Dinox PC

Intel e il nuovo Bridge chiamato Ivy

Una GPU integrata molto più potente ed una forte attenzione verso la riduzione dei consumi: possiamo riassumere così le novità della prossima architettura CPU che Intel introdurrà nel 2012

Roma - Si è da poco conclusa l'ultima edizione dell'Intel Developer Forum 2011 di San Francisco dalla quale sono emerse le novità che il più grosso chipmaker al mondo si appresta ad introdurre sul mercato, assieme a tutta una pletora di applicazioni sperimentali e tecnologie attualmente ancora nello stato embrionale. Fra gli argomenti di discussione, quelli legati ai prodotti che vedremo già fra qualche mese appaiono i più interessanti.

La prossima evoluzione dell'architettura delle CPU Intel, attesa entro la fine del primo trimestre o l'inizio del secondo trimestre 2012, si chiamerà Ivy Bridge e rappresenterà la migrazione dell'attuale architettura Sandy Bridge verso un processo produttivo più raffinato. Con Ivy Bridge Intel proporrà anche una serie di modifiche principalmente mirate a ridurre i consumi e migliorare le prestazioni della GPU integrata.

Ivy Bridge si colloca nella fase Tick della sequenza "Tick-Tock" che Intel sta seguendo ormai da 5 anni per cadenzare il rilascio delle sue CPU. La strategia sta dando i suoi frutti permettendo al produttore di limitare gli imprevisti e rispettare i tempi prestabiliti che prevedono il rilascio di un nuovo prodotto all'incirca ogni 12 mesi. Nella fase "Tock" Intel introduce una nuova architettura utilizzando un processo produttivo collaudato, nella fase "Tick" quella stessa architettura viene migrata verso un processo produttivo più evoluto.

Le fasi tick tock che hanno caratterizzato lo sviluppo delle CPU Intel

Con Ivy Bridge non sarebbe del tutto corretto parlare di "fase Tick" pura in quanto al nuovo processo produttivo, che tra l'altro costituisce già di per sé una novità nella novità, sono state aggiunte importanti modifiche all'architettura di base. Mooly Eden, vicepresidente di Intel, ha indicato questa fase come "Tick+".

Le novità non hanno influito sullo schema a blocchi dell'architettura: come Sandy Bridge anche Ivy Bridge prevede una forte integrazione fra core della CPU x86, componenti System Agent (controller delle memorie, DMI, interfaccia PCI Express e uscite video) e GPU. Le proporzioni sono invece cambiate: il produttore ha concesso decisamente più spazio al core grafico integrato segno del recepimento della sfida da parte di AMD che ha gettato il guanto delle APU Llano.


Mappa del die di Ivy Bridge


Mappa del die di Sandy Bridge

Il numero di transistor che Intel ha utilizzato nella realizzazione di una CPU Ivy Bridge quad-core è pari a 1,4 miliardi contro gli 1,16 miliardi di Sandy Bridge con un incremento di circa il 20 per cento. Appare evidente come la maggior parte di questi transistor sia stata impiegata proprio nel modulo GPU.
61 Commenti alla Notizia Intel e il nuovo Bridge chiamato Ivy
Ordina
  • Qui si cominciano a vedere le prestazioni: nulla di eccezionale ma consumi più contenuti. http://www.bitsandchips.it/9-hardware/376-core-i7-...
    non+autenticato
  • solo 3.1? mi sfugge qualcosa visto che le vecchie nvidia senza dx11, tesselation... facevano opengl 3.3.... mi sa che non sanno ancora scrivere driver opengl...
    non+autenticato
  • - Scritto da: mmmm
    > solo 3.1? mi sfugge qualcosa visto che le vecchie
    > nvidia senza dx11, tesselation... facevano opengl
    > 3.3.... mi sa che non sanno ancora scrivere
    > driver
    > opengl...

    Soprattutto visto che la versione 4.1 è uscita da ormai un anno ed AMD la supporta già dalla serie HD 5xxxFantasma
    non+autenticato
  • Doveva essere il socket di fascia alta con triple channel e tutto quanto, rispetto al più modesto 1156 subito abbandonato per il 1155.
    Ma intel dopo la prima serie I7 non ha fatto più nulla per questo socket.
    E' previsto qualcosa per il 1366 o uno equivalente di fascia alta?
  • trovi gia in giro le preview del nuovo LGA 2011 con 4 canali di memoria che va a sostituire quello che citavi tu
    non+autenticato
  • Prototipi, c'è n'è pure uno da Asus con Doppio Socket, ma tanto Intel prima del lancio cambierà una Cagata, e tale socket resterà inutilizzabile.
    Be&O
    1121
  • - Scritto da: W.O.P.R.
    > E' previsto qualcosa per il 1366 o uno
    > equivalente di fascia
    > alta?

