Roberto Pulito

Adapteva, 64 core per lo smartphone

Propone di far lavorare un coprocessore da server in ambito mobile: per alleggerire la CPU dai compiti più complessi

Roma - La startup Adapteva continua a lavorare per aggiungere cavalli al motore di smartphone e tablet. Nei laboratori della piccola azienda del Massachusetts sta ora prendendo forma Epiphany IV, un coprocessore mobile a 64 core dedicato ai system-on-a-chip di domani.

L'idea è quella di utilizzare il nuovo Epiphany soltanto per funzioni multimediali che richiedano giganteschi calcoli matematici ed esagerate analisi di dati: applicazioni come il riconoscimento vocale e facciale. Tutti questi core "specializzati" verranno quindi messi a sostegno della CPU tradizionale e non potranno essere utilizzati in ambito general purpose.

Stando ai dati forniti, la quarta versione di Epiphany è in grado di masticare circa 70 gigaFLOPS. Una cifra piuttosto impressionante per il settore mobile, se si considera che l'attuale dual core A5 montato nell'iPad può gestirne 1,5, e che il coprocessore utilizza soltanto un watt per lavorare.
L'ambizioso chip Adapteva, realizzato con processo produttivo a 28 nanometri, dovrebbe arrivare al traguardo nei primi mesi del prossimo anno. Ma il lavoro della società si focalizza sulla progettazione di un prototipo che altri possono acquisire su licenza e introdurre sul mercato. I clienti che desiderano tastare con mano la tecnologia in questione possono intanto provare i sample dell'attuale Epiphany III, piattaforma con 16 core.

Roberto Pulito
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia Adapteva, 64 core per lo smartphone
Ordina
  • rispondo, almeno in parte, ai commenti precedenti.

    suppongo che ora l'obiettivo sia consolidare la tecnologia; con il tempo verranno le ottimizzazioni e la riduzione dei consumi.

    70 GFlops su 64 core = ~1GFlop/core, che è quello che già oggi è disponibile.

    l'assorbimento di 1W si ha con tutti i 64 core attivi; suppongo che quelli non necessari all'elaborazione vengano 'mandati a dormire'.

    Per quanto riguarda l'i7 (ed i normali processori) occorre tenere conto che sono processori general purpose, mentre l'Epiphany IV è un processore scalare, e quindi destinato a fare solo poche cose, molto specifiche, in parallelo; la ridotta complessità sulla logica riduce anche i consumi e rende più facile ottenere prestazioni superiori.
  • Si, ma quando si progetta una scheda devi garantire l'alimentazione nel worst case, altrimenti durante l'utilizzoo il dispositivo si resetta.
    non+autenticato
  • a meno che non si faccia la scelta di tenere spenti un certo numero di core, ma a questo punto spendo per 64 per utilizzarne molti meno? Cerco di spendere meno con un numero inferiore di core.
    non+autenticato
  • Sulle grandi produzioni si risparmia anche non montando i restistori da 0 Ohm.
    non+autenticato
  • i core li accendi quando ti servono.
    Quando il telefono è in tasca e non stai ricevendo chiamate, certamente non ti serve la potenza di calcolo per il rendering 3D che ti occorre per i giochini, né la potenza dei DSP necessaria per il riconoscimento vocale.

    D'altra parte quando vuoi queste funzionalità, o ci metti sotto i Gips e Gflop, o ti accontenti di quello che hai oggi.
  • si infatti
    ma non mi pare un progetto da dedicare ai sistemi mobile,
    mi sembra una buona alternativa a Tilera,
    ricordando vagamente il cell di IBM
  • Che cos'é un acceleratore grafico con un nome diverso ?
    Ora che con fusion e seguaci si sta cercando si buttarlo fuori dal desktop ha senso metterlo in un cellulare ?
    non+autenticato
  • quelli indicati preferisco il telefono fisso. Che senso ha avere un cellulare se devo sempre avere affianco una presa di corrente? A bocca aperta
    Un telefono deve avere un'autonomia di almeno una settimana con un ora complessiva telefonate.
    Se lo smartphone non è un telefono, non è lontamente un computer a partire dallo schermo ... quindi meglio un computer attaccato alla rete elettrica.
    Nè carne nè pesce?
    Adapteva parla di smartphone solo per attirare l'attenzione? ... non ci fa una bella figura ...
    non+autenticato
  • beh mi sembra incredibile
    se i gigaflop dichiarati sono veramente ottenibili e non solo teorici, è un mostro;
    1watt= 70GF, quando un i7 980x fà con 130w (che è il tdp non il consumo max)= 109GF in doppia precisione che è la potenza di solito dichiarata maggiormente
  • Infatti se mantengono quello che promettono e piu interessante montato sui server che sugli smartphone questo aggeggio.
    non+autenticato
  • Un watt può sembrare poco, ma su un cellulare con batteria da 1500 mAh ce ne sono 5.5 disponibili (1.5Ah*3.7V).

    Considerando, per esempio, un Galaxy S2 che dura circa 5-6 ore con tutto attivo (schermo, CPU, GPU, reti varie, ecc.), si scopre che consuma quindi esattamente 1 Wh.

    Aggiungendo un coprocessore che consuma un altro Wh si dimezza la durata della batteria, a 2-3 ore quindi.

    In pratica questo cosino consuma come tutto il resto del telefono messo assieme.Sorride

    Magari può essere utile per i nuovi tablet o netbook, se vengono pensati con batterie da almeno 4-5000 mAh, ma che di conseguenza saranno anche molto più pesanti.

    Bye.
    Shu
    1232
  • I netbook hanno un autonomia di 2/2.5 ore (Asus eeepc 1000h) quando le batterie diventano vecchie dopo 3 anni (con la capacità di carica massima ridotta al 50%) ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: prova123

    > I netbook hanno un autonomia di 2/2.5 ore (Asus
    > eeepc 1000h) quando le batterie diventano vecchie
    > dopo 3 anni (con la capacità di carica massima
    > ridotta al 50%)
    > ...

    Tutte le batterie perdono prestazioni con l'uso.

    Io ho un Eee1000he da un paio d'anni abbondanti, e la batteria dura ancora 7-8 ore, come da nuovo. E` anche vero che non lo uso quotidianamente.

    Ma ha una batteria da 7 Ah.

    Mettendo una MoBo del GalaxyTab nel case dell'Eee, con quella batteria, potrebbe durare 2-3 giorni sempre attivo.A bocca aperta

    Bye.
    Shu
    1232
  • E sti conti da dove li hai presi
    W=V*A
    V*Ah e una misura di energia non di potenza. Vai a fare i compiti che hai tanto bisogno di recuperare.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)