Alfonso Maruccia

Airshark, per un WiFi ammazza-interferenze

Un firmware in grado di migliorare grandemente l'efficienza del segnale in radio frequenza. Analizza lo spettro e fa piazza pulita degli ospiti indesiderati

Roma - Airshark è un nuovo firmware per access point WiFi dotato della capacità di individuare autonomamente i segnali di interferenza presenti in zona, e di correggere la trasmissione del segnale radio per "evitare" che le interferenze disturbino lo scambio di dati fra terminale di accesso e hotspot sulla rete wireless.

Ideato dai ricercatori dell'università del Wisconsin, Airshark sfrutta le API di programmazione disponibili per le schede wireless usate negli access point WiFi per interfacciarsi all'hardware, ed è programmato per riconoscere una serie di "pattern" di segnali radio corrispondenti a diversi elettrodomestici operanti nello stesso range in radiofrequenza dello standard WiFi.

Una volta scovata un'interferenza, un firmware programmato con Airshark dovrebbe essere in grado di "eliminare" il segnale di disturbo con il 90 per cento di accuratezza - anche qualora dovesse avere a che fare con fonti di interferenza multiple.
Nello studio i ricercatori stimano che i falsi positivi registrati in ambienti con quattro o più dispositivi operanti in radiofrequenza siano nell'ordine dello 0,39 per cento. Con l'installazione del firmware Airshark, dicono gli scienziati, le performance di una qualsiasi scheda di accesso WiFi sono "comparabili a un analizzatore di segnale commerciale".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaWiFi subcosciente, batteria contentaUna nuova tecnologia si propone di massimizzare il risparmio energetico dei dispositivi mobile mettendo "a nanna" la circuiteria Wi-Fi quando non č necessaria, in attesa dell'arrivo di pacchetti di dati
4 Commenti alla Notizia Airshark, per un WiFi ammazza-interferenze
Ordina