    Si chiamano Sandy Bridge-E le nuove CPU per Socket LGA 2011 come dice coschizza. Il Socket 1366 ormai ha già dato (per questo socket trovi comunque processori a sei core con HT, Gulftown per la precisione)
  • L'EE dovrebbe avere 8Core con HT ma non si parla di Chip Grafico integrato.
    Be&O
    1121
  • Per il momento di Sandy Bridge-E sono previste tre versioni con un massimo di 6-core (Core i7-3960X: 3,3GHz, 6 core, 12 thread, 15MB L3, TDP 130W, Core i7-3930K: 3,2GHz, 6 core, 12 thread, 12MB L3, TDP 130W e Core i7-3820: 3,6GHz, 4 core, 8 thread, 10MB L3, TDP 130W)
  • Intendi LGA2011 Vero ?
    Per ora il mercato Entusiastico è stato praticamente Snobbato con conseguente "Fanculizzazione" di tutti quelli che credevano in un uscita almeno nei primi dell'anno prossimo, mentre se ne parlerà forse dopo Aprile 2011, per cui io aspetto ancora, il P4 a 3.6Ghz va più che bene, visto che il tratto videogiochi è stato assorbito dalle console.
    Be&O
    1121
  • Attenzione: tu parli di Ivy Bridge. Sandy Bridge-E sarà fra noi il 17 o 19 novembre. http://www.dinoxpc.com/News/news.asp?ID_News=21184...
  • Tanto popò di tecnologia per tenere al passo coi tempi un'architettura vecchia e puzzolente come la x86?

    Se tutte queste tecniche venissero applicate ad un risc puro, allora si avrebbe davvero qualcosa di nuovo unico dal fonte consumi e prestazioni.
    iRoby
    7782
  • ma senza compatibilita software e quindi inutilizzabile
    non+autenticato
  • come windows 8 ad esempio Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: iRoby
    > Tanto popò di tecnologia per tenere al passo coi
    > tempi un'architettura vecchia e puzzolente come
    > la
    > x86?
    >
    > Se tutte queste tecniche venissero applicate ad
    > un risc puro, allora si avrebbe davvero qualcosa
    > di nuovo unico dal fonte consumi e
    > prestazioni.

    Tutti questi ingegneri e fisici strapagati che non capiscono niente, dovresti esserci tu nella stanza dei bottoni. Diglielo che il risc è il futuro.
    non+autenticato
  • Risposta sarcastica quanto meno inutile.
    E' un dato di fatto che ci portiamo dietro inutili retrocompatibilità con macchine vecchie di eoni, una qualsiasi architettura più moderna sarebbe assai gradita e porterebbe ad un notevolissimo incremento prestazionale.
    Il software può essere riscritto, questa storia delle retrocompatibilità dei software è assolutamente ridicola!
    Mi sbaglio o gli informatici sono pagati per codare? Oppure sono pagati per riciclare roba fatta dai loro nonni?
    Che ricodino il software.
    non+autenticato
  • Be pure la natura è "retrocompatibile" ed ha limitazioni dovute all'architettura nata per evoluzione.... eppure è quella che ha vinto Occhiolino

    Non sempre il nuovo emerge, allora perchè non pompare quello che si ha
    anche i risc sono sempre la stessa pappa, abbiamo la quantistica e la fotonica.
    Be&O
    1121
  • purtroppo è così e nel campo dei sistemi operativi lo vediamo di continuo

    esistono os incredibili, eppure sono sempre i soliti 3 brocchi ( ci metto pure linux stavolta ) a fare notizia
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ekrem
    > Risposta sarcastica quanto meno inutile.
    > E' un dato di fatto che ci portiamo dietro
    > inutili retrocompatibilità con macchine vecchie

    E tu che ne sai? Che siano inutili, che causino problemi?

