Claudio Tamburrino

Vasco: Nonciclopedia, ridere di te?

Altro che bandiera bianca, il cantante continua ad attaccare e sembra tramontata l'ipotesi di una denuncia ritirata. L'alterco finirà in tribunale?

Roma - Nonostante il ritorno online di Nonciclopedia con l'assicurazione di aver trovato un accordo con Vasco Rossi, avendo ricevuto la promessa da parte della portavoce del cantante Tania Sachs del ritiro della denuncia, la situazione sembra tutt'altro che risolta: il Blasco e l'enciclopedia satirica continuano a lanciarsi invettive.

Un cambiamento sembra in realtà esserci stato: mentre all'inizio sembrava quasi un'azione più o meno opinabile condotta indipendentemente dal team di portavoce del cantante, ora sembra che Vasco Rossi abbia decisamente preso in mano la vicenda, rispondendo alle veementi accuse circolate nei suoi confronti sui social network e spulciandosi Nonciclopedia alla ricerca delle pagine più "offensive".

Tutto è riniziato ieri con un intervento del cantante sulla sua pagina Facebook: "Scrivere in forma anonima sul muro di un cesso o su un sito internet può essere una attività divertente ma NON si tratta di libertà di espressione o di parola".
Poi si è rivolto direttamente agli autori di Nonciclopedia: "Cari i miei brufolosi e ignoranti ragazzini - ha scritto citando il commento degli amministratori del sito alla vicenda in occasione della chiusura per protesta - fatevene una ragione. Non è della mia reputazione o della mia immagine che si tratta. Sapete quanto me ne frega? Se avete passato il limite della diffamazione ne dovrete rispondere ai miei avvocati e in sede legale. È inutile che vi arrampichiate sugli specchi. Dovete prendervi la responsabilità di quello che avete fatto". Nel caso, cioè, "verranno accertati gli estremi della diffamazione, i danni che vi chiederò di pagare, saranno devoluti in beneficenza e non saranno pochi".

Non sembra andargli proprio giù al Blasco: "Andatevela a vedere, prima di parlare, questa Nonciclopedia! E piantatela di fare commenti superficiali senza conoscere direttamente quello di cui parlate!". E ancora: "Nonciclopedia è una idea stupida volgare vergognosa ignorante e ipocrita!".

Nelle ultime ore, quindi, il cantante ha citato due articoli che ritiene sintomatici dei difetti dell'enciclopedia demenziale: cita le pagine dedicate a due argomenti ostici come Anna Frank e la morte di Piero Taricone.

Nonciclopedia ha risposto colpo su colpo: la pagina sull'attore ex grande fratello italiano già si apriva con un banner intitolato "rosicone!!!" in cui si legge: "Che c'è, non ti piace quello che è scritto qui?! Se ti senti ferito nell'orgoglio puoi benissimo andare a piagnucolare dalla mamma oppure gentilmente qui. Qui facciamo dell'ironia su tutto, e se non ti va bene sorridi: presto riceverai un calcio rotante sui denti."

Sulla pagina dedicata ad Anna Frank trova invece ora spazio una risposta più strutturata alle nuove accuse del cantante: in particolare si sottolinea come si tratti di un lavoro volontario e modificabile da chiunque, e che nel caso in cui si ritengano determinate battute offensive è sempre possibile notificarle ai moderatori per permettergli di fare il loro lavoro di revisione.

Claudio Tamburrino

Notizie collegate
269 Commenti alla Notizia Vasco: Nonciclopedia, ridere di te?
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 41 discussioni)