Mauro Vecchio

USA, senatori contro i superbiscotti

Edward Markey e Joe Burton scrivono al presidente di FTC. Chiedendo l'avvio di un'indagine sui supercookie: silenziosi inquilini degli PC degli utenti, impossibili da eliminare

Roma - Un'accorata missiva all'attenzione di Jon Leibowitz, attuale chairman della Federal Trade Commission (FTC) statunitense. A firmarla, i due attivissimi senatori repubblicani Edward Markey e Joe Burton, co-presidenti del Bi-Partisan Privacy Caucus al Congresso a stelle e strisce.

A preoccupare i due congressmen è un recente articolo pubblicato tra le pagine online del Wall Street Journal: giganti del web del calibro di MSN e Hulu farebbero infatti uso smodato dei cosiddetti supercookie, installati sui computer degli utenti senza esplicita autorizzazione.

I vertici di FTC dovrebbero così avviare un'indagine su certe pratiche di business online, dal momento che i supercookie sono decisamente più difficili da mandare giù, causando gravi problemi di digestione alla tutela della privacy dei netizen. "Siamo molto preoccupati per l'estensione di questa pratica da parte di svariati siti web, così come per gli effetti che i supercookie scatenano tra i consumatori".
La commissione statunitense dovrebbe perciò indagare su tali attività di tracciamento degli utenti, tutelando i consumatori da pratiche di business ingannevoli. Come spiegato dagli stessi senatori a stelle e strisce, i supercookie differiscono dai tradizionali biscottini, dal momento che vengono installati in maniera silente e non possono essere eliminati. Consentendo a chi li ha cucinati di ricostruire profili di navigazione anche dopo la distruzione dei normali cookie.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Diritto & InternetFlash cookie, tracciamento senza dannoUn giudice statunitense fa a pezzi le accuse di un netizen contro aziende che tracciano le abitudini di navigazione in maniera persistente e illegale. Se non c'è danno non c'è crimine
  • AttualitàIl netizen è unico e distinguibileSconcertanti i risultati conclusivi dello studio di EFF sulla tracciabilità dei software di navigazione. Nella stragrande maggioranza dei casi ogni utente ha una sua impronta digitale unica che lo identifica a ogni URL visitato
  • AttualitàFTC: meno tracciamento per i minoriAnnunciata una significativa modifica delle attuali regole per la protezione della privacy dei ragazzi statunitensi. Dati geolocalizzati, ID unici e cookie verranno inseriti nella lista delle informazioni personali
11 Commenti alla Notizia USA, senatori contro i superbiscotti
Ordina
  • ...e' da qualche anno che le macchine virtuali stanno diventando sempre più semplici da usare.
    Dal rozzo "creo una macchina virtuale ogni volta che mi serve a partire sempre dallo stesso file" a cose più raffinate come uno snapshot della medesima VM per ogni applicativo da lanciare, così da far credere all'applicativo in questione (ad esempio IE) che il sistema operativo è "nuovo di pacca".
    Questo è uno dei pochi metodi che non lascia scampo alle informazioni di tracciamento perché ad ogni avvio del browser carica le informazioni della virtual machine "pulita".
    Naturalmente funziona se e soltanto se il sistema operativo host gira in locale. Con i sistemi cloud è assolutamente inutile.

    GT
  • Ma ce l'avete una vaga idea di come funziona la cosa prima di sparare certe c......?

    I supercookies non esistono e non si installano in alcun pc e non è necessaria nessuna autorizzazione dell'utente!

    Sono dei semplici javascript che con un trucchetto (il colore dei link) al quale è esposto credo solo IE verificano se l'utente ha visitato in precedenza determinate url senza cancellare la cronologia.

    "determinate url" significa che non è affatto possibile tracciare tutta l'attività dell'utente ma eventualmente solo se ha visitato delle pagine precise (compresa la querystring).

    Non sono eliminabili perchè non esistono, non installano nulla. Basta avere l'accortezza di cancellare regolarmente la cronologia (o settare il browser per non tenerla) e il problema è risolto.

    Non c'è nulla di nuovo, è da anni che sono usati e se ne accorgono solo ora?
    non+autenticato
  • Non avrei saputo dire meglio; è questo genere di allarmismi che crea le leggende metropolitane e le lagne complottistiche; magari qualuno pensava che erano biscotti da 5 kg l'uno o biscotti mannari rotlf...
  • - Scritto da: mikronimo
    > Non avrei saputo dire meglio; è questo genere di
    > allarmismi che crea le leggende metropolitane e
    > le lagne complottistiche; magari qualuno pensava
    > che erano biscotti da 5 kg l'uno o biscotti
    > mannari
    > rotlf...

    Buoooni i biscottoni... yum...A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    non+autenticato
  • Non hai capito un razzo di cosa sono questi cookies, ed hai scritto una marea di favolate epocali.....

    Informati meglio va... Se ne ė già parlato qui su pi varie volte ed in rete ci sono tnnellate di informazioni al riguardo.