    > di eoni, una qualsiasi architettura più moderna
    > sarebbe assai gradita e porterebbe ad un

    Si e proprio il risc rappresentà la modernità: si è smesso di fare distinzione tra risc e cisc nel 1990 circa.

    > notevolissimo incremento
    > prestazionale.

    E ripeto: tu che ne sai? C'è qualche esempio di microprocessore che performa notevolissimevolmente grazie alla mancanza di retrocompatibilità?

    Sai, vero, che con una tecnica produttiva a 22 nm potrebbero ficcare un 486 dentro un qualsiasi moderno processore semplicemente ficcandolo al posto del logo sulla litografia e farlo andare a frequenze assurde? Secondo te c'è realmente un problema di retrocompatibilità?

    > Il software può essere riscritto, questa storia
    > delle retrocompatibilità dei software è
    > assolutamente
    > ridicola!

    E' ridicola si, visto che non c'è nemmeno bisogno di riscriverlo il software: basta ricompilarlo.

    > Mi sbaglio o gli informatici sono pagati per
    > codare? Oppure sono pagati per riciclare roba

    Una volta erano pagati per progettare, programmare. Codare, hmm.

    > Che ricodino il software.

    E' un bel pezzo che nessuno programma più software destinati a mercati home / office in linguaggio macchina.
    non+autenticato
  • Ma poi codare è l'utilizzo della coda ?
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: nome e cognome

    > E tu che ne sai? Che siano inutili, che causino
    > problemi?
    >

    la modalità x86 è inutile, eppure sta sempre lì, addirittura i pc partono ancora in modalità reale a 16 bit

    insomma, retrocompatibilità ok, ma qui si sfiora il ridicolo

    > Si e proprio il risc rappresentà la modernità: si
    > è smesso di fare distinzione tra risc e cisc nel
    > 1990
    > circa.
    >

    questo perchè i cisc sono risc + microcodice

    alla fine ha vinto risc, altrimenti intel avrebbe seguito la strada dei pentium, con cpu sempre può avide di corrente e sempre più bollenti


    > E ripeto: tu che ne sai? C'è qualche esempio di
    > microprocessore che performa
    > notevolissimevolmente grazie alla mancanza di
    > retrocompatibilità?
    >

    praticamente tutti, da sparc fino ad arm

    >
    > Sai, vero, che con una tecnica produttiva a 22 nm
    > potrebbero ficcare un 486 dentro un qualsiasi
    > moderno processore semplicemente ficcandolo al
    > posto del logo sulla litografia e farlo andare a
    > frequenze assurde? Secondo te c'è realmente un
    > problema di retrocompatibilità?
    >

    poi però consumerebbe 30-40 watt in piùA bocca aperta

    > E' un bel pezzo che nessuno programma più
    > software destinati a mercati home / office in
    > linguaggio
    > macchina.

    che c'entra il linguaggio macchina col mantenersi al passo dei tempi?

    tanto per capirci, un software .net dovrebbe girare al massimo delle potenzialità su qualche cpu supportata da .net

    quindi a che pro mantenere cose vecchie nella cpu? la mania di intel di far girare il dos su core i5 francamente non l'ho mai capita
    non+autenticato
  • puoi parlare di ingegneri e fisici strapagati quanto vuoi, ma il fatto che un'architettura risc, ad esempio arm, ha un rapporto performance/watt migliore degli x86, è sotto gli occhi di tutti
    non+autenticato
  • Temo che AMD si troverà in forti difficoltà, specie se risulteranno vere le promesse di Intel per quanto riguarda GPU integrata.
    Se verranno abilitate gestioni intelligenti di utilizzo della grafica integrata in alternativa o in associazione a quella discreta a seconda delle richieste dei programmi, assisteremo ad un crollo delle vendite di schede grafiche discrete di fascia bassa, quelle fino al centinaio di euro per intenderci.
    AMD sarà colpita due volte, la prima sul mercato dei processori, i suoi risultano ormai fuori mercato rispetto alle soluzioni intel, la seconda sul mercato delle schede grafiche.... speriamo tirino fuori nuovi processori più performanti, ma sono pessimista, una tecnologia come la trigate a 22 nanometri non si sviluppa in pochi mesi!
  • per quel che concerne la produzione di chip am
    d si affida a globalfoundries che ha già nella roadmap chip a 22 nm.in merito al discorso architettura ci sarà ancora molto da recuperare ma di certo amd punterà molto sulla grafica integrata con trinity
  • - Scritto da: Dinox PC
    > per quel che concerne la produzione di chip am
    > d si affida a globalfoundries che ha già nella
    > roadmap chip a 22 nm.in merito al discorso
    > architettura ci sarà ancora molto da recuperare
    > ma di certo amd punterà molto sulla grafica
    > integrata con
    > trinity


    senti Dinox sei sicuro che Intel ritardi cosi' l'uscita di CPU a 22Nm su Notebook?

