, qua servono baguette: secche e indurite, da usarsi alla bisogna per mettere in chiaro ai politici il nostro punto di vista di elettori. Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: OldDog
    > ...la crisi e le manovre
    > di contenimento hanno schiacciato ogni velleità
    > della classe media di essere collante.

    La classe media (quello che ne rimane, ancora per poco) è vista solamente come mucca da mungere, ma ormai "il latte" è finito.

    Potranno anche mettere gli abbonamenti della pay-tv, (o qualsiasi altro prodotto) ad un decimo di quello che costa ora, senza la classe media che può spendere, nessuna azienda è destinata a durare.
    non+autenticato
  • Qualcuno mi illumini: le frequenze REGALATE da Mr. Berlusconi a Mediaset potranno essere utilizzate anche per il servizio Mediaset Premium, ovvero per un servizio a PAGAMENTO di proprietà di Mr. Berlusconi?
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome cognome
    > Qualcuno mi illumini: le frequenze REGALATE da
    > Mr. Berlusconi a Mediaset potranno essere
    > utilizzate anche per il servizio Mediaset
    > Premium, ovvero per un servizio a PAGAMENTO di
    > proprietà di Mr.
    > Berlusconi?
    Fermati un attimo... pensaci.... datti una risposta....
    Adesso che te la sei data (dato che è ovvia) ... rispondi, se credi a questa:
    Come ha fatto a diventare Presidente del consiglio e chi lo ha votato?
    N.B.
    Siccome anche questa risposta è ovvia puoi anche metterti a piangere...
    In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome cognome
    > Qualcuno mi illumini: le frequenze REGALATE da
    > Mr. Berlusconi a Mediaset potranno essere
    > utilizzate anche per il servizio Mediaset
    > Premium,
    Da tempo ci spiegano quanto sia un uomo generoso.

    > ovvero per un servizio a PAGAMENTO di
    > proprietà di Mr. Berlusconi?
    Il cuore del Liberalismo, no? Lui è LIBERO di farci quel cippirimerlo che gli pare! Che Popolo delle Libertà sarebbe? Occhiolino
    Non è colpa sua se gli italiani lo amano e lo riempiono di regali. Peccato che melassa e piume non usino dai tempi dei western... Sorride
    non+autenticato