    - Scritto da: Ciccio
    > Ma ce l'avete una vaga idea di come funziona la
    > cosa prima di sparare certe
    > c......?
    >
    > I supercookies non esistono e non si installano
    > in alcun pc e non è necessaria nessuna
    > autorizzazione
    > dell'utente!
    >
    > Sono dei semplici javascript che con un
    > trucchetto (il colore dei link) al quale è
    > esposto credo solo IE verificano se l'utente ha
    > visitato in precedenza determinate url senza
    > cancellare la
    > cronologia.
    >
    > "determinate url" significa che non è affatto
    > possibile tracciare tutta l'attività dell'utente
    > ma eventualmente solo se ha visitato delle pagine
    > precise (compresa la
    > querystring).
    >
    > Non sono eliminabili perchè non esistono, non
    > installano nulla. Basta avere l'accortezza di
    > cancellare regolarmente la cronologia (o settare
    > il browser per non tenerla) e il problema è
    > risolto.
    >
    > Non c'è nulla di nuovo, è da anni che sono usati
    > e se ne accorgono solo
    > ora?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Urrrr
    > Non hai capito un razzo di cosa sono questi
    > cookies, ed hai scritto una marea di favolate
    > epocali.....
    >
    > Informati meglio va... Se ne ė già parlato
    > qui su pi varie volte ed in rete ci sono
    > tnnellate di informazioni al
    > riguardo.

    Infatti.

    Il bello è che poi hanno censurato l'unico messaggio che linkava alle informazioni corrette, e lasciano il messaggio di quello sopra che ha scritto delle boiate semplicemente EPOCALI. Senza parole.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Robot Pulitore
    > - Scritto da: Urrrr
    > > Non hai capito un razzo di cosa sono questi
    > > cookies, ed hai scritto una marea di favolate
    > > epocali.....
    > >
    > > Informati meglio va... Se ne ė già
    > parlato
    > > qui su pi varie volte ed in rete ci sono
    > > tnnellate di informazioni al
    > > riguardo.
    >
    > Infatti.
    >
    > Il bello è che poi hanno censurato l'unico
    > messaggio che linkava alle informazioni corrette,
    > e lasciano il messaggio di quello sopra che ha
    > scritto delle boiate semplicemente EPOCALI. Senza
    > parole.

    Per la cronaca, un po' di informazioni di base sono qui.

    http://totaldefense.com/securityblog/2011/08/26/Ho...
    non+autenticato
  • Ti spiego qual'è il problema e come mai sono stati censurati dei post; io mi sono aggreagato al post iniziale, perché anche io la sapevo come lui; voi dite che è sbagliato e fornite dei link; perfetto, ho imparato qualcosa anche oggi; il problema è che voi, non tu in particolare, ma altri che ora non compaiono, approfittandosi della loro ragione, perché "sanno" e dato che non fanno altro tutto il giorno che leggere le notizie su p.i. (mentre c'è chi lavora o fa anche altro, avendo una vita e butta giusto un occhio per curiosità), aggrediscono e offendono pesantemente, approfittandosi della distanza offerta dal mezzo con cui comunicano; vuoi un esempio di come si dicono le cose, anche quando si ha ragione? Leggi qui sotto:

    "No ragazzi, guardate che vi sbagliate; ho letto qualche tempo fa, sempre su p.i. che invece le cose stanno così e cosà; vi posso fornire questo link, www.xyz.123, in cui si spiega approfonditamente la cosa."

    Ho usato grosso modo lo stesso numero di parole, senza offendere, senza dire cose fuori luogo e rimanendo in tema. Il mondo della conoscenza è sterminato e sapere una cosa in più di qualcun'altro non ci rende esseri superiori in nulla, ne ci da il diritto di saltare (pur verbalmente) alla gola di qualcun'altro, quando sicuramente non sappiamo nulla di tutto il resto. Mi dispiace che vengano cancellati i post di risposta a certe persone, perché dovrebbe essere possibile lasciare traccia di come meritano di essere trattati certi personaggi. Ma la Redazione ritiene di dover cassare certe cose (non del tutto a torto) quindi, pazienza; spero solo che sia arrivato in tempo il messaggio.
  • Concordo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Robot Pulitore
    > - Scritto da: Robot Pulitore
    > > - Scritto da: Urrrr
    > > > Non hai capito un razzo di cosa sono
    > questi
    > > > cookies, ed hai scritto una marea di
    > favolate
    > > > epocali.....
    > > >
    > > > Informati meglio va... Se ne ė già
    > > parlato
    > > > qui su pi varie volte ed in rete ci sono
    > > > tnnellate di informazioni al
    > > > riguardo.
    > >
    > > Infatti.
    > >
    > > Il bello è che poi hanno censurato l'unico
    > > messaggio che linkava alle informazioni
    > corrette,
    > > e lasciano il messaggio di quello sopra che
    > ha
    > > scritto delle boiate semplicemente EPOCALI.
    > Senza
    > > parole.
    >
    > Per la cronaca, un po' di informazioni di base
    > sono
    > qui.
    >
    > http://totaldefense.com/securityblog/2011/08/26/Ho

    Oppure usare Betterprivacy
    Funz
    13021
  • - Scritto da: Ciccio
    > Ma ce l'avete una vaga idea di come funziona la
    > cosa prima di sparare certe
    > c......?

    Noi si. Tu chiaramente no, visto che hai scritto una caterva di roba assurda che non c'entra assolutamente niente con l'argomento.
    non+autenticato