    non dovevano arrivare già per la fine 2011 ed inizio 2012?

    ogni volta ritardano sempre ..come lumache ..

    sono lenti,lenti
    Fiber
    3605
  • Il timeframe scritto nell'articolo per le CPU Ivy Bridge arriva da fonti Intel. Al momento non è stata definita una data precisa che comunque potrebbe essere modificata man mano che ci si avvicina.
  • - Scritto da: Fiber
    > - Scritto da: Dinox PC
    > > per quel che concerne la produzione di chip
    > am
    > > d si affida a globalfoundries che ha già
    > nella
    > > roadmap chip a 22 nm.in merito al discorso
    > > architettura ci sarà ancora molto da
    > recuperare
    >
    > > ma di certo amd punterà molto sulla grafica
    > > integrata con
    > > trinity
    >
    >
    > senti Dinox sei sicuro che Intel ritardi cosi'
    > l'uscita di CPU a 22Nm su Notebook?
    >
    >
    > non dovevano arrivare già per la fine 2011 ed
    > inizio
    > 2012?
    >
    > ogni volta ritardano sempre ..come lumache ..
    >
    > sono lenti,lenti


    eh sì ci vorresti tu a progettare i nuovi chip a 22 nm...
    meglio lenti e affidabili che il contrario... Intel in passato ha già madato fuori prodotti bacati, hanno avuto problemi anche coi sandy bridge se ricordi
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    > eh sì ci vorresti tu a progettare i nuovi chip a
    > 22
    > nm...
    > meglio lenti e affidabili che il contrario...
    > Intel in passato ha già madato fuori prodotti
    > bacati, hanno avuto problemi anche coi sandy
    > bridge se
    > ricordi

    i chip Intel a 22Nm sono già progettati e belleche' pronti


    Intel dilaziona l'uscita di Ivy bridge solo in base a quante scorte di precedente generazione = l'attuale Sandy Bridge sono rimaste per evitare che gli rimangano sul groppone e non le venda

    = prima devono far fuori tutti i Sandy Bridge e poi e solo poi tireranno fuori sul mercato gli Ivy a 22Nm

    a te piace sempre prendere sberle Rotola dal ridere
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 settembre 2011 11.52
    -----------------------------------------------------------
    Fiber
    3605
  • - Scritto da: Fiber
    > - Scritto da: max
    > > eh sì ci vorresti tu a progettare i nuovi
    > chip
    > a
    > > 22
    > > nm...
    > > meglio lenti e affidabili che il contrario...
    > > Intel in passato ha già madato fuori prodotti
    > > bacati, hanno avuto problemi anche coi sandy
    > > bridge se
    > > ricordi
    >
    > i chip Intel a 22Nm sono già progettati e
    > belleche'
    > pronti
    >
    >
    > Intel dilaziona l'uscita di Ivy bridge solo in
    > base a quante scorte di precedente generazione =
    > l'attuale Sandy Bridge sono rimaste per evitare
    > che gli rimangano sul groppone e non le venda
    >
    >
    > = prima devono far fuori tutti i Sandy Bridge e
    > poi e solo poi tireranno fuori sul mercato gli
    > Ivy a
    > 22Nm

    puoi documentare la tua affermazione che gli Ivy bridge siano già pronti per una produzione industriale in volumi e abbiano passato tutti i collaudi a livello HW e che i driver siano già tutti pronti e verificati? se puoi farlo prego accomodati...

