Claudio Tamburrino

FBI, arresti anti-LulzSec

Un altro membro della crew sembra essere finito nelle mani della giustizia. E altri mandati sono stati emanati negli Stati Uniti. Mentre si avvicina il "giorno della vendetta" di Anonymous

Roma - L'FBI ha annunciato di aver arrestato un membro della crew LulzSec, responsabile di alcuni degli attacchi a Sony: si chiama Cody Kretsinger, online si sarebbe fatto conoscere come "Recursion", ed è un 23enne di Phoenix, Arizona. L'accusa è di accesso non autorizzato ad un computer protetto e occultamento di prove. Rischia fino a 15 anni di prigione.

Kretsinger, secondo l'FBI, avrebbe utilizzato attacchi SQL per ottenere informazioni confidenziali dal sistema informatico di Sony. Inoltre avrebbe cancellato dal suo computer le prove dell'accaduto.

Secondo alcune fonti, un secondo arresto collegato agli attacchi informatici a Sony sarebbe stato effettuato dall'FBI a San Francisco: si tratterebbe di Christopher Doyon, accusato di aver preso parte all'attacco DDoS ai server Sony. Altri mandati dell'FBI sarebbero poi stati spiccati in New Jersey, Minnesota e Montana.
Insomma, l'FBI sembra che si stia preparando a resistere al giorno della vendetta annunciato da Anonymous per il 23 settembre.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàAnonymous, mezzogiorno di vendettaIl collettivo tornerÓ a colpire il prossimo 24 settembre, quando nuove persone mascherate scenderanno per le strade in maniera pacifica. Meno amichevoli i prossimi attacchi contro istituzioni bancarie e la polizia di New York
  • AttualitàSony, attacchi senza pauseViolato un altro sito del circuito: stavolta Ŕ il turno di Brazilian Music site. Dietro ci sono sempre quelli di LulzSec?
2 Commenti alla Notizia FBI, arresti anti-LulzSec
Ordina