Mauro Vecchio

Facebook, il bug del tracciamento

Scoperto un nuovo cookie affibbiato persino ad utenti mai iscritti al sito in blu. Un portavoce del social network parla di una vulnerabilitÓ che avrebbe colpito applicazioni terze. Il problema sarebbe ora risolto

Roma - A scoprirlo era stato ancora una volta il blogger australiano Nik Cubrilovic: un nuovo cookie tracciante, distribuito da Facebook a ignari cittadini della Rete. Un pericoloso biscottino permanente, attivato attraverso i pulsanti mi piace e svariate applicazioni social presenti sul sito in blu.

Anche in questo caso, il cookie di Facebook verrebbe impiantato sui dispositivi di utenti non loggati alla piattaforma di Mark Zuckerberg. Addirittura sui computer di persone che mai nella vita hanno avuto a che fare con il social network.

Ad intervenire sulla spinosa questione è stato un portavoce dello stesso sito in blu, a confermare l'esistenza di un bug legato al cookie tracciante. La specifica vulnerabilità avrebbe colpito solo alcuni siti terzi, ovviamente collegati ai vari plugin social presenti su Facebook.
Secondo lo stesso portavoce, i tecnici del sito avrebbero già risolto il problema. Facebook è attualmente sotto assedio - in terra statunitense così come in Europa - con l'accusa di aver violato la privacy di milioni di iscritti.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàFacebook, class action per i biscottini tracciantiAvviata una causa legale presso una corte di San JosÚ. Il gigante social Ŕ stato accusato di frode informatica e violazione delle leggi federali sulle intercettazioni. Nel mirino sono finiti ancora i cookie resistenti al logout
  • AttualitàFacebook, imputato per violazione di privacyIl social network finisce ancora sulla graticola con l'intervento delle autoritÓ di controllo europee e statunitensi. Facebook dovrÓ rispondere alle accuse in materia di privacy, gestione dei dati degli utenti e cookie traccianti
4 Commenti alla Notizia Facebook, il bug del tracciamento
Ordina