    >
    > a te piace sempre prendere sberle Rotola dal ridere

    sì certo... ricordo bene che hai scritto una spataffiata sul fatto che siccome giro in dvcpro100 secondo te dovrei usare ancora nastri e che per montare dovrei per forza utilizzare il codec apple prores...
    hai dimostrato grande conoscenza della materia, come sempre del resto
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    > puoi documentare la tua affermazione che gli Ivy
    > bridge siano già pronti per una produzione
    > industriale in volumi e abbiano passato tutti i
    > collaudi a livello HW e che i driver siano già
    > tutti pronti e verificati? se puoi farlo prego
    > accomodati...


    lo ha già fatto anche quando dilazionava l'uscita dei Nehalem... tutto documentato su Hwupgrade


    strategia di business ...quella cosa che tu per un qualche motivo non hai mai voluto apprendere A bocca aperta


    > sì certo... ricordo bene che hai scritto una
    > spataffiata sul fatto che siccome giro in
    > dvcpro100 secondo te dovrei usare ancora nastri e
    > che per montare dovrei per forza utilizzare il
    > codec apple
    > prores...
    > hai dimostrato grande conoscenza della materia,
    > come sempre del
    > resto


    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3272136&m=327...

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3272136&m=327...


    Rotola dal ridereTroll di tutti i colori
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 settembre 2011 13.22
    -----------------------------------------------------------
    Fiber
    3605
  • - Scritto da: Fiber
    > - Scritto da: max
    > > puoi documentare la tua affermazione che gli
    > Ivy
    > > bridge siano già pronti per una produzione
    > > industriale in volumi e abbiano passato
    > tutti
    > i
    > > collaudi a livello HW e che i driver siano
    > già
    > > tutti pronti e verificati? se puoi farlo
    > prego
    > > accomodati...
    >
    >
    > lo ha già fatto anche quando dilazionava l'uscita
    > dei Nehalem... tutto documentato su
    > Hwupgrade

    sì sì certo, tutto documentato...
    dai documenta se ce la fai...


    >
    >
    > strategia di business ...quella cosa che tu per
    > un qualche motivo non hai mai voluto apprendere
    >A bocca aperta
    >
    >
    > > sì certo... ricordo bene che hai scritto una
    > > spataffiata sul fatto che siccome giro in
    > > dvcpro100 secondo te dovrei usare ancora
    > nastri
    > e
    > > che per montare dovrei per forza utilizzare
    > il
    > > codec apple
    > > prores...
    > > hai dimostrato grande conoscenza della
    > materia,
    > > come sempre del
    > > resto
    >
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3272136&m=327
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3272136&m=327


    mi dispiace smentirti, ma si lavora tranquillamente in DVCPRO HD100 nativo con finalcut, non si fa nessuna ricodifica e non serve alcun acceleratore... forse queste cose servono con windozzzz.... chiunque scriva il contrario molto semplicemente non sa di cosa parla

    http://documentation.apple.com/en/finalcutpro/prof...

    per quanto riguarda l'utilizzo... a parte il fatto che avere una fonte bella "corposa" a livello di bitrate ti dà un segnale robusto su cui puoi lavorare bene in postproduzione senza rischiare di "bucare", ti assicuro che in proiezione su maxischermo, andando col formato nativo, dà delle belle soddisfazioni...
    ORA ci sono alternative interessanti e la mia prossima camera molto probabilmente non sarà P2, ma ti assicuro che quando ho iniziato a usare il workflow P2 qualche anno fa era assolutamente il top...
    comunque il succo non è se P2 sia o no buono, il succo è che tu non sapevi nemmeno che esistevano le P2...
    ecco perché ci hai messo tanto a rispondere, hai dovuto andare a documentarti... e l'hai fatto pure male.
    mi dispiace.
    non+autenticato
  • - Scritto da: max
    > sì sì certo, tutto documentato...
    > dai documenta se ce la fai...

    secondo la tua logica da 1 elementare Intel butterebbe fuori Ivy Bridge con anche una marea di pocessori Sandy Brige ancora invenduti cosi' gli rimarrebbero tutti sul groppone dato non li comprerebbe piu' nessuno cosi' come accadrebbe ai produttori di Notebook come Dell, Hp Sony, Asus etc etc etc che si ritroverebbero macchine obsolete sullo scaffale o in magazzino invendute dato tutti comprerebbeo solo quelle con nuova tecnologia Ivy Bridge Rotola dal ridere



    > mi dispiace smentirti, ma si lavora
    > tranquillamente in DVCPRO HD100 nativo con
    > finalcut, non si fa nessuna ricodifica e non
    > serve alcun acceleratore... forse queste cose
    > servono con windozzzz.... chiunque scriva il
    > contrario molto semplicemente non sa di cosa
    > parla
    >
    > http://documentation.apple.com/en/finalcutpro/prof



    peccato che chi usa Camcoder Panasonic DVCProHD per lo storage su card P2 usa il codec proprietario Panasonic AVC-Intra 4:2:2 10 bit su luminanza e crominanza ..non il codec DVProHd Rotola dal ridere



    > comunque il succo non è se P2 sia o no buono, il
    > succo è che tu non sapevi nemmeno che esistevano
    > le
    > P2...
    > ecco perché ci hai messo tanto a rispondere, hai
    > dovuto andare a documentarti... e l'hai fatto
    > pure
    > male.
    > mi dispiace.


    certo perche' le Panasonci DVCPro HD su storage P2 non le usa quasi nessuno peril troppo costo delle unità di storage P2 ..se non per la produzione di Film

    oramai usano quasi tutti le Panasonic AVCCAM Professional come ti ho gia' detto la settimana scorsa Rotola dal ridere
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 settembre 2011 13.56
    -----------------------------------------------------------
    Fiber
    3605
  • - Scritto da: Fiber
    > - Scritto da: max
    > > sì sì certo, tutto documentato...
    > > dai documenta se ce la fai...
    >
    > secondo la tua logica da 1 elementare Intel
    > butterebbe fuori Ivy Bridge con anche una marea
    > di pocessori Sandy Brige ancora invenduti cosi'
    > gli rimarrebbero tutti sul groppone dato non li
    > comprerebbe piu' nessuno cosi' come accadrebbe ai
    > produttori di Notebook come Dell, Hp Sony, Asus
    > etc etc etc che si ritroverebbero macchine
    > obsolete sullo scaffale o in magazzino invendute
    > dato tutti comprerebbeo solo quelle con nuova
    > tecnologia Ivy Bridge
    > Rotola dal ridere

    se guardi sul sito di Intel vedrai che sono ancora in vendita i processori "core" di prima generazione...
    abbassi i prezzi e li mantieni in commercio, i PC low cost van via come il pane.
    non è che devi aspettare di "finire le scorte", anzi dovrai continuare a produrli, te lo garantisco.


    > > mi dispiace smentirti, ma si lavora
    > > tranquillamente in DVCPRO HD100 nativo con
    > > finalcut, non si fa nessuna ricodifica e non
    > > serve alcun acceleratore... forse queste cose
    > > servono con windozzzz.... chiunque scriva il
    > > contrario molto semplicemente non sa di cosa
    > > parla
    > >
    > >
    > http://documentation.apple.com/en/finalcutpro/prof
    >
    >
    >
    > peccato che chi usa Camcoder Panasonic DVCProHD
    > per lo storage su card P2 usa il codec
    > proprietario Panasonic AVC-Intra
    >
    4:2:2 10 bit su luminanza e
    > crominanza ..non il codec DVProHd Rotola dal ridere

    ma chi è chi?
    c'è una marea di gente che usa il dvcpro100, fosse solo per un questione di parco macchine...
    è pieno di TV locali e di inviati freelance di TV nazionali che usano ancora il minidv...


    > > comunque il succo non è se P2 sia o no
    > buono,
    > il
    > > succo è che tu non sapevi nemmeno che
    > esistevano
    > > le
    > > P2...
    > > ecco perché ci hai messo tanto a rispondere,
    > hai
    > > dovuto andare a documentarti... e l'hai fatto
    > > pure
    > > male.
    > > mi dispiace.
    >
    >
    > certo perche' le Panasonci DVCPro HD su storage
    > P2 non le usa quasi nessuno peril troppo costo
    > delle unità di storage P2 ..se non per la
    > produzione di
    > Film

    ti assicuro che non è così... tant'è che sono a tutt0oggi in produzione una camera come questa

    http://www.panasonic-broadcast.eu/it/prodotti/P2HD...

    e come questa

    http://www.panasonic-broadcast.eu/it/prodotti/P2HD...

    che non supportano l'AVCINTRA...


    >
    > oramai usano quasi tutti le Panasonic AVCCAM
    > Professional come ti ho gia' detto la settimana
    > scorsa
    > Rotola dal ridere

    ma no dai, non dire così.... l'AVCHD è un formato decisamente inferiore al DVCPROHD... se mi parli di AVCintra è un altro discorso, ma l'AVCHD è un codec prosumer
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)